Scorci sul mar Giallo

Scritto da , il 2021-10-02, genere voyeur

Lo studente al sest'anno di medicina avvolge con accuratezza il manicotto della pressione al braccio del paziente, mentre io, dall'altra parte del letto, mi piego in avanti per ascoltargli il cuore.
Fa parte degli insegnamenti dei tirocini di cui il mio reparto di medicina interna si prende carico.
Mi immergo nella sequenza dei toni cardiaci, immaginando le valvole che si aprono e che si chiudono, e intanto sento che il giovane pompa gonfiando il manicotto.
Completo la mia ascoltazione cardiaca e sento che quello sta ancora pompando.
Alzo gli occhi sul manometro, i millimetri di mercurio continuano a salire: 160, 165, 170...
Ma quanto lo gonfia? Finirà per staccare il braccio del paziente!
La sua mano in effetti comincia ad assumere un colorito violaceo.
170, 175, 180 mm di mercurio.
Alzo gli occhi verso l'inavveduto futuro collega e appuro che il suo sguardo non è diretto verso la lancetta dello sfigmomanometro, ma verso di me.
Più precisamente verso il mio petto che ancora rimane proteso sul paziente, mentre lo sto visitando, proprio di fronte al giovane tirocinante.
185, 190, 195 …
Il paziente dà segni di nervosismo e muove un po' le dita, rattrappite in mancanza di sangue ossigenato.
Seguo lo sguardo del giovane e verifico che cade dritto nella scollatura della mia casacchina.
Butto in occhio e scopro il mio seno in bella vista, ma non solo. In questa posizione anche il reggiseno si è scollato dalla pelle e mentre il capezzolo resta parzialmente celato, si vede molto bene l'areola che, di colore mogano scuro, risalta magnificamente sulla mia pelle chiara.
“Mmhhh!” mi schiarisco la voce. “Forse è meglio smettere di gonfiare il manometro!”
Il giovane medico di colpo si ferma. Suda, diventa rosso e smette di pompare. Si concentra sul fonendoscopio e sgonfia il manometro per provare, questa volta veramente, i valori della pressione arteriosa al malato.
Ma a metà lettura l'occhio si muove e viene risucchiato nuovamente nella mia scollatura.
Ne segue un mio nuovo schiarimento di voce e inoltre mi rialzo da quella posizione chinata e mi tiro in modo plateale il bavero della casacca, per coprire la mia nudità.
E per fortuna, penso, che oggi ho messo il reggiseno, il che è quasi una rarità.
“Com'è, allora, la pressione dal nostro paziente?
Il collega ha seguito tutta la sequenza dei miei gesti e si è visto placcato, scoperto e messo alla berlina davanti agli altri studenti.
Rosso in viso, balbetta alcuni numeri, mentre la mia mano è rimasta con le dita a pinza a chiudere la scollatura della mia casacca.
“Bene!” concludo. “per oggi basta lavoro sui paziente, ora andate a controllare le cartelle cliniche.”
“Ma come!” si lamenta il primo studente, ancora emozionato per l'esoterica visione di cui ha lungamente goduto. “Dottoressa, ogni non ci insegna le altre fasi della visita medica sul paziente?”
Sorrido e con un cenno faccio uscire la combriccola di camici bianchi.
“Direi che oggi hai “visto” abbastanza, no?” e gli faccio un occhiolino di intesa
Quello diventa violaceo in volto, sorride imbarazzato e abbassa lo sguardo.
Gli mollo una pacca sulla spalla per sdrammatizzare e la mia visita continua, senza spettatori.
La visione dei panorami orientali proseguirà alla prossima esercitazione.

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.