Erotici Racconti

sentimentali Coinvolgimento sentimentale in storie di sesso, l'erotismo per cuore e cervello

Le ultime storie per adulti del genere sentimentali

I racconti erotici Sentimentali sono il genere più classico e diffuso nella narrativa per adulti, molto apprezzato soprattutto dal genere femminile, non sono solamente storie di sesso, spesso infatti si tratta di romanzi per adulti con un certo coinvolgimento sentimentale, dove l'eccitazione sessuale coinvolge anche cuore e cervello.

4 3 1 racconti erotici del genere sentimentali e sono stati letti 1 0 7 3 0 9 4 volte.

L'arena, il combattimento e la morte
Llianto por el banderillero e torero Ignacio Sànchez Mejias. Alle cinque della sera. Eran le cinque in punto della sera. Un bambino portò il lenzuolo bianco alle cinque della sera. Una sporta di calce già pronta alle cinque della sera. Il resto era morte e solo morte alle cinque della sera. G.Lorca.   Nudo si esamina… guarda il suo corpo....
scritto il 2017-10-16 | da Tibet
Amori a distanze galattiche
"...Amore, ti ricordi che domani è il compleanno di Monica, vero? Mi avevi promesso che ti saresti fatto sentire con un video-messaggio. Qui non abbiamo notizie di te da una settimana. E ogni settimana è sempre la stessa storia. Ho parlato con Marge, lei riceve notizie da Harry ogni tre giorni! Penso che voglia conforto da me. Ma dimmi, Io...
scritto il 2017-10-13 | da Cigno
Formazione sentimentale
Negli occhi ancora il dolce sonno, Claire prese a sfogliare le pagine della sua formazione sentimentale. Quanta ingenuità, pensò tra sé e sé. Ma anche quanta purezza di cuore, anche quando il corpo si è insudiciato della prepotenza dell'autoerotismo. Il suo problema non fu mai trovare una buona anima che le stesse accanto, bensì mantenere...
scritto il 2017-10-13 | da C_
Quello sguardo
Quello sguardo interrogativo,che non voleva credere ad una cruda verità,interrogativo ma anche supplichevole,come per dire "no,non può essere vero!Dimmi che non è vero! Beh,io quello sguardo non lo dimenticherò più e sono sicuro che neanche lo tradiro' più ! Era lo sguardo di chi era venuta a conoscenza tramite amica pentita,di una...
scritto il 2017-10-12 | da MORRISETTE
Mai rubare un'anima al diavolo
Era una gelida giornata invernale e sebbene la scampagnata fosse stata piacevole, fu ancora più piacevole rifugiarsi nella sala di un'osteria di campagna dove un bellissimo fuoco ardeva nel camino. Un ottimo vino contribuì a riscaldarci e a scioglierci la lingua. Non so chi di noi cominciò a raccontare storielle scabrose su preti e suore e...
scritto il 2017-10-10 | da Edipo
Fine o Inizio 1
Questo racconto è dedicato ad una persona che è stata per me particolare. Mi chiamo Elio, sono il marito, di una splendida e bellissima moglie, Asia, con una figlia, ormai grande. La differenza di età con mia moglie è importante, ma non ci ha mai creato problemi. Io sono un tipo romantico, forse troppo, e sto attento anche alle piccole cose,...
scritto il 2017-10-06 | da Alone
E se potessimo riavvolgere il nastro?
E se potessimo riavvolgere il nastro,quali o quanti sarebbero gli episodi della ns.vita o i rimpianti che non vorremmo tornassero regolarmente a tormentarci-magari di notte, quando non distingui tra sogni o conscio dormi-veglia! I mancati incontri sessuali rimasti solo timidi ed impacciati approcci,le volte che non hai saputo cogliere i segnali...
scritto il 2017-10-06 | da Gaio
Ali d'Angelo
Auguri,Amore,come dici? Per davvero oggi sono 25 anni di Matrimonio,cioè è oggi che ricorrono le ns."nozze d'argento "? Eppure non intravedo nessun filo d'Argento tra i tuoi capelli e più che Argento per me tu sei Oro allo stato purissimo! No,non guardarmi con quegli occhi innamorati come se anche per te 25 anni fossero stati appena 25...
scritto il 2017-10-06 | da Zio Morris
La Signora di Shabling.
Breve prefazione. E' il quarto (su cinque) racconto dedicato all'India, è immaginario a differenza dai primi tre che sono una specie di diario di viaggio. Ormai infatti avevo perso la speranza di arrivare nel Tibet. La donna di Shabling prende il suo nome dal villaggio dove vive e ne è la Signora. Ha la pelle chiara, è differente da tutte le...
scritto il 2017-10-04 | da Tibet
Il culetto di Cristina
Ho fatto un sogno stanotte capace di riportarmi alla mia infanzia,quando non ancora Undicenne ero già attratto dal culetto di Cristina! Lei era una bambina di poco più piccola di me,minuta con capelli castani ed occhi castani che però diventavano verdi alla luce del sole! Ma in lei la cosa più attraente è sempre stato quel culetto a...
scritto il 2017-10-04 | da CARINELLO
Due anime
Adesso che erano a letto insieme, la memoria corse indietro nel tempo. In luoghi diversi, con la stessa intensa ferocia, i loro corpi giovani sfumavano nel ricordo. Dopo dieci anni si erano rivisti, casualmente, e dopo avere bevuto un martini, avevano avvertito l'insostenibile desiderio di aversi. Così erano finiti a casa di lui, un piccolo...
scritto il 2017-10-03 | da passepartout
Il collega maestro 3
Finalmente la svolta. Mi arrivo' un messaggio: Domani ci troviamo parlare di quel documento? Sono libero dalle 13 alle 14. " . Ovviamente risposi subito di sì. Il giorno dopo non riuscivo a pensare ad loro mentre mi preparavo per andare a lavorare. Cosa avrei potuto indossare? Qualcosa di scollato? Una camicia un po' sbottonata, visto il mio...
scritto il 2017-10-02 | da Videogirl Ai
Atiyah, dono di dio
Dedicato a una amica, alla quale auguro ogni bene, ringraziandola di avermi ascoltato pazientemente. E' un racconto carino... magari da leggere dopo cena, per rilassarsi, Si... confermo che è un racconto erotico e che finisce bene!! Non vi faccio scherzi. Auguri e leggetemi. Kan ma kan... Bidna rihki Willa innam... C'era non c'era, racconteremo...
scritto il 2017-10-02 | da Tibet
Dietro la porta
Dietro la porta Quando aprì la porta non sapeva cosa sarebbe accaduto. Si erano conosciuti per strada. Una gomma forata. Un uomo giovane si era offerto. Fra loro era nata un'immediata simpatia, così prendere un caffè e scambiarsi il numero di telefono le era sembrato una naturale conseguenza. Poi le circostanze erano precipitate, le sue...
scritto il 2017-10-02 | da passepartout
Il collega maestro
Le giornate passavano senza poter smettere di pensare a lui. Continuavo a chiedermi cosa fosse successo, avevo sempre avuto una vita soddisfacente e non mi ero mai sentita così attratta da qualcuno. I mei ormoni erano impazziti? A 34 anni mi sentivo come una ragazzina di 20 alla sua prima cotta. La cosa peggiore era che entrambi eravamo...
scritto il 2017-09-30 | da Videogirl Ai
Il collega maestro 2
Le giornate passavano senza poter smettere di pensare a lui. Continuavo a chiedermi cosa fosse successo, avevo sempre avuto una vita soddisfacente e non mi ero mai sentita così attratta da qualcuno. I mei ormoni erano impazziti? A 34 anni mi sentivo come una ragazzina di 20 alla sua prima cotta. La cosa peggiore era che entrambi eravamo...
scritto il 2017-09-29 | da Videogirl 2
Ricominciare
Il sole caldo e infame di ottobre solletica la pelle, mentre l’autunno colora la natura, i platani centenari presidiano la vita che scorre sotto di loro, come il placido fiume eterno. La sua vita non gli aveva riservato entusiasmi recenti, ma Tobia non amava soffermarsi su ciò che sarebbe potuto essere e non era, preferiva sorridere alla...
scritto il 2017-09-28 | da passepartout
Il profumo della polvere
Frequentavo quella biblioteca da circa due anni, c’era un discreto assortimento di libri ed un ambiente silenzioso. Ogni giorno intorno alle quattro del pomeriggio mi recavo presso la struttura, in un quartiere popolare ma elegante, all’interno di una strada tranquilla. Mi sedevo nella sala piccola accanto alla finestra, per sfruttare meglio...
scritto il 2017-09-26 | da passepartout
Lei
Notte, silenzio. Lui dorme, ma lei non ancora... Come in un delirio, Richard sente che lei le ha preso i polsi e sta sculettando ritmicamente come un'esotica danzatrice del ventre,sul suo pene eretto. Non si ferma, pare una danza inarrestabile, lui avverte quasi il suono dei medaglioni d'oro che le danzatrici hanno attorno ai fianchi. Suda...
scritto il 2017-09-24 | da C_
Il collega maestro
Nuovo ambiente, nuovo lavoro e nuovi colleghi. Tra tutti lui spicco' subito tra gli altri per intelligenza, cultura ed empatia. Non bellissimo, ma alto e affascinante. Sono una di quelle donne che ha bisogno di avere vicino una persona stimolante... e lui lo era. Forse stavo per passare una nuova crisi dei 30 anni, ma quel ragazzo poco più...
scritto il 2017-09-24 | da Videogirl
Il castello senza specchi
Ci sono giorni di settembre, se non addirittura di inizio ottobre, che il caldo torna asfissiante, afoso, e la temperatura supera i trenta gradi come se il calendario fosse tornato indietro di tre mesi e l'estate fosse ancora bambina. Dopo uno, massimo due giorni, il caldo viene spazzato via da un temporale che abbassa il termometro di dieci...
scritto il 2017-09-23 | da Edipo
Haime trova l'amore.
Haime o Don Haime, come alcuni lo chiamano, è un uomo che ha saputo organizzare bene la propria vita. Possidente terriero, ultimo discendente di una famiglia da sempre agiata e forse anche "inquinata" da qualche traccia di sangue nobile nel proprio albero genealogico, vive una vita tranquilla senza molte preoccupazioni. Nel corso della sua...
scritto il 2017-09-20 | da Tibet
Pensando a lei
Forse sembrerà inverosimile,eppure è capitato proprio a me,di fare " flop" pensando a lei! Sono stato avvicinato e abbindolato da una ragazzetta di circa 18 anni,non ho saputo dirle di no ma al dunque ho fatto "flop" pensando a lei! Me ne stavo per i fatti miei,seduto sotto ad un albero,in cerca di ombra,quando dalla scuola difronte escono...
scritto il 2017-09-16 | da MORRISETTE
L'uomo che attende
Nadia lo aveva notato mentre stava preparando per l’apertura il piccolo bar che aveva preso in gestione sulla spiaggia. Una figura alta, immobile, che stava sul bagnasciuga. Il tempo non era clemente in quella tarda primavera e l’uomo subiva impassibile ogni capriccio meteorologico. Subiva la pioggia che cadeva a tratti, ora leggera, ora...
scritto il 2017-09-14 | da Tibet
Lacrime nella pioggia, oltre la mente
“Come diavolo si chiamava, il poeta che ha scritto “Pioggia nel Pineto?” Rimuginava l’uomo fra sé e sé, ma questo non lo distoglieva dal cogliere i colori, i profumi e le immagini specchiate sulle pozzanghere, che imprigionavano, in basso, scampoli di cielo azzurro e di verdi fronde svettanti. Aveva l’attenzione scrupolosa di chi sa...
scritto il 2017-09-13 | da samas2
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.