Piccole troie crescono al mare

Scritto da , il 2021-07-30, genere tradimenti

Tutti i giorni scruto l’orizzonte in cerca di persone da salvare ma nulla di che sempre la solita monotonia, quello che non manca è la fauna di gnocca selvaggia lungo la spiaggia, mi chiamo Davide faccio il bagnino a Riccione ho 27 anni e devo dire che ogni giorno non smetto di sorprendermi.

Non immaginavo che le ragazzine di oggi fossero così troie ai miei tempi non erano già cosi sviluppate , mi capita di vedere queste ragazzette già con il filo interdentale in mezzo alle chiappe, le bocce ben in vista, fumano erba bevono come spugne sono sboccacciate, scopano nei cessi del balneare senza problemi. L’altro giorno una di loro una ragazzetta bionda niente male si è appostata sotto la torretta, con il suo bikini rosso fuoco che lasciava poco spazio alla fantasia ed ha iniziato a guardarmi e a toccarsi la passera e poi si è messa le mani in bocca, di certo ho dovuto resistergli per non saltargli addosso.

D’altronde non c’è da stupirsi anche le loro mamme sono zoccole ma più pudiche, qualche mammina quarantenne me la sono pure scopata ai disco party nei balneari di sera, adesso con il covid si può ballare solo vicino ai tavoli, c’era questa bella mora con i ricci di 41 anni che mi fissava vicino al nostro tavolo, con marito e figlioletta zoccola al seguito.
Ad un mio sguardo mi segui, la portai in spiaggia, la misi a pecora e mentre tastavo le sue pere sode gli sfondavo la fica con il mio dardo. Quando torno al tavolo dal marito che gli chiedeva perché ci aveva messo tanto rispose che c’era la fila in bagno sotto lo sguardo incazzato della figlioletta che forse aveva capito tutto. Dopo un po' mi arriva un suo messaggio su whatsapp : “adesso devo pisciare veramente che scusa invento con mio marito e faccine ridenti” e la vidi toccarsi la figa con la mano sinistra per un attimo impercettibile, poi si spostò in spiaggia con la scusa di fumare e apri le gambe e mi scrisse che la stava facendo sulla spiaggia fortuna che quella zona non era ben illuminata e soprattutto il suo tanga ce lo avevo io in tasca.

Ora con questa donna di nome Sofia zoccola pudica me la trombo durante la pausa pranzo nel casotto mentre il marito fa il bagno o riposa, ci divertiamo anche con il pissing, mi piace troppo bere la sua piscia oppure gli piscio addosso io.

Come vi ho già detto la figlioletta di nome Aurora aveva intuito tutto. E li iniziano i guai

Aurora è una zoccola narcisista di 17 anni ama farsi vedere, il padre si incazza del suo filo interdentale del tanga tra le chiappe ma la mamma la difendeva sempre, ed è proprio la puttanella di cui vi parlavo sopra quella che è venuta a toccarsi sotto la mia torretta di guardia.

Ora io mi scopo già la madre di nascosto nei casotti tra un gonfiabile e l’altro non ho nessuna voglia di impelagarmi pure con la figlia, ma niente non c’è verso si è messa in testa di scopare con me, è riuscita a prendere il mio numero e mi tempesta di messaggi “cos’ha quella troia più di me?” non riesco a togliermela di torno, alla fine sotto suo ricatto di svelare tutto al padre cedo.
Ma come fare a non farsi beccare dai genitori, semplice il giorno mi trombo la madre e la sera con la scusa di un gelato con le amiche Aurora viene da me e in auto la porto in una piazzola di sosta frequentata dalle coppiette. E’ vestita con un tubino nero aderente che fa intuire tutto e tacchi a spillo “Non sai quante me ne ha dette mio padre” già ma per fortuna poi ti lascia fare.
Devo dire che Aurora è quasi più brava della madre fa dei pompini divini in più me la sono chiavata a pecorina anche lei senza preservativo. Mentre la riaccompagno a casa mi accorgo che si tocca la passera ed è nervosa le chiedo cosa non va “Devo pisciare” rispose accosto subito la macchina a bordo strada scendiamo e gli chiedo di pisciarmi in bocca lei quasi non crede alle sue orecchie.
Mi inginocchio sotto la sua figa lei tira su il tubino allarga le gambe intorno alla mia testa e il suo nettare caldo mi va dritto in gola quando finisce gli lecco la figa bagnata di piscio fino allo sfinimento. La riaccompagno in hotel tardi e suo padre si incazza come sempre.
Qualche giorno dopo partirono per fare ritorno a Milano, dopo qualche tempo mi arriva un messaggio di Aurora svelandomi di essere rimasta gravida di me ma ora è tutto apposto ha abortito e dal ginecologo ha incontrato sua madre anche essa rimasta incinta e ha abortito anche lei. Ha detto tutto a Sofia che è incazzata con me.
Mi arriva un suo messaggio qualche giorno dopo “Sei un lurido porco ma sia io che Aurora non sappiamo stare senza te, prepara mariuana e alcol nel week and veniamo giù per un bel festino”

Alla fine vennero giù in quattro Sofia, Aurora, Jennifer un’amica troia e bona pure lei e Giulia la madre di quest’ultima.
Tutte quattro molto tope.
Alla fine io invitai un mio amico affittiamo una stanza di un hotel e di inutile dire tra madri e figlie chi erano le più zoccole.
In fin dei conti sono piccole troie al mare.

To be continued…


Questo racconto di è stato letto 1 0 2 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.