Erotici Racconti

sadomaso Fruste, corde, manette e altri strumenti per infliggere dolore al partner

Le ultime storie per adulti del genere sadomaso

Il genere Sadomaso raccoglie i racconti erotici che trattano di Sadomasochismo, cioè l'insieme delle pratiche erotiche basate sull'imposizione di sofferenze fisiche, anche tramite oggetti che possono provocare sofferenze, come fruste, corde e altri strumenti per infliggere dolore, su un partner.

1 8 6 racconti erotici del genere sadomaso e sono stati letti 1 6 5 0 1 6 3 volte.

Sei solo mio CAP 2
Sono in uno scantinato, nudo, al buio totale con una catena alla caviglia. Il tempo passa, ore minuti o secondi? non lo so, non ho punti di riferimento. Arrivo a pensare che forse morirò qui, penso che mai più nessuno mi troverà..sono veramente un coglione, ci sono venuto di proposito qui. All'improvviso una luce rossa s'accende, mi da la...
scritto il 2018-01-12 | da SlavePZ
Sei solo mio CAP 1
Lo sto facendo, forse sono impazzito... Sono in auto, con un plug nel retto e sono in viaggio..destinazione una casa in campagna dove mi attende uno sconosciuto. Sono diversi mesi che parlo via messaggi con un certo Marco, signore sui sessanta anni, appassionato di sadomaso. Dice che ha una campagna con una dom, mi vuole possedere una notte....
scritto il 2018-01-12 | da SlavePZ
Sono il tuo cane CAP 5 FINE
Giorno 4: E’ mattina, vengo svegliato la gabbia viene aperta, e mi viene tolta la maschera, la padrona mi guarda, poi mi mette il guinzaglio. Faccio come tutte le mattine i miei bisogni, viene agganciata la cintura di castità i guanti e infine il plug con la coda. Vengo condotto alla solita catena, questa mattina faccio colazione con i...
scritto il 2018-01-05 | da SlavePZ
Sono il tuo cane CAP 4
Giorno 3: Si apre la porta della gabbia, sono già sveglio, per colpa del cappuccio non ho idea dell’orario e soprattutto non ho idea di chi mi abbia svegliato. Mi viene legano il guinzaglio al collare e con ancora il cappuccio vengo strattonato, è difficile stare al passo quando non si può usare la vista, sento il terreno sotto i piedi e...
scritto il 2018-01-05 | da SlavePZ
Sono il tuo cane CAP 3
Giorno 2: E’ mattino, che notte..l’umidità della notte si sente ancora nelle ossa, ho dormito poco e male, costretto in una piccola gabbia, non posso stendere le gambe e non posso alzarmi, mi fanno male le ossa. Vedo le prime luci del giorno, mi domando cosa succederà oggi. In lontananza vedo avvicinarsi il mio padrone, in mano ha il...
scritto il 2018-01-04 | da SlavePZ
Sono il tuo cane CAP 2
"SONO DOLCE SOLO CON MIO MARITO, NON ASPETTARTI LE COCCOLE"... A pronunciare queste parole era stata la moglie di Dario, una signora sulla sessantina, non molto alta ne bella (una pancetta vistosa e qualche ruga di troppo) molto ben vestita, i suoi movimenti erano eleganti, parlava un italiano perfetto, era una persona ben istruita. Mi guardava...
scritto il 2018-01-03 | da SlavePZ
Sono il tuo cane CAP 1
Questo racconto è vero..Mi presento, mi chiamo Aldo all'epoca avevo 19 anni, da quando ero bambino sentivo costantemente il bisogno di essere sottomesso. Quando i miei genitori mi punivano godevo segretamente e con gli anni capii di essere uno slave, grazie a una chat conobbi il mio Master. Si chiamava Dario e aveva quasi 60 anni, mi disse da...
scritto il 2018-01-02 | da SlavePZ
Parlerai, puttana, saprò come farti parlare
Sai troppe cose, verrai rapita e torturata per farti parlare. Non ti avevano avvertito che dolore e orgasmo sciolgono qualsiasi lingua? Da anni ormai sei l'assistente di uno scienziato e quello che ha scoperto non ti piace. Un laser che se cadesse nelle mani sbagliate potrebbe essere un'arma di distruzione di massa. Stai tornando a casa la sera,...
scritto il 2017-12-29 | da Evoman
Ivana la Puttana
Ivana era fuori dall'aula dell'Università dove aveva appena sostenuto per la terza volta l'esame di letterature comparate. E per la terza volta era stata bocciata. Il volto era rigato di lacrime: come avrebbe fatto a dirlo ai suoi? La mantenevano da fuori sede, non le facevano mancare nulla. Lei doveva preoccuparsi solo di vivere, divertirsi e...
scritto il 2017-12-28 | da sottomessa1846
Io, la Regina
Sono io, la Regina, e non posso tollerare questi atti di insubordinazione. Comprendo che ricevere in gola e senza preavviso un tacco 12 possa provocare un conato di vomito, ma non sono qui per esercitare la comprensione, sono qui per essere compiaciuta e condotta al piacere; non credo sia difficile da capire. Per cui volgo lo sguardo al mio...
scritto il 2017-12-20 | da fabrizio
Spanking e fagioli
Sei legato prono al tavolo, le caviglie bloccate alle gambe, il petto appoggiato al piano, le braccia distese e bloccate anch’esse; ti slaccio e sfilo la cintura, ti abbasso pantaloni e mutande ed espongo le natiche… sono simmetriche, sode, lisce… sono belle… ti imbavaglio, mi danno fastidio le urla, hanno un non so che di teatrale che...
scritto il 2017-12-13 | da fabrizio
D e D
d e D si erano conosciuti tramite un annuncio su un sito sadomaso, D aveva contattato d e dopo un incontro preliminare l'aveva invitata a casa sua per mettere in atto le proprie fantasie. D era molto più giovane di d, non era propriamente dominante ma d vide subito in lui un immenso potere mentale inespresso. d d'altro canto non era una...
scritto il 2017-12-13 | da SickInYourMind
Jessica ed Helen tra torture e sesso
Grido: maledizione, Helen! Ci hai fatto scoprire per la tua dannata voglia di sesso! ci stavamo infiltrando nella loro organizzazione, potevamo scoprire i nomi dei loro capi, e tu, per fare la femmina sexy con quel George, che conoscevi da pochi giorni, gli dici, a letto, di essere un agente dei servizi segreti, depositaria di files riservati!...
scritto il 2017-12-06 | da Amoledonne
Ada: piacere e torture
Questa è la mia storia: Mi chiamo Ada, ho 36 anni, sposata da dieci. Ora mi descrivo, affinchè i lettori del mio diario capiscano come si sono verificate le cose che hanno cambiato la mia vita: sono alta più di 1 metro e 75, ho misure da sballo: 95-65-95, ho capelli biondi, seni sodi, gambe perfette: lunghe, tornite, perfettamente...
scritto il 2017-11-15 | da amo le donne
Il mondo di Tess. Don Sandro.
N.d.A. Ora è Tess che si racconta in prima persona. Per la festa del patrono del paese dove trascorrevo l'estate era tradizione partire nel pomeriggio del giorno precedente per la cima del monte Tondo, qui trascorrere la notte attorno ai falò con canti e balli, assistere al sorgere del sole e poi dopo la messa passare la giornata in giochi e...
scritto il 2017-11-01 | da Tibet
Due fratelli e la loro sorella 2
Il mattino dopo ci svegliammo di prima mattina e dopo esserci lavati e aver fatto unacolazione abbondante, con tutta calma scendemmo nel deposito, aprimmo la porta e vedemmo nostra sorella che si stava contorcendo, per quanto poteva, per il forte stimo di urinare, impossibilitata dal tappo dentro la fica. Mio fratello si avvicinò alla sorella e...
scritto il 2017-10-15 | da pervert64
Due fratelli e la loro sorella
Ciao a tutti. Mi chiamo Lario e ho 20 anni, sono un ragazzo alto 180, capelli castano-bruno tagliato corto, la mia vita si svolgeva fra casa, scuola (università - facoltà di ingegneria) e la palestra (dove vado due volte alla settimana); poi c’è mio fratello Michele di un anno più grande alto all’incirca quanto me con dei capelli...
scritto il 2017-10-15 | da pervert64
I veri piaceri di Carmen
Il racconto che farò copre 6 anni della mia vita: mi servirà per ricordare quanto sono stato stronzo! mi chiamo Dino e ho 23 anni. Ne avevo 17 quando la conobbi! Ero in terza liceo scientifico e la nostra prof di matematica andò in pensione. Il preside venne a presentare la sostituta della nostra vecchia insegnante. Quando entrò in classe...
scritto il 2017-10-02 | da Amoledonne
Cristina in campagna 3
Domenica mattina Cristina deve espletare i suoi compiti di serva da toilette, cameriera, cuoca, troia. Ma il pomeriggio sarà di divertimento puro...Ho invitato in campagna tre coppie di amici, che spesso possono servirsi di Cristina usandola come cagna, troia, schiava..... verso le 14 eccoli arrivare, allegri, come al solito e, come al solito,...
scritto il 2017-09-30 | da Padrone di Cristina
Cristina in campagna 2
il risveglio nel mio lettone caldo é subito accompagnato dalle labbra della mia schiava, che si muovono morbide coprendomi il cazzo di saliva.... Cristina sa che in questi giorni sarà, oltre al mio giocattolo da torturare, la mia serva, il mio bidet, la mia puttana.....vado in bagno col cazzo indurito dalla tua bocca e dalla voglia di fare...
scritto il 2017-09-29 | da Padrone di Cristina
Cristina in campagna
Andiamo nella casa di campagna, una villetta con ampie vetrate che, d'autunno, mentre stai davanti al caminetto ti permettono di vedere il prato e il gruppo di alberi intorno, a volte sfumati da una nebbiolina che affievolisce i contorni... sarà un bel weekend. Ho voglia di godermi la mia schiava e ho voglia di sentirti urlare. Saranno quasi 3...
scritto il 2017-09-27 | da Padrone di cristina
La mia schiava Cristina
Col soprabito allacciato , un grosso vibratore infilato nella fica e legato in vita, ti passo a prendere e ci dirigiamo verso il centro. Il vibratore é di quelli comandati da un telecomando che io ho infilato nella tasca... arrivati, scendiamo dalla macchina, e poi, per mano, via xx settembre, io accendo, cambio frequenza, spengo più e più...
scritto il 2017-09-27 | da padrone di Cristina
Mia moglie Cetty violentata
Fermai la macchina nel parcheggio piccolo dell'albergo, situato nella parte est della Sicilia, all'indirizzo che mi aveva dato mia moglie, quello riservato al personale, in modo da non intasare il parcheggio riservato agli ospiti. Ormai da un anno mia moglie Cetty aveva intrapreso questa attività di organizzazione di matrimoni alle dipendenze...
scritto il 2017-09-03 | da Belfagor66
Omicidio al club bdsm 4: Jessica con Frank
chi mi vuole contattare può scrivere a padrone29@gmail.com Jessica nella villa di Frank Jessica venne accompagnata nella stanza di di colui che se le era aggiudicata durante il gioco che si era svolto durante la festa. Questo luogo come tutta la villa era monitorato con delle telecamere a circuito chiuso per vedere se effettivamente Jessica si...
scritto il 2017-09-02 | da padronebastardo
Lo Psicopatico - capitolo I - La Preda
Lui la osservava da un bel po’, dopo qualche minuto aveva già capito che era sola, dopo qualche altro minuto l’aveva sentita parlare ed aveva capito che era straniera, ma non aveva capito di dove. Parlava inglese, ma si sentiva che non era la sua lingua La faccia era smunta, i capelli erano stopposi e le tette erano due pere un po’...
scritto il 2017-09-02 | da Koss
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.