Isssima

Scritto da , il 2021-03-08, genere incesti

Questa storia nasce dalla frequentazione di un sito e dall’incontro virtuale con una coppia, la cui lei mi ha letteralmente stregato. Forse non è la più bella, ma per me ha un fascino ed un sorriso tale da surclassare tutte le altre. Non c’è giorno che io non visiti il loro profilo e su più di una foto ho lasciato un commento, frutto di sentimento vero e non di speranza di scoparla. Troppo lontani per concretizzare.

Potrei scriverla da me, ma voglio tentare un esperimento.
Io scrivo questo primo capitolo, poi lo continuerò pubblicando il contributo di chi vorrà inoltrarmelo all’indirizzo gentleman64@libero.it
In caso di più contributi, sceglierò quello che più rispecchia il mio modo di vederlo continuare, pubblicando nick dell’autore e, a sua richiesta, indirizzo mail.
Declino fin d’ora ogni responsabilità sull’uso di quelli non pubblicati che, dopo aver effettuato la scelta, provvederò a cestinare, informandone il contributore.
Grazie!










Ero tornato a casa, dai miei. La convivenza con la mia ragazza, cominciata 3 anni prima, era naufragata di fronte al riconoscimento di una diversità di intendere il sesso che, invece di affievolirsi, si acuiva ogni giorno di più. Fortunatamente, per scelta, non avevamo ancora avuto figli.
I miei non mi sembrarono particolarmente contenti di riaccogliermi, ma io lo attribuì al dispiacere della rottura con Cristina, la mia ex. Cose che capitano.
Non avevo grande voglia di rituffarmi subito in una storia, così mi rintanai a casa, limitando le uscite allo stretto indispensabile, al contrario dei miei che tutti i giovedì uscivano per un burraco. Mio padre aveva sempre odiato qualsiasi gioco di carte, ma le cose cambiano, mi dissi. Uscivano anche altre volte: per una cena, un cinema. Pensai che fosse normale che avessero ripreso in mano la loro vita, dopo essersi liberati dei figli: io ero stato l’ultimo ad andare fuori di casa.
Dicevo che non volevo una nuova storia, ma non mi mancava certo la voglia di scopare e mi misi alla ricerca di siti di incontri. Ne conoscevo diversi, ma mi capitò di imbattermi in uno che non avevo mai visto. Era un sito dedicato ai cuckold e, quindi, era prevalentemente frequentato da coppie con il lui che cercava dei singoli per offrire la moglie. Per carità: c’erano anche coppie che praticavano lo scambio e/o che aborrivano determinati termini, ma la stragrande maggioranza era rappresentata da coppie con il lui che amava definirsi ed essere chiamato cornuto e la lei che si dichiarava entusiasta di essere una troia e di soddisfare il bisogno di corna del marito. Sentii che ero capitato nel posto giusto: mi piaceva quel modo di pensare, ma soprattutto di essere, quello schiaffo alla ipocrisia del perbenismo. Se ad uno piace essere cornuto deve poter avere il diritto di dirlo con orgoglio e di servire la moglie troia: era un po’ il motivo che aveva portato alla rottura con Cristina.
Fatto sta che cominciai a girovagare tra migliaia di foto: ce ne erano di stupende, realizzate con evidente perizia e altre decisamente approssimative, che definire amatoriali è già un esercizio di benevolenza. Tutte, però, rispondevano ad un bisogno: quello di mostrarsi o di mostrare, ma anche a quello di vedere, come il mio. Tra le tante coppie ne selezionai alcune e cominciai a seguirle.
Dopo alcuni giorni, mi decisi a scrivere ad una di queste e scelsi Issima. Non era, forse, la più bella: una coppia over 60, con la lei di piccola statura, con un culo possente su un corpo esile ed un seno grande ed un po’ cedente, ma soprattutto mi colpii il suo sorriso. La trovai così simile a mia madre e mi scoprii interessato proprio a quella donna. Eppure non avevo mai fantasticato su mia madre, almeno non più dopo la primissima adolescenza. Ma il vantaggio più grande era che fossero della mia città: Pavia. La Lombardia primeggiava come annunci, ma la mia Provincia era scarsamente rappresentata.
Scrissi loro, presentandomi ed invitandoli a visitare il mio profilo.
Mi risposero dopo qualche ora, ringraziandomi per i complimenti in cui mi ero sperticato e per l’interesse mostrato. Mi facevano, a loro volta, i complimenti e si dichiaravano interessati, nonostante la differenza di età ed il fatto che, in genere, preferissero uomini più maturi. Tuttavia, pur non escludendo sviluppi, per il momento avevano già organizzato altri incontri e non volevano fare programmi a lunga scadenza.
“Sei molto fico e un po’ di fantasie me le fai venire, ma siete in tanti e vorrei davvero scoparvi tutti. Magari… se hai pazienza e continui a seguirnmi… Baci, Isssima!” il messaggio si concludeva così.

A me andava bene: non avevo fretta. Gianni, mi dissi, tempo un paio di mesi e vedrai che te la dà.
Ma non avevo fatto i conti col lockdown e quei due mesi dovetti passarli chiusi in casa coi miei genitori e con il nervosismo di tutti che montava.
Continuavo a seguire Isssima sul sito, fotografata dal marito mentre faceva i mestieri di casa, o cucinava, o si masturbava sul letto coniugale. Il marito riusciva a camuffarle bene il volto, lasciando sempre visibile uno splendido sorriso. E con il volto camuffava anche l’ambiente circostante, ma a me interessava il suo sorriso ed il suo culo: erano una sorta di calamita. Non riusciva a stare un giorno senza fare visita al loro profilo e a commentare le loro foto e loro rispondevano sempe in maniera gentile, sottolineando spesso che il commento era di Isssima e che il cornuto gradiva e sperava di poter arricchire le sue corna con il mio aiuto.
Arrivò l’estate e con essa una parziale riapertura. Sperai fosse giunto il momento e glielo scrissi. La risposta, però, mi deluse.
“Ciao, tesoro! Partiamo per le vacanze la settimana prossima, ma al ritorno ti terremo presente! Baci, Isssima!”

Che fregatura!
Anche i miei partivano in ferie e si presentava un periodo di solitudine che non mi allettava proprio.
Così, quella sera, a cena…
“Sapete, pensavo di venire con voi, se non vi dispiace!”
Mio padre e mia madre si scambiarono un lungo sguardo che non saprei definire.
“Ma no che non ci dispiace, Gianni! Se proprio hai voglia di giocarti le vacanze con due vecchietti!”
Partimmo per Otranto, dove avevano affittato un piccolo appartamento e ci sistemammo.
Mi stesi sul letto a riposare un poco ed aprii il sito sullo smartphone ed andai subito a vedere se c’erano foto di Isssima. Solo una e per giunta solo un panorama che, però, mi fece sobbalzare.
Cazzo: anche loro erano ad Otranto! Commentai subito la foto, sottolineando quanto fossimo vicini e che, magari, era l’occasione giusta per conoscerci. Mi risposero subito, dicendosi entusiasti della coincidenza e che ci saremmo certamente organizzati.
Dopo essermi riposato, raggiunsi i miei a mare e poi, con loro facemmo una passeggiata sul lungo mare.
“Gianni, facci una foto!” mi disse mio padre. Poi, rivolto a mia madre, “Togliti il copricostume per far vedere che siamo al mare!”
Così, rimasero col solo costume, mentre scattavo la foto.
Rientrati a casa, ci lavammo nel piccolo bagno e mia madre si mise a preparare un aperitivo. Io, seduto in veranda con mio padre, entrambi col cellulare. Cosa potevo fare?
Indovinato!
Ma, aperto il solito sito, sbarrai gli occhi.
Una foto: niente di trascendentale.
“Io ed il cornuto al mare, ma torneremo!” diceva la didascalia. Quanto assomigliava a mia madre, quanto assomigliava allo sfondo. Era la foto che avevo scattato io poco prima, erano mia madre e mio padre.
Restai per un tempo incalcolabile a fissare mio padre, che, immaginai, stava rispondendo ai commenti che arrivavano in tempo reale e vedevo allargarsi sul suo volto un sorriso soddisfatto.
Scrissi anche io, facendo finta di nulla e meravigliandomi di me stesso: invece di perdere interesse, mi accorgevo che ora volevo scoparmi mia madre, fosse l’ultima cosa che avrei fatto al mondo.
“Troia, che tu sia nuda o vestita, sei sempre splendida! Scrivimi in privato, che organizziamo una pizza per conoscerci!”
“Sono il cornuto! Spero non ti dispiaccia se ti rispondo io, ma lo faccio anche a nome di Isssima. Ti scrivo sulla mail!”
Andai sulla mia mail ed attesi trepidante.
Arrivò dopo una decina di minuti, insieme all’aperitivo servito da mia madre. Mio padre le mostrò il suo smartphone: credo che le fece leggere la mail che mi aveva scritto, per cui io e lei ci trovammo a leggerla insieme.
“Ciao! Per noi va benissimo. Se ti va, possiamo fare anche per domani sera, se riusciamo a liberarci di nostro figlio che è in vacanza con noi. Organizzi tu? Facci sapere con una mail qui dove e a che ora!”
Mia madre rispose con un cenno di approvazione.
Evitai di rispondere, per non rischiare di essere sgamato. Mentre consumavamo l’aperitivo, mio padre mi informa.
“Gianni, io e tua madre domani sera andiamo alla presentazione di un libro a Cocumola, un paese qui vicino! Vieni con noi?”

“Non sapevo vi foste dati alla cultura! No, grazie! Non ne ho voglia!”
“Ma ci servirà l’auto!”
“Non importa! Magari mangio una pizza qua intorno e vedo di abbordare qualcuna. Uscirò quando sarete tornati!”
Notavo sguardi compiaciuti che si scambiavano i due: erano convinti che il loro piano stesse viaggiando sui binari giusti. In realtà, i binari sul quale li stavo portando a deragliare erano i miei.

Con la scusa di andare a fare una passeggiata, mi allontanai, per rispondere alla loro mail e per prenotare una pizzeria.
Chiesi informazioni al chiosco sulla spiaggia degli scaloni. Cercavo una pizzeria fuori Otranto e mi indicarono lo Scialabbà a Palmariggi: abbastanza fuori dal circuito turistico di massa e con un buon rapporto qualità prezzo. Prenotai e risposi alla mail.
Il riscontro non tardò ad arrivare.
“Ciao, caro! Sono Isssima! Quindi davvero domani sera ci conosciamo? Non ti nascondo che sono elettrizzata. Strano che ci incontriamo qui, così lontano da casa nostra, ma va bene. Come vuoi vedermi? Ci scambiamo il cell?”
Risposi!
“Se tu sei elettrizzata, io mi sento fulminato! Se non chiedo troppo, mi piacerebbe vederti con qualcosa di trasparente, magari senza reggiseno. Insomma, roba da far sbavare chiunque ti veda.
Il cell ce lo scambieremo domani sera, se sarà necessario!”
“Perché dici se sarà necessario?”
“Non lo so! Potrei non piacervi!”
“Io sento, invece, che abbiamo tanto in comune. Quindi vuoi che attiri l’attenzione? Mi piace esibirmi: aggiudicato!”
L’inconveniente delle mail era solo nei tempi d’attesa, non immediati come per una chat. Ma non m’importava. Quindi: pizzeria prenotata, accordi presi… Ma con cosa ci arrivavo io a Palmariggi. Noleggiai uno scooter per l’indomani ed ero apposto.

Conoscendo la puntualità dei miei genitori, arrivai alla pizzeria con congruo anticipo: non c’era molta gente, non ancora per lo meno. Al cameriere che mi indicava un tavolo all’aperto, chiesi se fosse possibile uno all’interno, magari un po’ discosto. Strabuzzò gli occhi.
“All’interno, d’estate, sono tutti discosti, quasi sempre. Vogliono tutti mangiare fuori, anche se il locale, come vede, è climatizzato. Ma vi metterò ad un angolino… quello credo vada bene. Incontro d’affari?”
“Meglio! Sesso!” risposi senza tentennare.
“Azz….Allora vi servo io di certo!” strizzò l’occhio e si allontanò per andare a ricevere i miei che, nel frattempo, erano arrivati.
Coperto dalla penombra del locale e dal fatto che fossi defilato rispetto al centro dello stesso, osservai mia madre. Indossava un paio di pantaloncini molto corti, che lasciavano scoperte un po’ di chiappe ed una maglietta beige che conoscevo bene: totalmente trasparente. Che non indossasse il reggiseno, me lo rivelò lo sguardo del cameriere che rimaneva costantemente basso, nonostante la sua altezza fosse decisamente più alta di quella di mia madre.
Il cuore mi batteva a mille con una forza che sembrava dovesse spingerlo fuori dalla cassa toracica, mentre li guardavo avvicinarsi, seguendo il cameriere. Tenevo la testa bassa e la conservai così fino al loro “Buonasera!”, poi la sollevai, lentamente, con una teatralità che non immaginavo di possedere, fino ad incrociare gli occhi di lei e vedere il mio sorriso sornione specchiarsi nei suoi occhi increduli e spaventati.
“Oddio, Gianni! E ora che facciamo?” la sua espressione era un misto di incredulità, paura e vergogna, mentre cercava conforto in una risposta di mio padre, che non arrivò.
“Siamo qui per mangiare la pizza e mangeremo la pizza!” provai a toglierla dall’impasse, mentre il mio sguardo indugiava sul suo seno, meravigliosamente offerto alla mia vista.
“Già! Come fosse facile: sono praticamente nuda davanti a mio figlio. Ma tu sapevi che eravamo noi?”
“Ne ho avuto conferma ieri, quando avete pubblicato la foto che vi ho scattato io. E volevo vederti nuda… Quindi, vestita così vai benissimo.”
“E tu? Che dici?” si rivolse a mio padre.
“Sai come la penso, quindi…”
“Non mi fissare in quel modo: mi metti in imbarazzo!” tornò a parlare con me.
“Mamma, sarà la situazione, ma hai due capezzoli che sembrano missili su una rampa di lancio. Dipendesse da me, te li succhierei qui, ora!”
“Ma possibile che voi due troviate normale questa situazione?”
“Vuoi dire che non ti piaccio? Che non sono il tuo tipo? O che non ho l’età giusta?”
“Che cazzate dici!” nel mentre, le ero passato alle spalle e l’avevo galantemente aiutata a sedere “Sei mio figlio e sei bellissimo! L’età è quella che piace a me… Ma sei mio figlio!”
“Fai finta che non lo sia! A te piace essere troia, vero?”
“LA risposta la conosci!”
“Allora, se riusciamo ad andare oltre bene. Altrimenti, per lo meno, non ci saranno più segreti tra di noi. Ma, se devo essere sincero, prima di sapere chi fossi, ti desideravo. Ora che so chi sei, ti pretendo.”
“Addirittura! Davvero ti piaccio così tanto?”
“Puoi giurarci!”
Il cameriere, che era giunto per la comanda, continuava a fissare lo sguardo sul suo seno.
“Perché non ne tiri fuori uno, per farglielo vedere meglio?” la provocò mio padre.
Lei non se lo fece ripetere e sollevò l maglietta, fino a scoprire completamente il seno.
“Così stasera non lavoro!” esclamò l’altro, facendoci scoppiare tutti in una risata.
Quando si fu allontanato, mia madre, mi guardò.
“Facciamo così: io provo a dimenticare che sei mio figlio e mi comporterò come fossi uno dei tanti. Se scatta quel qualcosa… “
“Altrimenti, saremo sati una famiglia che ha mangiato una pizza!” chiosai io.

Questo racconto di è stato letto 3 3 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.