Mezzo dentro, mezzo fori

Scritto da , il 2022-04-17, genere poesie

La tua spada mi trafigge;
tu che spingi, io che strigge.
Mezzo dentro, mezzo fori
come un picador coi tori.

La mia passera già frigge:
cento schizzi, mille schegge.
Di lamenti facciam cori,
gran trionfo degli ardori.

Poi ti fermi e l'osserviamo,
già impiantato nel mio ventre,
quel pistone, quel banano.

E restiamo nel bel mentre;
quel lavoro contempliamo.
“Ma riprendi! Vieni dentre!”

Giusto per farsi due risate, neh?

Questo racconto di è stato letto 6 7 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.