Piccolo petalo di ciliegio

Scritto da , il 2021-10-06, genere sentimentali

“Devo andare!”
“Gioia del mio cuore, di già?”
“Lo sai com'è. Quando ti tocca, ti tocca!”
“Un ultimo bacio, gioia!”
“Mi ricorderò sempre di te, non trattenermi!”
“Ci rivedremo?”
“Chissà!”
“Io lo spero tanto!”
“Vado!”
“Buon viaggio, amore!”
Yuko si staccò dalla corolla, un po' a malincuore.
Stringendo le labbra soppresse un impulso di pianto, si fece forza, e subito si trovò avvolta dal vento.
Un vento malizioso e allegro che l'avvolse come fra mille carezze.
Un alito tiepido e morbido, sensuale e accattivante, che, rubandole un sorriso, le raccolse una lacrima furtiva facendole dimenticare il dolore del distacco dal fiore di ciliegio in cui era nata e cresciuta.
Tutta la sua vita, raccolta, in fondo, solo in una manciata di giorni, si era già compiuta e ora l'aspettava una solitaria avventura che il vento avrebbe edulcorato con le sue delicate tentazioni.
Non un volteggio incerto, un lento planare lungo traiettorie imprevedibili fino alla base del vecchio tronco coperto di muschio, insieme a migliaia di altri petali che, sull'erba umida di rugiada, vibravano in attesa di ritornare nel ventre della madre Terra.
Per Yuko il fratello vento aveva preparato un destino diverso.
Il fragile petalo vide la moltitudine allontanarsi, mentre il soffio bizzarro la conduceva lungo inediti destini.
“Questa po!” le scappò detto, quando, invece di ritrovare le sorelle e i fratelli sul ripido crinale erboso, si sollevò cullata dalle volute incerte della brezza dispettosa.
Il vento le sussurrava tentazioni cui lei non era abituata, la sfiorava con sensuali carezze, la vezzeggiava con irresistibili appellativi.
Yuko decise che doveva lasciarsi andare.
Lo desiderava, voleva farsi sedurre da quella vibrante sferzata, da quel miele vellutato.
Chiuse gli occhi e si fidò.
Fu allora che scoprì che poteva volare.
Forse era sempre stato nei suoi desideri, ma solo ora comprese che, lasciandosi andare, abbandonando ogni certezza, ogni reminiscenza e ogni retaggio, poteva rinascere in una nuova vita, invece di lasciarsi andare a una lenta e scontata fermentazione, a un'anonima ossidazione per ricomporsi in humus con le migliaia di altri suoi simili nel lento ciclo organico della vita.
Quanto durò quel viaggio, quel sogno, quel volo sull'altalena giocosa del fresco soffio?
Solo quando il rumore vigoroso delle raffiche si placò, consegnandola nelle amorevoli mani di una delicata canzone, Yuko credette di aver dormito e sognato.
Riaprì i suoi occhietti a mandorla e si adagiò nel caldo abbraccio di una ninfa, pigramente adagiata nelle acque imperscrutabili di uno stagno, attorno a un tempio buddista.
Le ampie foglie verde bottiglia sostenevano uno spavaldo fiore che si apriva in mille petali fucsia.
Il piccolo velo di ciliegio si consegnò nelle rassicuranti e forti braccia dell'orgogliosa esplosione di colori, all'ombra della pagoda a pilastro unico Chùa Một Cột, 榾.
Fu subito avvolta in un abbraccio focoso e circondata di baci e tenerezze.
Non ebbe più paura di finire la sua esistenza mescolata in lente e torpide senescenze organiche, e si distese, ritrovandosi ancora giovane, vellutata e carnosa.
Non ebbe più timore di mostrarsi nel suo pallido colore femminile, nelle sue incerte sfumature verso il fucsia più intenso.
Morbida rotondità variegata di preziose venature, si abbandonò all'invito d'amore del forte fiore acquatico, offrendosi in tutta la sua impalpabile morbidezza, distendendo le sinuose membra e aprendosi nelle sue provocanti curve e nei suoi umidi pertugi, agli assalti amorosi di petali bramosi.
E fu vita, tenerezza di audaci carezze, arditi amplessi e struggimento di sensi.
Soffice deliquio nella dissoluzione del proprio sé, incontro a destini intessuti di simbiosi.

Questo racconto di è stato letto 4 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.