Colazione in via Dante: irish coffee

Scritto da , il 2021-10-03, genere masturbazione

Lo cerco tra i binari. I treni vomitano stancamente orde di manager che per prima cosa si premurano di controllare l'orologio da polso, ma io sto cercando un sorriso disteso.
Beppe potrebbe essere ovunque, lo cerco senza trovarlo, finché, come per una liberazione, sento un tocco leggero sulla spalla.
"Ti avevo detto che sarebbe stato molto più semplice per me trovare te, che il contrario!"
Sorrido da sotto la mascherina e, contravvenendo alle regole, mi sfilo la soffocante ffp2 e gli do un bacio sulla guancia.
Occhi nipponici in cerca di un volto confuso nella memoria, ora possono rilassarsi appagati.
"Vieni! "
Lo prendo con decisione per il polso e lo traghetto attraverso gli anonimi mosaici della stazione centrale.
Attraversiamo un tunnel spazio-temporale e ci troviamo placidi a passeggiare tra il Duomo e il Castello Sforzesco, come se fosse già l'ora della pennica che segue il pranzo.
Passati i nobili palazzi di piazza Cordusio ora ci lasciamo trascinare dalla pigra corrente nella pedonale di via Dante, verso le signorili dimore degli Sforza.
Finchè, come un rapace, adocchio la preda e in picchiata atterriamo su una coppia di allodole che ci promettono un decoroso appagamento dei sensi. Comodamente seduti ci sentiamo ora in un salotto ben arredato, tra il via vai degli industriali frettolosi e di qualche turista curioso.
Un uomo in livrea si palesa con affettata gentilezza e ottiene un'indicazione precisa e sintetica.
"Due irish coffe, please"
Protetta dai miei tratti esotici ottengo un riverente "yes, madame" e un trattamento elitario.
Ora io e il mio ospite siamo di fronte e ci mangiamo con gli occhi.
Come sempre capita tra due persone che, senza volto, si sono lette, conosciute e apprezzate per mesi e ora riempiono una lacuna di immagini, l'ambiente si satura di espressioni, suoni e sguardi.
Alla fantasia si sostituisce l'obiettiva realtà ed è piacevole ritrovare assonanze e corrispondenze, lasciandosi stupire da ciò che invece si discosta da quanto costruito, sbagliando, nella mente.
I due caffè planano sul nostro tavolino circondati da un'aura di deliziosi aromi. Pablito si libera della mascherina per meglio evidenziare il suo apprezzamento e io mi metto a giocherellare con l'elegante posata in alpacca.
Puccio il cucchiaino trapassando l'iceberg di panna per immergermi nel pozzo di oro nero dal sentore pungente di whisky.
Trivelle in perforazione in cerca di greggio.
Il mio ospite degusta con l'appagata espressione di un habitué, le gambe incrociate, comodamente avviluppato dalla poltroncina, inspirando l'aria inquinata di Milano, come se si trovasse nella valle del Chianti durante la vendemmia.
Io me lo contemplo, lo scrittore dal cuore saggio e le parole cariche di sapienza, dal carattere mansueto e accomodante.
Ci scambiamo le frasi di rito: “Come mai proprio Neruda?”
E lui si apre in un sorriso beato, volgendo lo sguardo alle nobili architetture che ci circondano, e questo vale come dieci spiegazioni circostanziate.
Io intanto lavoro di cucchiaino all'interno della tazzina, dove tentacoli di caffè insidiano le candide rotondità della panna, quasi come emanescenze di Mordor protese verso le libere praterie di Rohan.
La grassa spuma variegata di caffè dal forte sentore di alcool mi attira in modo insostenibile, ma so che se bevessi della bevanda rimarrei punita, come Eva dopo aver assaggiato del frutto proibito, e non vorrei dare spettacolo qui, in centro a Milano, di fronte a una persona che forse pensa ancora bene di me.
Quindi mi limito a miti assaggi, picchiettature di lingua, sondaggi, il tutto mentre mi nutro delle parole e della presenza dello scrittore in visita alla metropoli meneghina.
Ma anche se poco, l'alcool ha presto ragione dei miei freni inibitori e i miei assaggi si trasformano con rapidità in piccoli tocchi con le labbra sul cucchiaino, mentre una punta di lingua si alterna, esibendosi in una studiata fellatio sul freddo metallo.
Beppe si arresta di colpo e si mette a fissare la mia lingua che, senza ritegno disegna espliciti intrecci con l'argentatura dalle morbide curve.
Sorride, l'uomo, celando un certo imbarazzo.
“Certo che se fossimo soli, così, a vederti volteggiare con quella punta di fragola attorno a quel fortunato cucchiaino...”
Lascia la frase in sospeso.
Io, ignobile fattucchiera, colgo la palla al balzo, alzo le sopracciglia e butto benzina sul fuoco. Il whisky ha già prodotto nefandi effetti sui miei sistemi di controllo del pudore.
“Ah ha! Cosa faresti?”
“Be'...”, pausa convenzionale, “sinceramente, me ne tirerei una.”
Un velato rossore suggella la confessione, imponendosi alla mia attenzione.
Sorrido, e, senza muovere il capo, esploro lo spazio saettando solo lo sguardo nelle immediate vicinanze.
Poi rilancio con aria di cospirazione: “per essere sincera, Beppe, io me la sto già tirando!”
Lui lì per lì soffoca una spontanea risata, ma quando considera la situazione con attenzione, scopre che in effetti sto tenendo il cucchiaino con la mano sinistra, mentre la destra è già scomparsa sotto il tavolo. Le gambe aperte sono nascoste a ogni sguardo.
“Ma dai!” La butta lì, ma poi mi vede mordere il cucchiaino per poi allontanarlo dalle labbra con un lungo sospiro.
Si mette comodo, allora, accettando la situazione, mentre il mio respiro si fa lungo e cadenzato.
L'abbondante tovaglietta mi copre la mano e devo ringraziare l'insolita decisione mattiniera di indossare la gonna.
Il mio sguardo si fissa allora sul suo, lo inchioda alla poltroncina.
La mia mente diventa incapace di prendere in considerazione ogni dettaglio del mondo esterno che, magicamente, diventa ovattato e sfumato.
Il mio universo si concentra tra le mie cosce, al di sopra dei confini delle autoreggenti.
Col dito mi faccio strada sotto l'elastico delle mutandine e finalmente posso muovermi a mio agio ottenendo il massimo effetto.
Con la mano libera affondo il cucchiaino nella panna e pesco una generosa dose di caffè e whisky per fugare ogni residuo di inibizione e buonsenso.
Deglutisco a fatica e già sento le vampate che dal collo mi salgono alle tempie.
In questa situazione fuori dall'ordinario, le due dita, nascoste nella mia intima profondità, raggiungono rapidamente un effetto travolgente.
Serro la bocca mordendomi le labbra per non lasciar sfuggire i gemiti che la situazione imporrebbe, ma le contrazioni agli addominali mi spremono fuori sospiri ormai incontrollati, finchè tutto si blocca. La pancia accartocciata e piccoli scatti del bacino, le pupille dilatate e un sottile velo di sudore sulla fronte manifestano a Pablo l'avvenuto orgasmo, così, sotto i suoi occhi pietosi e compiaciuti.
E solo dopo un tempo che mi sembra interminabile apro le labbra per esalare il respiro che si è fatto affannoso e profondo.
I sensi si ridestano e scopro che intorno a me è ricomparsa la rumorosa metropoli, l'aria fresca sulla fronte sudata e un sommesso interloquire del mio collega di scritture osé.
Era tempo.
Il cameriere intanto ci ossequia, ma resta un attimo interdetto vedendo la mia fronte che da pallida ora si colora in preda alla vasodilatazione, e qualche capello appiccicato nel sudore che comincia a raccogliersi in fini perline all'attaccatura dei capelli.
“Tutto bene, signori? Is it all right?”
“Direi proprio di sì!” gli confesso in un sospiro, ma devo aver avuto un'espressione davvero stravolta, perchè quello mi guarda trapelando un po' di preoccupazione; poi di fronte alla mia espressione rassicurante, abbozza un sorrisetto di ordinanza, fa un breve inchino, riverisce Pablo e si congeda.
Io mi accascio sul cuscino e mi sciolgo in un sorriso rilassato.
“Bene!” chiosa il mio complice, fregandosi le mani. “Direi che la giornata volge al meglio!”

Questo racconto di è stato letto 1 9 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.