comici Ironia e irriverenza nei confronti del sesso e della sessualità in generale

Le ultime storie per adulti del genere comici

Il genere Comici raccoglie tutti quei racconti erotici che contengono una vena ironica e/o irriverente nei confronti del sesso o della sessualità più in generale. I racconti raccolti in questa categoria dimostrano che la risata e l’eros possono incontrarsi.

4 4 5 racconti erotici del genere comici e sono stati letti 9 3 9 1 3 7 volte.

Mille parole - Pe’ scopà
Mi chiamo Annalaura e fondamentalmente me se vonno tutti scopà. Basta! Che altro ve dovrei dì? Nun ce credete, vé? Allora sentite qua fraciconi che non siete altro...... la vita mia è popo un macello, davero...... è una cosa, ma una cosa che popo non potete immaginà io vado pe strada cammino per i fatti miei e tutti i ragazzi se tirano...
scritto il 2020-11-29 | da Browserlast
Appena appena
Raccontano le vecchie cronache che nel lontano 1611 un incendio distrusse la chiesa madre del nostro paese e che nel rogo andò persa l'antichissima e bellissima statua di Santa Domizia vergine e martire. La chiesa venne ricostruita ma per la statua in legno della santa il discorso fu molto diverso. Si provò naturalmente a farne scolpire una...
scritto il 2020-11-27 | da Eteocle
Mascelle slogate.
Questo racconto non è mio, è l'ultimo che mi mandò, tempo fa, una autrice che volle restare anonima, un po' naif certo ma originale, quindi ve lo propongo. Si sa come sia difficile per uno scrittore equiparare o addirittura superare il successo del primo libro. Pier era la nuova promessa della letteratura italiana secondo i giornalisti. Il...
scritto il 2020-11-25 | da Tibet
Mille parole porche
Sono una porca. Nun c’ sta nient a fà, questa è l’unica verità. Porca dentro porca fuori porca tutto intorno a ogni cosa che faccio io. Se ci fosse un concorso per la donna più porca io lo vincerei di sicuro perché più porca di me non ci sta proprio nessuno. E tu lo sai, tu lo sai quanto ho sempre la fottuta voglia, sempre un fottuto...
scritto il 2020-11-24 | da Milena N
Mille parole belle
Yoko ha poco più di vent’anni e studia all’università. Non è nata in Italia ma vive in Italia, si sente italiana e forse lo è. La piccola Yoko è nata in Giappone circa quarant’anni fa, in un paesino piccolino proprio lì vicino Pechino. La dolce giapponese vive una vita davvero incredibile, sta per conseguire la sua quarta laurea e...
scritto il 2020-11-21 | da Yoko
C’era un Volta e adesso non c’è più — Capitolo 3
Quando i nani tornarono, non molto tempo dopo, trovarono L.B. schiumante ed in coma sul pavimento. Tentarono di rianimarlo in tutti i modi, arrivando alla respirazione bocca a bocca di cui si occupò Gongolo, (ovviamente) provarono anche col massaggio prostatico (di cui si occupò sempre Gongolo) ma tutto inutilmente. Non sapendo più...
scritto il 2020-11-19 | da Kyger Litor
C’era un Volta e adesso non c’è più — Capitolo 2
Ovviamente il Bosco Oscuro non era per nulla un luogo ameno e luminoso, raramente le persone chiamano Bosco Oscuro un posto pieno di giovani betulle, vaste radure con fiori colorati e ridenti torrenti. Infatti quello era un bosco di scurissime ed alte conifere che sibilavano nel vento, dove risuonavano fruscii sospetti di animali sconosciuti che...
scritto il 2020-11-19 | da Kyger Litor
C’era un Volta e adesso non c’è più — Capitolo 1
C'era una volta, in un paese lontano lontano ma molto lontano (minchia se era lontano), un principe azzurro che non si chiamava Azzurro ma si chiamava Light Blue poiché, anche in quel paese lontano lontano ma molto lontano e talmente piccolo piccolo ma molto piccolo (minchia se era piccolo) che compariva solo sulle cartine più dettagliate (non...
scritto il 2020-11-19 | da Kyger Litor
Mixed emotions.
In psicologia è il termine usato per descrivere il fenomeno delle emozioni contrastanti. Una coppia assiste interessata alla conferenza che ne parla, seguono l'esposizione dell'oratore. ...Al fine di misurare l'esperienza soggettiva di emozioni contrastanti, abbiamo progettato una analogica Emotional Scale Questa scala permette l'analisi di...
scritto il 2020-11-17 | da Tibet
Insolitamente Bagnato
Il nostro protagonista salì sull'autobus delle 7:40 come ogni mattina. Quello però non era un mattino come tutti gli altri e di questo lui ne era ben conscio. Il misterioso oggetto che portava nella tasca posteriore dei pantaloni era la chiave di volta per sconfiggere la monotonia della routine quotidiana. Si guardò attorno più volte e...
scritto il 2020-10-29 | da Jean Fofons
La FG colpisce ancora
Quanta sticazzità ci vuole con le friendzonatrici psicopatiche. Stasera avevo ancora lei a cena, le avevo promesso risotto con la zucca, ma senza cipolla. Due ore per preparare, bottiglia di vernaccia sul tavolo, fin qui tutto a posto. Arriva con sto vestito nero tagliato in modo da scoprire spalla e ascelle, non ho ancora capito a cosa fossero...
scritto il 2020-10-01 | da hermann morr
Sono un coglione!
Bottiglia di vino. Un po’ perché quando si va a cena a casa di qualcuno non è gentile arrivare a mani vuote. Un po’ perché voglio essere sicuro di bere qualcosa di buono . Definitemi pignolo ma anche solo un bicchiere di vino scadente rovina la cena . Ed una donna che ad aperitivo ordina un crodino con martini bianco mi fa dubitare della...
scritto il 2020-10-01 | da Samael
A.N.A.L.E.: la "pillola" del giorno dopo
Lunedì mattina; si ricomincia... Turno in pronto soccorso. Iniziamo malissimo. Chiama il 118 e annuncia che c'è stato un rave party ed ora le lettighe sono piene di fulminati che si sono fatti di tutto e di più. Spetta al pronto soccorso ritrasformare in esseri umani la variopinta flora, che, ciondolando, colonizza strade e angoli. Il bello...
scritto il 2020-09-30 | da Yuko
La figa più stretta del mondo
La figa più stretta del mondo Racconto comico per ironizzare su uno dei miti più decantati in ambito sessuale. Ma quando è troppo, è davvero troppo, e non c'è limite all'assurdità. Il racconto completo è stato rivisto, corretto e migliorato. Di prossima pubblicazione su Amazon a cura di Sogni Piccanti nel volume: “Ohayo, Yuko! - Giochi...
scritto il 2020-09-28 | da Yuko
Krauti, Cipolla e Aringhe . L'anti-erotico.
Le tette ad orecchio di Cocker Le braccia con la pelle flaccida La palese scarsa igiene. Le tre cose che proprio non mi fanno drizzare il cazzo ( non in ordine d’importanza ), per il resto se parliamo di una semplice “scopata” raramente mi sono mai tirato indietro. Fin da adolescente ho maturato la convizione che ogni donna ha un lato...
scritto il 2020-09-27 | da Samael
A.N.A.L.E. Meglio così
Guardo l'orologio che ho sul polso, tutto sommato non è così tardi, forse riesco anche a farmi un giretto a piedi nei dintorni dell'albergo per sgranchirmi un po' prima di riprendere l'aereo. La sala colazioni è semivuota, e meno male, perché tra i capelli raccolti ad ananas, la canottiera con la scritta “OGGI MORDO!”, i pantaloncini...
scritto il 2020-09-26 | da Luthien
Come un grosso sigarone rosa
Ciao! Come va? È un po’ che non mi faccio sentire e ho pensato di farlo adesso. Scelta bizzarra eh? Perché, dico, con tanti altri momenti in cui avrei potuto farlo! Vado a scegliere proprio il momento in cui.. Eh. Il fatto è che, è venuto a trovarmi Renato. Di lui non vi ho mai parlato, lo so. In effetti non lo faccio mai. Non perché me...
scritto il 2020-09-25 | da pink_
Momenti di sano divertimento durante una breve vacanza
Mai come in questi pochi giorni di vacanza decisa all’ultimo, mi è capitato di sentirmi quasi come un pesce fuor d’acqua, per il mio semplice modo di essere. Preciso subito il motivo… Io sono peloso di mio, e non mi sono mai depilato. Tengo solo accorciato i peli delle ascelle e del pube, oltre alla barba… Beh niente se negli anni...
scritto il 2020-09-05 | da Carbolatente
Paura e Delirio a Ortona ( feat. Sentz )
Se vai al ristorante “Il Faro” di Ortona, puoi sederti su un tavolino esile che sta nascosto sotto a una tovaglia. Un tavolino così brutto ma con una tovaglia tanto bella che ti sembra un cappello che si veste di una testa, anziché viceversa. E poi puoi guardare davanti a te e vedere: il faro. Già, che scoperta. Ma vedere il faro, solo il...
scritto il 2020-09-03 | da Hermann Morr
I due chili
I due chili: Ero fuori dal balcone del mio appartamento, all'ottavo piano della palazzina, e guardavo i piccoli e stretti vicoli del quartiere detto degli spagnoli, "i quartieri spagnoli", da lassù vedevo il terrazzo dei palazzi vicini, come le ragazze si spogliavano come al solito e prendevano il sole ed io mi crogiolavo nel guardare i loro...
scritto il 2020-09-02 | da Juan Alberto
Che situazione!
Che situazione! Che imbarazzo! Se mi trovo in questa condizione è perché Alina è proprio carina, carina da morire, e mi fa impazzire con il suo modo di fare allegro e malizioso. Non so cosa farci, ma da subito, da quando l'ho incontrata alla festa da Laura, sono stato magnetizzato da lei, ammaliato dal suo modo di muoversi, di parlare, di...
scritto il 2020-08-30 | da Verlaine
A.N.A.L.E. "Tette"
Vabbè. Alle volte va così. Ci si deve accontentare delle piccole gioie. Mi volto verso il salone. Però mi rendo conto che non ho più voglia di entrare nella bolgia. Mi giro e ritorno al parapetto. Guardo giù. Vedo un angolo appartato del giardino. Con una panchina libera. Ho l'impulso di ecclissarmi lì. Scendo la scalinata nella penombra,...
scritto il 2020-08-30 | da Gregorio Erizzo
A.N.A.L.E. "Culo"
-Greg, che hai?- -...Ma no niente, Lucido, stavo pensando...- -E a cosa?- -...Sincero sincero?- -Eh. Sì.- -...Che mi piace proprio parecchio tanto la figa.- -Ahahah... E a chi non piace, Greg?- -...Boh, qualcuno ci sarà!- -Qua di figa ce n'è da scegliere...- ... "Ce n'è da scegliere"... ... Io non so. Se lo dicessi sembrerei presuntuoso. Ma...
scritto il 2020-08-28 | da Gregorio Erizzo
Perle di assoluta saggezza
Lavorando a stretto contatto col pubblico, capita di sentirne di tutti i colori. Se poi sei donna e pure una bella donna, sia detto pure con falsa modestia, ne senti ancora di più. E quindi vi renderò edotti di tali perle di saggezza, che nel tempo ho accumulate dentro. Così, a mo' di liberazione. Hai dei begli occhi, chissà a chi li hai...
scritto il 2020-08-25 | da Lucrezia
A.N.A.L.E. "Figa"
Mi verrà un colpo quando lascerò la camera. Ho svuotato mezzo frigo bar. ...Dovrò vendere un rene per pagare il conto. Epperò... avevo proprio bisogno di alzare un po' il livello dell'umore. Ed è qui nel salone, che mi ricordo. Mi ricordo perché esco poco. Esco poco a divertirmi, intendo. Basta appena un bicchierino. E subito si accende....
scritto il 2020-08-23 | da Gregorio Erizzo
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.