Jap Story - Dancing on ketamine

Scritto da , il 2020-11-04, genere etero

(ma leggete prima "Effetti collaterali" by Yuko)

Una botta così mi sa che non l'ho mai presa. O forse sì, forse quella volta che io Stefy ci ritrovammo nel salottino di un club a fare a gara di pompini con quei tre ragazzi scozzesi. Però dopo mi sentivo peggio. Mal di testa, ricordo. No, macché whisky, nemmeno mi piace il whisky. Chissà che ci avevano rifilato. Adesso invece, beh, che cazzo vi devo dire? Sto proprio bene, mi sembra di volare. Un po' meno di prima, è vero, ma sono ancora in volo.

Cioè no, un attimo. Scusate ma non è facile descrivere questo frappè di sensazioni. Un attimo fa dormivo, credo. Poi mi sono svegliata, credo. Ma è anche possibile il contrario, prima ero sveglia e adesso dormo. Avete presente quella domanda priva di senso: sogno o son desta? Beh, non è poi così priva di senso in certi momenti.

Qualcosa, sì qualcosa mi ha dato fastidio. No, aspettate, fastidio non è la parola giusta. Adesso è una leggera sensazione di fastidio che si allontana. Ma prima, quando l'ho avvertita, era proprio una cosa brutta, orribile, disgustosa. Come se un ragno peloso mi scavasse dentro alla ricerca dell'anima. E' stato solo un attimo, eh? Adesso ho ripreso a volare. Sto bene, sono leggera. Ho una strana sensazione addosso, come se ci fosse qualcosa che mi sfugge, che mi manca. Passerà.

Forse però dovrei tagliare la corda e lasciarli soli, sti due. Voglio dire, è uno di quei momenti in cui in genere si cerca un po' di privacy. Chissà se fanno sempre così oppure è una cosa estemporanea. I loro preliminari, intendo. Oddio, immagino che siano preliminari, non saprei. Lui ha smesso di toccarla ovunque e adesso la sditalina. E se l'è pure tirato fuori, si sega. Lei invece è proprio abbandonata, pare che dorma. Chissà, sarà il suo modo di godersela. Ammetto che è un po' come se lo sentissi anche io, quel dito.

Il ragazzo non mi piace molto. Non che debba piacere a me, naturalmente, ma trovo che abbia una faccia da stronzo, che sia sudicio dentro. La biondina invece è mooolto ma molto carina. Un po' magra forse, tette piccole. Con gli occhi liquidi, adesso che li ha aperti, e quel sorriso... beh, diciamolo, un po' depravato. Ah, cazzo, ma così gli parla al suo ragazzo? Hai capito che troietta? "Lo sai, vero, che adesso te lo succhio?". E la faccia che ha fatto lui? Ahahaha, ma dovrebbe esserci abituato, no?

E nooooo, dai... Vedete, io adoro il cazzo, mi piace proprio. Non gli farei mai... cioè, non lo morderei mai così, in quel modo. Lì poi, dove finisce la parte più... sì, insomma, dove finisce la cappella. E i coglioni? Ho una vera passione per i coglioni, mi fanno impazzire! Ma se glieli strizza in quel modo... oh cavolo, deve fare male, eh? Senti questo come strilla... Certo, anche lui se la beccava con quello sganassone tanto bene non le faceva. Ma l'ha solo sfiorata. Deve averlo tirato un po' alla cieca. Prima di... diciamo prima di ritornare un feto nella pancia della mamma. Avete presente? Un ragazzo fatto e finito, tutto rannicchiato e con le mani proprio lì. E che grida. Però no, dai, "stronza-bastarda-puttana-ti ammazzo" non glielo può dire, non si dice a nessuna. Non si può dire a una sgualdrina di strada, figuriamoci a quel giunco biondo... Meglio se intervengo, che dite? Black Widow on her way!

- Non ci provare più a sfiorarmi o mi metto a strillare, testa di cazzo, questa è roba da carabinieri, capito? Questo è stupro!

- Troia! Troia!

- E stazzitto, coglione! (che dite, gli avrà fatto male lo schiaffo in faccia? ... mmm, non credo, non è la mia specialità, era meglio una ginocchiata sulle palle, ma se sta rintanato così come faccio? e poi quelle mi sa che stanno a posto per un po'...) stazzitto e sparisci, che Cristo-santo-com'è-vero-Iddio scendo in strada nuda come sono e ti faccio arrestare!

- Mi hai fatto maaaleee!

- Ti ho fatto poco, pezzo di merda!

- Volevo solo farmi una sega, non ti volevo scopare!

- Ma senti sto stronzo... rimettitelo dentro e scappa che non ti voglio vedere mai piuuuuù!

- Cazzo, il sangue! Me l'hai morso a sangue, porca troia!

- La troia di tua madre, idiota... vattelo a far ricucire al pronto soccorso se hai coraggio!

- Non lo dire a Ludo...

- Non lo dire a Ludo? NON LO DIRE A LUDOOO? Ludovica è mia amica e tu sei solo un pezzo di merda... filaaaa!

- Le dirò che troia lesbica ha per amica...

Time out, aspettate un secondo. Oddio... Ma lo vedete com'è? Ma che cazzo mi piglia oggi? Dall'isteria alla risata che ti ammazza. Capiterà anche a voi ogni tanto, no? Ridere così tanto che non riesci nemmeno ad emettere un suono, quasi non riesci a respirare... E' anche colpa sua, eh? Questo è proprio un imbecille! "Dirò a Ludo che troia lesbica ha per amica... pò-pò-pò pò-pò...". Ahahahahah, ma vaffanculo. Già che ci sei dille pure di quella volta che le ho leccato dalla fica lo sperma di Michele... O era quello di Cristiano? O di tutti e due? Boh, ora come ora non mi ricordo bene. Che notte quella, cazzo... Ahahahah sì, certo, dille che sono una troia. Non l'avevi capito l'altro giorno che sono una troia? Quando vi ho dato buca e sono tornata alle sette di mattina? Che credevi, che ero andata a guardare l'alba all'Idroscalo? Se see... la fermata di Cairoli... ahahahah. Mica ero tanto lontana, sai? Cento metri da voi. Mi piace tanto quella passeggiata, sempre piaciuta. I negozi, i dehors... prendevo un aperitivo con Pierluigi, un mio vecchio compagno di master. Sì sì, stavo venendo all'appuntamento con voi quando... "ehi, Annalisa!". Ebbè, mi sono fermata con lui, era una vita che non lo vedevo. Eh sì, siamo andati un po' in giro, sai com'è, i vecchi tempi. L'happy hour, la cena, il dopo cena... Eh sì, i vecchi tempi. Come si dice? La rimpatriata, no?

Eh, ma chi lo andava a immaginare. Il Pierluigi, come dicono qui. Il rampollo un po' diafano della Milano-bene, e anche stra-bene, iperfidanzato con una meravigliosa e giovanissima ereditiera della finanza cattolica. Il manzetto rampante, bello e delicato, che aveva tradito quella figlia-semplice-e-pura-meraviglia con la troia venuta dalla Capitale, sua compagna di master e di pomeriggi passati a studiare ("Pigi, sai che stasera ho voglia di scopare?", gli dissi quella volta sedendomi sul suo letto).

Un quadretto un po’ perverso, no? Sì, lo fu. Più per il contesto che la chiavata in sé, eh? Perché, a dirla tutta, quando l’ho conosciuto ai tempi del master ero sicura che fosse proprio gay. Fisicamente lo sembra anche un po’ e, considerato l'ambiente sociale, la ragazza poteva essere tranquillamente una copertura. Poi vabbè, mi aveva sbattuta (non proprio da maschio alfa, ma con un signor cazzo) e non ci avevo più fatto caso.

Questo succedeva, diciamo, un annetto e mezzo fa.

Ma perverso è stato anche il suo “Annalisa, ora ti inculo” dell’altra sera. Uh-uh, proprio così, abbiamo avuto un second time. Beh, ok, trattandosi dell’annuncio da parte un ragazzo forse non proprio sorprendente, direte. Ma conoscendo Pierluigi in fondo un po’ sì. Anche perché ha aggiunto “Fiorella ci fosse una volta che me lo dia...”. Gli ho risposto “ahahahah, sposa me e te lo do tutte le volte che vuoi!”. Però scherzavo, eh? Tra noi c’è un’intimità tale che possiamo permetterci questo e altro. Però il culo me l’ha fatto, e vi giuro che, anche se se lo è lubrificato, con quel cazzo che si ritrova è davvero un’esperienza.

Ma se parliamo di davvero di perversione, questo è niente. Il patatrac era già avvenuto qualche ora prima, proprio mentre ciacolavamo davanti a un paio di spritz al dehors.

Me lo ha sparato lui all'improvviso: "Mi piacerebbe indossare una minigonna come la tua, in privato". Ha detto proprio così, dopo avermi fatto i complimenti per le mie gambe. Un mezzo choc. Ora, lo so che sembra brutto dirlo così, ma per tanti motivi i transessuali non mi ispirano. Travestire un ragazzo da zoccola, invece... beh, anche sì, si può fare. Quando me l'ha detto ho ripensato a quella cosa che fosse gay. Ho avuto il flash di renderlo zoccolina e glielo ho detto. Un po’ per ridere e un po’ sul serio. Ci abbiamo fantasticato sopra seduti a un tavolino abbastanza centrale, peraltro. Più ne parlavamo più andavo su di giri, e anche lui. Per questo, anziché rispettare l’appuntamento con Ludo e Gigi, gli ho detto "che facciamo ora?". Lui ha chiamato Fiorella, le ha detto “luce mia, mi è venuta un mal di denti...”. Cinque minuti di rassicurazioni e ciu-ciu-ciù davanti a me, che gli sorridevo in silenzio. E’ stato eccitantissimo. Solo più tardi però, a letto, mi ha rivelato un’altra cosa. Ovvero che gli piacerebbe che sia io a vestirlo da ragazza e a femminilizzarlo, e poi fare una cosa a tre con un gay. Tipo trivellare la sottoscritta mentre lui gli fa un pompino o addirittura viene scopato. Ha usato proprio queste parole, comprese “trivellare” e “addirittura”. Sono impazzita quando me l’ha detto e l’ho supplicato “facciamolo ancora”. Come fai a non dare il culo a uno così? Ma pensavo fosse finita lì, a letto. E invece ora chissà com’è che l’idea risalta fuori, dopo che quel demente di Gigi mi ha detto "glielo dico a Ludo che troia lesbica che sei...". Ahahahahah. Ma poi lesbica perché? Che cazzo vuole?

Che poi non riesco mica a capire se sono io a pensarle, a ricordarle ste cose. O se piuttosto è quella biondina nuda che si è seduta contro il muro e sta ridendo a crepapelle. Deve essere lei, credo. Io non so neanche se ho la forza di pensare! Si potrà pensare volando? Gli uccelli pensano mentre volano? E quell'altro? Il ragazzo, dico, quello con la faccia da stronzo. Che cazzo fa lì, fermo, a guardarla? Ha minacciato di sputtanarla con Ludovica e quella se la sta facendo sotto dalle risate. Ci credo, conoscendo Ludovica... Gesù che faccia che ha. C’è rimasto come un cretino e, in più, deve proprio stare male... Non ho capito che vuole fare, però. Per me, non ha il coraggio di scavalcarla e andarsene. Ma è chiaro che non vede l'ora di scappare. E' una situazione un po' del cazzo, di stallo. Ehi, bella biondina, non è che mi fai fare una telefonata intanto che vi decidete? Lo sai che il salvaschermo del tuo iPhone è uguale al mio? E com'è che hai il numero di Pierluigi in rubrica?

- Ohi, Pigi, sono io... tesoro... Seeenti, ti ricordi quella cosa che volevi fare? Beh, è ora. Eh, che c'è? Ora! Ora si può fare, se ti va ancora. Sennò no, pace. No, non ho nulla, molla tutto, dai... Ma vaffanculo va', ma che cazzo c'hai da fare? ... dai ti aspetto. E tu che cazzo ci fai ancora qui? Te ne devi da annà! Smamma, schioda! No... no, niente, non è niente Pigi, uno stronzo... Il ragazzo di una mia amica... l'ex ragazzo... dai, vieni? Ok, su che con la moto ci metti dieci minuti.

Un po' mi sembra ancora di volare e un po' no. Caaazzoooo, ma sto così bene. Specie adesso che quello stronzo è andato via. Sì, ok, sto con le chiappe nude sul pavimento accanto alla porta del bagno, ma ditemi voi se non è un posto da principessa... Se non fosse per questo... non so, è come un senso di languore. Non vi capita mai? Tutto fila liscio ma c'è qualcosa che non torna, un cerchio che non si chiude. Un'assenza, un senso di mancanza. Il telefono? Chi è che rompe i coglioni adesso? Pigi? Ma cazzo, che ha fatto? Ha volato? Altro che "ho da lavorare" ahahahah...

Gli spalanco la porta di casa completamente nuda. Se qualcuno stesse scendendo per le scale - e quasi mi dispiace che non scenda nessuno - potrebbe rifarsi gli occhi. Mi guarda e scoppia a ridere: “Ah, ma proprio così?”. Io gli rispondo che stavo scegliendo un po’ di cose per lui, ma viene da ridere pure a me. Anzi, sghignazzo proprio quando lo trascino per mano in camera mia. Perché mi pare evidente che sia tutta una burla, non è possibile.

Perché diafano ok, slanciato ok... ma le cose mie non gli entreranno mai, è ovvio! Glielo dico e mi metto a ridere un’altra volta, lui sorride ma un po’ si incazza. Ma no che non sono scema, Pigi... e vabbè, sei venuto fin qui, ma non si può, dai, sono una trentotto, a volte anche una trentasei... Dio santo, se solo smettessi di ridere e se lui smettesse di chiedermi che cazzo ho da ridere...

- Cazzo ti ridi? Oh...!

- Rido perché manca qualcosa, non ti sembra che manchi qualcosa? – domando.

- Annalisa hai fumato di prima mattina? – risponde – dai, fammi provare... Che è st’odore?

- Oppio...

- Seee, ma va’ a cagare...

Va beeene, d’accordo... prova la mini. No, il vestito dell’altra sera no, col cazzo che te lo do... Il reggiseno? ... mmm mi sa che non lo chiudi, vediamo... wow! Ahahahah il peri? Ma il mio peri, primo, non ti entra. Secondo, ti nasconde al massimo un coglione! Le autoreggenti? Non ce l’ho le autoreggenti, non me le sono portate! Mi sono portata i collant, quelli non ti salgono proprio fin su... ahahahah ma dai, che cazzo vuoi tagliare? Lo guardo e penso che deve essere ammattito. Oppure che ci tiene proprio...

- Ahahahahah ma che stronzata, vuoi trasformare i collant in autoreggenti?

- Giuro che poi andiamo da La Perla e ti rifaccio il guardaroba...

- E sì, La Perla La Perla... ti prendo in parola, eh? Ahahahah, aspè che cerco le forbici... Ma cazzo, almeno togliti i boxer! Ti vuoi mettere la mini con i boxer?

E’ chiaro che finisce così, no? Come volete che finisca? Con la mini che fa strap, le calze che, vabbè, sembrano parigine più che autoreggenti e in più una gli cade pure, con i piedi che... madonna mia Pigi come sei conciato...

- Io vorrei sapere come cazzo ti è venuto in mente - gli dico mentre finisco di sistemargli le ciglia col mascara.

- E' una cosa che ho sempre sognato, ma ti pare che lo dicevo a Fiorella? Mi vergognavo anche a dirlo a te l’altra sera!

- Ahahahahah.... immagino che dopo avere inculato una ragazza, però, cadono molti freni inibitori...

- Ma quando te l'ho detto mica ti avevo ancora... Mi trovi figa? – domanda.

- Né figa né fica, rossetto e occhi a parte ti trovo che fai schifo! Ahahahahah...

- Davvero non mi scoperesti?

- Hai da véde... so’ ‘n foco... – gli rispondo e spero proprio che in questo caso l’ironia romana sia universale.

- Non è che hai uno strap-on?

Mi piego in due dal ridere, gesticolando un “ma che cazzo dici” che a parole non riesco a dire.

- Non ti piacerebbe farmi quello che ho fatto a te? - domanda.

- Mi fa orrore! - rispondo quando riesco a parlare. Ma per come lo dico a lui deve sembrare che mi stia divertendo moltissimo. Cosa vera, peraltro.

- Dovevo portarmi appresso un ragazzo... – mi fa.

- Ma non ti prende nessuno conciato così! Te l’ho detto, fai schifo!

Vedo che ci resta un po' male. Mi muovo verso di lui, gli do un bacio sulla guancia e gli sussurro “no, scherzo, sei bellissimo... non sai che ti farei con quelle labbra rosse...”.

- Penso che allora dovrò scoparti io... – mi incalza sorridendo e abbrancandomi una natica più per dispetto che per altro.

- Oddio noooo! No... non oggi. Una allungatina alle corna della tua Fiorella gliela diamo un'altra volta... – gli rido addosso divincolandomi.

- Però un pompino ci starebbe...

- Ahahahahah... ma sei matto.

Sì, è vero, un pompino ci starebbe. Non so cosa gli passi per la testa, e nemmeno a me, a dire il vero. Però è da quando ha cominciato la svestizione che gli è venuto duro e non ha ancora smontato. E adesso lì, la mia fu mini di jeans che gli arriva a metà chiappa fa un po’ l’effetto tendone da circo. Ma in orizzontale anziché in verticale. Un pompino ci starebbe ma non mi va di farglielo. E in più se non mi siedo sul letto casco per terra dal ridere.

Proprio mentre mi chino per sedermi la sento. Una fitta acuta e inspiegabile. Non emetto un lamento, ma Pierluigi non può fare a meno di notare la mia smorfia facciale.

- Che c'è? - domanda.

- Niente, mi fa male il culo... - sospiro quando riesco a dire qualcosa.

- Ancora?

- Scemo, tu non c'entri un cazzo... - gli dico guardandolo con aria di dolorante rimprovero.

- Io no, ma il mio cazzo c'è entrato eccome...

- Quarto, forse quinto ginnasio... dalle mie parti potevi arrivare al massimo lì con questa battuta, poi noi ragazze cominciavamo a prenderti a martellate sui coglioni - esagero.

- Urca! - sorride lui.

Mi domando il perché di quella fitta, ma anche da dove mi sia uscita questa vis guerriera. Avete presente quelle situazioni in cui avete litigato pesantemente con qualcuno e siete ancora tutte accalorate? Siete ancora tutte un "non vi avvicinate che mordo"? Ecco, così. Solo che non ho litigato con nessuno, io. Fino a poco fa volavo e ridevo. O forse no? Comunque il dolore lancinante è passato, ma ha lasciato dietro di sé una traccia inquieta. Chissà che cazzo... Ma a proposito di cazzo, dove eravamo rimasti?

- Ma che cazzo hai fatto? Hai preso il Cialis? – sghignazzo indicandogli l’impennata.

- Cosa ci posso fare? – protesta – mi apri la porta e sei nuda, mi vesti, mi trucchi... su, Annalisa, succhiami il cazzo in nome della vecchia amicizia...

- Ancora? (per chi non sa le lingue: “ancora?” a Roma sta per “insisti?”) No-ooo! – rido sempre di più. Non riesco a smettere di ridere.

- Allora fatti almeno leccare la figa, faccio la lesbica!

Avanza, mi stende sul letto, mi allarga le gambe e ci si mette in mezzo. Vorrei reagire, ma in realtà non ce la faccio. Un po’ è perché rido, per giunta mi fa anche il solletico, un po’ è perché in questo momento, per qualche strano motivo, lo adoro. Ho una botta di adorazione per lui e per il mondo. Rido, protesto e mi lascio aprire le cosce. Ci si avventa come se me la volesse divorare.

Sì, ok, si applica, d'accordo. Ma è nulla rispetto... no, un attimo. Rispetto alla...

Ecco che manca. Ci sono, non è una “cosa” che manca, è una “chi”.

Mancano i suoi occhi che mi inchiodano, le sue dita che mi sfiorano, la sua voce che mi seduce e che mi spinge a inginocchiarmi davanti a lei, con la fronte poggiata sui suoi piedi. Manca la fica che si contrae mentre le dico “che aspetti, non lo vedi? Sono la tua ancella fedele e la tua geisha, dimmi ancora una volta ‘vieni’ e ti seguirò dovunque. Mi vuoi avere ancora? Prendimi. Mi vuoi drogare ancora? Drogami. Mi vuoi legare ancora? Non mi sono mai sentita così sovrana”.

Manca quel triangolo nero e ciuffoso che si avvicina alla mia faccia. Manca quell'odore che mi entra nelle narici e si fa un rapido viaggetto fino al centro della mia fica e i miei capezzoli che mi fanno "ciao, noi andiamo a fare un giro" e si staccano. Manca la voce di occhi a mandorla che mi fa" leccamela". Ma non come quando i ragazzi ti dicono "dai troia, succhiami il cazzo" perché i padroni sono loro, al contrario. Come se volesse dire "sei solo tu a poterlo fare". Manca la sua fregna che si apre e mi avvolge la testa e la fa sprofondare completamente dentro di lei, capelli compresi. Mancano le mucose vaginali che mi solleticano e bagnano le guance. Il sapore del mar del Giappone dal quale i suoi progenitori sono risaliti e hanno tratto la vita per millenni. Il suo urlo che mi toglie il respiro, la sua ampolla che sparge brodo caldo sulla mia faccia e poi su tutto il mio corpo.

Mancano i miei muscoli contratti che cercano di spezzare il nylon e che ottengono il solo risultato di far convergere tutte le mie energie nel ventre. Manca la ragazza bionda sulla quale volteggio, legata mani e piedi, nuda, osceno bottino di conquistatori venuti dall’Oriente. Entrambe oltre i confini della materia. Io stato gassoso, il suo ventre allo stato liquido, acqua che ribolle, profondità che implora e piange. Vorrei aiutarla, o perlomeno prendere il suo posto, ma mi sono appena librata in volo e la parete davanti a me mi parla. Ha la bocca che si muove e gli occhi che mi sorridono, è la mia maestra delle elementari: “Annalisa, hai mai visto un caleidoscopio?”. Io le rispondo “no” e lei mi domanda “hai fame?”. Stavolta le rispondo “sì” e mi offre il seno. Ma è il seno di Yuko, che ballonzola davanti ai miei occhi e che vorrei addentare, mordere, succhiare. Mi offre braccia da alpinista che mi proteggono e mi offre la lingua quando il mio corpo le dice “ho voglia”. Il mio corpo, non la mia bocca. Perché non riesco a parlare, non riesco neanche a dirle “lurida puttana, come fai a sapere che se mi lecchi il grilletto devi, DEVI, mettermi un dito lì dietro?”. Non riesco a dirle che la sua lingua mi ha sfondato vagina e utero, mi ha leccato il cuore, si è mangiata l’anima e sta succhiando il cervello. Non riesco a dirle “inietta, inietta ancora quella ketamina, se la vita è questa voglio diventare il tuo puntaspilli”.

Ecco perché quello stronzo di Gigi mi dava della lesbica.

Serro le gambe intorno alla testa di Pierluigi. Lui penserà che è il piacere, ma i suoi baci sulla fica e la sua lingua sul bottoncino quasi non li sento, in realtà. La mia è solo la reazione muscolare e repentina a una cosa a metà tra il desiderio di uscire dall’indeterminatezza e l’angoscia. E' successo? Non è successo?

Mi è stato promesso un sogno oppure ho sognato una promessa? Come è andata?

- Ferma Pigi, aspetta un attimo... fermati cazzo... stai fermo!

- Che succede?

- Aspetta, zitto... Dimmi una cosa, di che so?

- Come di che sai? - dice il peccatore sollevando la testa dal fiero pasto e forbendola al dorso della mano - di figa!

- Di Mediterraneo, ignorante! - gli rispondo invitandolo con un gesto della mano a lasciar perdere tutto. Voglio solamente alzarmi.

Lui mi guarda come se fossi scema, io mi alzo di scatto, nuova fitta. Più violenta di prima. Mentre guaisco stavolta però la localizzo: osso sacro. Ora ricordo: sono caduta e a momenti me lo spacco. La mia visione laterale finisce sul comodino, accanto al mio iPhone. Kekkazzé? C’è chi ti lascia un anello, chi ti lascia una rosa. A me invece è toccato un piccolo parallelepidedo di cartone, bianco e nocciola. TORA-DOL. Lo apro, leggo il foglietto. Passo tutto a Pierluigi dicendogli “preparami questo, dose massima, sbrigati”.

Improvvisamente sento l’affanno, per tutto. Tutto deve essere fatto molto ma molto velocemente. Di colpo mi è presa una frenesia non so nemmeno io per cosa. Vado in giro nuda per la casa, incurante delle serrande alzate, guaendo, zoppicando e chiamando "Yuko, Yuko! Dove cazzo sei?". Faccio avanti e indietro come un’ossessa, inutilmente, senza raziocinio. L’appartamento di Ludo non è così grande, la cerco anche nell’armadio a muro. Un Pierluigi con la faccia sempre più perplessa mi porge il bicchiere dicendomi “Annalisa, ma sei impazzita?”. E' ridicolo mentre cerca di camminare con la mia mini che gli imprigiona le gambe. Io mando giù l’antidolorifico e gli restituisco il bicchiere asciugandomi la bocca con il dorso della mano. “No, dico, ma invece tu ti rendi conto di come cazzo sei vestito?”.

Mi precipito ad afferrare il telefono e cerco febbrilmente la terzultima chiamata fatta. Cazzo, cazzo, rispondi... segreteria. Riprovo. Cazzo, cazzo, rispondi... segreteria. Riprovo. Cazzo, cazzo, io mi angoscio e tu mi abbandoni? Lo squillo si interrompe, fruscio...

- Senti, io...

- Yuko? Yuko ma che cazzo di fine hai fatto?

- No, scusa ma ora... - risponde la jap.

E che cazzo di voce che c'ha, dovreste sentirla. Sembra che abbia ancora la mia lingua piantata nella fica. Oppure sta piangendo?

- No, no, devo vederti – le dico.

- No, senti...

- NO, SENTI TU! Ti devo rivedere... Non è che ne ho voglia, ne ho bisogno. Capisci la parola "bisogno"?

- Ti richiamo.. ti richiamo, ora non posso...

- Ok, richiamami però, sennò è meglio che cambi numero di telefono...

- Sì, promesso... – clic, chiamata terminata.

- OH, CAZZO PIGI! CHE STRONZO! Aaaah, oddio...

- Chi era - chiede Pierluigi - la tua amica?

- No... no, cazzo...

- E chi?

- Una ragazza giapponese... stava qui stamattina... oddiosanto Pigi...

- Te la sei scopata?

- No... no, cioè, mi ha scopata lei... cioè, non lo so, forse era un sogno... che stronzo che sei...

- Perché?

- Perché mi stai scopando tu e io ti avevo detto di no... Oh! Diocristo, esci! – piagnucolo – mi fa male il...

- Vieni, mettiti così...

Fa due o tre passi tenendomi in posizione eretta, con i piedi un po' sollevati da terra, impalata su di lui. Mi lascia andare sul letto senza mai sfilarlo. Il coccige mi lancia fitte e il suo uccello mi imbottisce, non so nemmeno io per cosa gemo. Nello specchio davanti a me, l'immagine riflessa della sottoscritta alla pecorina. E lui, il fidanzatissimo ex compagno di studi, che sta dietro e che mi fotte con le mie cose malamente indosso, con la MIA minigonna jeans strappata. I MIEI ex collant. Il MIO reggiseno appeso al collo che gli penzola sui peli del petto. Il MIO rossetto sulle labbra. Il MIO rimmel sugli occhi. Può esserci nulla di più degenerato?

- Dopo però mi porti a Montenapo... – piagnucolo ancora per ricordargli la promessa.

- Dopo che oltre alla figa ti ho fatto anche il culo, però... – ansima.

- Nooooo....

- Ma siiiiiì... quelle gocce ti aiuteranno...

- Oddio quanto sei stronzo - miagolo. E se adesso miagolo è perché il piacere comincia a travolgermi e io non posso farci più nulla.

- E tu quanto sei troia, Annalisa...

- Ti piaccio così...

- E' vero...

- Che porco... e che bel cazzo... uaaaoooo...

- L'hai sempre detto... - dice lui tranquillo, imponendomi un avanti e indietro ugualmente tranquillo.

E io invece, cazzo, vorrei proprio che ora mi sventrasse. Lo sento dietro di me che mi abbranca le chiappe, mi riempie e mi svuota. Ma nello specchio non vedo più noi due. Vedo la sagoma nuda di Yuko in controluce mentre mi avvicino a lei. Indosso un vestitino Gucci e, sotto, balconcino e culotte di D&G, sandali di Ferragamo tacco 6, dalle spalle mi penzola una piccola borsa di Vuitton. Le dico “per venire da te vestita così mi sono fatta stuprare da un amico, sai? E’ stato bello”. La giapponese mi domanda incredula “cosa hai fatto?” e io le rispondo “ci si sacrifica per vivere, non si vive per sacrificarsi”. Strizzo gli occhi dopo un colpo di cazzo più forte degli altri e, quando li riapro, ci siamo di nuovo io a bocca aperta e sguardo stravolto e Pigi dietro di me vestito da pazzo.

- Porco... porco – ansimo – mezzo porco e mezzo frocio... ommamma, scopami di più!

- Ce lo compriamo uno strap-on?

- Ma vaffanculo, scemo... spingi! Più forte! Più forte!

Questo racconto di è stato letto 1 9 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.