Jap Story - Un briciolo di follia

Scritto da , il 2020-10-23, genere etero

Primo pensiero del mattino: svegliarsi con la mano di una giapponese sul seno e le sue tette schiacciate contro la mia schiena, se me l'avessero detto ieri a quest'ora sai le risate...

Secondo pensiero del mattino: vabbè, ho fatto cose peggiori, anche in questa stanza.

Terzo pensiero del mattino: ma com'è che stanotte non abbiamo scopato? Oddio, un attimo... abbiamo scopato? Boh, no, non mi sembra... non ricordo benissimo, ricordo che a un certo punto avevo la testa che galleggiava.

E poi perdo il conto dei pensieri. Eddai, cazzo, mica pretenderete che stia qui a enumerare tutto, no? Anche perché sapete com'è, le cose si affastellano. Tipo: adesso la sveglio e la scopo io, anzi la sveglio scopandola. Lo dico così, un'ipotesi di scuola. Non è che appena sveglia abbia tutta sta forza di... Però chissà come deve essere. Voglio dire, non mi sono mai fatta una giapponese. E nemmeno un giapponese, se è per questo. Quella musica, stanotte, e quella luce. Il fumo di quei cazzo di bastoncini. Bava, bava, bava... La bava della sua bocca e la bava della sua fica. Ero ricoperta di bava. E poi quel sapore di menta, il freddo sul grilletto e sulle tette. La lingua nel culo... dio santo, avrei fatto qualsiasi cosa. La cera che bruciava sulla pelle... Ma non è mai andata oltre un certo... ma perché? Cazzo che tortura, ma perché non mi ha ammazzata? Mi sa che a un certo punto l'ho pure supplicata... Non so come è finita, ma è davvero successo tutto questo? Il fumo di quei bastoncini mi dava alla testa, non lo so nemmeno io se ho sognato oppure... però sta roba che ho addosso è cera...

Ok, ammetto che in questo momento, con questi pensieri, l'idea di svegliarla succhiandole un capezzolo e sgrillettandola un pochino mi appare molto meno scolastica, eh? E poi il solletico che sentivo stanotte, certe volte... ma che cazzo di sensazione, non ho mai giocato con una ragazza con questo cespuglio tra le gambe, al massimo un po' di ricrescita. Magari in Giappone va così, ah no lei vive in Italia, o forse al suo ragazzo piace in questo modo. Oppure non gliene può fregare di meno e sarebbe anche comprensibile perché, diciamocelo dai, a volte è proprio una rottura di coglioni, eh? Come quelle sere che ci dai una botta prima di uscire perché, che ne sai, trovi uno che te la lecca e non vorresti offrirgli una grattugia, no? Chiaro, a volte ci vuole culo. Come con Pierluigi l'altro giorno. Beh, vabbè, ha avuto culo pure lui, ero stata dall'estetista giusto qualche ora prima di partire per Milano... Cazzo però, Pierluigi, che tipo... ma chi l'avrebbe mai detto? Pensavo di conoscerlo abbastanza bene... non si conosce mai nessuno abbastanza. Lo avrei pure accontentato nelle sue stranezze, se con Ludo non ci fosse stato il suo... Cazzo, Ludovica! Ecco che sono questi rumori di là, che ore sono? Staranno per uscire!

- Buongiorno!

Fine del flusso di coscienza. Due occhi a mandorla si sono spalancati e mi osservano. Dio santo se mi fa sesso questa qui, mi sento già un po' calda, un po' schiusa...

- Ehi, buongiorno... - sussurro - dormito bene?

La risposta è un mugolio che accompagna il suo corpo nudo che si stiracchia.

- Mi guardavi?

- Eh... ti guardavo e cercavo di ricordarmi stanotte. E mi venivano anche strane idee... - ridacchio.

- Nessuna tua idea può essere tanto strana - dice prendendomi la mano e portandosela su una tetta. Mi sa tanto che le idee ce le ha pure lei e molto meno affastellate delle mie.

- Aspetta... aspetta, devo salutare la mia amica prima che esca, ci tiene...

- Perché? Oh va bene, ok... - risponde scendendo dal letto.

- Ehi ehi ehi, mettiti qualcosa addosso, c'è anche il suo ragazzo con lei!

Yuko tira fuori dal trolley una specie di camicia da notte semi trasparente, io mi do da fare con il pigiama. In meno di un minuto siamo pronte.

- Aspetta un attimo - la fermo prima che apra la porta della mia stanza - senti... beh, dopo ti spiego, ma fammi un favore... decidi tu che reazione avere, eh? Ma guardala come se avessi davanti una grandissima puttana... ok?

- Cosa?

- Dammi retta... per favore. Anzi, assumi un'aria mezza scandalizzata e mezza divertita - aggiungo - comunque mica ti mangia, eh? Voglio dire, comportati anche normalmente...

Ok, Yuko, ok. So benissimo che non ci capisci un cazzo, ma fallo per me, d’accordo? Non glielo dico, penso che l'occhiata basti, no?

Cucina, presentazioni in piedi davanti al tavolo della colazione. Yuko, Ludo, Gigi. "Grazie per l’ospitalità", "figurati, non ci pensare", "preparatevi la colazione, noi stiamo per uscire", "mi chiami più tardi?".

Le parole contano fino a un certo punto. Quello che conta è il gioco degli sguardi. Quello di Ludo a me e poi a Yuko, quello di Yuko a lei. Bravissima. Non potrei mai accorgermi che sta fingendo se non lo sapessi. Testa un po' abbassata e sorrisino timido. Labbro inferiore mordicchiato da un incisivo quando Ludo le domanda "dormito bene?".

- Benissimo, davvero - risponde Yuko con un tono un po'... come dire, sensuale - senti potrei usare la vasca? Vorrei fare un bagno prima di partire...

- Ma certo, che problema ti fai? - risponde Ludo - ora noi andiamo...

- Grazie, grazie ancora - replica Yuko sorridendo - allora vado ad aprire l'acqua... Ciao, è stato un piacere.

La jap si allontana sculettando verso il bagno lasciando nell'aria il suono, ancora più sensuale di prima, delle sue ultime parole: "E' stato un piacere". Tutti e tre la seguiamo con gli occhi. Soprattutto Gigi.

L'altro gioco di sguardi è proprio quello di Gigi. Non mi piace, Gigi. Con quella sua giacca stretta e la cravatta, sembra un manichino. Una divisa pure ridicola per uno che sta andando a fare l'aiuto in uno studio da geometra. Quando mi osserva lo fa sempre come se mi volesse saltare addosso (e non è il tipo da cui mi farei saltare addosso). E adesso osserva anche Yuko come se le volesse saltare addosso. Tutto davanti a Ludo. Non va bene, non si fa. Spero proprio che per la mia amica lui sia solo un passatempo.

- Dai, io sono in ritardo... - dice il ragazzo a Ludovica aprendo la porta di casa.

- Arrivo - gli fa lei, voltandosi però verso di me e sussurrando - allora?

- Eh... - le rispondo sapendo che lei capirà.

- E la tua amica? - domanda ancora Ludovica.

- Non mi pare proprio una che si scandalizza... - rispondo.

- Ma voi due... - chiede ancora Ludo.

- No, no... da quel punto di vista noi no - le faccio.

Bacetto e saluto, poi scappa al lavoro. Io mi metto a preparare il caffè e a scaldare il latte aspettando che la giapponese ritorni. Sento lo scrosciare dell'acqua nella vasca di là, in bagno.

Per tornare, ritorna abbastanza presto. E anche questa, se me l'avessero raccontata ieri mi sarei messa a ridere: io, in pigiama, nella cucina di Ludovica, in piedi davanti alla macchina del gas che tiro via il latte dal fuoco mentre dalla porta entra una giapponese completamente nuda. Chissà che fine ha fatto la camicia da notte.

- Hai caldo? Caffellatte e biscotti? - le domando un po' ironica.

- Uh... va bene - risponde non molto convinta, sedendosi.

L'ironia però funziona fino a un certo punto, mi è bastato guardarla per ritornare a fare certi pensieri e ad avere certi formicolii. Per dirla proprio tutta: me la farei sul tavolo della cucina, ma la sua nonchalance mi frena. Mi siedo davanti a lei con le due tazze di caffellatte e ho la netta impressione che stia giocando con me come il gatto fa col topo.

- E quindi? - mi dice stavolta lei con un sorrisino ironico - spiegami...

- Cosa? - domando un po' imbambolata.

- La storia della tua amica... - risponde.

- Ah... beh, è un po' complicato... cioè, sostanzialmente, eee... beh, insomma, Ludo è una bravissima ragazza, eh? Non ti fare idee strane... però, ecco, cioè, insomma sì, lei è un po' esibizionista.

- Ovvero? - mi fa la jap.

- Ovverooo... cioè, a lei piace essere guardata mentre fa sesso...

- Capelli gialli, spiegati, non ho capito - domanda Yuko sempre più incuriosita.

- Non è che c'è tanto da spiegare - le dico - cioè, forse un po' sì... beh, insomma, lei mi aveva detto che si sarebbe portata a casa il suo ragazzo...

- Avremmo dovuto metterci a guardarli?

- No, no... questo no. Cioè, altre volte è successo, ma con Gigi no. Voglio dire, non so nemmeno come la pensi lui anche se una certa idea ce l'ho... A me comunque lui nemmeno piace, non lo farei...

- E cioè? Annalisa, non ci sto capendo niente...

- E cioeeè... a Ludo, se non può essere vista... beh, piace essere sentita... capito? Solo che non metteva in conto che ci fossi anche tu...

- E questo le ha dato fastidio, dici?

- No, non credo, anzi... è che lei se sa che c'è qualcuno che la sente si eccita di più... se c'è qualcuno che la vede anche meglio. Per questo ti ho detto di fare finta di guardarla come se fosse una gran puttana. Diciamo che lei ci tiene...

- Quindi a te è capitato di guardarla mentre...? - domanda Yuko.

- Oh beh, sin dalla prima volta, su una spiaggia, con un dj - rispondo.

- E tu?

- Io? Io facevo il bagno e mi facevo le canne...

- Perché dici sin dalla prima volta?

- Yuko, io abitavo qui quando facevo il master - le spiego - di volte ce ne sono state parecchie...

- Portavate i vostri ragazzi qui e...?

- I nostri ragazzi, oddio... beh, spesso erano i ragazzi di qualcun'altra ahahahah....

- Morbosette, eh? - ridacchia - io comunque stanotte non ho sentito niente...

- Nemmeno io, questo è il punto! - le faccio - mi sono addormentata come una pera... che cazzo... e pure sul più bello!

La mia allusione la fa sorridere. Immediatamente dopo nasconde il sorriso portandosi la tazza di caffellatte alle labbra.

- Piaciuta la musica? - domanda.

- Oh sì, la conoscevo...

- Ti piace Brian Eno?

- Non è proprio nella mia playlist ma... beh, quando lo ascolto mi piace - rispondo.

- E cosa c'è nella tua playlist?

Decido di insistere. E di provocarla. Le imito Chadia mentre rappa "bitch! due-punto-zero bitch!". Lei sorride, credo che compatisca le mie scelte musicali. Si alza guardandomi dritta negli occhi, si piazza davanti a me. Il modo in cui si muove, la sua espressione, la sua nudità mi fanno bagnare all'istante.

- Ma non è stata la musica a farci addormentare - sussurra sbottonandomi lentamente la giacca del pigiama - credo che siano stati gli incensi...

- Che cazzo c'era in quegli...? - domando senza riuscire a finire la frase perché fortissimo arriva il pensiero "questa adesso mi scopa" e mi dico anche "sì, finalmente". La classica tensione che precede il sesso si impadronisce completamente del mio corpo. Qualsiasi cosa ci fosse in quegli incensi, in questo istante, mi interessa molto poco.

- Oppio - risponde serafica prendendomi per la mano e facendomi alzare dalla sedia, la giacca del pigiama precipita per terra.

Aspetto il bacio, aspetto la mano, aspetto una domanda. Anche un ordine, volendo. Non c'è niente che lei faccia per soggiogarmi, o così almeno credo. E tuttavia mi sento soggiogata. Seguo la linea del suo sguardo che mi perlustra, dagli occhi al seno, poi più in basso.

- Te l'ho già detto ieri, adoro questo... - dice con un filo di voce.

Abbasso gli occhi verso la macchia bruna che ho al cavallo dei pantaloni del pigiama e che lei sta fissando. Non ho quasi tempo di reagire perché la jap si inginocchia davanti a me e sfila anche quelli. Sollevo i piedi uno alla volta per scavalcarli. Siamo nude entrambe, ora, come poco fa nel letto. Aspetto e fremo. Fremo anche di più quando mi passa due dita sulla mia apertura bagnata e poi le porta alla bocca. Comincio ad avere un po' di affanno, ve lo confesso.

- Come sei bella - sospira rialzandosi e allungandomi la mano - vieni.

- Dove? - le faccio. E mai una domanda è stata più cretina. Come dove? Di là, a rotolarci sul letto e intrecciarci. A provare piacere e a regalare piacere.

E invece no, faccio bene a domandare, perché la sua risposta è "a fare il bagno, no?". Entriamo nella stanza annebbiata dal vapore, sento il profumo del bagnoschiuma al mughetto di Ludovica. Yuko mi dice "entra, occhi azzurri" tenendomi le punte delle dita. Sfioro il suo seno con l'avambraccio, sfioro il suo capezzolo scuro e duro, lo sento benissimo. E sento la scossa che mi attraversa. Mi chiedo cosa abbia sentito lei, vorrei proprio saperlo. Mi calo nell'acqua calda, mi stendo e poi le faccio spazio. L'immagine di Yuko, nuda e mezza chinata in avanti mentre apre le gambe per scavalcare il bordo ed entrare in vasca rimarrà per sempre tra i richiami sessuali più forti che mi siano mai arrivati. Ho voglia di prenderla, di essere presa. Ho talmente tanta voglia che sento il respiro farsi ancora più pesante.

- Ma come cazzo fai... - sussurro.

- A far cosa?

- A essere così tranquilla...

- Abbiamo tutto il tempo davanti - sorride.

- Perché non la notte scorsa? Lo volevo così tanto...

- Vedrai che sarà... uh... beh, diverso...

- Mi sa che sono stata abbastanza svergognata, vero? - domando muovendo una gamba per allungare un piede sul suo seno.

Lo tocco, lo massaggio, lei sospira senza smettere di guardarmi. Ma il mio movimento fa cadere un po' di acqua sulle piastrelle facendo "ciac".

- Bisogna svuotare un po', l'acqua è proprio a pelo... - le dico.

- A proposito di pelo - dice lei girando la manopola del tappo - avrei giurato che avessi un ciuffetto biondo lì e invece... si vede che l'oppio ha fatto effetto anche su di me...

- Sai una cosa? Non ho mai incontrato una ragazza non depilata. Incontrato in questo modo, voglio dire... in palestra quante ne vuoi...

- Non ti piace? - domanda un po' preoccupata.

- No, no... ho solo detto che è la prima volta... mica mi danno fastidio i... del resto, i maschi sono pelosi, no? E non mi dispiacciono per niente!

- Sei davvero una... comunque ci sono anche ragazzi che si depilano... mai conosciuto uno?

- Sempre in quel senso? - domando.

- Sì, non stavo parlando di quelli che vedi in spiaggia...

- Uno sì, l'ho conosciuto - rispondo - era un po' un cretino... non è un campione rappresentativo ma mi ha confermato l'idea che ho di questi che si depilano...

- Cioè? - chiede Yuko.

- Beh... ossessionati... Cioè, insomma, questo secondo me era ossessionato dal suo fisico... Che non era per niente male, credimi... però dovevi vedere come era concentrato su se stesso... cioè, cazzo, si è messo nudo sul divano che mica sembrava volesse scopare, sembrava volesse essere ammirato...

- Ahahahahah... e tu?

- Io? Beh, ero parecchio brilla, eh? Gli ho succhiato pure l'anima, però poi mi sono detta ok, un pompino va bene, il resto no. Era troppo... come dire? Troppo tronfio.

- E quindi l'hai lasciato lì e te ne sei andata...

- Ho fatto di peggio...

- Ovvero?

- Sono andata a dormire con il ragazzo con cui divideva l'appartamento, ahahahaha. Meno carino ma nemmeno un cesso, molto più simpatico, e soprattutto...

- Soprattutto?

- Soprattutto... beh, dal suo punto di vista deve essere stata una scena da film. Sono entrata in camera sua che dormiva, mi sono spogliata completamente davanti a lui e gli ho detto "posso dormire con te?". Per un po' deve avere pensato di stare su Scherzi a parte...

- Ci credo, ma il "soprattutto"?

- Ahahahahah... tu cosa pensi?

- Ce l'aveva così? - domanda Yuko distanziando le mani.

- Ahahahah no, no... Sai cosa? Mi sono stesa accanto a lui, aveva solo i pantaloni del pigiama, gli ho infilato la mano sotto... Ci ha messo cinque secondi per diventare duro e tutta la notte per scoparmi. E quando dico tutta la notte intendo proprio tutta la notte... Con quell'altro di là a sentire me che urlavo... altro che Ludovica...

- Li avrai fatti litigare...

- Non ne ho idea, chi li ha più visti?

- Ahahahah... lo fai spesso?

- Cosa? Far litigare i ragazzi?

- No, dicevo... queste cose da una notte.

- Ah... boh, quando mi va. Vado a periodi.

- Ah. Eeee... con le ragazze?

- Con le ragazze è diverso. Cioè, è anche capitata qualche volta da cotta e mangiata, ma se devo farlo con una ragazza in realtà cerco altro...

- Cioè?

- Mah, difficile dirlo senza sembrare banali... sentimento, complicità... eppoi con un ragazzo, di solito... lo sai come sono, no? sono a una dimensione, o dolci o appassionati, oppure anche brutali.. con una ragazza è più facile avere tutte queste cose insieme... o quasi... però, davvero, è difficile da spiegare, le cose non sono mai così nette...

- E in me? Cosa cerchi?

- In te... - rispondo senza esitare un attimo, come se avessi già la risposta pronta - in te cerco un briciolo di follia.

- Follia?

- La follia di una tipa che mi segue fin dentro un museo e poi mi chiude dentro un bagno, no? O che mi stende su un letto e nemmeno mi scopa ma fa partire la musica e le luci... come la chiameresti? Come la chiameresti una tipa che stamattina, invece di ammazzarmi, mi mette dentro una vasca da bagno, eh?

- Tu come la chiameresti una che da un quarto d’ora mi sta massaggiando le tette con un piede, eh? – ridacchia lei.

Non ci facevo neanche più caso. E’ da un po’ che sto giocando con il suo seno. E il capezzolo che stringo tra l’alluce e il secondo dito è duro. Forse anche l’altro capezzolo lo è. Se non fossimo immerse nell’acqua forse anche la sua fica sarebbe bagnata lo stesso... Dio se vorrei che me la mettesse in faccia adesso, di imperio, che fosse sgarbata e mi dicesse “leccamela, troia dai capelli gialli!”.

- L'ultima ragazza con cui hai fatto sesso? – mi dice invece.

- E' un interrogatorio? – le domando quasi fuori di me per il suo aplomb.

- No, ma più ti sento parlare più mi eccito... – risponde con la voce bassa e quasi roca.

E mi stende. Perché mi sento sua, perché capisco di colpo che è il suo modo di farmi sua. Perché capisco che in realtà ha cominciato a scoparmi già da un pezzo. E che le piace farlo così.

- Una ragazza incontrata ad una festa... capelli castani tinti di verde in fondo... lei era proprio lesbica...

- E con la tua amica?

- Ludo dici? Nooo, con lei solo un paio di volte. E l'ultima c'erano anche tre ragazzi ahahahah...

- Tre? Te l’ho detto che siete due morbosette...

- Ahahahah... se le pareti di questa casa potessero parlare...

- E che ci facevate con tre ragazzi? – domanda.

- Morbosetta anche tu, eh?

- Molto... vieni...

Esce dalla vasca, facendo precipitare l’acqua sul tappetino, mi tende la mano per aiutarmi. La schiuma le copre un fianco e un seno, si è incastrata tra il suo ciuffo pubico e lo fa luccicare. Mi rimetto in piedi davanti a lei che non capisco praticamente più nulla. Mi fa girare di spalle e mi avvolge in un grande asciugamano. Mi tampona con le mani arrivando sempre a un millimetro dalle mie zone del piacere ma senza mai toccarle. Sembra quasi che lo faccia apposta. Lascio fare, incapace di qualsiasi iniziativa. Mi stringe, sento le sue tette sulla schiena, oltre il tessuto di spugna. Quasi mi cedono le gambe quando mi scosta i capelli bagnaticci da una parte e mi lecca il collo nella zona rimasta libera.

- Yuko, così mi fai impazzire... – sospiro.

- Davvero? – sussurra ironica.

- Ti prego... ti prego o faccio da sola...

- Provaci e ti lego... – dice prima di infilarmi la lingua nell’orecchio. Io penso “magari”.

- Mi hai chiamata troia giapponese, stanotte... – mi bisbiglia – questo ti costerà qualcosa...

Mi lecca ancora il collo e, succede di nuovo, una specie di scarica elettrica mi attraversa tutta da capo a piedi. Sono pronta a pagare qualsiasi cosa. Non glielo dico, ma tanto lei già lo sa.

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 1 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.