Riunione su zoom

Scritto da , il 2020-11-12, genere voyeur

Ore 7 del mattino, riunione su zoom. Orario infame, ma poi tutti devono lavorare.
Erica si siede davanti al PC dello studio dove condivide gli armadietti con alcune colleghe dell'ospedale. Si deve ridiscutere la suddivisione dei turni di guardia tra varie divisioni ed ascoltare le proposte di una dottoressa; insieme a lei partecipano cinque colleghi di altre divisioni.
Facce annoiate nelle immagini delle webcam, mentre viene esposto il nuovo progetto.
Yuko entra nello studio mentre Erica è già immersa nella riunione. Vede la collega al computer, ma immagina che stia seguendo un tutorial e non ci fa caso.
Sugli schermi dei colleghi degli altri reparti, alle spalle di Erica, compare l'immagine della giapponese che apre l'armadietto.
La donna che espone il programma mostra le slides ed Erica segue cercando di capire, ma agli occhi dei cinque colleghi maschi non è sfuggita la nuova arrivata.
L'asiatica si toglie il caschetto ed il cappellino e si gira di spalle per appoggiarli in basso, nell'armadietto.
Di schiena, un bel culetto tondo prende forma nelle immagini ripartite dalla webcam di Erica e diramate in rete.
Saranno pure tutti imbranati di software, ma di colpo è un fermento generale. I maschi hanno già messo a tutto schermo l'immagine di Erica, con Yuko di spalle. Dalla noia iniziale, ora è pura adrenalina. Qualcuno si è lanciato in un'ardita zoomata sul fondoschiena dell'asiatica. L'attesa riempie l'aria di elettricità.
Le parole scorrono monotone, ma gli sguardi dei cinque sono appiccicati al monitor.
Yuko si toglie la giacchetta, la ripone sull'ometto archiviandola nell'armadietto. Si sfila il golfino rimanendo in maglietta. Una striscia di pelle della schiena paralizza il respiro dei colleghi.
La nipponica si gira verso la stanza, lancia un'occhiata annoiata al computer, felice di non dover assistere alla presentazione, che dal tono monotono, sembra pallosissima. Non si accorge che dieci occhi le stanno fissando incrociando le dita.
Si sfila la maglietta. La scena viene riprodotta ingrandita su cinque schermi.
Da un microfono lasciato incautamente attivo si sente un sussurro: “cazzo!”
Oltre ogni più ottimistica speranza, diventa palese che la dottoressa che si sta preparando per la giornata di lavoro non veste la canottiera né indossa reggiseno.
La relatrice sente la voce e si interrompe.
“Come?”
Il microfono viene subito spento. Nessuno sta cagando neanche di striscio l'esposizione sulla nuova turnistica, a parte forse Erica, che non si accorge di nulla.
L'ignara giapponese si gratta un seno del tutto inconscia di essere in onda, sotto gli occhi vigili dei colleghi. Si annusa perfino le ascelle.
I capezzoli dalle larghe areole scure riscuotono un enorme successo. Alla vista del seno florido, qualcuno si porta fiducioso una mano sul pacco.
Yuko si ferma eretta, il seno provocante. Dà un'occhiata di sfuggita alle immagini che sta seguendo la collega, ma scorge solo schemi e grafici e non si accorge delle facce sudate dei colleghi nel bordo schermo, che la stanno guardando con il cuore in gola.
'Dai, coraggio!' passa nella mente di uno dei fortunati spettatori.
L'asiatica si slaccia la cintura ed il bottone degli stretti jeans.
La relazione prosegue, l'attenzione è febbrile, non si sente neanche il respiro. Una partecipazione così attenta non è mai stata registrata in una riunione di questo tipo e la relatrice gongola dentro di sé per aver catturato le menti dei colleghi con le sue convincenti argomentazioni.
“Tutto chiaro finora?”
Silenzio sepolcrale, solo Erica risponde affermativamente, e l'altra prosegue.
La ragazza a petto nudo abbassa i jeans che, molto stretti, si trascinano le mutandine per un breve tratto. Un ciuffo di peli neri fa la comparsa sugli schermi ormai incandescenti.
“Puttana Eva...!” altro microfono che parte inavvertitamente, ma viene subito spento.
La relazione si interrompe un solo attimo. L'altra dottoressa si stupisce delle esclamazioni che sorgono spontanee. Neanche lei si era accorta di quanto fosse geniale la trovata che sta esponendo con sempre maggior soddisfazione.
La visione del pube di Yuko si interrompe coperta dal seno, che oscilla mentre la ragazza si piega in avanti per togliersi i calzoni. Saltella su un piede solo, rischia di cadere mentre il seno viene sballottato, trasformato in pixel, preda di occhi voraci. In molti si pentono di non aver avviato la registrazione della riunione, per rivederla poi con calma e cercare di cogliere le minime sfumature della brillante esposizione di inizio mattina.
L'asiatica riacquista l'equilibrio. Si sistema le mutandine ricoprendo il pelo nero.
“Noooooo!” altro microfono incautamente lasciato acceso.
Poi il corpo orientale, inconscio oggetto di premurosa attenzione, si gira per prendersi dall'armadietto la divisa di lavoro.
Le mutandine appiccicate ai glutei e mezze infilate nella piega tra le natiche infervorano le folle. Anche le ultime mani che resistevano alla tentazione, lasciano il mouse per prendere in mano un altro tipo di arnese.
Ma tutto prima o poi finisce, purtroppo.
Yuko, di spalle, si infila i calzoni della tuta che, benchè attillati, lasciano il pubblico nello scoramento più totale, nascondendo le cosce dalla pelle chiara.
'Girati, eddai, girati, cosa ti costa!'
Qualcuno brama, protetto nell'anonimato del proprio studio.
Ma Yuko si infila la casacchina, concedendo solo uno scorcio del seno che sporge appena, nella visione posteriore. Si raccoglie i capelli in una coda che blocca con un elastico fucsia, chiude l'armadietto e si rigira verso la collega.
“Cosa stai guardando?” le chiede svogliatamente.
“Riunione su zoom, le solite questioni dei turni.” Erica non si è neanche accorta di ciò che si è svolto alle sue spalle.
Allo schermo della banda dei cinque, Yuko si porta una mano alla bocca, capendo di essere stata catturata dalla webcam montata sullo schermo.
“Cazzo!”
“Che succede?” Erica si volge verso di lei, ma ancora non afferra l'accaduto.
“Nulla, nulla. Speriamo che non mi abbia visto nessuno. Ciao, io comincio a salire in reparto.”
“Ci vediamo dopo” bisbiglia Erica.
Protetti dai microfoni spenti, è tutta una ridda di voci e movimenti da parte dei medici maschi. Chi si lamenta, chi sbatte la mano sul tavolo, chi si sbatte qualcos'altro, chi ulula alla luna.
Ovazioni verso la collega che ha allietato l'esposizione del meeting, dando senso ad una giornata grigia e scialba, finchè la relazione della collega termina.
“Allora è tutto chiaro?”
Si riaccendono i microfoni raccogliendo entusiasmo ed enfasi. Erica si stupisce da tanta partecipazione.
“Che ne dite? Vi sembra che possa andare? Ma.... che succede?”
L'entusiasmo sembra incontenibile; alle webcam dei vari colleghi si vedono danze, espressioni di gioia e soddisfazione, occhi commossi, larghi sorrisi.
“Ma che ho detto di così gratificante? State tutti bene?”
Erica non si capacità di tanto movimento e resta inebetita.
L'altra dottoressa, con tono sconcertato riprende la parola. “Volete pensarci un po' e ci rivediamo in zoom tra due o tre giorni?”
“Sìììììììììì!” un solo grido, all'unisono.
“Volete fare al pomeriggio? O un po' più tardi, ma ancora al mattino?”
“Noooooooooooooooo!!!!!!!”
“La miseria!”
“Ore 7! Ore 7 anche domattina! Yuhuuuuuuuu!!!”
'ma che cazzo gli ha preso stamattina a quei cinque deficienti?' pensa la relatrice.
La riunione finisce, zoom si chiude.

Questo racconto di è stato letto 3 3 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.