Sola

Scritto da , il 2021-03-06, genere sentimentali

Piccolo racconto satellite allo scritto di hermann morr: “Primo contatto” - parte quinta.

“no erotic content”

– Sola

Entro nella navicella e sono da sola.
Con un sottile, finissimo ronzio, che forse ho solo immaginato, lo sportello si è chiuso autonomamente, dietro di me. Pochi centimetri di spessore, eppure ora mi sento lontana anni luce dall'ultimo essere umano, anche solo dall'idea di umanità o di una qualunque forma di vita terrestre, dalla benchè minima riminiscenza di una forma nota o familiare.
Nessuno è salito con me, questa era la condizione imposta per l'incontro con i Perseidi.
Perseidi...
Associazione di idee, baluardo del cervello per sfuggire ai pensieri e alle preoccupazioni.
La mente si ribella alla situazione presente e fugge lontano.
Aleggia su una ragazza che traffica intorno a un telescopio a specchio, intenta a fotografare le brillanti ed effimere tracce dello sciame meteorico che si manifesta ogni volta, con rinnovata sorpresa, nei due giorni intorno alla festività di San Lorenzo.
Le perseidi, le delicate lacrime del santo, lo sciame più famoso e persistente.
Anche allora ero sola. Nessuno era interessato allo spettacolare scenario offerto dal cielo estivo.
Le tracce delle meteore che si allontanano a raggiera dalla costellazione di Perseo; sullo sfondo la nebulosa California, con quel rosso saturo dell'emissione H-alfa visibile solo in fotografia e quindi occulto e prezioso.
Ma a quei tempi da sola ci stavo bene. Fuggivo la gente e mi rifugiavo nella discreta carezza degli astri; mi perdevo nel firmamento, esploravo il profondo cielo, incapace di intessere relazioni umane.
Ora è diverso e ricordi che pensavo di aver rimosso risalgono circuiti neuronali a me sconosciuti per raggiungere il livello di coscienza della corteccia encefalica.
Schegge di solitudine nel giardino di Yokohama, durante le vacanze estive. I genitori che lavorano ed una bambina di pochi anni che implora una ciotola di riso, una carezza, un momento di riposo in braccio ai suoi genitori.

L'ambiente in cui mi trovo nella capsula automatica è confortevole e artificiale.
Potrebbe anche assomigliare allo studio di mio padre; la stessa sensazioni di solitudine.
Non sono eccitata, non sono stuzzicata dall'idea dell'imminente incontro, prima tra tutti gli esseri umani, con un vero alieno, senza intermediari né filtri.
Ho la sensazione di essere stata venduta, barattata da esseri viventi come me, in cambio di qualcosa che mi sfugge.
D'improvviso mi sento gelosa di ogni mia cellula, della più piccola molecola che compone il mio corpo.
Cosa vorranno da me questi alieni e perchè lo vogliono da me sola?
Affascinante ed elettrizzante il contatto con altri sistemi viventi, altre biologie, strutture sconosciute. Ma perchè ci devo andare da sola?
Sarò sezionata, smaterializzata? Scomposta in molecole a base di carbonio quaternario per essere studiata?
Trasportata a velocità prossime a quelle della luce pensando che la mia materia si possa adeguare a leggi fisiche che neanche conosco?
Viaggeremo nel tempo?
E quante occasioni avrò di morire solo per un errore di valutazione delle potenzialità biologiche e fisiche del mio corpo?
Mi vengono in mente i grossi animali conservati in formalina nei musei di scienze naturali.
Così ho fatto anch'io con fragili forme di vita disperse nei bracci della spirale galattica.
Da scienziata, biologa, xenobiologa e alla fine esobiologa ora mi sento un animale da esperimento.
Ho ricostruito in laboratorio forme di vita artificiale basate sul silicio e ho studiato le prime forme di vita aliena, ma mai a questo livello di complessità.
Dalla soluzione dell'equazione di Drake e dai primi esperimenti sui campioni provenienti da Titano e da Europa, dall'osservazione dei fossili nelle rocce di Marte, di strana se ne è fatta.
Finirò io questa volta in una bara piena di formalina?
Per la prima volta, dopo tre anni di scambi asettici e segnali radio, l'essere umano incontra, viene in vero contatto, con una forma intelligente di vita aliena.
E da ricercatrice ora sono diventata animale da laboratorio, forma di vita per esperimenti biologici.
I gas che respiriamo li conoscono già.
Cosa mi faranno?
Sarò spogliata, osservata nuda, indagata in tutto il mio metabolismo, la digestione, la respirazione, la circolazione e la riproduzione sessuata?
Prenderanno campioni del mio corpo? Mi sezioneranno?
Come comunicherò con loro? Suoni incomprensibili su frequenze difficilmente percepibili al nostro orecchio. Ci dovremo affidare alla comunicazione scritta?
Linguaggio basato sugli ideogrammi cinesi nei grafemi dei Perseidi.
Forse anche questo è un motivo per cui mi sono trovata affine e sono stata prescelta. Qualche strumento in più per comunicare con gli alieni mi viene dalla dimestichezza con i caratteri giapponesi. I kanji, i sillabari kana: hiragana e katakana.
Sono solo tentativi di razionalizzazione, sforzi per sviare il pensiero dall'unica realtà, e cioè che ho paura.
Paura e basta. Anzi, no, paura e una fottuta sensazione di solitudine, di più ancora della solitudine che deriva dall'abbandono, fisico e morale.
Cerco di concentrarmi su altro. L'arredamento di questa microcapsula è ben studiato, molto terrestre, ma non mi va di mettermi su una poltroncina. Non mi va di far finta di trovarmi in una situazione normale, e ancor meno confortevole.
La navicella si mette in moto.
Mi sdraio. Mi rannicchio in posizione fetale, quella che trovo più dolce ed umana, la più confortevole e fisiologica per un essere che anela ad un po' di conforto.
Mi raggomitolo sognando di rientrare nel grande utero della madre Terra.
Il mio pianeta.
Il mio arcipelago nell'estremo oriente.
Vorrei togliermi i vestiti, giacere nuda e naturale, liberarmi di tutte le sovrastrutture che appesantiscono il mio corpo.
Giacere nuda. Sentire il contatto sulla pelle, i minimi sospiri delle correnti d'aria, i cambi di umidità e di temperatura.
Nuda.
Cosa direbbero se mi presentassi da loro completamente nuda?
Un pensiero stupido. Di certo non si ecciterebbero.
Non più di quanto mi ecciti io a vedere al mercato un galletto completamente spiumato, o un'aragosta rivestita del solo suo carapace.
“Buonasera, sono Niikura Yuko, lieta di conoscervi!” dico, completamente nuda, e allungo una mano mentre le tette sballottano.
“Buonasera, dottoressa, prego si accomodi, la stavamo aspettando.” Rispondono quelli, nel loro strano idioma, senza notare nulla di strano o anche solo vagamente allusivo.
No, non andrebbe così.
Resto sdraiata sulla morbida moquette, avviluppata, come se volessi imprigionare ogni molecola di calore e di umanità, proteggerla finchè ne avrò la forza.
Una grossa bocca nera si apre sul fianco del dodecaedro entro cui la navicella automatica viene meccanicamente pilotata.
Mi alzo e mi preparo, ma a cosa?
Come devo prepararmi e cosa devo aspettarmi?
Inizio ad essere scossa da tremiti e contrazioni.
Lo so cos'è. È l'adrenalina che sprizza dalle mie ghiandole surrenali, che percepiscono il pericolo e, imbottendomi di cortisolo, mi preparano alla difesa e alla fuga.
Riflessi ancestrali riemergono, ora che, come nella preistoria, il mio corpo e la mia vita devono confrontarsi con macro-organismi forti e potenzialmente minacciosi.
Respiro profondamente e stupidamente mi chiedo se sono tutta a posto, se sono bella e piacente.
Mi conducono in un grande ambiente. L'aria che respiro è adeguata ai processi fisiologici del mio organismo.
Piuttosto è il mio organismo che non è per nulla adeguato all'ambiente ed all'incontro cui sono destinata.
Come in un déjà vu mi passa nella mente l'immagine della bambina nel giardino di Yokohama: “Mamma, mi prendi in braccio?”

Questo racconto di è stato letto 7 6 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.