Apri le gambe

Scritto da , il 2021-03-05, genere bisex

“Apri le gambe.”
Tre parole del tutto normali, anonime, ma che in questo preciso ordine possono assumere una valenza esplosiva, dirompente. Soprattutto se rivolte a una donna.

Possono essere urlate, con minaccia, irruenza, il tono roco, la cattiveria.
E allora assumono un significato orribile, di una violenza intollerabile, cattiva, inumana.
Lo scempio, il sopruso, l'assoluta mancanza di rispetto, l'umiliazione.
La donna usata per il suo corpo, o per solo una sua parte, la più personale.
Violata, violentata, ridotta ad oggetto, servilmente soggiogata per usarne, ed farlo malamente, per il proprio piacere. Annullando tutto il resto della persona, il suo valore, la sua anima, i suoi sentimenti ed i pensieri. La sua dignità di essere vivente, di essere umano.
Terribile e destruente.
E chissà realmente quanta violenza si consuma ancora, ogni giorno, fra inconsapevoli mura domestiche, sulle strade, nelle macchine e negli alberghi ad ore.
Sicuramente tanta, troppa e sempre vergognosamente nascosta.

Ma le stesse parole possono essere sussurrate, pronunciate con timido affetto, come una proposta, una richiesta di condivisione che cerca un rispettoso riscontro. Una promessa di rispetto e di valorizzazione.
La concezione di un dono, forse uno dei più grandi, intimi ed esclusivi.
E questo nonostante le banalizzazioni e le facilitazioni sessuali con cui si arriva a consumare un atto che io ancora vedo come segreto e sacro, raro se non quasi unico.
“Apri le gambe, Yuko.”
Così, e basta.
Senza il rischio di presunzione e senza falsa modestia, penso che qualcuno tra i lettori di questo sito, forse anche uno solo, amerebbe trovarsi nella situazione di potermi rivolgere questa morbida e profumata richiesta.
Io, ormai nuda di fronte alla promessa di amore.
Il mio corpo senza veli sotto l'attenta ispezione di occhi altrui.
Io, a chiedermi se chi mi sta di fronte mi troverà bella, sensuale ed attraente, oppure solo un oggetto per aumentare la propria eccitazione e soddisfarla usano il mio corpo e stravolgendo la mia anima.
Sarai uomo o donna, ma se sei arrivato fino a questo punto, allora già hai la mia fiducia, il mio tacito assenso preventivato, la mia fragilità e la mia vulnerabilità tra dita che, ti chiederai, speri non saranno troppo rozze.
Il tuo sguardo mi indagherà alla ricerca dei particolari che troverai più fini e belli, più intimi.
Cercherai i fiori non colti, scrutando la forma del mio naso, della curva degli occhi, dell'attaccatura del collo sopra alle clavicole, e di quella porzione della nuca in cui gli ultimi capelli, lunghi e neri, si contendono la pelle chiara del collo.
Ti perderai nella curvatura della mia vita, quella “S gotica” che si allarga intorno ai miei fianchi, nell'abisso racchiuso nell'ombelico, nelle caviglie o nelle dita dei piedi, un po' contratte nell'imbarazzo di mostrarti il mio corpo senza veli e senza difese.
Avrai già saziato la tua fame più istintiva indugiando sulla carnosità delle mie labbra, sul mio seno e il mio sedere.
Ed ora fremi, attratto dalla macchia scura dei peli del mio pube, spettinati e lunghi, oppure regolati ed uniformi, a disegnare un delta che dirige i tuoi desideri verso ciò che si nasconde fra le mie cosce, un poco accavallate in un estremo gesto di pudicizia che si avvia alla resa.
“Apri le gambe, Yuko.”
Lo sguardo malizioso sotto le sopracciglia scherzosamente aggrottate, ti restituirà una dolce pausa in cui l'enfasi sublimerà trasformandosi in deliziosa attesa.
Sarò io, in piedi.
O forse abbandonata su un divano, come una modella per pittori impressionisti di Montmartre.
Per terra e sulle disordinate lenzuola di un letto sfatto, come una giovane austriaca nell'atelier di un pittore della secessione.
“Apri le gambe”: il suono velato ti risuonerà nella mente come un tenebroso desiderio, un'eco che rimbalza nei centri cerebrali del piacere, scatenando tempeste di endorfine, o nelle terminazioni periferiche, innescando minuti giochi di arterie e capillari, sfinteri e catecolamine innescando l'erezione o la secrezione di muco dalle ghiandole che fanno da ancelle alla vagina.
Del tutto incosciente delle trasformazioni che avverranno nella tua mente e nel tuo corpo, percepirai i tuoi sensi prepararsi per il rituale dell'accoppiamento.
Quell'attesa da “sabato del villaggio”, in cui il desiderio è espresso, ma le cosce sono ancora chiuse.
Eppure tu già lo sai che il tuo sogno troverà una fertile risposta.
L'hai sentito col cuore, prima ancora che col corpo o con la mente.
E vorresti che quel momento non finisse mai, anche se sei impaziente.
Ti ricorderai solo dopo, che di tutto l'atto sessuale, dalla visione del corpo che si spoglia all'orgasmo finale, molto di più di una spallina che scivola scoprendo una spalla e poi, poco dopo, un capezzolo; molto più potentemente e prepotentemente del bordo dell'elastico degli slip che lentamente ti mostreranno i peli del monte di Venere, o la piega tra i glutei;
molto di più sarai rimasto rapito, eccitato, ammaliato da quegli interminabili, impareggiabili, incontenibili secondi in cui avrai visto le mie cosce dipanarsi per rendere accessibile la strada all'unione carnale, al piacere che ti annulla i sensi e la mente, a quel momento troppo rapido e fugace in cui perderai la ragione e la concezione del dove e del quando, svuotandoti impetuosamente dentro il mio corpo, o condividendo il nostro comune piacere in una doppia penetrazione tra donne.
Dono reciproco, fusione tra i corpi e le menti, come fusione di materiale genetico potrebbe avvenire dall'unione delle nostre cellule germinative.
Sarai appagato dall'estrema estasi, eppure il tuo spirito sarà sottomesso all'anelito di tornare a quel particolare momento.
Sarai pronto a scambiare dieci scontati orgasmi per rievocare, cristallizzare e magnificare quei pochi secondi in cui le mie cosce si sono arrese al tuo sguardo ed ai tuoi più inconfessati desideri.
A quel momento in cui i tuoi occhi avidi e rapaci si saranno nutriti delle mie pieghe scure, del passaggio dai peli alle pagine di un libro in cui è racchiusa, ma finalmente accessibile, la favola più provocante e conturbante.
Lentamente apro le mie cosce.
Seguo i tuoi occhi che abbandonano i miei e decantano trascurando i miei seni ed il mio ventre per focalizzarsi sul fiore più elusivo.
Non credo assolutamente che la vulva sia la parte più bella della donna, distanziata anni luce dalle forme di un bel sedere o di un bel seno, ma anche da occhi gentili e dalle curve delicate del collo.
Ma quel momento...
Quel momento in cui la donna apre le cosce e si mostra, si concede, accetta prima lo sguardo curioso e poi l'ancor più curioso ed impaziente incedere di dita, lingua o dell'alfiere maschile;
quel momento, quel solo momento non ha confronti. Impagabile promessa, l'offerta senza confronti e senza uguali.
Tutto racchiuso in una manciata di secondi da gustare per tutte le frazioni centesimali che li compongono.
La donazione della donna che, fiduciosa, si concede.
Il corpo che si fa emissario di sentimenti.
L'accoglienza, il dono genuino, l'apertura alla propria intimità più profonda e segreta nella metafora dell'apertura dei propri accessi più remoti.
Il fiore che lentamente distende i suoi petali per offrirsi, ubertoso e carico di profumo, al rapimento, alla curiosa voracità, o alla delicatezza di una carezza o di un bacio.
Solo pochi attimi, come il raggio verde che brilla sul bordo del mare quando il sole, stanco, vi affonda in una giornata di straordinaria limpidezza.
“Apri le gambe, amore.”
“Apri le gambe, tesoro.”
E come nell'incanto di una fiaba scritta bene, il tesoro si mostra, dorato e lucente, fra le spesse lamine del forziere.
Scintilla di oro e di pietre preziose, umida e gocciolante, morbida e vellutata.
Un uscio che racchiude atri di splendente bellezza.
Rapimento dello sguardo e dei sentimenti.
Mi adagio e schiudo le gambe, avverto il fresco che sfiora le mucose bagnate dei miei organi pronti per accoglierti.
Così come percepisco la carezza del tuo sguardo che, pieno di passione, precede il tuo corpo.
Sono pronta.
A gambe aperte sono tua, ti aspetto.
Mi sono offerta a te in tutte le mie potenzialità.
Sii dolce ed affettuosa, sii attento e delicato.
A gambe aperte, le ginocchia appena piegate, ti aspetto abbracciandoti con la coltre del mio sguardo amoroso.

Questo racconto di è stato letto 4 5 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.