Liberate i nani - L’olio di Gongolo

Scritto da , il 2020-08-17, genere etero

Come diceva quello di Jeeg Robot, io voglio sapè solo una cosa, anzi due. Che cazzo c'hai da guardà e, soprattutto, che cazzo c'hai da ride. E' mezzora che c'hai quel sorrisino da coglione stampato sulla faccia, da quando sono entrata in questo bar del cazzo di questo paese del cazzo dove non riescono a fare nemmeno un cazzo di tramezzino come Cristo comanda.

E a proposito della Santa Trinità, Spirito Santo, Dio, fate che non si avvicini, per favore. No, dai, cazzo, vaffanculo, ma perché almeno una volta non mi date retta?

- Non sei di qua te, vero?

Mi squadra, lo squadro. Bicchiere di birra in mano mezzo vuoto (o mezzo pieno, se siete ottimisti), età indefinibile ma direi quaranta abbondanti. Capelli nerissimi in perfetto contrasto con delle sopracciglia sale e pepe, molto più sale che pepe per la verità. Ha un paio di occhiali da sole e questo è bene, almeno la vista del suo sguardo mi viene risparmiata. Bassino, sovrappeso a essere gentili, dei jeans che non vedono la lavatrice da quando io andavo all’asilo e una camicia bianca e stazzonata, con degli aloni di sudore sotto le ascelle che va bene che fa caldo, però.... E’ uno di quei momenti in cui, ingenerosamente, me la prendo con i miei genitori. Buona educazione, buone scuole, buone compagnie. Perché se fossi di Torbella, per dire, magari ci metterei meno di un attimo a dirgli “voltati, prendi la rincorsa e tornatene affanculo da dove sei venuto”. Io invece, proprio per le ragioni di cui sopra, rispondo. Istintivamente, quasi. Perché non rispondere non sta bene. “No, non sono di qui”. “Mi pareva, quelli della tua età qui li conosco quasi tutti… Di dove sei?”. “Roma”. “Roma-Roma?”. Cioè, cazzo, sempre sta domanda, ma perché? Che c’è di strano? Frascati, tipo, ha ventimila abitanti. Civitavecchia cinquantamila. Roma ne ha tre milioni e mezzo-quattro. Sarà statisticamente più probabile che una venga da Roma piuttosto che da Burilandia, no? “Sì, Roma città”.

Vuole sapere cosa ci faccio qui. Che è, onestamente, questa sì una buona domanda. Che ci faccio in questo cazzo di posto? Un lavoro per il Cnr, ecco che ci faccio. “Ah, il Cnr…”, commenta. Registro mentalmente “a bello, tu manco sai cosa cazzo sia il Cnr”. “Pagano bene?”. “No, pagano un cazzo, sono a rimborso spese. A noi ci prendono dai corsi di laurea magistrale”. E’ una ricerca sulla popolazione e sull’incidenza di certe patologie nonostante i vaccini… vabbè, è una ricerca statistica. “Pare che sto posto sia un caso di scuola, al riguardo”. “Quindi vai in giro con un questionario?”, domanda. Lo guardo per qualche secondo. Ma sei scemo? E quando affitto? “No, devo andare in Comune e alla Asl…”, rispondo. E il fatto che afferri il telefono e cominci a smanettare dovrebbe segnalargli che mi sono già rotta il cazzo dell’interrogatorio. “E il telefono? Le mail? Le raccomandate?”. Madonna che scassacoglioni che sei… Ok, la Asl non ha né l’archivio digitalizzato né il personale per mettersi a fare sta cazzo di ricerca. Non è tanto infrequente, sai? Ne abbiamo anche un altro di caso così, solo che sta in Sicilia, vicino Taormina. E a fine maggio, in Sicilia, vicino Taormina, il capo ci ha mandato Fiorella, non me. Certo, se avessi accettato i suoi inviti a prenderci un caffè da soli alla macchinetta magari ci avrebbe mandato me. Ma poiché pare che dopo il terzo caffè scatti la regola della mano sul culo, Fiorella si trova lì e io mi trovo qui. E’ chiaro, adesso? Chiaro chiarissimo. A me, non a lui. Al quale, è altrettanto chiaro, non dico un cazzo di tutto questo.

Squilla il telefono, è Luca. Mi chiede amore dove sei e tutte queste cose qui. Gli racconto della giornata e di sto posto dove non funziona un cazzo. Quello che non gli dico è che, se potessi tornare indietro, altro che farmi toccare il culo dal capo del dipartimento, gli farei direttamente un pompino dietro la macchinetta del caffè pur di non essere spedita qui. Ovviamente non è vero ma, sapete com’è, a volte esageriamo anche nelle recriminazioni. Mi lascia dicendomi che ha un sacco di voglia di vedermi, come sempre. Io, come sempre, so che cosa intende dire, ma nello stesso momento passano davanti ai miei occhi le immagini di Adele che si struscia sulla mia gamba mentre le succhio un seno. Come una puntura nel ventre, mi torna in mente il suo fremito leggero, il suo gemito gentile e timido, il suo sguardo stralunato e sorpreso, come se si vergognasse della sua prima volta con una ragazza. Giusto un attimo prima di crollare accanto a me tremando come un budino. Come se fosse fisicamente presente, ricordo la sua risatina imbarazzata, la sorpresa nei suoi occhi mentre le porto la mano tra le mie gambe e le sussurro implorando “adesso fai sentire un po’ me?” prima di baciarla ancora.

Poso il telefono sul tavolino e solo ora mi rendo conto che il tipo è rimasto lì tutto il tempo ad ascoltare, sempre con quel suo sorrisino in faccia. Glielo strapperei via, sono incazzata con lui. Mi sembra che, oltre alla mia solita conversazione da quattro soldi con Luca, si sia appropriato anche del mio segreto più intimo e che adesso sappia della pozzangheretta dentro le mie mutandine. Ma tu, i cazzi tua, non te li fai mai?

Domanda “era il tuo ragazzo?” e io annuisco. Lui, non si capisce bene il motivo, commenta “sono contento”. E sorride.

- Io mi chiamo Emiliano, te? – altro sorriso.

- Annalisa... – rispondo ricominciando a guardare ostentatamente il telefono.

- Bel nome Annalisa... ti serve qualcosa?

Cioè, che cazzo mi deve servire? Scarlett Johansson vestita da Natasha Romanoff che arriva e mi fa “per caso sto coso buffo ti sta rompendo i coglioni?” prima di farlo volare con una schicchera dall’altra parte del locale e baciarmi appassionatamente.

- No, grazie...

- Bene, sono contento – dice senza smontare il suo solito sorrisino – io vado fuori a fumarmi una sigaretta.

Ah, no, ecco, pensandoci bene una sigaretta mi andrebbe proprio. Non dico che mi sto fumando addosso, ma quasi.

Gli dico se me ne può offrire una, risponde sempre con il sorrisino d’ordinanza che non sa se è il caso. Risposta che me lo inquadra come il perfetto scemo che penso che sia. Domando perché, lui tira fuori una di quelle rollate a mano e mi dice “fumo solo queste”. Alzo le spalle, rispondo che per me va benissimo anche quella e se me ne lascia una. Ripete che non è il caso ma che se vado a fumarmela con lui di fuori me la offre.

Ok, questo oltre che un deficiente è pure un lumacone. Nema problema, lo seguo pensando che una volta finita la sigaretta lo mando affanculo sul serio. Spero solo che non ci metta tanto a rollarla.

No, non c’è nemmeno bisogno di rollarla. Ne tira fuori una da un pacchetto di Winston e me la porge. Poi mi fa accendere e capisco.

- Tu fumi solo queste?

- Sì.

- Come uno fuma le sigarette normali?

- Sì.

- Grazie al cazzo che ridi sempre...

- Non sono tanto forti, dai, non ce ne metto tanta.

- Cazzo, ma se te ne fai un pacchetto al giorno... dove la trovi?

- Ti interessa?

- Beh, oggettivamente... se penso che dovrò passare il pomeriggio nell’archivio della Asl direi che spararmi una fionda stasera è legittima difesa...

- Hai trovato la persona giusta – mi fa dopo avermi guardata a lungo – sono contento.

A lungo ce lo guardo pure io. Per la sorpresa, più che altro. Voglio dire, se c’è una cosa che non mi aspettavo proprio era questa. Anvedi che tipo.

- Stasera ti trovo qua? – chiedo.

- O qua o in piazza – risponde ridacchiando – c’è la sagra del paese.

- La sa-gra-del-pa-e-se?

- Sì...

- Wow! Ce le avete tutte le perversioni qui, eh?

- Eh... ridi ridi, ma per me sono affari... Che pensavi di fare stasera?

- Non ne ho la più pallida idea, non c’è una disco da ste parti?

- La più vicina è a sessanta chilometri. Anche quella è zona d’affari. Certo, lì va forte qualcos’altro – dice indicando lo spinello.

- E tu hai anche qualcos’altro, scommetto...

- Quello che ti pare... cioè no, quello che ti pare no. L’ero non la vendo. Però speed, madama, paste, Ghb anche se personalmente non lo consiglio... e poi, chiaro, la principessa, la mia preferita, Biancaneve.

- Biancaneve, eh?

- Ti interessa?

- Non lo so, non credo... sai che ho capito chi cazzo mi ricordi? Gongolo!

- Il nano? E perché? – domanda smettendo per la prima volta di sorridere.

- Mah, così... posso chiederti una cosa?

- Certo – torna a sorridere.

- Ma tu, ti tingi i capelli?

- Ma che dici, bella? – mi fa stavolta sbottando proprio in una risata.

Gli indico le sopracciglia quasi bianche e lui fa cenno di avere capito. Si stringe nelle spalle e dice “bah, ce le aveva anche mio padre, è di famiglia.

- Ah, ok... grazie dello spino, Gongolo, ci si vede stasera.

Gongolo, la Biancaneve, penso mentre esco dal bar. Com'era quel pezzo che Rancore ha fatto a Sanremo? Biancaneve è con i sette nani e dorme in Siria... Oh no, cazzo! Non mi ci dovete far pensare, a quello. Perché io dietro a quello ci colo dietro. Tradirei chiunque, per quello. Gli farei un pompino in macchina mentre guida, a quello. Lo aspetterei in albergo, a quello, nuda sul letto e con le cosce spalancate. "Ehi, com'è sta storia delle troie che vi portate in camera dopo i concerti?". Mai capito perché mi fa questo effetto, ma me lo fa. Meglio tornare un attimo a quella cazzo di pensione. Non credo che il cesso di questo bar sia il posto più adatto per masturbarsi. Anche perché ho davvero voglia e a sto punto penso proprio che mi brutalizzerò un pochino.

*******

Sono sveglia? Cazzo sì sono sveglia anche se imbottita di sonno. Chissà che ore… No, un attimo. Scatto a sedere. Con una bella performance dei miei addominali, devo riconoscerlo. Un paio di secondi dopo, come se mi fosse corsa dietro e mi avesse raggiunta, una fitta mi attraversa il cervello. Chiudo gli occhi per il dolore. Ma nel frattempo, in quel paio di secondi, ho fatto in tempo a guardarmi intorno. Non quadra nulla e ci sono almeno tre problemi da risolvere: a) Dove Cazzo Sono Finita; b) Perché Sono Nuda Sotto Il Lenzuolo; e direi soprattutto c) Di Chi Cazzo E’ La Schiena Altrettanto Nuda Di Questo Tizio Che Mi Dorme Accanto. Stica, mi dico, mentre dorme me la squaglio e poi ci penso. Il tipo fa un piccolo movimento, lo guardo, lo riconosco. E’ quel cazzone di Gongolo. Una seconda fitta mi attraversa il cervello. Mi sembra di non essere in grado di pensare a nulla, figuriamoci ricordare. “Oh… oh sveglia!”, dico scuotendolo e spingendogli la schiena. Lo smuoverò di… un millimetro, ma quanto cazzo pesa? “Oh, sveglia!”. Arriva la terza fitta. Chiudo gli occhi, ok mi arrendo. Dall’uomo giunge una serie di suoni inarticolati, poi un “oh… eh… e che cazzo…”, una bestemmia e, infine, un decisamente più contestualizzato “ma cazzo, fammi dormire che stanotte sono andato a letto alle cinque per colpa tua!”. Più lamentoso che incazzato, però. Anzi no, pensandoci bene anche un po’ incazzato. Si volta verso di me, io mi copro le tette con il lenzuolo e lo guardo.

- Che cazzo ci faccio qui? – domando.

- Fino a un minuto fa ci dormivi, e pure io - risponde ancora mezzo rincoglionito.

- Come ci sono arrivata?

- Come cazzo vuoi esserci arrivata? Ti ci ho portata io…

- E perché sono nuda?

- Volevi dormire vestita?

- No ma, per esempio, le mutandine? Il reggiseno?

- A trovarle le mutandine, e pure il reggiseno. Ce l’avevi?

- Cazzo di domande, certo!... Gongolo…

- Mi chiamo Emiliano…

- Gongolo, mi hai scopata? – gli domando pensando Annalisa, se hai fatto una cosa del genere a sto punto c’è solo il convento.

- No. E a quanto ho capito non ti ha scopata proprio nessuno. Ci sei andata vicina, però. Delusa? Fa abbastanza ridere il fatto che ora tu ti copra le tette, sai?

Quarta botta alla testa, la più forte di tutte. Porto le mani alla fronte e chissenefrega se non reggo più il lenzuolo. “Si chiama hangover”, mi fa. “Grazie della spiegazione”, mormoro. “Vuoi rimetterti a dormire?”. “No, che ore sono?”, gli domando. “Le dieci e mezza”. Cazzo, una mattinata buttata, senza contare i messaggi e le chiamate che troverò sul telefono. Che cazzo mi invento, che sono finita al pronto soccorso per una intossicazione alimentare presa alla sagra del paese? Dice “ci penso io” esibendo per la prima volta nella giornata quel suo sorrisetto da idiota. E’ tornato Gongolo a tutti gli effetti. Scende dal letto e mi sfila davanti. “Ehi, ma pure tu sei nudo?”, gli grido. “Io ci dormo sempre nudo”, e sparisce dalla stanza. Torna dopo più di cinque minuti con un vassoio stracarico, mi allunga un bicchiere con della roba arancione che fa le bolle e mi dice "bevi". Gli dico che bastava un'aspirina e mi risponde "c'è anche quella". In ogni caso, si può bere. Il dramma è il secondo bicchiere, che è enorme e sa di segatura. Protesto, gli dico che fa schifo al cazzo ma mi tocca bere tutto lo stesso. Poi mi porge un bicchiere d'acqua e subito dopo una tazza con una quantità di caffè che sveglierebbe un cavallo. "Piscerò per sei mesi di fila", gli faccio restituendogli la tazza. Risponde che può farmi solo bene. "E in ogni caso - gli dico alzandomi - al bagno devo andarci ora, e di corsa". Si siede sul bordo del letto con quel suo cazzo di sorriso e mi risponde "vai".

Faccio pipì e già che ci sono faccio anche una doccia nella vasca da bagno. Schizzo tutto il pavimento, vabbè Gongolo, asciugherai. E nel frattempo cerco di mettere in fila le cose, le immagini, i suoni, le parole. I gesti e i comportamenti.

L’angolo del ricordo #1. I due ragazzi di ieri sera. No, anzi, prima di loro quel casino in piazza. Non ho visto, ma ho sentito. Stavano sgozzando un tipo. Oppure lo stavano frustando a sangue, che ne so. E strillava, strillava che nella vita ha sempre fatto a modo suo. Doveva per forza essere sottoposto a un supplizio di qualche tipo, sennò non si spiega. Oddio, per la verità non si spiega nemmeno la musica di sottofondo, ma non ho dubbi che fosse un linciaggio. Anche se dicevano che era il momento-karaoke. Dopo, solo dopo, mentre la gente ballava la roba messa su da un dj evidentemente affetto da disturbo bipolare, ho visto quei due ragazzi. O meglio, loro hanno visto me. Mi hanno rimorchiata in qualche modo.

L’angolo del ricordo #2. Deve essere stato in quel momento che, per la prima volta nella serata, mi è venuta voglia. Di sesso? Boh, forse. Ma soprattutto di divertirmi. Quello che non mi ricordo bene è se la decisione di impasticcarmi l’ho presa prima o dopo essere stata rimorchiata da quei due. Silvio e... come cazzo si chiamava? A modo, ma per nulla scemi, anzi. Mi sa che è stato quando ho detto “ma un salto in discoteca, no?” e loro mi hanno risposto che era troppo lontana... ecco, sì, mi sa che è stato proprio allora che mi sono detta che per farmi piacere quella cazzo di sagra mi ci voleva una spinta. “Gongolo, voglio calarmi”. “Mi chiamo Emiliano, prova questa”. Detto fatto, sempre con quel sorriso del cazzo e una Corona in mano. “Mi fai dare un sorso?”.

L’angolo del ricordo #3. Che poi tutto potevo aspettarmi tranne che quel cazzo di bar dai tramezzini schifosi, dopo l’orario di chiusura, si trasformasse in una discoteca clandestina. E a un certo punto ci è capitata dentro pure una ragazza. L’avevo vista ballare in piazza, con un tipetto che ricordava vagamente Ed Sheeran. Io a quel punto ero già mezza strafatta che ballavo Midnight City sul bancone del bar, completamente nuda. Fantastico Annalisa, bella figura. La prima cosa a venir via erano stati gli stivaletti, questo me lo ricordo, anche perché mi ero intestardita a salire sopra un tavolino. Poi però sono un po’ confusa. Io non ero nemmeno vestita nulla di che, del resto che cazzo mi dovevo portare in quel paese? Una camicia bianca annodata in vita e una gonna nera neanche tanto ridotta. A un certo punto qualcuno ha urlato toglitela, la camicia, e sono rimasta con il reggiseno, nero pure quello, addosso. Poi devo essere andata avanti, soddisfacendo le richieste che venivano da una parte e dall’altra. Ma mi sentivo bene, leggera, allegra e in empatia con tutti. Mi piaceva essere guardata dai ragazzi. E mi piacevano anche gli sguardi ironici delle ragazze che sapevano tanto di “ma chi è sta troia?”. Ma davvero, non ero un pericolo per nessuno, men che meno per i loro fidanzati. E poi c’erano Silvio e il suo amico che mi tenevano d’occhio. C’era pure Gongolo, a dire il vero. Poi è sparito. L’ho visto che qualcuno gli sussurrava una cosa all’orecchio e... sguishhhh, svanito.

L’angolo del ricordo #4. Oddio, pensandoci bene una certa figura di merda devo averla fatta. E’ che a un certo punto, doveva essere molto tardi e un bel po’ di gente era andata via, ho cominciato a sedermi prima sulle ginocchia di Silvio e poi su quelle dell’amico. O per meglio dire, erano loro che mi passavano dall’uno all’altro come una palla. Divertente, però. Divertenti anche i baci e le tastate sul culo e sulle tette, anche se ogni volta facevo finta di allontanarli. Divertente anche la mano che Silvio mi ha messo in mezzo alle gambe, a un certo punto. Mi ricordo che gli ho detto ridendo di toglierla, ma mica mi sono mossa. Divertente anche il dito che mi ha messo dentro. Io, boh, meno male che sono due ragazzi con la testa sulle spalle, perché mi sa che mi sarei pure fatta scopare lì. Però avevo voglia. Voglia, voglia. Avevo tanta voglia che con la vocina da ochetta gli ho chiesto pure “chi mi riporta a casa?” (casa... quella cazzo di pensione), sottintendendo che quello che mi avrebbe accompagnata poi me lo sarei portato in camera. Mi hanno chiesto “tu chi preferisci?” e io la mia risposta me la ricordo perfettamente. Scherzavo, eh?, in realtà non avrei saputo scegliere, avrei preferito che scegliessero loro. Però gli ho detto “quello di voi due che ha il cazzo più grosso!”, e sono scoppiata a ridere. Poi bum, più nulla. Ma proprio più nulla fino a stamattina.

Credo che però abbiamo esagerato. Prima di uscire dal bagno afferro un asciugamano sulla cui pulizia ho più di un dubbio e mi asciugo, mi copro.

Mi affaccio in camera da letto. Per meglio dire, resto sulla porta. Lui è seduto sul letto, sorrisino e sguardo un po’ perso. Si è riacceso un altro spino. Gli faccio “scusa una cosa, Gongolo…”, lui ribatte in automatico “eh?” e poi aggiunge “mi chiamo Emiliano”. Vabbè, ti chiami Emiliano, ma dimmi una cosa: “Scusa, ma io non ti piaccio?”. Lo sguardo fa un upgrade dallo smarrito al sorpreso. Risponde “E perché? Sei una bella figa”. Mi avvicino a lui, molto. “Voglio dire, non ci trovi qualcosa di strano? Mi riferisco alla situazione”.

Ora, non è che mi metto a spiegarglielo, devo riconoscere che lui fino a questo momento è stato un signore. Non dico che poteva saltarmi addosso, ma qualche avance anche un po' pesante l'avrei messa in conto. Oppure, all'opposto, una qualche forma di imbarazzo. Invece nulla, ma proprio zero. Indifferenza cristallina, anche sottolineata dal fatto che non ha nemmeno sentito il bisogno di coprirsi. A volte può anche ferire, tutta questa indifferenza.

Ma, come vi dicevo, non è che mi metto a spiegarglielo. Mi scappa fuori una cosa molto più brutale e volgare. Che se fossi un po' più presente a me stessa mi terrei dentro. In pratica, dico ad alta voce ciò che penso, senza mediazioni o filtri.

- Scusa una cosa, Gongolo, ma sei frocio? Niente in contrario, eh? Ho anche amici gay...

- Ahahahahah.. no, non sono "froscio" - risponde cercando di imitare, in maniera pessima, la pronuncia romana - perché?

- No, così... - ribatto sapendo che lui ha capito benissimo il motivo della mia domanda. L'ha capito, certo che 'ha capito.

- Si chiama asessualità, io sono un soggetto asessuato.

- In parole povere... - chiedo cercando di essere delicata - significa che non ti si rizza?

- Ahahahahah no! Ahahahah - sghignazza piegandosi sul letto - si rizza, si rizza... per rizzarsi si rizza. Diciamo che... si rizza quando voglio, sono io che molto spesso non voglio. Quasi mai, diciamo.

- Non ho capito - gli dico. Ed è la verità, sarò intontita ma non ho proprio capito nulla.

- E' un po' più complicato di come te l'ho messa... Diciamo che quelli come meee... hanno una libido molto ma molto bassa, ecco. Mi piacciono le donne, eh? Cioè, un uomo non lo toccherei mai. Però in quel senso mi interessano meno, tutto qua. Oh, detto questo, qualche scopata nella vita me la sono fatta anche io, eh?

- Ma ti sei sparato qualcosa di troppo?

- Ahahahahahah… non hai capito un cazzo, allora! Non sono impotente. E non è che ci sono diventato, sono proprio fatto così.

- Hai una donna ora?

- No. Però ho un gatto.

Lo confesso, per un attimo ho la tentazione, ma solo per un attimo, di inginocchiarmi tra le sue gambe e di verificare se sta storia sia vera. E dirgli, prima, “ma se te lo prendo in bocca davvero non succede nulla?”. Lascio perdere e non solo perché l’idea mi sembra ridicola, ma perché non so proprio cosa pensare e come comportarmi. Voglio dire, non so se essere dispiaciuta per lui. Penso di no. Sarà come dice lui, è fatto così e amen. L’unica cosa che faccio la faccio più che altro per sdrammatizzare. Lo guardo in mezzo alle gambe, in un modo assolutamente sfacciato e che in un altro momento sarebbe stato eccessivo ma che adesso ci sta, ridacchiando “peccato, però, hai un bel cannolo”. Cosa peraltro verissima, nemmeno la ciccia riesce a nasconderlo. “Grazie! – risponde ridendo – eri interessata?”. Gli ridacchio il mio “no” implicito. Ma non me la sento di dirgli che, cannolo o non cannolo, non sarei stata interessata nemmeno se lui avesse la libido di un mandrillo. Perché offenderlo? “Eri molto più interessata a quei due stanotte - mi sorride – come va? Un po’ meglio adesso?”

Mentre parlavo con lui non ci avevo fatto caso, ma va davvero meglio. Ho la testa ancora ovattata e pesante, ma almeno non fa male. In compenso, nel resto del corpo, mi sento come se qualcuno mi avesse appesa per le gambe e mi avesse menata per tutta la notte. Gli rispondo che la testa va meglio, ma che mi sento tutta rotta. Mi osserva per un po’ in silenzio, sempre con quel sorrisino immutabile stampato sul viso. Negli occhi, però, mi sembra di sorgere una specie di lampo. Sensazione corretta, visto che un attimo dopo aggiunge “aspetta, forse ho qualcosa che fa per te”. Fa per allontanarsi ma lo blocco. “Scusa, Gongolo, non è per fare la suora, ma non è che potresti metterti… cioè, qualcosa addosso?”. Se ne va con una faccia che dice che-palle-che-sei. Dopo un minuto ritorna con un flacone nebulizzatore in mano e addosso una t-shirt e un paio di boxer. Mi domando se non li abbia recuperati dal cesto della biancheria sporca, visto che il cassettone con la roba pulita deve essere, così almeno penso, quello davanti al letto.

“Dai stenditi. A pancia in sotto”, mi fa. Gli domando perché con gli occhi, risponde con voce semi-infantile “massaggino!”. Ok, massaggino. Mi stendo, lui dice che il massaggino non lo deve mica fare all’asciugamano. Ok, via l’asciugamano, tanto… “Apri un po’ le gambe…”. “Perché?”. “E per una volta fai quello che ti dico…”. Sbuffo protestando che vorrei sapere quando è che non l’ho fatto, ma apro un po’ le gambe. Un momento dopo capisco: le prime due-tre spruzzate nella zona che per Gongolo non riveste nessun interesse, ovvero tra fica e culo. Cosa che tra l’altro, proprio per questo motivo, mi sorprende un po’.

- Ehi, che cazzo fai? – protesto.

- Scusa, stavo provando il nebulizzatore… - risponde distratto.

- E lo provi lì? Che roba è?

- Olio per massaggi… - risponde indirizzando gli spruzzi sulle spalle, stavolta.

Ora, è un po’ difficile da descrivere e probabilmente sarebbe anche un po’ palloso. Ma se vi dico che lui è davvero bravo fidatevi. E se vi dico che i primi cinque minuti sono formidabili fidatevi-bis. Mi dice “metto un po’ di musica, mi serve una pausa”. Dalle casse arriva una cascata di lounge che, di norma, mi indurrebbe a uccidere qualcuno ma che in questo momento chissà perché non ci sta per niente male. Poi lui torna con due spini accesi e me ne porge uno. “Vedrai che andrà sempre meglio”.

Fumo. E mentre fumo mi avvolge il calore. Tutto addosso sento che i miei muscoli si stanno decontraendo, rilassando, è fantastico. Ma mano a mano che vado avanti capisco che il calore è qualcosa che parte dal basso. Gli domando ancora una volta “ma che cazzo di roba è?” e lui ancora una volta ripete che è olio per massaggi. “E’ bellissimo, ma è strano…”. “Dici? - chiede mettendosi a sedere sul letto – vieni, appoggiati”. Mi siedo anche io, appoggio la schiena al suo petto. Si riempie le mani di olio e comincia a massaggiarmi le braccia. Chiudo gli occhi mi lascio andare, cazzo che figata.

Quando le sue mani oleose raggiungono i seni, cambia tutto. Lancio un sospiro rumoroso e penso “beh, così però è proprio sesso” ma non riesco ad oppormi. Ho i capezzoli durissimi e quando Gongolo ci scivola sopra ho scariche di piacere diffuse, brividi. Ma non riesco né a sottrarmi né a preoccuparmi. E’ semplicemente irresistibile. Sussurra “che belle tettine che hai, raffinate” mentre me le massaggia con delicatezza. Dico a me stessa che se il suo fosse davvero un approccio sessuale dovrei sentire almeno il suo cazzo impennato, duro, dietro la schiena. E invece non sento nulla e non so nemmeno se rammaricarmene. Mi sa che quella storia della asessualità è vera.

"Ancora... - riesco appena a sussurrare - Gongolo ti prego ancora...". "Mi chiamo Emiliano...". Ma vaffanculo, pure il pusher pignolo mi doveva capitare. Però lo imploro: "Ancora, ti prego, Emiliano ancora". Sento il rumore dello spruzzo e poi la sua mano che scivola sull'esterno della mia ferita. Senza nemmeno rendermene conto ho allargato oscenamente le gambe. E lì in mezzo, sinceramente, non so quanto ci sia di olio e quanto di roba mia. Torna, prepotente, la stessa identica voglia di essere scopata che avevo stanotte. La riconosco, anche se faccio fatica. Non è possibile, che senso ha? Mi viene quasi da piangere per il piacere anche se non mi sta quasi facendo nulla.

Adele al posto mio, io al posto di Gongolo. Dammene dieci litri di quest’olio e ci penso io a farla miagolare. Esattamente come sto miagolando io. Chissà se poi c’è andata dall’estetista, deve essere fantastico scivolare sulla sua pelle.

- Sta roba è magica, me la devi dare...

- Usala con il tuo ragazzo, lo fai felice.

- Mi sono rotta il cazzo del mio ragazzo, io amo una ragazza...

- Oh-oh... abbiamo un soggetto bisex...

Soggetto bisex lo dici a tu' nonna, dico tra me e me.

Mi spiace solo che in mezzo alle gambe la sua carezza sia un po’ ruvida e frettolosa. Mi sento gonfia e in calore. Talmente in calore da desiderare, masochisticamente, una tortura più prolungata. E invece, appena mi sfiora il grilletto, urlando, vado in frantumi. Tutto va in frantumi.

Il mondo che si ricompone ha la forma di un lenzuolo bianco davanti agli occhi. Sopra il quale, bocconi, ansimo e tremo ancora. Ascolto le suppliche pulsanti della mia vagina. Chissenefrega di chi è, di come è.

- Scopami... scopami ti prego...

- No, mi dispiace...

Ma che cazzo, razza di impotente, che significa “mi dispiace “. No, dico, mi hai vista?

- Ti prego...

- Non ce la farei nemmeno, e poi non mi va.

Ma vaffanculo...

- Ma perché non ti piaccio?

- Mi piaci, mi piaci moltissimo – dice dopo avermi dato un bacio sui capelli – mi piaci moltissimo. Sarà molto più bello ricordarti che averti scopata.

Questo racconto di è stato letto 2 1 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.