Cosa ci faccio io qui? - La sua ragazza

Scritto da , il 2020-08-06, genere etero

- Ti va di andare subito in spiaggia?

Non gli rispondo, lascio invece cadere l’asciugamano che mi avvolge. Qualche goccia è rimasta sui capelli e comincia a scorrere giù, sulla schiena e su un fianco. La doccia era la cosa più necessaria di tutte, adesso ce n'è un’altra.

In macchina, ma in realtà già da prima, ho pensato a come gliel’avrei detto. La frase vincitrice del concorso era: “Ieri sono stata dall’estetista, ti piace?”. All’ultimo però, come spesso accade, ho cambiato idea. Avanzo a piedi nudi per quei tre-quattro metri che ci dividono. Sento addosso, fisicamente, la carezza del suo sguardo che mi perlustra. Nulla che non conosca, eh? Ma gli piace, chiederglielo sarebbe solo una provocazione. Innocente quanto inutile. Improvvisamente sento però il bisogno di essere più precisa. Mi stendo sul letto, di traverso, spalanco le cosce.

- Prima non mi faresti un po’ di lap-lap in mezzo alle gambe? - domando con un sorriso e con un filo di ironia.

Lo stesso sorriso e la stessa ironia che ha lui mentre si inginocchia sul pavimento e mi tira il culo verso il bordo del letto. Ci avrei giurato, sono andata a botta sicura.

Fin qui tutto normale trattandosi di un racconto zozzo, no? D'accordo, ma aspettate un attimo. Aspettate per esempio che vi spieghi cosa mi ha portata a fare così. Sì, certo, potrei dirvi " faccio così perché ho tanta voglia di farmela leccare", e sicuramente sarebbe una parte della verità, non lo nego. Ma dietro questa verità ci sono tante piccole cose insieme. Lo so che metterle in fila può sembrare noioso, ma lasciatemi fare. Dai cazzo, cosa vi costa? Non è più bello leggere dei pensieri tortuosi e malati di una ragazza piuttosto che frasi come "lui uscì il cazzo e mi fece godere in ogni buco"? Ma su, come fate ad appassionarvi a racconti scritti così? A quella roba dove magari ci sono madri che si fanno scopare dai figli o ragazze che lo succhiano al proprio came? No, dico, il cane. Ma stiamo scherzando?

Io invece vi prometto di farvi entrare nei meandri più oscuri della mia mente, nella mia logica e nella mia irrazionalità, nei miei dubbi. Nelle fantasie che magari hanno tutti ma che è difficile confessare. Perciò datemi retta, seguitemi, seguite il filo del mio racconto. A volte noterete contraddizioni e salti logici, vero. Embè? Non ce li abbiamo tutti?

Intanto però cominciamo da qui. Vi dicevo che ci sono una serie di ragioni per cui gli ho aperto le gambe davanti. Le conosco, le enumero. Sono addirittura cinque. Eh... mica male. Magari se fossero state solo quattro non gliel'avrei chiesto, chi lo sa.

Luca mi piace, sono attratta da lui. E questa è la prima ragione. Il discorso in realtà è un po’ complicato, vi assicuro che più avanti lo faremo. Però l’attrazione fisica verso di lui c’è, è indiscutibile, assoluta. Luca è bello, sapete? Bello, intelligente e gentile. Ha semmai altri difetti, ma queste qualità le ha tutte, vi assicuro. La prima volta che l'ho visto mi sono detta "apperò!". E non è che fossi scannata, eh? Ma manco per niente. Potevo schioccare le dita e trovarmi dentro un threesome, per esempio. Vabbè, si fa per dire. Non l’avrei mai fatto, non con quei due lì che erano con me. La verità però è che lui mi è piaciuto subito. Poi vi racconterò anche di come ci siamo conosciuti. Ah, dimenticavo, Luca è il mio ragazzo.

La seconda ragione entra un po’ più nello specifico: eh sì, mi piace come mi lecca la fica. Voglio dire, è proprio bravo, mi fa strillare! Ha la delicata pazienza di una ragazza e allo stesso tempo la voracità tipica maschile. In più, e non è poco, si vede proprio che anche a lui piace farlo. E in più-bis, se decide di usare le dita mi fa andare non solo in orbita ma anche fuori orbita. Non è che vorrei mettermi a fare paragoni, ma non ne ho mica trovati tanti di ragazzi così. Ragazze sì, quante ne volete. Perché cazzo sì, è proprio vero, come te la lecca una ragazza non te la lecca nessuno. Ma Luca è appena un gradino più sotto, dico davvero.

Terza ragione: ho voglia. Anche perché saranno un paio di settimane che nessuno si dedica a me. Sempre che sentirmi apostrofare "daje Annalì, fammi un pompino" possa essere considerato “dedicarsi a me”. Non è il massimo, no? Anche se poi gliel'ho fatto, quel pompino. In macchina. Ma non a Luca, l’ho fatto a Stefano. E' uno che lavora in un posto dove lavoravo io fino a poco fa, è un dirigente. E' anche il mio amante dal dicembre scorso. Ma forse, visto che è sposato, dovrei dire che anche io sono la sua amante.

La quarta ragione è che tra un paio di giorni arriveranno i nostri amici e temo proprio che queste effusioni per casa nel primo pomeriggio non ce le potremo più permettere ed è un peccato. L'idea di stare quasi sempre seminudi per casa mi tira parecchio. Seminudi si potrà continuare a starci, eh? Cioè, in costume e al massimo una maglietta. Ci mancherebbe cazzo, siamo al mare... Quello che non si potrà fare sarà una cosa tipo "scusa un attimo, amore", abbassargli i pantaloncini e succhiargli il mattarello quando mi gira. Capisco che il senso del pudore va rispettato, ma la trovo una limitazione della mia libertà.

La quinta ragione sarebbe anche questa molto ma molto specifica e ha a che vedere con i bermuda a strisce che indossa Luca oggi, ma questa ve la racconto un’altra volta sennò dite che la tiro sempre troppo in lungo.

Anzi no, ve la voglio raccontare lo stesso. E' una cosa che risale all’anno scorso, tipo ottobre. Ero di ritorno da un giorno e mezzo di team building. Io e un altro gruppo di sfigati come me assunti con dei contratti a termine. Team building, capite? Ci hanno detto che era la prima volta che facevano una cosa del genere con quelli come noi. Probabilmente anche l’ultima. Ricorderò per sempre la staffetta di corsa campestre come una specie di esilarante incubo. Cazzo, ma avete mai fatto almeno una volta jogging in vita vostra? Anyway, scendo dalla macchina del futuro e molesto collega che mi ha riportata a Roma esibendo un più che esplicito “no, non abito qui, qui ci abita il mio fidanzato”. I suoi non c’erano e, a dire il vero, ero abbastanza sicura che appena arrivata avrei dovuto tenerlo a bada e dirgli pure che ero un po’ stanca. Erano proprio i primi mesi della nostra storia e, francamente, ogni occasione per lui era buona per scopare. E anche per me, eh? Avremo anche due modi di concepire il sesso non perfettamente coincidenti, ma allo stesso tempo siamo sempre stati molto, come dire, focosi l’uno con l’altra. Soprattutto all’inizio, beh sapete com'è... Comunque no, una volta salita a casa sua non mi è saltato addosso. Anzi, è stato così carino da prepararmi il bagno tonificante e il Cuba libre da bere in vasca. Proprio mentre ero immersa nella schiuma, e lui era seduto sul bordo, ho notato un po’ di disordine, per così dire, nella sua zona-pacco, ma non ho detto nulla. La cosa si è ripetuta però poco dopo, a tavola, mentre in piedi proprio accanto a me riempiva il mio piatto di gnocchi alla sorrentina. Era anche più premuroso del solito, era in una di quelle serate non-ti-devi-preoccupare-di-nulla-penso-a-tutto-io. “Ma lo sai che sembra che sotto non hai le mutande?”, gli ho detto divertita. Ero seduta, ce l'avevo proprio davanti agli occhi e mi pareva, più che altro, buffo. “Infatti non le ho”, mi ha risposto. “Interessante, come mai?”. "Con questi posso, non mi danno fastidio", mi ha spiegato riferendosi ai bermuda. Gli ho spedito, sorridendo, un "uaaaoooo". D’accordo, ero ironica. Non c’era nessun attimo da cogliere. Lo sapevo benissimo che avrei potuto tranquillamente finire la cena e, dopo essermi lavata i denti, sussurrargli scherzando “forse il mio signore desidera abusare della sua ancella?”. Questa o un’altra cazzata del genere. Anche meno aulica. Anche tipo "non è che ti andrebbe di sbattermi finché i capelli non mi diventano almeno castano scuri?", detta guardandolo negli occhi e accarezzandolo tra le gambe. Perché tra noi due molto spesso è così, è l'ironia la porta che spalanca la voglia. Invece, quella volta, chissà che mi è preso. Ho disdegnato il piatto e gli ho detto “fa’ un po’ vedere” abbassandogli i bermuda. Doveva essere un bacetto, nelle mie intenzioni, un semplice salutino, giuro. Però ho sentito lui che ci prendeva gusto e io pure e... beh, insomma, gli gnocchi si sono un po’ freddati, ma sticazzi. Volete mettere lo spettacolo? Lui che rantola in piedi con le gambe larghe e io in ginocchio. Lui, il maschio che non resiste all'impulso di spingermi il cazzo alle tonsille e soffocarmi. Io, con i miei rumori gorgoglianti e le lacrime agli occhi. Le mie mani che gli artigliano il dietro delle cosce. Le sue, di mani, una a stringermi un polso e l’altra a spingere sulla nuca. Dio, che pompino che gli ho fatto quella sera. Piacere puro ed assoluto. Per lui ma anche per me. Luca che diventa un fascio di muscoli. Il cazzo che si ingrossa, si irrigidisce e poi vibra, e infine ti esplode in gola. Così profondo che quasi non senti il sapore dello sperma sul palato, ne senti solo la quantità che ti annega. La gloria, anzi la Gloria, di quel getto miracoloso che mentre ti scivola nell’esofago pensi che sia così perfetto da poter dare la vita anche lì. Come se un pompino potesse non solo saziare le tue fregole ma anche metterti incinta. L’orgoglio e il benessere di averlo fatto godere così tanto, la felicità di ripulirlo mentre il suo respiro torna regolare. Ricordo che, alla fine, ridevo di gioia e ripetevo "oh tesoro, tesoro" mentre non riuscivo a smettere di succhiottargli la punta del cazzo. E tutto a causa di quei bermuda a strisce sotto ai quali, a lui, piace non indossare le mutande.

Ok, d’accordo, mi sono dilungata e forse sono pazza o, semplicemente, ci sono un po’ troppe cose che mi fanno scattare l’ormone. Però era per dirvi che in macchina, mentre venivamo qui, quel “disordine” tra le sue gambe l'avevo notato un'altra volta e avevo fatto pure dei pensieri. Pensieri tanto forti che, se non fosse stato per il traffico, gliel’avrei preso in bocca mentre guidava. Ma lui, per partire, figuriamoci se rinunciava allo spiderino nuovo nuovo regalato dal padre per la laurea (sì, cazzo, finalmente ce l’ha fatta). Pensate alla faccia del contadino alla guida del trattore che si vede superato da una macchina guidata da un tipo che ha, tra le gambe, la testa bionda di una ragazza. Dai, un minimo di esibizionismo ok, ma non esageriamo...

E quindi? E quindi niente. Tutto sto spreco di parole solo per dirvi che adesso me ne sto qui, con le cosce che vorrei tenere spalancate ma che ogni tanto non ce la faccio e gliele serro sulla capoccia. Che miagolo come una scema in calore e gli ripeto “Cristo che bello!” una ventina di volte prima di perdere ogni contatto con qualsiasi altro tipo di realtà che non sia quella che ho tra le gambe. Prima di mettermi a dire sconcezze ad alta voce e strillare il piacere che mi sommerge. Dite che dalle villette accanto mi si sente? E sticazzi? Mi sentissero pure. Penseranno che il ragazzo che ha da poco finito di scaricare la macchina non ha perso tempo con quella biondina lunga e magra che era con lui e che è tanto se ha portato dentro casa uno zainetto. Così impara a fare la stronza sfaticata figlia di papà. Penseranno che mi sta proprio castigando e si diranno "però, una ragazza così altera, senti che troia...". Magari si ecciteranno e se sono in compagnia maschereranno l'eccitazione con risatine e ammiccamenti. E invece no, per sentire come e cosa strillo quando mi scopano mi sa tanto che dovrete aspettare stasera. Strillo in un modo diverso. Potrei anche reprimermi o tapparmi la bocca, certo. Ma in genere non mi va di farlo. Sì, lo so, sono un po' spudorata, che ci volete fare?

Ma in fondo Luca, a pensarci bene, perché aspettare stasera? Castigala adesso la tua stronzetta no? Lo penso mentre sto ancora ansimando. Mi fa quasi male la schiena da quanto l'ho inarcata, sollevando il bacino e afferrando le lenzuola così forte fino quasi a strapparle. Lo penso mentre lui risale il mio corpo spargendo bacetti e facendomi assaggiare il mio stesso sapore dal suo muso. Lo penso mentre sento la sua asta dura, ancora coperta dai bermuda, appoggiata sul mio ventre. Fino a un po' di tempo fa ci sarebbero stati tanti motivi per considerare chiusa la pratica e dirgli "ok amore, adesso andiamo in spiaggia". Io invece per questa vacanza ho in mente una cosa. Che riguarda il sesso perché in questo momento stiamo facendo sesso, d'accordo. Ma non solo. Anzi, il sesso è solo una parte.

Ho pensato questo: voglio essere perfetta, voglio piacergli, voglio compiacerlo. Voglio essere inappuntabile come fidanzata. Anche come troia, ok, ma soprattutto come fidanzata. Voglio tornare a quello che eravamo prima del lockdown, anzi voglio tornare quello che eravamo, che ne so, a novembre scorso, prima che incontrassi Stefano. Sì, d'accordo, ormai Stefano c'è e io sono una stronza, ipocrita e fedifraga. Ma questo Luca non lo sa. E io ci tengo, ci tengo a farlo felice. Dai amore, riportiamo le lancette a undici mesi fa, in Grecia.

Se sarò brava a raccontarlo, capirete il perché voglio tutto questo. E ve lo ripeto, quando dico "farlo felice" non intendo aprirgli le cosce davanti. Cioè, non solo. Anche se adesso sì, adesso voglio farlo felice in questo modo.

Lo spingo e lo faccio rotolare, ridendo, accanto a me. Il suo cazzo teso sotto la tela grezza forma una specie di tendone. Rido di nuovo guardandolo spudoratamente, assumo un tono ironico e malizioso, ma in realtà ho la fregna che supplica. E se uso questa parola un po' volgare, fregna, è perché voglio farvi capire che in questo momento sono solo fregna, come se nessun'altra parte del mio corpo esistesse. Ho appena goduto eppure pulsa come una matta, è una specie di fontana. Ok, ci sarebbero anche i capezzoli, ma quelli l'ho sempre detto che sono due maniaci sessuali e non fanno testo.

- Ehi Luca, ma qui c’è qualcuno che non si è ancora divertito... - gli faccio passandogli un dito sul tendone.

- E meno male che dovevamo andare in spiaggia... - ribatte con la stessa ironia togliendosi finalmente i bermuda.

Mentre mi sale sopra continuo ad osservare il suo cazzo in una maniera che potrei definire in un solo e unico modo: goloso. Sono ingolosita da quella cappella scoperta e dalla durezza che promette, dai suoi peli lì intorno che, ancora più della sua mazza, mi raccontano del suo essere maschio. Gli metto una mano sul petto e gli faccio “aspetta”. Mi giro e negli occhi ho il suo sorrisino che è come se mi dicesse “ah, già...”.

Già... Luca, lo sai che così mi piace tanto ma tanto. E tuttavia non è solo per questo che mi giro, sai? Mi giro perché voglio offrirmi senza pudore. Con la mia vagina che batte e che cola, e con il suo ingresso già schiuso da te e per te. Il disegno perfetto del mio culo, che ti fa perdere la testa. Passiva, in attesa che tu mi faccia strillare ancora. Mi hai scopata un sacco di volte così. Ma ti confesserò che forse mai come stavolta c'è un qualcosa di più. Voglio offrirti anche quella piccola e implicita idea di sottomissione che questa postura regala. Peccato che tu sembri non coglierla mai, ma c'è. C'è sempre, in realtà, ma stavolta di più. Magari piace anche a te scoparmi così, per qualche motivo ancestrale. Ma sono certa che lo fai soprattutto perché te lo chiedo, perché pensi che in questo modo ti senta meglio, che goda di più. Sennò perché mi domanderesti sempre "dimmi quanto mi senti, dimmi quanto ti piace". Che comunque sì, ti sento molto dentro e godo, su questo non hai torto. Oggi però, come ti dicevo, c'è un di più, che è soprattutto mentale. Non voglio solo il cazzo, voglio l'abuso. Sono indifesa e soggiogata, sbranami la fica e l'anima, Luca, il messaggio è questo.

Gattono in avanti appena un po’ per dargli modo di salire con le ginocchia sul talamo, appoggio i gomiti sul lenzuolo, punto lo sguardo in avanti, in attesa. Non mi volto nemmeno a guardarlo. Una volta un ragazzo mi scattò una foto attraverso uno specchio e mi disse “sembri la sfinge, più che una pecora”. Ok, non molto romantico è vero, ma del resto eravamo finiti così a furia di scambiarci sconcezze su WhatsApp. Comunque non aveva tutti i torti e in fondo “sfinge” mi piace, mi sa di felino, di leonessa in attesa del leone. Se ce l’avessi, alzerei pure la coda come per dire “che aspetti?”. Ma infatti, Luca, cosa aspetti? Una mano su una natica. L’altra, presumo, a guidare il cazzo che ora sento strusciarmi sul sesso bagnato. Knocking on heaven’s door, tanto per citarne un altro cui piaceva picchiettarci sopra e lasciarmi a friggere e a lagnarmi. Ma adesso basta, non è il momento delle citazioni. Direi che è piuttosto il momento della supplica subalterna.

- Sfondami...

Sì, a me piace dire “sfondami”. E per la verità mi piace anche sentirlo, che mi sfonda. E lo strillo pure. Due-tre urla da fare accapponare la pelle, almeno finché non mi abituo un po’ e poi comincio la mia solita cantilena intervallata da zozzerie. Che a Luca piacciono. Anzi, mi incoraggia: “Fammi sentire quanto sei maleducata”. Dice proprio così, maleducata.

Da quando ho cominciato a farmi trombare da Stefano, che ha una stecca davvero notevole, gli magnifico il cazzo. Gli dico che ce l’ha grosso e duro, per inorgoglirlo, per blandirlo. Non è che ci penso, eh? Voglio dire, lo faccio in modo spontaneo, sono stronza ma non così tanto. Forse glielo dico per scacciare inconsapevolmente il senso di colpa. O per convincere me stessa di avercelo, un senso di colpa. Sta di fatto che, prima, non glielo dicevo.

Che poi non è che Luca sia messo così male, anzi. Non ce l'ha lunghissimo ma è largo e, in quel senso lì, vi assicuro che si "sente" più che bene. La prima volta che l'abbiamo fatto, beh, è stata una cosa un po' particolare, almeno per me. Magari avrò modo di raccontarvela, ora fatemi dire solo questo: quando mi è salito sopra io non gliel'avevo nemmeno visto. Un po' perché eravamo in penombra, un po' perché avevo le mani sulla faccia stravolta dal piacere. Eh sì, era così. Niente pompini selvaggi nei bagni di un locale, niente "dai, ora scopami che ho voglia" piegata su un lavandino e con le mutandine abbassate. Di abbassate c'erano solo le serrande della sua stanza. E poi c'ero io che pensavo "Dio, fa' che abbia un bel cazzo". Ma non fate pensieri sconci. Cioè, sì, fateli perché in fondo si tratta di un pensiero sconcio. Ma credetemi, non volevo nulla di speciale, non mi interessano i superdotati. Volevo che fosse giusto, bello da sentire. Bello come erano stati belli i nostri momenti insieme fino a quell'istante. E quando mi è entrato dentro, a parte il mio solito urlo, ho cominciato a fare "sì, sì" per la gioia. Perché mi era piaciuto tutto di lui sin dalla prima volta che l'avevo visto e in quel momento mi piaceva anche quello, era perfetto.

E quindi? E quindi niente. Quasi un anno dopo io sono qui davanti a lui, a quattro zampe. Le sue mani sui miei fianchi e lui che entra di botto. Io che strillo e poi gli grido "siiiiì!". Lui che lo tira fuori e poi lo rispinge dentro con forza e mi fa gridare un'altra volta. "Oddio quant'è bello", "Luca così mi sfondi", "Luca quanto sei grosso", "sono la tua troia!", "così Luca, tutto dentro!", "godo, godo, scopami più forte che godo". E poi rantoli, urletti, urlacci. Il pollice infilato nel culo giusto un attimo prima del momento giusto, altro strillo, poi la scossa, il blackout, la fine del mondo. Non proprio tutto il campionario, insomma, ma una buona parte. E anche il mio ritorno e il mio indecente "dammela in bocca!" fanno parte del campionario. Anche girarmi gattonando come una cretina intorno a me stessa. Anche i suoi grugniti e il suo offrirmi da bere fanno parte del campionario. Tutto sommato una scopata standard, ma come standard è abbastanza alto, no?

Io penso che un uomo che ti infila la lingua in bocca un attimo dopo averci sborrato dentro, sia una specie di benedizione. Che vi devo dire? Non saprei nemmeno dire perché, però adoro chi lo fa. Luca lo fa. Poi mi si stende sopra e mi sussurra "amore" ancora mezzo stravolto.

- Come "amore"? Tutto qui? Già finito? - gli faccio.

- Eh?

- Voglio dire, non ce la fai a farne un'altra quindicina? Che cazzo di uomo sei?

Mi guarda e si mette a ridere. Gli prendo la testa tra le mani e stavolta sono io a baciarlo. Poi gli getto le braccia al collo, lo stringo forte. E' un bacio furibondo ma anche pieno di affetto. Giuro, affetto cristallino. Per lui invece deve essere una sorta di guanto di sfida, che ne so. Mi pinza un capezzolo e poi comincia a passarmi le mani ovunque con un desiderio che si fa via via palpabile. O meglio, palpante. E ricresce, si indurisce, cerca di sistemarsi meglio mentre io gli lancio un "ehi!" di sorpresa, più che altro. Però tiro su le ginocchia e divarico le gambe. Tanto già so che tra poco si incontreranno di nuovo dietro la sua schiena.

- Ehi scopatore folle - gli sussurro labbra contro labbra mentre sento che mi cerca e che è lì lì per trovarmi - ma non dovevamo andare in spiaggia? Uuuuuuh! Caaazzooooo....!


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 4 3 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.