Sindrome di Tako Tsubo - たこつぼ

Scritto da , il 2021-09-26, genere sentimentali

Quanto può amare il cuore di una donna?
Quanta sofferenza può sopportare il cuore di una donna?
Forse tanto quanto può amare, riesce a tollerare e a resistere a una sofferenza acuta e ancora di più al protrarsi di questa.
Lacrime, sfogo temporaneo, liberazione di energie negative.
O forse una mandibola serrata, uno sguardo indurito come una inespugnabile parete di granito, un tronco secco di ulivo, per non lasciar trapelare la sofferenza, per paura di sembrare debole, o per non voler dare soddisfazione, ostinatamente e senza senso.
Pulsazioni muscolari per erogare energie nel torrente circolatorio, per tramandare vita e calore, lungo il dipanarsi delle arterie che si sfilacciano in capillari.
Il cuore pulsa.
Organo vitale, strumento di vita e simbolo.
Centro emotivo dell'amore, bersaglio della sofferenza.
Lo stesso muscolo che emotivamente viene considerato fonte del sentimento più puro, diviene collettore dei flagelli più impietosi del dolore.
Tako Tsubo, la sindrome dei cuori infranti.
Descritta negli anni novanta.
Si è scoperto che il cuore veramente soffre, si dilata, perde la sua forza contrattile, nel forte stress emotivo, nella sofferenza, anche solo psicologica, e nello spavento.
Il cuore; il cuore che deve reggere lo sforzo della sopportazione; il cuore che deve continuare a battere per infondere vita; il cuore che deve garantire la sorgente dell'amore.
Il 90% dei soggetti colpiti è costituito da persone di sesso femminile.
Donne.
Il cuore si sfianca sotto le sferzate del dolore, il cuore si dilata, perde forza, dissipa energie.
Resisti piccolo cuore, resisti Donna.
Culla della vita, preserva la sorgente dell'amore!
Stanche contrazioni si rivelano sotto la sonda che, nelle mie mani, scruta e indaga oltre le soglie intime delle finestre ecografiche.
Un cuore affranto lotta per garantire calore, energie e vita. Un cuore colpito duramente si dilata assumendo la forma del tako tsubo.
Forza, piccolo cuore, resisti!
Non mollare, piccolo pugno di fibre muscolari da cui dipende tutta la vita, da cui nuovamente deve nascere il sentimento.
Mi affanno con i farmaci, intensifico i controlli, rassicuro la paziente.
E intanto il mio cuore batte all'unisono con quello della donna sdraiata sul lettino nella sala ecografica.
Il mio cuore soffre insieme a quello della mia malata, come per cercare di alleviare l'altrui sofferenza, in sintonia, in simbiosi.
E il cuore di molte donne si fa carico delle grandi sofferenze del mondo, delle pugnalate, delle umiliazioni, delle ingiustizie.
Batti piccolo cuore, non cedere!
Pulsa, regalaci ancora la vita, donaci ancora per un poco la speranza.
Tu-tum, ta-tam.
Un battito dopo l'altro, una sistole alternata a una diastole e poi una nuova sistole.
Instancabile, senza tregua, senza mai la possibilità di una piccola sosta, di un riposo meritato.
Stanco, dilatato, stordito e mezzo addormentato, il ventricolo sinistro continua a contrarsi, con fatica.
Ma non cede, non si ferma.
Ancora un battito, ancora una stanca contrazione, ancora una gittata sistolica.
Batti, piccolo, stanco cuore.
Non fermarti.

Questo racconto di è stato letto 5 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.