pulp Erotismo e sangue, contenuti forti di efferatezze e situazioni eccitanti

Le ultime storie per adulti del genere pulp

Il genere Pulp raccoglie quei racconti erotici che propongono vicende dai contenuti forti, abbondanti di crimini violenti, efferatezze e situazioni macabre. Storie di erotismo e sangue. Storie per adulti che contemplano sofferenze fisiche, mutilazioni e/o addirittura morte. Il connubio sesso e morte sfocia spesso nel mistero, in questa categoria invece troverete racconti erotici espliciti, che lasciano decisamente meno spazio all’immaginazione.

8 3 3 racconti erotici del genere pulp e sono stati letti 3 3 7 9 9 7 7 volte.

La vendetta di Salem 3
Salem 3 Oggi Rinunciare a questi momenti. Due corpi nudi che si abbracciando. Il sesso di lui che si appoggia tra le tue chiappe e ti fa sentire la sua presenza. Lui che ti stringe da dietro, ti tocca le tette, ti abbraccia, ti bacia sulla spalla, si muove sinuoso strusciando l’uccello contro di te. Desiderosi di amore e di sesso, di desiderio...
scritto il 2021-05-01 | da Vandal
La vendetta di Salem 2
Salem 2 I “Noi esistiamo da tempi immemorabili. Non sappiamo realmente quali sono le nostre origini. Esistiamo, sopravviviamo nei secoli e moriamo con la capitolazione della nostra testa” racconta Duncan “Io sono nato in Irlanda nel 1602. L’omone lì, si chiama Gratho e e vive da primo che il Profeta Cristiano finisse crocefisso. Poi...
scritto il 2021-04-30 | da Vandal
La vendetta di Salem 1
I “Pertanto, questa Corte condanna l’imputata Mary Wilcott colpevole di stregoneria e la condanna a morte per impiccagione” sentenziò il Giudice davanti alla Giuria. La ragazza accusata gridò e si mise a piangere, mentre due robusti uomini l’afferravano e la trascinavano via dal pubblico, ingiurioso, che la coprì di sputi e insulti...
scritto il 2021-04-28 | da Vandal
Mecha libido 4
III-Mecha libido I Il parassita aveva cambiato corpo, lasciando quello di Leri in un condotto, priva di vita. Ora era un aitante bruna prosperosa, con le tette grandi come cocomeri. Si chiamava Antonella Giani ed era uno dei capi tecnici che sovraintendevano l’hangar mecha. Bene, poteva girare liberamente senza destare sospetti. I suoi ordini...
scritto il 2021-04-22 | da Vandal
Mecha libido parte 3
III-Mecha libido I Più arduo del previsto, i piloti V e Y tornarono all’ammiraglia un po’ ammaccati. “Erano piuttosto coriacei, questa volta” commento V reggendosi un braccio Fu condotto in infermeria, scortato dalla su fedele compagna Y . L’ammiraglio li raggiunse in infermeria e comunicò loro che, il parassita era riuscito a...
scritto il 2021-04-21 | da Vandal
Mecha libido parte 2
Mecha libido- Parte 2 I Il tentacolo era viscido, sembrava gomma. LA donna era nuda, tenuta ferma da cinghie d’acciaio, le gambe divaricate. Il tentacolo strisciò verso di lei, si apri in quattro punte e avvolsero la donna che urlò. Strisciavano liquidi, come bave di lumaca. Stringevano i seni, schiacciavano i capezzoli. Uno si avvolse...
scritto il 2021-04-20 | da Vandal
In bilico
era primavera da giorni, cinguettii felici fra lucide gemme, gatti in agguato furbi e lesti, pollini e odor d'erba, fiocchi dai pioppi, a solleticar narici, l'asma mi prese più forte, sferzata dalla malattia, l'aria fuggì e rovinai a terra, svenuta. "Massimo, di questi anni buia luce!" "amore mio è un sogno, desta!" 'soffiami via l'anima e...
scritto il 2021-04-18 | da beatrice
Mecha libido
I La libido come energia alternativa. Quando il dottor Samael lo aveva proposto qualche anno prima, nessuno lo aveva preso sul serio. Usare l’orgasmo maschile e femminile per muovere delle macchine da guerra. Tutti risero. Il dottor Samael venne allontanato dall’Università, sotto le risa dei suoi colleghi. Almeno fino a che non scoppiò la...
scritto il 2021-04-18 | da Vandal
Storie del sabato sera
Storie del sabato sera I- Sul divano Si viene a sedere accanto a me. Mentre guardo il TG, lei si accoccola accanto, fa quasi le fusa. Non vuole sesso, non in quel momento, ma qualcosa da trastullare. Rimango lì, indifferente, mentre le notizie del Mondo scorrono sullo schermo: Covid, politica, arresti eccellenti, zone di guerra, disastri...
scritto il 2021-04-05 | da Vandal
Fuoco e Ombre
I Un intrico di rami, sembrano braccia di streghe che coprono il sole. Un ombra di fumo fluttua sotto di essi, su un sentiero di terra bianca. Le braccia si muovono sospinte da un vento lieve. S’intrecciano, stridono con le cortecce. L’ombra di fumo s’inoltra sempre più nelle profondità del bosco, dove la luce fatica a filtrare e i suoni...
scritto il 2021-04-05 | da Vandal
I treni di notte
C'è stato un tempo prima del Great Reset, prima che ci riducessero tutti alla miseria, in cui oltre a respirare si poteva ancora vivere. Le bollette erano più basse, i traghettini vendevano enciclopedie invece che contratti e andare in treno costava poco. I treni di notte erano un mondo a parte, come città mobili abitate da gente che sembrava...
scritto il 2021-04-05 | da Hermann Morr
I crush bon bon di Montgomery Clift
“Tu sei soltanto una fica che aspetta di essere scopata”. Guardava il film senza prestarmi la minima attenzione. Le immagini si riflettevano sugli occhiali scuri, mentre aspirava profonde boccate dal suo sigaro. Non lasciava trasparire nessuna emozione, una mano nella tasca dei jeans, l’altra in un guanto da motociclista, davanti al viso,...
scritto il 2021-03-28 | da Capitan_America
Marta
I Rientra tardi la notte. Ormai è un’abitudine. Marta è già a letto, girata su un fianco. Non dice nulla, il respiro è regolare a simulare il sonno. Sente il rumore delle chiavi che colpiscono il posacenere. Lui che sbuffa mentre si toglie il cappotto. Rumore in cucina di sportelli aperti e chiusi. Poi, la porta della camera si apre, i...
scritto il 2021-03-26 | da Vandal
Celestino Cap.: XV proseguendo
Cap.: XV Proseguendo … “Buongiorno signor Conte, … buongiorno signor Castaldo!” “Buongiorno a voi, … Camillo, Clelia, … e buongiorno Celestino. Dormito bene?” “Sì! Da ieri sera presto … ha sempre dormito come un ghiro; … e che … al risveglio …” “Sì, Camillo …!” “Come posso dirle, signor Conte: ci siamo...
scritto il 2021-03-25 | da bepi0449
Inferno
Passo la porta, è un oggetto anonimo, semplice, ma di una bellezza altera. Un semplice portale direi, un arco quadrato, due colonne sorreggenti un architrave, tutto in metallo nero e lucente. Come lucente è il prima, buio è il dopo. Ma vedo lo stesso, non è un buio completo e neppure una penombra; è come certi quadri del maestro, del...
scritto il 2021-03-23 | da Lucrezia
Epilogo in spiaggia
Cristina scappò con quella donna poco più grande di lei quando aveva poco più di 30 anni: era sposata già da qualche anno, moglie fedele e per bene, poco appariscente e senza grilli per la testa, quando prese quella colossale sbandata. Che fosse amore o meno, non era così importante: di certo nella sua breve vita fino a quel momento...
scritto il 2021-03-19 | da diaboldik
Riti della luna sorgente
Riti della luna sorgente I Striscia. Ombra sinuosa si ramifica sulla terra. Ombra su ombre. Come una serpe sulla terra ghiaiosa e sulle sterpi. Nasce dalle radici di un antico oscuro, nel cuore più profondo del bosco. Lì, da tempo immemore, germoglia una volta all’anno, boccioli di rosa blu. Nessun insetto in esso vi posa. Nessun nettare da...
scritto il 2021-03-16 | da Vandal
Brutale
BRUTALE I L’odore della salsedine che penetra nelle narici. La sabbia sotto le unghie. Il calore del sole che le riscalda la pelle. L’odore del mirto selvatico che cresce lì intorno. Le strida dei gabbiani che si incorrono nel cielo. Gli occhi spalancati, umidi, fissi su un sasso grigio dalla forma strana. L’odore della sua pelle e del...
scritto il 2021-03-11 | da Vandal
Primo contatto - parte sesta
Lei si avvicinava, il perseide dietro la spessa parete trasparente la faceva sentire come una scimmia in uno zoo, la osservava senza aprire bocca. Si, perchè aveva gli occhi, troppo dritti, e una bocca, troppo sottile, un naso troppo piccolo, parevano assenti tutti quegli adattamenti che permettono agli umani di immergersi in acqua. La cosa...
scritto il 2021-03-09 | da hermann morr
Orlac Sexvengeance
Il signor Orlac era segretario comunale in un paese di idioti tra cui si trovava anche qualche eccezione! Il sindaco,Inop,era un blagone di prima,amante delle cariche e dei relativi cadreghini😝 Oltre a questo,evitava di leggere la corrispondenza e altri suoi doveri di sindaco facendoli fare al povero Orlac. Questi,stranamente,invece di...
scritto il 2021-03-07 | da Orlac e Inop
La paura dell'armadio 2
III-Notte di passione con Josh “Lo sai di Martin?” la mia amica Nadia, una ragazzetta tonda e occhialuta, si venne a sedere davanti a me nella sala mensa “Martin Huge?”chiedo “Sì, lui. Suo fratello, lui e un amichetto che si era fermato a casa loro, sono finiti in ospedale” “Cosa è successo?” “Non si sa. Si sa solo che li...
scritto il 2021-03-06 | da Vandal
La paura dell'armadio 1
LA PAURA DELL’ARMADIO I- Introducing Kelly “Non saprei dove iniziare, dottore” Kelly sdraiata sul lettino dello psicologo, un po’ intimorita, con lo sguardo che continua a muoversi nella stanza, come in cerca di qualcosa. “Si comincia sempre dall’inizio” il dottore congiunge le mani e osserva Kelly. Con quell’aspetto segaligno,...
scritto il 2021-03-05 | da Vandal
Primo contatto - parte quinta
La marcia imperiale di Guerre Stellari, ancora. Era buffo come ogni volta sentisse quella musica nella mente, ogni volta che si trovava su di un minuscolo pinnace in procinto di atterrare su di una grande nave. Volgendosi a sinistra poteva vedere da un oblò i fuochi dorati della stella Icaro. Se si fosse mossa dalla sua posizione ranicchiata,...
scritto il 2021-03-01 | da hermann morr
Le conseguenze di una masturbatina 4 - Final end -
II “ho fatto una ricerca” mi dice Priscilla Siamo seduti in cucina davanti una tazza di caffè “Che tipo di ricerca?” “Una ricerca su questa casa e sui suoi occupanti precedenti” “Ad ognuno il suo passatempo” Lei si stringe nelle spalle. E’ nuda tranne che per le sue mutandine. Io mi sono rimesso i boxer e ora sono lì, con la...
scritto il 2021-02-26 | da Vandal
Primo contatto - parte quarta
Due ore dopo la sveltina storica, una Yuko finalmente distesa, sorridente e con l'uniforme perfettamente stirata, scendeva dalla monorotaia nei pressi della Tattica. Rimase un attimo di troppo a guardarsi attorno chiedendosi se fosse il posto giusto o dovesse chiedere indicazioni alla I.A. quando da un 'altra direzione le si avvicinò un...
scritto il 2021-02-22 | da hermann morr
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.