Erotici Racconti

dominazione Sottomissione BDSM, master e mistress, dominatori e sottomessi

Le ultime storie per adulti del genere dominazione

Il genere Dominazione, complementare della sottomissione, è una parte fondamentale nel BDSM (Bondage-Domination-Sado-Masochism), raccoglie i racconti erotici in cui l'eccitazione viene provocata non dal puro e semplice contatto sessuale, ma dal controllo e dall'autorità che il "dom" (dominatore o dominatrice) detiene sul "sub" (sottomesso o sottomessa). I rapporti tra dom, nel caso sia uomo Master, nel caso sia donna Mistress, e sub sono del tutto indipendenti dal sesso delle due parti.

1 3 9 1 racconti erotici del genere dominazione e sono stati letti 7 9 8 7 3 5 3 volte.

Terroristas
In un Paese latino-americano una coppia viene portata in caserma per un interrogatorio molto speciale.... soprattutto per lei. La vacanza con mia moglie volgeva al termine. In serata ci sarebbe stato un elegante ricevimento nella hall dell’albergo e noi due eravamo già pronti, coi nostri vestiti più eleganti. Lei, Gianna, faceva davvero un...
scritto il 2016-12-30 | da Evoman
Sottomissione Totale XII Capitolo
A questo punto michela venne liberata dalla gogna fu sorretta a stento da mauro era estremamente provata da quella esperienza che non avrebbe dimenticato. Capo-per oggi basta con le riprese, accompagnate la troia ed il frocetto, nella loro stanza Mauro- ma come non possiamo andare a casa nostra? Capo-no voi rimarrete qui sino a quando non avremo...
scritto il 2016-12-30 | da masterfill72@gmail.com
Lavoro da funzionario
Era una calda sera estiva quando il telefono squillò. -Pronto -Ciao, i documenti che hai presentato non vanno bene, dovresti ripassare qui in agenzia -Ma è tardi e io ero a quasi a letto, non possiamo risolvere domani? -No, mi dispiace, altrimenti non posso darti il via libera e la merce non può partire -Va bene, arrivo In dieci minuti la...
scritto il 2016-12-30 | da sessoeamore
Lui
Ho riesumato dalla mia scrivania, un breve raccontino, il mio primo racconto erotico. Vorrei condividerlo con voi. ********** Ecco brava.....continua così. Ora voltati, voglio vedere il tuo culo....mmmmm.....hai un culo bellissimo! Ora voglio che alzi la gonna....siii....brava. Appoggia le mani alla parete, ferma così....oh siiii....lo so che...
scritto il 2016-12-28 | da Carol
Cecilia - Un fine settimana - CAP IV
- Capitolo 4 - Erano più o meno le dieci e mezza, e Ludovico rientrava in casa dopo le piccole commissioni che aveva avuto da fare. Aperta la porta, si dirige subito in camera per mettere a posto alcune cose, e neanche si accorge di Cecilia. In sala c'era un grande tappeto rosso, pakistano. Era un tappeto spesso e morbido, con delle decorazioni...
scritto il 2016-12-28 | da itamobydick
Uno scherzo del C? Cap.1
Ero certo, quasi certo si trattasse di una burla, anzi, di una autentica presa per il culo. Quei due miei compagni di università...neanche ci piacevamo troppo. Ciao e poco altro...arrivo comunque tutto in tiro nonostante temessi di essere accolto da risate o da gente incazzata. I complicati contatti attraverso diversi siti stranieri ed ultra...
scritto il 2016-12-27 | da Chiodino
Signorina, stasera dovrebbe fare gli straordinari
Mentre mi riabbottonavo la camicetta mi annunciò che quella stessa sera avrei dovuto fare gli straordinari. Per straordinari intendeva accompagnarlo ad un' importante cena di lavoro dove avrei dovuto intrattenere la matura moglie dell' amministratore delegato di una grossa azienda milanese. Avevo altri impegni per la serata ma, naturalmente,...
scritto il 2016-12-27 | da Carol
Un cuscino di piacere
Erano mesi che mi chiedevo come avrei potuto chiedere alla mia vicina di uscire ma tanto mi frenava, la nostra differenza di età innanzitutto. Vivevo a Parma già da un po’ e dai primi giorni l’avevo notata. Una quarantenne solare, quarantacinque anni al massimo. Un po’ in carne ma conturbante, sempre elegante e impeccabile, che si...
scritto il 2016-12-27 | da FrancescoPV
É questo quello che voglio
Eccolo... È davanti a me lo stronzo e per l' ennesima volta toglie il vibratore e lo lecca..."sei una troia senti il tuo sapore, avvicinati e lecca con me"...Sono esausta mi ha torturato con quel dannato vibratore per ore, mentre leccavo ho incrociato più volte la sua lingua che sfiorava la mia, la sua lurida mano è scivolata nella mia figa...
scritto il 2016-12-27 | da BIMBA79
La confessione di un'insegnante costretta
Mi sento completamente senza volontà, le gambe mi sembrano molli, vivo in un continuo stato di intorbidimento: non mi riconosco più, non so chi c’è davanti allo specchio al mattino. Per essere ancora più precisa, galleggiavo da sempre dentro una sottile percezione come di “insicurezza generalizzata” (è una sensazione che solo una...
scritto il 2016-12-26 | da DarkEnjoy
Cecilia - Un fine settimana - CAP III
- Capitolo 3 - Cecilia continuò il suo gioco per un po'. Era una situazione impressionante: c'era quel silenzio imbarazzante, il silenzio eloquente di quelle situazioni dove entrambe gli interlocutori sanno benissimo di cosa si sta parlando: un silenzio che di solito viene rotto dopo pochi istanti, ma che Cecilia non voleva interrompere,...
scritto il 2016-12-24 | da itamobydick
Che ci fate, voi qui?
Finalmente anche questa giornata è finita…sto per entrare nella via di casa mia…vedo una macchina famigliare…un brivido e un ‘ agitazione improvvisa mi assalgono. La macchina è la vostra… cosa ci fate , qui?! Qualche ora fa stavamo massaggiando…non mi avete detto della vostra visita ….ripenso ai messaggi che ci siamo...
scritto il 2016-12-24 | da S.Emma
La vigilia di Natale
Passarono 15 giorni da quando ci eravamo visti . Non mi aveva più cercata, non avevo ne un volto, ne un abbraccio da ricordare, solo un profumo una carezza e mille emozioni. Aprii la porta ed entrai nello studio del dentista, nell'attesa, socchiusi gli occhi e la mente cominciò a vagare nei meandri più nascosti ed inaccessibili. Mi venne in...
scritto il 2016-12-24 | da taitA
Il leccapiedi di mia madre e mia nonna
Sin da piccolo ero stato educato ad essere il cane di mia madre Teresa e di mia nonna Carmela. Mia madre aveva 57 anni era grassoccia capelli tinti castani alta 170 cm culona tettona con un 40 di piede spesso e imponente...le unghia sempre smaltate di rosso e indossava ciabatte in pelle con zeppa nera e tomaia bianche Mia Nonna Carmela aveva 71...
scritto il 2016-12-23 | da Toe jam
Il Circolo dei Bastard 5
SONO DI DUE UOMINI. AMO IL PRIMO, TEMO ED UBBIDISCO AL SECONDO. Una stanza ben arredata. Vi si accede attraverso la porta di un lungo ingresso, quasi più un corridoio molto largo, tanto da poter contenere i due divani contrapposti e tra questi un tavolino basso dal ripiano di marmo. La stanza è quadrata, una sola finestra che affaccia sul...
scritto il 2016-12-23 | da Chiodino
La mia cagna da riporto. Cap.4
CAP 4 Voglio farmi il suo bel culetto e l'ha capito. Non le piace proprio prenderlo nel sedere, neanche dopo l' apprendistato cui l' ho costretta in questi giorni. Anche entrando con una certa prudenza se ne lamenta dice che fa male. Non ce l'ho neanche troppo lungo. Qualche tempo prima me lo sono misurato, roba da ragazzini e non certo da...
scritto il 2016-12-23 | da Chiodino
Il circolo dei bastardi 4
Note dell'autore: CHI E' IL MIO AMANTE, A CHI APPARTENGO? AMO LUI, UBBIDISCO AL DOTTORE CHE NON VUOLE AMORE MA SOLO UBBIDIENZA Bene signorina, si stenda. Un bagno caldo e profumato di aromi, erbe, spezie, non so quali, non mi interessa. Sto imparando a vestire come gli piace, quando mi è concesso ed anzi imposto di indossare un abito, a tenere...
scritto il 2016-12-22 | da Chiodino
La scommessa II
"Bimba ho una voglia fottuta di goderti"...chiudo la chiamata, chiudo gli occhi, respirando a fondo il profumo di cuoio, di fumo e da quando ci sono anch'io in questa piccola mansarda di vaniglia...guardo fuori dalla finestra, è quasi buio, i lampioni cominciano a scaldare con le loro luci calde donando a questo paese quell' atmosfera tipica,...
scritto il 2016-12-21 | da BIMBA79
Finalmente si gode
Questo, è un racconto di fantasia… che spero possa diventare realtà…. Fuori è una serata fredda, nebbiosa e anche un po tetra… ma, I brividi che provo, non sono dovuti a questo….sono in casa, al caldo…in camera mia, con le luci soffuse delle candele e il profumo del brucia essenza che invade la stanza… sono in ginocchio davanti al...
scritto il 2016-12-20 | da S.Emma
Sorpresa di Natale
- Tratto da una storia vera - Sorpresa di Natale Finalmente a casa! Quella commessa di lavoro extra, così urgente e indispensabile, che il capo era stato così velatamente gentile e falsamente dispiaciuto a richiedergli proprio la vigilia di natale, era, per fortuna, finita prima di quanto avesse temuto ed era rientrato di corsa a casa, felice...
scritto il 2016-12-20 | da Ronin Moonlight
Il Circolo dei bastard Cap 3
Note dell'autore: ESSERE UNA COSA, SOLTANTO UNA COSA. NON PER AMORE MA SOLO PER IL SUO PIACERe. Piera aspetta in ginocchio, la fronte appoggia sugli avambracci. Tiene gli occhi chiusi come bastasse a cancellare tutto. Stanno, quello sta per sodomizzarla, romperle il sedere. Ne ha presi di altrettanto grossi, qualcuno di più grosso anzi, al...
scritto il 2016-12-19 | da Chiodino
La mia cagna da riporto
Cap. 3 Note dell'autore: Più che bella è un tipo, ma... ---- ----- La pausa caffè è una abitudine ormai. Quando abbiamo tempo, come oggi, una gran bella abitudine. Io di tempo sapevo di averne, che ne avesse Lizi lo ho capito quando ha spento il suo PC. Vado a fare la doccia, caro, poi vengo e faccio il caffè. Va bene, io mi faccio la...
scritto il 2016-12-19 | da Chiodino
Cecilia - Un fine settimana - CAP II
Faceva caldo e quella macchinina ronzava per la sala, con Ludovico tutto contento e Cecilia stanca che sfogliava quel libro noioso. Arresasi, poggiò il libro sul tavolino e si mise a guardare quella macchinetta fastidiosa, che andava su e giù, prima lontana e poi vicina. C'era Ludovico che si divertiva, ma poi... nessun altro. Pensava fra se e...
scritto il 2016-12-19 | da itamobydick
Cecilia - Un fine settimana - CAP I
- UN NUOVO GIOCATTOLO - Ludovico oggi era tutto contento, finalmente aveva ottenuto il regalo che tanto aspettava: la scuola era finita, e i suoi genitori gli avevano dato una gran bella mancia per la bella pagella che aveva portato a casa. Lui, anche se un po' grandicello per giocare con le macchinine, non aveva mai perso la passione per le...
scritto il 2016-12-18 | da itamobydick
Presto sarò dietro di te
PROLOGO: Il dito, toc­cò lo schermo ed il r­acconto, fu' inviato ­nei meandri del web, ­atterrando in quel si­to, che tanto lo attr­aeva, perché fatto e ­costituito da gente n­ormale, proprio come ­lui. Passò mezza gior­nata e dopo il vaglio­ dei responsabili avv­enne la pubblicazion­e. Era il primo racco­nto... per la prima...
scritto il 2016-12-17 | da taitA
cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.