La babysitter 2

Scritto da , il 2021-01-17, genere pissing

Salve sono Gabriel nell’altro episodio vi ho raccontano del esperienza che ho avuto da piccolo con la mia babysitter oggi vi racconto a distanza di tempo del nostro nuovo incontro.
Mi era capitato di dover fare da padrino alla cresima di mio nipote e qui la ritrovo bella come non mai che faceva la catechista in parrocchia. All’inizio non si ricordava di me ma poi riaffiorarono i ricordi nella sua mente. Era passato tanto tempo e ancora lei mi turbava ma di questo non poteva saperlo. La invitai ad un aperitivo parlammo del più e del meno lei era ormai una donna sposata con un manager di una multinazionale spesso in giro per lavoro.
Si creò subito una bella amicizia tra me e lei mi chiedevo se si ricordava dell’episodio legato alla mia infanzia o lo avesse rimosso. Continuavamo a vederci con frequenza per colazione o per passeggiare insieme durante la pausa pranzo.
Un bel giorno mi chiede se posso accompagnarla io a Bologna dalla madre in quando il marito è fuori per lavoro mi offro volentieri per me è un’occasione in più per provarci.


Quando vide la lunga colonna di macchine all’ingresso dell’autostrada, in direzione di Milano, non se la prese. Angela è una bellissima donna, con una gran massa di capelli castani e ricciuti, un seno sodo e ampio, due occhioni verdi e un sorriso dolce e malizioso. Oltre ad essere dotata di notevole senso dell’umorismo.
Con pazienza, si accodò al serpentone di auto, ma dopo poche centinaia di metri erano già fermi.
Dopo oltre un’ora, avevano percorso solo pochi chilometri, chiacchierando amichevolmente, ma ora Angela sembrava irrequieta. … Mi girai verso di lei, con aria interrogativa.
“Tutto bene?”
“Sì … certo”
Il sorriso di Angela non era del tutto sincero, ma molto dolce.
“Sai, è solo che … queste code mi stressano … sono anche un po’ stanca, vorrei già essere a casa …”
“Mi dispiace che la mia compagnia ti sia così noiosa ..” sorrisi in risposta.
Angela rise.
“Ma no! … sciocco … anzi, mi ha fatto proprio piacere la tua compagnia, sei una delle poche persone con cui è davvero piacevole chiacchierare. Anzi, guarda, ti prometto che quando arriviamo ti offro il bicchiere della staffa … ma usciamo in fretta da questa autostrada!”
Mezz’ora dopo, avevano solo percorso altri tre chilometri, e Angela era diventata sempre più silenziosa.
“ dai … mi sembra che ci sia davvero qualcosa che non va. Devi vedere qualcuno? Sei in ritardo per qualcosa?”
Lei continuava a fissare il parabrezza davanti a sé, senza rispondere … poi cominciò a ridere sommessamente.
“E’ solo che … mi scappa da morire la pipì!”
Scoppio in una risata, a mia volta
“Ma dai, allora non è così terribile … vedrai che tra poco il traffico ricomincia a scorrere, e ci fermiamo al primo autogrill”
Purtroppo però la lunga cosa di vetture non accennava a diminuire, e la loro velocità restava a passo d’uomo.
Angela ormai era completamente silenziosa, la guardavo con la coda dell’occhio, in imbarazzo per lei, notando come si mordesse le labbra, stringendo forte le gambe tra loro.
La coda avanzò di alcune centinaia di metri, e si fermò nuovamente. notai, poco più avanti, una di quelle piazzole di sosta alberate dove spesso sostavano a riposarsi i camionisti.
La guardai di nuovo.
“Come andiamo?”
“Non bene” la voce le uscì in un sussurro roco.
“Senti … se sei davvero in difficoltà, forse potrei entrare in quella piazzola là avanti …”
La testa di Monica si alzò di scatto, e si sporse in avanti per guardare.
Si girò verso Matteo con un’aria indifesa e perplessa.
“Non ce la faccio davvero quasi più … ma non so … ho paura che là qualcuno possa vedermi …”
“Non ti preoccupare” assunsi un tono rassicurante “Tanti uomini si fermano a fare pipì a lato della strada … ma vedrai, in quella piazzola troveremo un angolo riparato … e nel caso peggiore ti riparerò io, per controllare che non si avvicini nessuno. Sempre che per te sia davvero un problema così urgente …”
Angela sorrise e ridacchiò imbarazzata.
“Temo che sia davvero urgente, se ci tieni alla salvezza dei tuoi sedili …”
scartai a destra con la macchina, uscendo dalla cosa, e in corsia d’emergenza raggiunse la piazzola.
Fortunatamente era piuttosto buia a quell’ora di notte, e neppure i fari delle auto la illuminavano. Si diresse comunque verso l’angolo più lontano, accanto ad alcuni grossi alberi.
Parcheggiò la macchina lateralmente, in modo da coprire un certo spazio per Monica, che scese dalla macchina.
“Coraggio, non ci pensare”
Dissi con la testa girata verso l’autostrada, senza guardarla.
“Ci sono qui io .. e ti avverto se si avvicina qualcuno”
“E’ così ridicolo e imbarazzante”
Sentì la sua voce dall’altro lato della vettura.
Istintivamente si girò.
Angela si stava sollevando la gonna, e facendo scivolare lungo le gambe le mutandine.
Vide le sue mani che le spingevano fino ai piedi, per poi sollevare nuovamente la gonna mentre si accosciava. rimasi come ipnotizzato. La scena mi ricordava l’episodio della mia infanzia quando la vidi pisciare
Angela si girò verso di lui.
“Ma cosa fai???? Ma girati!! Vuoi farmi morire di vergogna!!!”
Imbarazzato e al tempo stesso eccitato Matteo si voltò nuovamente verso la strada.
“Scusami … non ho fatto apposta …”
“Sì, sì …” disse Angela ridendo “certo, non hai fatto apposta … se non mi scappasse così tanto scapperei … sei uno stronzo …”

“Eh no, stronzo no … è solo che hai delle belle gambe …”
“Ma smettila!!!! … non riuscirò mai così … ti prego …”
Dopo un periodo che sembrò lungo, sento la voce di Angela.
“Gabriel non ci riesco … mi scappa da morire ma mi vergogno e ho paura … non riesco a far niente … e poi con te lì … aiuto ..”
“Ma cosa posso fare? Stai tranquilla, non c’è nessuno … nessuno può vedere … e io …” rise ancora “io prometto che cerco di non guardare ..”
“Sì, vorrei vedere te … bell’amico … anzi”
Angela si fermò.
“Anzi, ecco cosa potresti fare a te non scappa? Se anche tu fossi in questa ridicola situazione, forse ci riuscirei …”
“Ma sei matta?? Adesso devo venire a farti vedere come si fa pipì …”
“No, parlo sul serio … vieni da questa parte, e fallo anche tu … magari a furia di ridere ci riesco …”
Matteo si sentiva la testa leggera. Girò intorno alla macchina.
“Ma stai parlando sul serio?”
“Ma sì, smettila di fare il pudico. Aiutami invece. Saremo così ridicoli che mi rilasserò …”
Mi portai dietro la macchina, dove era Angela, rimanendo all’altra estremità.
“Dai coraggio, che per voi maschi è anche più semplice. tiri giù la cerniera ed è bello e che fatto …” ridacchiò “In fondo da piccolo ti ho visto tante volte fare pipi”
A quelle parole non capii più nulla “Fanculo” pensai, e slacciai i bottoni dei jeans.
L’unico problema fu che il mio uccello saltò fuori praticamente mezzo eretto. Non riusciva a fare a meno di guardare Angela di soppiatto, e vederla accosciata, con le mutande abbassate alle caviglie e la gonna sollevata lo aveva eccitato.
Cercò di far finta di niente, e si voltò verso il limite della piazzola, tenendosi in mano l’uccello.
“Però …” la voce di Angela gli arrivò alle spalle “Non sapevo che ti piacessi tanto …”
“Ma allora???? Adesso sei tu … cosa fai, mi guardi???”
non riuscivo a non ridere.
“Resteremo qui tutta la notte …”
“Dai concentriamoci …” rise lei.
“Ci provo …”
“E poi …”
“E poi cosa?” mi voltati di scatto verso di lei.
“E poi ho sempre avuto la curiosità di vederti che fa pipì adesso che sei un uomo…”
Lo sguardo blu di Angela era malizioso e ridente.
“E cosa dovrei fare …” la guardò sorridendo a mia volta “Girarmi verso di te così puoi vedere bene??”
“Quasi quasi …” Angela aggiustò distrattamente la gonna, sollevandola un poco. Gli occhi di Matteo si inchiodarono sul suo pelo, chiaramente visibile.
“Davvero potresti togliermi questa curiosità … siamo amici da così tanto tempo …”
Matteo stava faticando a evitare di accarezzarsi l’uccello, che già aveva in mano. Oltretutto aveva davvero bisogno di fare pipì anche lui, ormai. Per la seconda volta, pensò: “Fanculo” e si girò verso Monica.
Gli occhi di lei si fermarono sul suo cazzo che faceva capolino dai jeans.
“Però non vale, così si vede malissimo …”
non ero in condizione di affrontare una trattativa. Abbassò i jeans e i boxer bianchi, con l’uccello semieretto che ballava …
“Meglio?”
Angela nonostante tutto arrossì.
“Direi …”
“Bene, allora devo dire che anche io non vedo benissimo …”
Ebbe solo alcuni istanti di titubanza, poi si alzò, togliendo gli slip dalle caviglie, e si accucciò nuovamente, tenendo la gonna completamente sollevata. Le sue gambe erano belle, lunghe e affusolate, e il ciuffo di peli spiccava sulla pelle chiara. Allargò le gambe, e il mio cazzo si indurì definitivamente.
Improvvisamente, un primo schizzo di pipì zampillò dalla fica di Angela.
“Aaahhh … non ce la facevo più …”
chiusi gli occhi per un momento, e cercai di rilassarmi. Poi sentì il calore che saliva, e un violento getto di liquido dorato schizzò dal suo uccello, cadendo vicino a Angela.
Lei allargò ancora un poco le gambe, con lo sguardo fisso al suo cazzo, e la sua cascatella si fece rapida e piena, formando una pozzanghera ai suoi piedi.
ero affascinato … l’immagine di lei era terribilmente eccitante … lasciò che il getto si rinforzasse, per impedire di tornare completamente in erezione. Il suo zampillo caldo cadeva molto vicino a Angela, e scivolava poi verso la piccola pozza della sua pipì, mescolandosi.
Improvvisamente si accorse che la mano di Monica era andata sul clitoride, e che lo accarezzava mentre il liquido dorato continuava a colare copioso dalla sua fica.
Gli occhi di lei si fecero liquidi …
“Vieni più vicino … voglio vedere la tua piscia che si mescola alla mia … hai un cazzo bellissimo …”
feci qualche passo, e i due getti caldi si mescolarono … il suo zampillo sfiorava la fica di Angela, che ormai si stava masturbando apertamente … il mio cazzo si eresse di colpo, e il getto sfiorò il suo viso, che gemette.
La voce di lei uscì roca “Vorrei quasi bertela … sei bellissimo … sto godendo …”
Gli ultimi schizzi uscirono dalla fica di Angela, che fece scivolare l’anulare dentro di sé, nel suo sesso umido di due umori … anche il mio getto si affievolì, fino a cessare, e la sua mano cominciò a muoversi lungo l’asta …
“Vieni qui …”
Con un ultimo passo fui di fronte a Angela, che impugnò il mio uccello e lo accolse in bocca, succhiandolo avidamente.
La sua mano scese a carezzargli le palle gonfie, poi le dita scivolarono verso le natiche, sfiorando lo sfintere.
L’altra mano aveva ormai portato il clitoride vicinissimo all’orgasmo. Muoveva la bocca lungo il cazzo, con la lingua che lo masturbava avvolgendolo. Il suo indice trovò infine la strada, e penetrò nel mio culo, più profondamente nella sua gola.
Il gemito dell’orgasmo di Angela mi spinse oltre il limite, ed esplose sborrando nella sua bocca. succhiò il mio sperma, inghiottendolo … poi lui la sollevò di peso, alzandola contro la macchina, e l’adagiò sul sedile, cercando con la bocca la sua fica, leccandola, assaporando i suoi umori che colavano.
Arrivarono a casa solo due ore dopo … e avevano entrambi un gran bisogno di andare nuovamente a pisciare.

Da quel giorno diventammo amanti e complici della nostra passione comune il pissing


Questo racconto di è stato letto 1 1 0 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.