Erotici Racconti

sentimentali Coinvolgimento sentimentale in storie di sesso, l'erotismo per cuore e cervello

Le ultime storie per adulti del genere sentimentali

I racconti erotici Sentimentali sono il genere più classico e diffuso nella narrativa per adulti, molto apprezzato soprattutto dal genere femminile, non sono solamente storie di sesso, spesso infatti si tratta di romanzi per adulti con un certo coinvolgimento sentimentale, dove l'eccitazione sessuale coinvolge anche cuore e cervello.

6 7 6 racconti erotici del genere sentimentali e sono stati letti 1 4 6 5 7 9 5 volte.

ICO “Tribute” - Al salvataggio!
Il cielo si era oscurato e dei grandi nuvoloni neri avevano ricoperto il sole. Tuoni e fulmini dominavano l’aria insieme a una pioggia torrenziale. Il rumore era assordante. Le onde dell’oceano colpite da grosse e pesanti gocce d’acqua, mentre i lampi e i tuoni rendevano l’atmosfera ancora più spettrale. Ico si svegliò dolorante. Aveva...
scritto il 2018-12-10 | da Alba6990
Sembra ieri
Mi sembra ieri! Sento, sentiamo spesso utilizzare questa espressione e spesso la usiamo per riferirci a un tempo passato che però in realtà è talmente presente dentro noi che ci sembra di averlo vissuto il giorno prima! MI sembra ieri che senza problemi e senza pensieri giocavo ai giardinetti a pallone con gli amichetti! Mi sembra ieri che...
scritto il 2018-12-09 | da Ghost
L'Uomo volante
Quel suono leggero di un nome importante...le ali di un Uomo volante! Celebre frase tratta da un'altrettanto celebre canzone che qualche anno fa' vinse a Sanremo! Questi versi oggi li devo dedicare al mio Amore, che mi ha promesso che per me oggi s'innalzerà in Cielo più volte, performando piroette da Pilota provetto,improvvisate ed...
scritto il 2018-12-08 | da Lory Del Demone
Breve sotira di un footjob sul divano
Perdonate il refuso che non posso più correggere, il titolo è "Breve storia di un footjob sul divano" Stanchi, sdraiati sul divano il più appiccicati possibile ci addormentiamo narcotizzati dal nostro respiro, un sonno breve, ma profondo. Non saprei dire chi di noi sia il primo a svegliarsi ma io mi ritrovo con un’incredibile erezione e tu...
scritto il 2018-12-07 | da Paride
Prometeo
Hai dimostrato di poter donare ciò che mi mancava, più a te stesso, che a me. Una scintilla di quella fiamma che ti brucia dentro, un chiarore che ti illumina di mistero, buio, ombre. Non immaginavi che io potessi coltivarla così, fino a renderla un fuoco perpetuo, tanto potente da accecarci, bruciarci fin dentro l'anima. Ci alimentiamo...
scritto il 2018-12-06 | da Paoletta80
Parole
Parole Le parole hanno un peso, anche se librate in una spensierata leggerezza, conservano il loro significato, anche quando non esplicitato formalmente. Lui: Ciao! Lei: Ciao! Come stai? Lui: Più o meno come ieri … tu? Lei: Solite cose...mi manchi sai? Lui: Non dirmi nulla... questa lontananza sta durando un po' più del dovuto per i miei...
scritto il 2018-12-05 | da scopertaeros69
Più bella cosa
Com'è cominciata io non saprei,la storia infinita con te! Un bel giorno tra i miei irriverenti commenti ed il mio modo di provocare e scavare nell'animo degli Scrittori di questo Sito,mi sono imbattuta in te,inizialmente molto diffidente nel voler raccontare come stavano davvero le cose,se riuscissi davvero a "quagliare" nei tuoi rapporti...
scritto il 2018-12-05 | da Lory Del Demone
Solitudine (esperimento drabble)
Solitudine. Non è vivere da soli. Non è viaggiare da soli. Non è osservare il cielo stellato da soli. Non è dormire soli. Solitudine è parlare con chi ti pensi ti sia vicino. Solitudine è aprire la propria anima a chi è vicino. Confidando in comprensione, aiuto, o anche solo una spalla A cui appoggiarti in un momento buio. E vedere, in...
scritto il 2018-12-04 | da Perseus
Quel rubino
Si toglie un nastro dai capelli Claudia, adesso come ha fatto mezzo secolo fa. È desaparecida (scomparsa) per quel posto e quella gente ma non si è fatta rondine che taglia l'orizzonte con piccole ali di forbice al modo del destino di una generazione di ragazzi come lei. È qui, vive e rivive ma con lo stomaco troppo vuoto e le mani troppo...
scritto il 2018-12-04 | da senzaidentità
Blindato
No,non è riferito ad un mezzo militare assolutamente impenetrabile, ma semmai al mio lui,nonché al nostro Amore altrettanto impenetrabile! Blindata la nostra vita sentimentale insieme,non ci passerebbe nel mezzo neppure una mosca,blindato il suo cuore da me ,nonché il suo "apparato riproduttivo ",per il quale ho provveduto già da diversi...
scritto il 2018-12-04 | da Lory Del Demone
No space, no time.
Camminavo cercando il fiume, con l’anima devastata per un amore finito, mentre la luce già incerta del crepuscolo ulteriormente si affievoliva. Eccolo finalmente: scorreva maestoso e sulle acque limacciose si rifletteva la luce aranciata dei lampioni. Dal suo letto la bruma si diffondeva lentamente sulla città, con la cautela, ma...
scritto il 2018-12-03 | da samas2
Tu
Ti ho conosciuta per caso e al improvviso, sei stata un tornado! Ogni volta che ti parlavo, da una parte era un bacio e dall 'altra uno schiaffo! Eri a volte insolente tanto da far uscire chiunque dai gangheri! Ti nascondevi dietro quella maschera che non ti apparteneva per voler sembrare diversa, per avere compensi, per cercare! Tenevi tanto...
scritto il 2018-12-03 | da Ghost
Pioggia
Quando giungo alla tua porta sono uno straccio fradicio, ho camminato per ore , senza meta, senza cognizione del tempo e dello spazio percorso. Ci deve essere una precisa ragione se sono dinanzi alla tua porta ora, e non sono in un un qualsiasi altro posto; il freddo e l’acqua mi sono penetrati sin nelle ossa, ma ho continuato a camminare...
scritto il 2018-12-02 | da scopertaeros69
Un silenzioso inverno
Bruno Schulte viveva in una piccola stanza ammobiliata, unico affittuario della signora Mürish. Impiegato del catasto, trascorreva otto ore in un ufficio grigio e poco illuminato, intento a ordinare scartoffie e compilare moduli. La mezzanotte era vicina. Bruno aveva rifiutato l’invito di cenare con la famiglia Mürish, adducendo problemi di...
scritto il 2018-12-02 | da Mr Gwyn
Fanculo pioggia
All'uscita da una galleria commerciale, dove ci eravamo riparati dall'improvviso acquazzone, notai lo sguardo di mia moglie imbattersi per un attimo con il suo. Un sorriso spontaneo, improvviso, trattenuto a stento in una smorfia incontrollabile, un "ciao" strozzato in gola e un rossore in viso di un'intensità mai vista prima. Era talmente...
scritto il 2018-11-30 | da Maks
L'ascensore e il mio capo
Vi ho scritto ieri sera che quel racconto era ultimo si vero ma in versione romantica da oggi in poi vi scrivo racconti un po' osé e un po' sexy . perché inizio piano piano e poi vedremo col passare del tempo come si evolverà la situazione e come si evolveranno i racconti e le storie questo è un prologo dei miei nuovi racconti e una...
scritto il 2018-11-30 | da Trilly
Ultimo racconto
Questo è il mio ultimo racconto non ne farò più .Primo perché ogni volta che scrivo o per una cosa o per altra non mi capisce mai nessuno o perché scrivo contorto io o perché gli altri non mi vogliono capire o fanno finta di non capirmi . Secondo perché ogni volta che scrivo combino guai dato che non mi esprimo bene io , oppure perché...
scritto il 2018-11-29 | da Trilly
Olimpiadi
Faceva veramente freddo in quel dannato spogliatoio. Sempre la solita storia nelle piscine di domenica mattina, non accendono i riscaldamenti per risparmiare, anche se c’è un’importantissima gara da disputarsi. I soliti stronzi, pensò Elisa mentre si infilava il costume. Il freddo le aveva irrigidito i capezzoli che ora, premevano sul...
scritto il 2018-11-29 | da Raccontatore
Amicizie
Odio le persone che ti si presentano come amiche o amici e poi dietro te ne dicono di ogni ,ti dicono che sei loro amica e poi ti tradiscono ti dicono non ti preoccupare che tu sei una cara amica e poi ti sparlano dietro .nella mia vita mi sono successe di ogni tipo di cose tra cui questa cosa dell'amicizia .Anche essere tradita in amore nel...
scritto il 2018-11-28 | da Trilly
Brivido
Ed eccomi qui con i polsi fissati, come una improbabile vergine sacrificale legato ad un improbabile altare. Ti desidero sino a star male, fermo fino a qualche secondo fa in quella fiducia assoluta... eppure... Eppure quei tuoi occhi dolci , ora hanno la tinta di ramarro e lampeggiano di un chè di predatorio, abbastanza da far vacillare ,...
scritto il 2018-11-28 | da scopertaeros69
Un fantasmagorico incontro
Avvenuto circa intorno ad Aprile di quest'anno,il mio FANTASMAgorico incontro col mio LUI,che mi ha riempito le giornate,la vita ed il cuore e per il resto...beh per il resto mi ha "riempita" spesso e moolto volentieri,ma solo virtualmente parlando,arrivando al punto di dirmi che mi vorrebbe "riempire" col suo seme per ingravidarmi! Più...
scritto il 2018-11-28 | da Lory Del Demone
Dormiveglia
Tutto quello che vedo quando chiudo gli occhi è Lei che gioca con il mio corpo, le sue carezze, le sue penetrazione, i colpi di frusta. Dolce droga per la mia mente che sta rischiando di condurmi alla follia. Il mio sesso freme pensando al suo prossimo ordine, a come la prossima volta ridurrà il mio corpo ad un mero oggetto per il suo piacere....
scritto il 2018-11-27 | da Eyael Salazar
Pensiero notturno, un po' mattutino
Il sole illumina la stanza, svegliandoci dai sogni più dolci, dagli incubi più brutti. Non possiamo dormire anche se siamo tanto stanchi: ci hanno presi a mezzanotte, quando la luna era alta nel cielo livido, e da allora i nostri occhi non si sono più chiusi. Siamo desideri, esauditi sullo stoppino fumante di una candela. Siamo domande,...
scritto il 2018-11-27 | da Aletheia
Il nostro amore eterno
Vi voglio dire del mio amore che provo per il mio lui, per il mio uomo . Allora io dal primo momento che ho visto lui l'ho subito amato mi ha subito colpito è stato un ( colpo di fulmine ) a ciel sereno, ci siamo subito parlati , e abbiamo visto che siamo fatti per stare insieme, mi sembra di conoscerlo da sempre , abbiamo gli stessi gusti ,ci...
scritto il 2018-11-25 | da Trilly
Vengo da te.
Ti sto aspettando. Sono sola in casa in questa triste e vacua domenica pomeriggio. Ieri ci siamo lasciati con un bacio non dato e con un . Sì ma quanto presto? Un giorno,una settimana, un mese forse? Non mi interessa: io ti voglio qui, ora. Non riesco a trattenermi dal pensare a che cosa tu stia facendo ora, a che cosa indossi, che profumo...
scritto il 2018-11-25 | da Stramir
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.