Erotici Racconti

pulp Erotismo e sangue, contenuti forti di efferatezze e situazioni eccitanti

Le ultime storie per adulti del genere pulp

Il genere Pulp raccoglie quei racconti erotici che propongono vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre. Storie di erotismo e sangue. Storie per adulti che contemplano sofferenze fisiche, mutilazioni e/o addirittura morte. Il connubio sesso e morte sfocia spesso nel mistero, in questa categoria invece troverete racconti erotici espliciti, che lasciano decisamente meno spazio all’immaginazione.

2 5 1 racconti erotici del genere pulp e sono stati letti 1 5 0 2 9 9 7 volte.

Mio padre, il mostro
- - - - - per ricordarci di cosa è veramente l'incesto... - - - - - Stavo lentamente riprendendo coscienza di me. Ormai sapevo cosa mi stava accadendo. Prima, lentamente ritorna l'udito, e sentivo il suono rauco di un uomo che sta facendo un qualche tipo di sforzo. Poi il senso del tatto, e mi sentivo schiacciare da un corpo pesante che mi...
scritto il 2018-08-12 | da mimma_goose
Compromesso familiare.
Compromesso familiare. Non che la mia famiglia l'avessi reputata normale fino a quel momento, macché! Anzi...! Aveva sempre affrontato la vita in un modo alquanto originale, anticonvenzionale, controcorrente e nulla mi stupiva più! I miei genitori, Lara... poco più che quarantenne e Luis di poco più vecchio di lei erano piuttosto di...
scritto il 2018-08-07 | da Tibet
Alice (parte 4)
La stanza fu invasa dal rumore dei passi. Avvertii che la porta veniva richiusa mentre, da sotto la stoffa del cappuccio, percepivo distintamente la luce delle torce. Venni sollevata e fatta stendere prona sul lettino. Sentii un laccio stringermi un braccio e quindi la punta dell'ago precedere l'iniezione del liquido nella vene. Sebbene non...
scritto il 2018-08-06 | da Dick1990
Alice (parte 3)
La bestia rimase sdraiata sulla mia schiena per un tempo che mi sembrò infinito mentre l'uomo, dopo aver estratto il suo organo dalla mia bocca, lo tenne davanti alla mia faccia affinché lo ripulissi. Il peso dell'animale e i graffi che doveva avermi provocato con le unghie mi torturavano. Con lenti movimenti della lingua tolsi dalla cappella...
scritto il 2018-08-05 | da Dick1990
Routine.
(Piccola nota, per dovere di cronaca. Non sapevo in che categoria inserirlo, così ho optato per questa, dato che credo sia quella che più s'avvicina. Chiedo scusa, inoltre, se la componente erotica potrebbe sembrare messa in secondo piano. Abbiate pazienza) Una mattina come tante, o così sarebbe dovuta essere, per lei e per altre sette...
scritto il 2018-08-04 | da Sybelle.
La strega
Anno del Signore 1350. Una città dell'Ile de France. Erano tempi bui. Tempo di carestie. Di tremende pestilenze che si succedevano una all’altra, intere famiglie scomparivano nel giro di pochi giorni, i villaggi si spopolavano… Ernaud e Margaretha erano gemelli e restarono soli, unici scampati della loro pur numerosa famiglia. Furono...
scritto il 2018-08-02 | da Tibet
Valentina, vittima perfetta
Valentina è la mia dolce fidanzata, una ricciolona mediterraneo con due splendidi occhioni marroni, una quarta abbondante di tette, un culo sodo e tondo, appena un po' troppo grosso. Una ragazza solare, sorridente... Ecco il tipo di ragazza che io e il mio amico Emanuele abbiamo considerato da un po' di tempo "la vittima ideale". Emanuele è un...
scritto il 2018-07-26 | da Cruel
Silvia Tornerà IV - Punire l'impura
Il grosso cane nero di Silvia pareva essere sulle loro tracce, i suoi rumorosi latrati davano l'impressione che potesse essere dappertutto. Suor Celeste e Caterina corsero sul terreno ancora molle e bagnato dalla pioggia della notte precedente finché non arrivarono alla fine del bosco dove trovarono un grosso acquitrino. Pur di proseguire si...
scritto il 2018-07-24 | da Orlando
Silvia Tornerà III - Scorciatoia nel bosco
Quella grigia domenica Suor Celeste aveva la testa piena di mille pensieri. Erano passate poche ore dai fatti successi quel sabato notte e lei era ancora scossa dall'esperienza vissuta tanto che quella mattina faticò ad indossare il suo abito da sposa del Signore. Pensò di non essere più degna di indossare quel vestito per lei così carico di...
scritto il 2018-07-21 | da Orlando
Silvia Tornerà II - La Belva Là Fuori (Seconda Parte)
Gli incerti passi di suor Celeste si arrestarono appena sentì un sinistro ululato provenire dall'esterno. Si chiese per l'ennesima volta se quel cane così brutale e feroce da sembrare addirittura più che selvatico non fosse davvero proveniente dall'inferno. Forse era il cucciolo preferito di Satana cresciuto e salito dagli inferi per spargere...
scritto il 2018-07-01 | da Orlando
Silvia Tornerà II - La Belva Là Fuori (Prima Parte)
Quella domenica successe qualcosa. Furono in molti ad avere la sensazione che la serenità in paese sarebbe stata turbata da quel giorno in poi. Forse fu per via del tempo che dal giorno in cui suor Celeste sentì di persona le voci su Silvia non regalò più una giornata di sole, anzi. Pioveva quasi sempre e certi giorni sembrava davvero venir...
scritto il 2018-06-30 | da Orlando
Silvia Tornerà I - Voci di paese
Suor Celeste spinse il pesante portone della chiesa uscendo posando gli occhi sulla piazza antistante. Ebbe l'impressione di avere gli occhi di molti uomini addosso non appena iniziò ad attraversare il piazzale. Camminò incrociando gli sguardi di coloro che lavoravano nelle botteghe, vide il barbiere salutarla appoggiato alla porta d'ingresso...
scritto il 2018-06-30 | da Orlando
Fiore di Bach -ottava parte- Finale
La presa di coscienza Un tempo, quando i miei sogni erano ricorrenti, non ho mai avuto la beltà di vedere i miei genitori, di sognarli e vivere un momento con loro anche se partorito dalla mia mente. Sono morti in un incidente stradale quando ero piccola, io ero con loro, nella macchina, ma ne sono uscita illesa, i più hanno detto:”viva per...
scritto il 2018-06-25 | da Flamerebel9
Il volto del diavolo
Se dovessi disegnare il diavolo, gli darei il tuo volto. Da mille sfaccettature, mille riflessi, tra i quali non si può mai capire quale sia quello vero. Gli darei i tuoi occhi, verde scuro come l'oceano in tempesta, che ti può succhiare l'anima da un momento all'altro senza alcuno scampo. E quando è calmo, ci vedrei la lussuria, senza alcun...
scritto il 2018-06-25 | da Alba17
L'amante lappone
Non volevo far altro che tornare a casa e che stendermi sul letto, senza moglie, senza figli, senza gatto che miagolasse, senza nessuno, volevo solo godermi la pace della mia camera, immaginarmi una vita migliore, immaginarmi qualcuno che mi volesse bene, che mi accarezzasse e che non mi ferisse, che non mi dicesse che ero sbagliato, che ero una...
scritto il 2018-06-15 | da M.m
Morire per rivivere. La fine. 2009. Panama City – Una villa sul mare a Isla Flamenco.
-Trecento dollari? Non credo che il mio uomo accetti...- -Cinquecento e cinquecento per te?- -Mille dollari? Che c’è sotto... uomo? Per quanto ne so... non c’è donna qui che valga tanto... neppure io...- -Facciamo che sono pazzo di te? Sono un ricco gringo loco. Nulla di più di quanto ti ho chiesto, mille dollari per una notte da ora a...
scritto il 2018-06-08 | da Tibet
Nero Presagio
Sigillo così le mie colpe, con le rune, i simboli e gli umori della masturbazione; incido, con le mie fantasie, la sua anima, compiendo quotidianamente riti magici. Oh… non servono candele, cappucci e parole arcane, basta questa ossessione densa che mi avvolge il cervello e me lo stringe come fosse un cappio; è sufficiente il sangue che ogni...
scritto il 2018-06-08 | da papessatan@gmail.com
Non toccate la leggenda
Il taxi l'aveva portata al posto da lei desiderato, in una collina circondata da mura antiche. Sotto scorreva un fiume e più in là si vedeva la superficie azzurra di un lago. Il lago di Scuteri, pensò. Scese e si guardò intorno. Salutò il tassista dicendogli che l'avrebbe chiamato quando avesse finito. Mentre il taxi spariva dalla sua...
scritto il 2018-06-08 | da Alba17
Morire per rivivere. Carthago 2009
Carthago 2009. La casa esisteva ancora, ma naturalmente ora era abitata da altre persone. Le finestre, abbellite da tende multicolori a lui sembrarono degli occhi senza vita. Fermo davanti all’ingresso, all’inizio del vialetto, entrò con l’immaginazione nella casa, dall’ingresso passò nel soggiorno, poi nella stanza dove allora lui...
scritto il 2018-06-07 | da Tibet
Morire per rivivere
Io sono solo un canta-storie, nulla di quanto vi racconto è successo. Tibet. Settembre 2009. A bordo di un volo intercontinentale. I lunghi viaggi in aereo gli erano diventati pesanti, la forzata immobilità faceva insorgere prima un fastidioso senso di prurito e poi un dolore che diventava sempre più forte fino ad essere insopportabile. Il...
scritto il 2018-06-07 | da Tibet
La forma dell'acqua - la parte censurata del film di Guillermo Del Toro
Questo racconto tratta quella parte di storia che il film di Guillermo del Toro non ha potuto illustrare per ovvie ragioni. Come sapete, Elisa, la ragazza muta si era innamorata di quella strana creatura coperta di squame, di cui andava ogni giorno a pulire la cella. All’inizio erano solo sguardi curiosi, ma poi col passare dei giorni la sua...
scritto il 2018-06-07 | da beast
Tre foto - Al centro della luce (3/4)
C’è uno spazio. Ci sono delle persone. C’è una ragazza. Un faro sul soffitto crea un cerchio di luce per terra. Fuori è buio. Non si vede niente. Si vedono solo... ...dita. Tanti indici puntati verso il cerchio di luce. O meglio, verso la ragazza al centro del cerchio di luce. Dita di uomini e donne senza volto. Dita illuminate a...
scritto il 2018-06-06 | da Alba6990
Il segreto della biblioteca. L'epilogo.
La mia mente è continuamente sollecitata a far sesso e sono esausto!  Davvero la mia resistenza sessuale ha dell’incredibile! Oltre a vere orge che avvengono di volta in volta o nello studio o in qualsiasi luogo della casa compreso l’ampio giardino e la piscina, non manco mai di prenderle più volte durante la lunga giornata, poi mi ritiro...
scritto il 2018-06-04 | da Tibet
Il Corpo, il Verbo e la Mente |8/8| Il caso Ehrenfeld
[N.d.A.: Per l'ultimo capitolo di questo ingarbugliato mistero cui vi ho sottoposto finora, faccio una eccezione alla regola e invito dunque tutti voi lettori ad una piccolissima seduta introspettiva: immaginate anche voi di guardare la pioggia. La pioggia, infatti è una componente molto presente in quasi tutti i capitoli di questo racconto....
scritto il 2018-06-04 | da Miss Ehrenfeld
Il segreto della biblioteca. La protezione del Dio Thoth.
Un sogno mi perseguita, ogni volta torna eguale. Una parete verticale, io ai piedi di essa e in cima una figura indistinta che mi getta qualcosa. Con raccapriccio mi accorgo che è un bambino, un neonato quello che sta precipitando verso di me. Sporgo le braccia e mi accingo a cercare di prenderlo mentre cade, ma proprio un attimo prima di...
scritto il 2018-06-03 | da Tibet
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.