Erotici Racconti

pulp Erotismo e sangue, contenuti forti di efferatezze e situazioni eccitanti

Le ultime storie per adulti del genere pulp

Il genere Pulp raccoglie quei racconti erotici che propongono vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre. Storie di erotismo e sangue. Storie per adulti che contemplano sofferenze fisiche, mutilazioni e/o addirittura morte. Il connubio sesso e morte sfocia spesso nel mistero, in questa categoria invece troverete racconti erotici espliciti, che lasciano decisamente meno spazio all’immaginazione.

1 5 9 racconti erotici del genere pulp e sono stati letti 1 2 2 9 3 6 9 volte.

Il pastore greco
Salve sono M. , e l'estate scorsa mi trovavo in viaggio con amici in Grecia. Fra loro c era L. 20 anni, con una quinta coppa B a pera, mora e riccia, sull ' 170. Quel giorno ci trovavamo al mare , io e 6lei, in una spiaggia lontana dall hotel, e , avendo finito i soldi per l autobus, decidemmo di tornare indietro insieme passando dalle alture...
scritto il 2017-05-17 | da Anonimo
Il pastore greco
Salve sono M. , e l'estate scorsa mi trovavo in viaggio con amici in Grecia. Fra loro c era L. 20 anni, con una quinta coppa B a pera, mora e riccia, sull ' 170. Quel giorno ci trovavamo al mare , io e lei, in una spiaggia lontana dall hotel, e , avendo finito i soldi per l autobus, decidemmo di tornare indietro insieme passando dalle alture...
scritto il 2017-05-17 | da Anonimo
Attenti a Quelle Due
Ottobre nel sud dell’Adriatico è come settembre al nord: bellissimo. Mi fa uno strano effetto tornare in questo Paese: è da alcuni anni che non ci metto piede… Dai giorni drammatici del massacro sulla St.Cyril e della drammatica morte di Fabio. Quegli eventi mi hanno cambiato la vita e hanno fatto di me, nel bene e nel male, quella che...
scritto il 2017-05-07 | da Pat & Co
L'Abisso - Parte II
Passano i giorni dopo quella prima cena, Nora ha modo di sentire molto spesso Abyss via chat e al telefono. Le piace potergli chiedere spiegazioni su termini, atteggiamenti, etichette e non vede l’ora di poter iniziare il suo training con lui. Nora: Quando credi che potremo iniziare? Abyss_68: mmm sei impaziente, vero piccola Nora? Vorrei che...
scritto il 2017-04-30 | da Nora Phoenix
La Clessidra - Primo
I Francesca camminava a passi rapidi verso il vecchio municipio, portando sotto braccio la vecchia clessidra d’argento, un ricordo di sua madre, racchiusa in una modesta scatola. Era la quarta volta che si recava lì negli ultimi due anni, da quando era cominciata l’occupazione. Suo marito Rodolfo era stato tratto in arresto e sempre...
scritto il 2017-04-16 | da vengeance
Apprendistato di una puttana
Luna ora è una prostituta ancora sul mercato. Ho già spiegato come lo è diventata nel racconto “iniziazione di una puttana” pubblicato su questo sito; ora voglio raccontarvi una delle serate trascorse con lei avvenuta prima dei fatti narrati nella precedente storia. Era una notte d’estate di quattro anni fa ed eravamo diretti al club...
scritto il 2017-04-08 | da Satiro 81
Morte a Venezia
Il rumore dei tacchi sull’acciottolato risuona nelle calli consunte e deserte nel cuore della notte. Di solito non sono una da tacchi alti e calze di seta, così non sono del tutto a mio agio nel camminare a passo svelto. Questa notte mi sono venduta a un vecchio pieno di soldi, particolarmente generoso con una signora di classe capace di...
scritto il 2017-04-01 | da Patrizia V.
Violentata da un gruppo di lesbiche
Mi sono appena lasciata con il mio ragazzo e decido di uscire un pò, mi metto un jeans nero abbastanza sexy e una camicetta mi trucco e si esce. Entro in questo bar molto carino mi siedo ordino da bere, il barista mi da il mio drink mentre bevo mi accorgo che qualcuno mi sta fissando mi guardo un pò in giro e intravedo tre donne che mi fissano...
scritto il 2017-02-11 | da Anonima18
Sogno nero d'estate
«Mi raccomando, tieni d'occhio tuo fratello. Che non ne combini una delle sue mentre siamo via.» «Certo ma'!» Il ragazzo abbracciò la madre e controvoglia le diede due baci. Ormai era grande per quelle sciocchezze da donne e tutte le volte era una sofferenza, ma lei era proprio irremovibile. Anzi, sembrava quasi che lo facesse apposta. A...
scritto il 2016-11-13 | da Ronin Moonlight
A casa di papà - Lo stupro
"Ciao papà!" "Ciao amore!" Giada abbraccia amorevolmente il suo papà. Sono anni che non si vedono, da quando lui e la mamma hanno divorziato. Lei è come se non l'avesse mai conosciuto, perché era ancora troppo piccola per ricordarselo e la mamma, volendolo dimenticare, non ha lasciato alcuna sua foto in giro per casa. Poi il destino ha...
scritto il 2016-10-30 | da Alba6990
A casa di papà - Tuo padre
Il giorno del ritorno della mamma si stava avvicinando e Giada era abbastanza triste al riguardo. Si sarebbe dovuta separare dal suo papà e non sarebbero più stati insieme ogni giorno. Lui non le faceva mancare niente, né come padre né come amante. Ogni tanto la sua mente tornava a Stefano, ma cercava di non farlo. Lui aveva creduto a una...
scritto il 2016-10-19 | da Alba6990
Castrazione
Essere nata maschio è solo stato un grandissimo errore della natura, già il fatto di essere nata e cresciuta in una famiglia di sole donne, madre sorella, zie ,non ha di certo aiutato. Se poi consideriamo che mio padre era omosessuale la cosa dice molto di come sia potuta crescere normale, sin da piccolina, giocavo con le bambole delle mie...
scritto il 2016-10-16 | da paolina
Attenti a quelle due
Il tempo è luminoso: il vento è calato e il sole splende gelido nel cielo istriano. L’Adriatico si è calmato e adesso assomiglia ad una immensa tavola blu: la navigazione è rapida e senza complicazioni, così arriviamo all’imbocco del Canal di Leme con quasi mezz’ora di anticipo. Sul ponte fa freddo, ma è un gradevole freddo asciutto...
scritto il 2016-10-13 | da Patrizia V.
Orrore
ATTENZIONE. QUESTO EPISODIO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE ACCADUTI: QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE O FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA’ E’ PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E PERTANTO INVITA CHIUNQUE POSSA...
scritto il 2016-09-27 | da Patrizia V.
Incubo
ATTENZIONE. QUESTO EPISODIO CONTIENE SCENE, DESCRIZIONI E RIFERIMENTI VIOLENTI. GLI EVENTI RAPPRESENTATI SONO RIGOROSAMENTE DI FANTASIA E NON RIFERITI AD EPISODI REALMENTE ACCADUTI: QUALUNQUE SOMIGLIANZA A PERSONE O FATTI VERIFICATISI NELLA REALTA’ E’ PURAMENTE CASUALE. CHI SCRIVE NON INTENDE TURBARE NESSUNO E PERTANTO INVITA CHIUNQUE POSSA...
scritto il 2016-09-26 | da Patrizia V.
Mai fidarsi delle apparenze III capitolo e epilogo
io non capisco bene il senso della an e resto sulle mie ti piace la poliziotta vero? Penso tuttavia che la notte potrebbe essere lunga in quelle condizioni se non si stancano io tengo la testa bassa sul piatto cercando di evitare una risposta Resto li a pensare mi fissa poi a un tratto mi fa su dai scendi lei io ti raggiungerò tra un pò te la...
scritto il 2016-09-08 | da Paola e uno sconosciuto
Mai fidarsi delle apparenze II capitolo
nterrompo cosi il mio sfogo e mi ricompongo risistemando all'interno dei pantaloni l'uccello Nicola il piantone mi fa il saluto Io lo ignoro Salgo in macchina e scendo la radio torno di là senza accorgermi che ho dimenticato di tirare lo sciacquone dell'acqua Stanno trasmettendo un pezzo degli acdc Highway to hell Autostrada per l'inferno Rido...
scritto il 2016-09-07 | da Paola e uno sconosciuto
Mai fidarsi delle apparenze
NB. STORIA A CAPITOLI SCRITTA IN CHAT CON UN COMPAGNO OCCASIONARIO. CI SONO IMPERFEZIONI MA PRENDETELA PER COME E' VENUTA MAI FIDARSI DELLE APPARENZE "Salvo, oggi è una vera rottura di palle." Sbadiglio spalancando la bocca come se dovessi ingoiare un treno. Senza mano davanti ovviamente. "Scegli sempre dei posti di merda per fare i posti di...
scritto il 2016-09-05 | da Paola e sconosciuto
Imprevisti del "Mestiere"
"Giorgio, inizi a fare il geloso! Ricordati che quella troia te l’ho presentata io". Dissi tra l’ironico e l’infastidito. “Per favore non chiamarla così” mi rispose deciso. Evidentemente stava subendo il fascino ammaliatore di Luna. E’ risaputo che molti clienti si invaghiscono delle prostitute che frequentano abitualmente,...
scritto il 2016-09-03 | da Satiro 81
Solo
Le nuvole cupe della sera stavano inoltrandosi sopra di me mentre camminavo lungo la periferia della città. Non avevo mai capito perché bisognasse trovare un nome per ogni cosa, guardavo con fare riprovevole le bariste che avevano finito il loro turno di lavoro, con la loro divisa con il nome del locale, chissà se provavano anche solo un...
scritto il 2016-07-01 | da babylon
Fatemi vedere chi siete ( racconto di fantasia)
lucia decise di tornare. decise di andare fino in fondo. la sera successiva alla prima esperienza si preparò. era ancora dolorante, ma decise di sfidare quegli uomini. nel pomeriggio si era comprata una minigonna così corta che non le copriva del tutto il fondo schiena aveva acquistato scarpe rosse e una camicia leggerissima aveva indossato...
scritto il 2016-06-29 | da angela
Facci vedere chi sei (racconto di fantasia)
lucia da tempo frequentava quel locale tanto discusso. ci andava con due sue amiche. le piaceva perchè le dava il senso di ....misterioso. frequentato da uomini grandi...molto più grandi di lei e del suo fidanzato, luca. lei cominciava a stancarsi di lui, delle sue gelosie e dei suoi atteggiamenti da stronzetto. le sue amiche avevano paura. si...
scritto il 2016-06-29 | da angela
Quando Alba ha lasciato il suo ex
Ormai la conoscete la storia di Alba e Christian, del loro amore, di come lei ha tradito il suo ex per stare con lui. Ma non sapete cos'è successo la sera in cui lei si è diretta a casa sua per lasciarlo. Ecco ciò che è accaduto. Serata fredda. Pioggia. Alba percorreva la strada piena di buche nell'asfalto del quartiere industriale. Le gocce...
scritto il 2016-06-15 | da Alba6990
Non è detto che chi cerca, trovi ciò che vuole
oggi ho deciso di prendermi una giornata di pausa dal lavoro. La giornata è meravigliosa: cielo terso, aria primaverile... Indosso un vestitino a sottoveste, sandali con tacco vertiginoso e niente più. Girare senza biancheria mi eccita da morire! Prendo la macchina e parto. Lungo il litorale mi godo il paesaggio, felice della mia decisione;...
scritto il 2016-05-24 | da Freelove
Il Ribelle - Il comandante delle SS -
Seduto dietro la fredda e spoglia scrivania immerso in una nuvola di fumo, gli occhialini tondi risplendevano lanciando brevi lampi che riflettevano la luce del faro. La stanza era fredda e piena di ombre, fuori due guardie nei loro elmi luccicanti con al lato il fregio delle “SS” sembravano di marmo. Felix era un ufficiale che in breve...
scritto il 2016-04-14 | da Lord Cuk
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.