Cosa ci faccio io qui? - Perfetta stronza

Scritto da , il 2020-08-12, genere etero


In un altro momento probabilmente cammineremo allacciati. Ma sono le tre e mezza di pomeriggio e su questo lungomare il sole mena. Andiamo avanti un passo dopo l'altro con i mignoli uncinati tra di loro. Luca è consapevole di portarsi appresso uno splendore, lo so. Il camicione bianco con i bordi di pizzo, che copre una spalla o l'altra, ma mai tutte e due. I capelli biondi racchiusi a coda e un cappello floscio a tese larghe. L'espressione lievemente incapriccita e i Ray-ban. La borsa di tela chiara con delle righe azzurro melange che mi pende fino a metà coscia. Quest'anno niente infradito, zoccoletti bassi che trascino sul selciato facendo ogni tanto cloppiti clop. Sembro una troia di Vigna Clara vestita nei costosissimi negozietti del centro storico. Ma del resto, da queste parti, troie di Vigna Clara devono essercene parecchie, è zona.

Sì, ok, cammino incrociando qualche volta il passo, sculetto e un po' me la tiro. Ma è giusto. Se non me la tiro io chi se la deve tirare? Sta tartaruga rinsecchita che ci viene incontro? Avrà sessant'anni e va ancora in giro conciata come una ragazzina. Quella mascherina se la tiri su che è meglio, signò, anche se siamo all'aperto... E poi ho appena avuto tre orgasmi, forse quattro, e ho fatto il pieno di endorfine, sto benissimo.Vorrei che la gente capisse, sapesse. Sono stata appena scopata da questo ragazzo qui, bel figo, no? Beh, non è un manzo qualsiasi, caruccia che te lo guardi sperando che io non me ne accorga. E' il mio ragazzo. E io sono la sua ragazza.

E sono anche una perfetta stronza. Beh certo, questo non vorrei né che si capisse né che si sapesse, ma è la verità. Mica solo perché lo tradisco facendomi sbattere da uno che mi tratta come una mignotta. Non dico che mi scopa come una mignotta, che quello andrebbe pure bene e forse sarebbe anche il meno. No, mi tratta proprio come una mignotta, una escort a chiamata. Chi potrebbe mai amarmi conoscendo il legame malato, depravato, che ho con Stefano? Luca no di certo.

Però non sa nulla, non lo sospetta nemmeno. E mi ama. Io invece non lo amo. Lo chiamo "amore" ma non lo amo. Mi piace tanto e gli voglio un bene dell'anima, questo sì. Ma non sento di amarlo, mai sentito. Sono pure stata due volte sul punto di mollarlo. Sono arrivata proprio a tanto così, sapete? La prima a dicembre scorso, quando ho conosciuto Stefano. Cominciavo a non sopportarlo più, c'è un lato indolente del suo carattere che non potete capire quanto mi dia sui nervi. Ho sempre pensato che se sono caduta nella rete di Stefano è proprio perché cominciavo a sentirmi soffocare. La seconda volta è stata alla fine del lockdown. Nelle settimane in cui eravamo tutti chiusi in casa non sopportavo le sue telefonate, le chiamate Skype. Mi sembravano interminabili anche se non lo erano, tagliavo sempre corto. E più lo facevo più lui si dimostrava premuroso, dolce, pensava che il lockdown mi stesse schiacciando psicologicamente. Ma per me era semplicemente appiccicoso. E se la sera, a letto, mi andava di far correre le dita non era certo lui quello cui pensavo. No, nemmeno per quello mi andava bene.

Quando c'è stata la riapertura non l'ho voluto vedere per una settimana, accampando un sacco di scuse. In compenso ho voluto vedere Stefano, nell'appartamento in cui io e Luca, prima della pandemia, ci rifugiavamo per scopare. Ne ho già scritto, lo "scannatoio". Ecco, lì mi sono detta "adesso lo mollo, basta, non ce la faccio più". Ma non l'ho fatto. Anzi, quasi senza che me ne accorgessi mi sono riavvicinata sempre di più a lui. Gli ho pure riletto la tesi, anche se io di giurisprudenza non capisco davvero un cazzo.

La verità è che odio l'idea di dargli un dolore. E' vero, non è un modo di dire. Sono certa che se gli dicessi "è finita" un attimo dopo mi butterei dalla finestra per non vederlo soffrire. Sì, lo so, risparmiatemi i sermoni, lo so che così non solo faccio la stronza ma è anche peggio per lui. Lo so benissimo che un giorno o l'altro questa pistolettata in testa gliela dovrò tirare e che prima lo faccio meglio è per tutti. Ma non ce la faccio. Non sono solo una puttana, sono una vile e una miserabile. Lo so.

Un altro motivo, forse non forte quanto il primo ma che comunque esiste, è che non mi va di restare da sola, in balìa di me stessa. L'ho fatto per un sacco di tempo, mi sono rotta il cazzo. Quando lo scorso anno ho conosciuto Luca non era un gran periodo, cominciavo ad avvertire il peso della solitudine. E per quanto mi renda conto che questi sono racconti un po' particolari, vi invito a non fare pensieri idioti. Non è per il sesso, quello non è mai stato un problema. Il sesso in quanto tale l'ho rimediato sempre, persino fino a due giorni prima di conoscere Luca. Quando dico che non mi andava di restare sola sto parlando di un'altra cosa. Sono stata chiara o avete bisogno di un disegnino?

Non passa nemmeno una macchina su questo lungomare. Il cloppiti clop dei miei zoccoletti continua a essere l'unico rumore qui intorno. Incrociamo una coppia di ragazzini, avranno sì e no quindici anni. Sembrano camminare su una nuvola e si tengono per i mignoli come stiamo facendo io e Luca. Osservo lei. Carina, con i capelli a caschetto e una maglietta a righine orizzontali bianche e rosse. E' molto sottile, sembra me alla sua età. Solo che lei - magari sarà il push up, eh? - ha anche due belle tettine che le sollevano la t-shirt, li mortacci sua. La squadro e mi dico che non cederò mai alla moda di quest'anno, con quegli shorts di jeans con le tasche lunghe che spuntano di fuori e corrono lungo le cosce. Ma piuttosto mi do fuoco, puttanella.

Dio, come sono malmostosa nei confronti del prossimo, me la prendo pure con le ragazzine adesso. Avrò dieci anni più di lei e già la giudico come nemmeno mia nonna farebbe. Ma non mi sentivo bene-bene fino a solo un minuto fa? La colpa, lo so, è di Stefano, devo smetterla di pensare a dove sono arrivata con lui. E ora che ci penso devo anche togliere il suo numero dalla rubrica del telefono. Non sia mai che Luca intercetti i suoi WhatsApp zozzi e mi domandi "chi è questo?". Con un numero anonimo sarebbe facile dirgli "un maniaco", "un porco che non so nemmeno chi sia". Forse.

La voce mi arriva all'improvviso.

- A che pensi? - mi chiede. Era ovvio che tutto questo mio silenzio lo avrebbe incuriosito.

- Nulla...

- Dai...

- A quando prima eravamo a casa...

- Sul letto?

- Sì, sul letto - rispondo con un sorrisino ma guardando in basso come se mi vergognassi.

- E cosa pensavi? - domanda.

- Ahahahah... vuoi sapere troppo... - rispondo.

- E dai...

- Vuoi davvero che te lo dica? - gli faccio con un tono da semi oca, un tono di chi non vede l'ora di cedere.

- Certo!

- Sicuro-sicuro?

- Sicuro-sicuro...

- Quello che pensavo te lo dirò stasera... - rispondo con il tono di una ragazzina ochetta e impertinente. E anche abbastanza troia. Mi diverto, siamo tornati a giocare e posso smettere di rimuginarmi addosso.

- Me lo dici e basta? - domanda Luca con altrettanta impertinenza.

Riprendiamo a camminare ma stavolta lui mi cinge il fianco e chissenefrega del caldo. Scende un po’ giù verso il sedere. Accentuo il mio naturale sculettamento giusto per fargli capire che, se non fossimo per strada, vorrei proprio che quella chiappa me la stringesse fino a farmi male. Una di quelle strette che ti fanno pensare "aaaawww... sono tua". Avete presente?

Proprio davanti all'entrata dello stabilimento mi volta e mi sigilla in un abbraccio e in un bacio lingua in bocca molto ma molto cinematografico. Mi accarezza mentre mi abbraccia e mi fa anche cadere il cappello, ma sticazzi. E' bellissimo, è gioia pura, è voglia. Ci baciamo per un tempo indefinito e io chiudo gli occhi, mentre i nostri occhiali da sole sbattono l'uno contro l'altro. Nemmeno ci accorgiamo del ragazzo che sta lì e che è rimasto con il termoscanner in mano come un cretino. A Luca non gliene è mai fregato nulla di baciarmi di fronte alla gente. E a me nemmeno. Ci mettiamo le mascherine e ci facciamo controllare la temperatura. Entriamo.

La villetta affittata dal padre di Luca dentro il comprensorio ok, quella almeno ci ha evitato di passare la vacanza proprio accanto al villone dei suoi genitori. Ma il posto in spiaggia no, quello proprio non è stato possibile. Troppe regole, troppi restringimenti a causa del Covid per permettersi di scegliere. E così prima fila, a pochi passi dall'acqua: c'è l'ombrellone dei nostri amici che arriveranno domani, poi il nostro. Con tanto di targhette con nomi e cognomi. Poi un altro ombrellone (vuoto), poi quello del papà e della mamma di Luca. Che sono lì al sole. E' chiaro che adesso un bel "oh ma come sono felice di conoscerti!" non me lo toglie nessuno. Spero solo che non ci scappi il bacetto.

- Ciao, lei è Annalisa...

- Oh, ma non sai che piacere, finalmente... - mi fa la mamma alzandosi addirittura in piedi. Finalmente sì, visto che sono undici mesi che stiamo insieme. Chissà quando ha parlato loro di me per la prima volta.

Sorrido, ringrazio, certo, il piacere è anche mio, felice di conoscervi. Sono una che l'educazione la conosce, sapete? Comunque no, niente bacetto. Il papà invece non si alza, sono io che vado da lui e gli porgo la mano, mi squadra sorridendo: "Piacere, Claudio". Da dietro mi arriva la voce della madre "uh che scema, scusa, io sono Luisa". No, cazzo, dai, a questo punto non mi chiedete di darvi del tu, per favore.

Facciamo un po' di chiacchiere su quando siete arrivati e se il viaggio è andato bene e com'è la casa. Il padre dice "Luca mi ha detto che lavori..." e io gli rispondo che in effetti il contratto mi è scaduto a inizio luglio "ma-dicono-che-me-lo-rifanno-a settembre-speriamo". Vuole anche sapere di che si tratta e io provo a spiegarglielo, dopo un po' vedo che non ci capisce un cazzo o che si annoia e taglio corto. Quando andiamo a prendere possesso dei nostri lettini sussurro a Luca "ma che, gli hai parlato di me?". "E per forza, che gli dovevo dire? Che venivo qui con una raccattata su Blablacar?". "E da quando ci conosciamo?". "Boh, da un anno, no?". "Sì, ma da quando stiamo insieme?". "Ma perché?". "Se i tuoi me lo chiedono, per non fare figuracce e non farle fare a te...". "Ah... beh, diciamo da un po' prima di Natale, che so... ok?". "Ok".

Perfetto Luca, davvero perfetto cazzo. Puoi pure dirgli la data esatta se vuoi, 20 dicembre. "Beh, signora, sì... una sera suo figlio mi ha portata in un albergo e mi ha sbattuta a raffica, solo che mi ha detto che si chiamava Stefano... strano, no?". Se volevo togliermi quel figlio di puttana dalla testa sono servita.

Vabbè, stendo il telo sul lettino e mi tolgo il camicione. Sono un po' voltata, non vedo, ma sono certa che la mamma di Luca mi stia osservando. Per fortuna ci sono andata leggera con il costume: un normalissimo bikini nero con il pezzo di sopra a fascia. Sì, ok, le chiappe sono quasi del tutto scoperte ma ormai si usa così signora. Non è una roba da troia. Quella che usavo lo scorso anno in Grecia quando ho conosciuto suo figlio, quella sì che è da troia. Anyway, le gambe e soprattutto le chiappe me le incremo da sola con la protezione diecimila. Lo so che l'anno scorso me lo faceva Luca, ma per ora è meglio di no. Per la schiena, invece, mi serve proprio lui.

E mi piace pure, lui. La pressione che fa per spalmarmi quella specie di gesso sulla schiena mi piace.

- Il più bel culo della spiaggia - mi sussurra all'orecchio.

Mi piace pure questo, naturalmente. Anche se ridacchio ironica e lo fulmino.

- Pensavo che ti piacesse più il culo di quella... - sussurro di rimando.

Ecco, se proprio devo essere onesta quello che mi è piaciuto di meno sono le due lunghe occhiate che ha lanciato a una tipa che se ne sta in beato fancazzismo su una sedia a sdraio nella fila dietro di noi, un po' spostata sulla destra. Lui e il suo manzo sono appena tornati dalle docce. E' lei "quella". E' lei che mi dovete aiutare a dire strafiga. Ecco, tanto per farvi capire, e tenete conto che io sono egocentrica e competitiva, punti a mio favore: il viso e il culo. Non che lei abbia un brutto culo (tutt'altro) e nemmeno un brutto viso, ma se la faccia fosse appena appena meno facciosa non guasterebbe. E poi ha un sottilissimo filo di antipatia che gliela attraversa - di quelli che non dipende dal momento, ce l'hai sempre - ed è davvero un peccato. Punti in pareggio: i capelli. Boh, poi decidete voi se vi piacciono più le more o le bionde. Punti a suo favore: tutto il resto. Ma proprio tutto. La figura, tanto per cominciare. A uno sguardo di insieme è perfetta: le spalle, i fianchi, il ventre piatto, le cosce, i polpacci. Come cammina, come si muove, non è volgare in nulla. Ha un costumino rosso a motivi bianchi nemmeno tanto eccessivo, anche se un lato dello slip si insinua tra le chiappe. E poi, dimenticavo, le tette. Mamma mia. Ha un seno perfetto, né piccolo né grosso, magicamente installato su di lei e che sta su da solo, non ci sarebbe nemmeno bisogno del reggiseno, peraltro abbastanza allentato. Nemmeno ballonzola quando cammina, nemmeno quello è volgare. Vi confesso, non me la farei proprio a causa di quel filo di antipatia sul volto che trovo respingente. Ma a leccare quelle tette ci starei ore. Poi se a lei piace leccare la fica... beh, un sacrificio lo posso fare. Anche il ragazzo che sta con lei è niente male. Ha un braccio completamente tatuato, belloccio, spalle imponenti senza essere palestrato, un petto dove potrebbe tranquillamente atterrare un Airbus. Mi ci immagino lei lì sopra, ancora incardinata su di lui, che si riposa respirando a bocca aperta e cercando di ritornare al mondo. Voto al manzo: nove. Ma lo spettacolo purtroppo è lei. Cazzo, ma proprio qui dovevi venire a stare?

- Sì, ha un bel culo - dice Luca a bassa voce - ma il tuo è meglio.

- Fai bene a dirlo perché è la verità - rispondo.

- Però nemmeno le tette sono male...

- Luca, ti togli le lenti per favore? - domando voltando il viso verso di lui.

- Perché?

- Devo ficcarti due dita negli occhi, così vedi meglio...

- Ahahah... gelosa? - domanda.

- Io? Figurati se quella ti considera. No, dico, l'hai visto il ragazzo?

Lo schiocco della sua manata sul mio sedere quasi copre il suo "ahahah, scema!". La testa mi scatta verso l'alto e per un momento resto senza fiato. Un po' per il dolore ma soprattutto per la sorpresa. E' la prima volta in assoluto che Luca mi dà una sculacciata, è una cosa che non avrei mai messo in conto. Mi guardo un po' intorno, forse nessuno si è accorto di nulla. Ricado con la testa sul lettino, tra le braccia. Il bruciore del colpo piano piano svanisce lasciando spazio al piacere. Me lo sento anche un po' tra le gambe quel piacere, che figata.

Improvvisamente, e a costo di disarticolarmi la colonna vertebrale, Luca mi tira su e mi bacia. Scandalosamente, lingua in bocca. Ve l'ho detto prima, non gliene frega niente se la gente ci guarda. E questa in fondo è una cosa di lui che mi piace. Il fatto che lo faccia davanti ai suoi genitori non so come prenderlo, invece. Da un lato mi imbarazza, da un altro mi piace anche di più. Da un altro ancora, scusate se mi ripeto, davvero non so cosa pensare. Da dietro i Ray-ban e con gli occhi socchiusi, vedo il padre immerso nel suo libro e la madre che ci osserva con discrezione, cercando di non farsi scoprire. Ha un'espressione indecifrabile, ma non direi che ciò che vede le dispiaccia. Ci sarebbe da dirle "signora, lo sa che il suo bambino oggi mi ha ridotta ad un essere ululante per una buona mezz'oretta? E' anche merito suo, sa?". Lo penso e porto le mani dietro la schiena di Luca. Lo abbraccio, lo stringo, comprimo il seno sul suo petto. Fortunatamente ci diamo un taglio prima che arrivi il bagnino a dirci che questa è una spiaggia perbene, ma è stato davvero un bacio ipersuperappassionato.

- Andiamo in acqua? - domanda Luca.

- Cazzo, mi sono appena messa la crema, aspetta almeno un po'...

- Io ne avrei bisogno, ahahahahah...

- Dove cazzo vai, che se ti alzi adesso sembra che c'hai un trapano nel costume?

Ride. Quella risata timida di quando inizio a provocarlo. Ma io in questo momento non voglio provocarlo proprio per niente. Voglio solo che resti vicino a me e che il mio corpo nasconda al resto del mondo il fatto che gli è venuto il cazzo duro. Penso solo a questo, giuro. Non faccio nemmeno pensieri zozzi. Ho una istintiva voglia di difendere la sua reputazione, che vi devo dire...

Il problema arriva quando lui a fare un tuffo ci va davvero e mi lascia lì, sola e distesa sul lettino, a pensare. A pensare al piacere dei suoi baci e della sua sculacciata. E immediatamente dopo a pensare a me stessa in una pensioncina dalle parti della stazione Termini, nuda, inginocchiata su una sedia e legata per i polsi a un termosifone, con le mani di Stefano che mi colpivano. La sua voce che ringhiava "dimmi quanto ti piace" e io che piangevo "mi piace ma ora ti prego basta!". Le sue carezze, dopo. Carezze un cazzo, mi piacciono le sculacciate, non le sevizie. Semmai a eccitarmi è l'idea di essere seviziata da quello stronzo, mica gli ho detto che lo deve fare per davvero. Idem per il lato B: smettiamola anche con questa storia che devo essere inculata ogni cazzo di volta che scopiamo. Ogni tanto va bene, ma non è che mi piace sempre, porco giuda. Anche se sì, ammetto pure questo, mi eccita l'idea di lui che spinge senza pietà mentre gli grido "no!" e sbatto le gambe sul materasso, mi eccita la protervia. Forse se non gli rivelavo che una mattina mi ero masturbata pensando proprio a questo era meglio. Perché poi certe cose accadono e non puoi nemmeno mandarlo affanculo senza sentirti dire "guarda che in fondo lo volevi". Risultato della visita a quella pensioncina: niente gonne corte o shorts e sedere colorato per tre giorni. Più una transitoria antipatia per le sedie della cucina, che sono di legno. Che per fortuna al secondo giorno mi sono venute le mie cose e ho potuto dire a Luca "no amore, ma se vuoi te lo succhio, mi va tanto di succhiartelo". Tre pompini gli ho fatto quella sera nello scannatoio. Tre. Luca è uno che recupera in fretta. E al terzo sentivo che avrei lasciato lì la mascella. Ma non mi sono fatta toccare, ho solo lasciato che mi massacrasse un po' le tettine.

Quando torna dalla doccia si stende sul lettino accanto al mio. Si asciuga un po', mi chiede se gli spalmo l'olio sulla schiena. "Fanatico", lo prendo in giro sedendomi sul bordo. A me ci vuole il grasso di foca, lui usa l'olio per abbronzarsi. Gli verrà un cancro alla pelle, prima o poi, gliel'ho detto. E' fatto così, ti giri per un momento dall'altra parte e poi vooom... lo guardi e si è già abbronzato. Come cazzo fa... Quando l'ho conosciuto, l'anno scorso a Ios, a momenti lo prendevo per un africano.

Gli ungo le gambe fino all'orlo dei bermuda (lunghi). Poi le reni, la schiena. Le mie mani scivolano sulle sue spalle e sul dorso. Sotto la pelle sento i suoi muscoli tonici. Non strafottenti ma solidi. Mi piace tanto sentirli quando si contraggono. Promettono forza, esprimono forza. Mi piace sentirli sotto le mani in quei momenti in cui lui è un animale sopra di me e io posso solo passargli le mani sulla schiena e tenere le gambe bene aperte. Mi eccito anche adesso, mentre gli passo l'olio. Mi accorgo di rallentare i movimenti per allungare il piacere di quel contatto.

- Lo sai che ti succhierei il cazzo, ora? - gli sussurro chinandomi verso il suo orecchio.

- Qui sul lettino?

- Anche sul bagnasciuga... In piedi, tu. E io...

- Sai che se non ci arrestassero ti direi di farlo?

- Me lo diresti e basta?

- Sì, perché?

- E come mi diresti?

- Uh.. boh, ti direi "ok amore, succhiami il cazzo".

Ridacchio, mi aspettavo un po' più di fantasia a dire la verità. Ma forse non era il momento giusto. Lui si rialza e si mette a sedere accanto a me.

- Amò, mi ero scordato di dirtelo ma c'è una cosa che non ho potuto evitare... stasera siamo a cena dai miei, ti va?

- Ma sì che mi va - rispondo mentendo un po' - ma sì.

Gli afferro la testa tra le mani ancora unte, lo guardo, gli sorrido. Lui pensa che io sia innamorata, ma non importa. Gli voglio bene. Tantissimo bene. Gli do un bacio a sfioro sulle labbra. Luca, Luca, ma come devo fare con te?

CONTINUA





Questo racconto di è stato letto 2 7 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.