Jap Story - Una non bastava

Scritto da , il 2021-01-13, genere etero

(ma leggete prima "Trapani a percussione" e "Jap possession", by Yuko)


Occhi aperti. Sono sveglia, sono sveglia. Come? Non esageriamo? Va bene, non esageriamo. Che palle però. Cominciamo da capo.

Occhi aperti, mi sto svegliando. Così va meglio rompicazzo di una narratrice? Ecco, adesso fuori dalle palle, grazie.

Occhi aperti e ricognizione, allora. Sì, ricognizione, perché la prima cosa da fare è capire dove sono. Penombra. O sguardo ancora appannato. Affidiamoci all'olfatto, dunque. L'odore di questa federa, l'odore di queste lenzuola. E' quello degli alberghi. Lo riconosco. Mi ci hanno portata a scopare tante volte negli alberghi. Sulle lenzuola di casa questo odore non c’è. E' ora di tirarsi su e dare un'occhiata,

Aiaaah.... cazzo, porco giuda, mi fa male... mi fanno male cose che nemmeno pensavo di avere. No, ok, la spunta dei dolori la facciamo dopo. Ora ricognizione. Resta concentrata, Annalì.

Vediamo che abbiamo intorno. C'è la giapponese che dorme nuda accanto a me. Ok. Belle tette, tra l'altro. E sparse sul letto ci sono ancora le corde con cui mi ha legata, cazzo. Me le ricordo, avrò i segni sui polsi. Un vibratore a pile, chi se l'aspettava? Poi un giorno ti insegno qualche giochetto, jap. Sto coso lungo lungo, ok, ricordo pure questo, wow. No, questo proprio non lo conoscevo, non avevo idea che ci si potesse scopare a vicenda con questo affare. La piuma, li mortacci sua, questa è quella che ricordo meglio. Perché il terrore te li marchia a fuoco i ricordi, molto più del piacere. Questa me la paghi, occhi a mandorla. Non so ancora come, ma me la paghi. E lì buttata per terra? Oh no, la divisa da scolaretta giapponese. Gonna blu e camiciola alla marinara. Cazzo no, che palle, basta. Devo mettermi qualcos'altro. E, già che ci sono, comprarmi almeno un paio di mutande.

La ricognizione dei dolori è invece molto più veloce: mi fa male tutto. A parte il classico mal di testa da hangover in via di risoluzione, voglio dire. Quello nemmeno lo calcolo. Quando mi sono tirata su prima ho sentito un male assurdo agli addominali. Che cazzo ci ho fatto con gli addominali? Tre ore di plank in palestra? Per non parlare delle caviglie, dei polsi... Sì, le corde, giusto. Ah, ecco perché mi fanno male gli addominali. Perché cercavo di ribellarmi mentre sta troia mi faceva il solletico con quella cazzo di piuma. Guarda come dorme ora. La legherei io per i piedi al soffitto, se solo trovassi un gancio. Non ti hanno mai appesa jap? Dovresti provare. Beh, magari non per i piedi... Dio, mi fa male tutto. Mi si è pure slogata la mandibola. E stendiamo un velo pietoso sul resto. Eh, sì il resto. Quel cazzo di amico di Yuko, Leone, non ha un cazzo, ha un, un... non so nemmeno come definirlo. Com'è che diceva? "Ciuccia bionda, ciuccia il cannolo che ti piace...". Seee, altro che cannolo, cannone. No, un attimo, questo non è possibile, me lo sono sognata. Dopo che Yuko mi è svenuta addosso sono svenuta pure io, non è possibile. Madonna che troia Annalì, non solo ti scopi chiunque ma ti sogni pure il seguito immaginario delle scopate. Ciuccia il cannolo e splash, mezzo litro di sperma in faccia. Questo proprio me lo sono sognata.

- Romana, sei tu? – è una specie di pio pio che arriva dal lato destro del letto.

- No, è mi' nonno in cariola... ben svegliata, eh?

- Dove stiamo?

- Che cazzo ne so? Lo chiedi a me dove siamo? Siamo dove ci hanno portate gli amici tuoi!

- Ovvero?

- Ahò, Yuko, sveja! – le intimo battendo le mani.

Si sveglia e si sveglia pure troppo, diciamo. Mi piazza gli occhi addosso con uno sguardo che, non dico che non mi piace, ma che in questo momento eviterei. Anche il suo "come stai?", detto a voce bassa e sensuale, non è che non mi piaccia. Più che piacermi però mi preoccupa. Perciò la mia risposta non può che essere un secco e rapido "Sto a pezzi". Niente idee strane, jap, ok?

Niente, mica si ferma. Mi sussurra "immagino..." prima di sfiorare le mie labbra con le sue. Non è che io non sappia cosa significa essere assatanate, eh? Ma cazzo, a tutto c'è un limite! Si vede che il suo, di limite, è però spostato mooolto in avanti. Le dico "no, Yuko, ti prego" passandole la mano sulla schiena nuda. Un gesto istintivo, di cui tuttavia mi pento subito nonostante la bellezza della sensazione, perché non vorrei che lo scambiasse per accondiscendenza. "Sei adorabile, anche con tutto quello sperma secco in faccia e... uh, direi anche sui capelli, romana", mormora. Ah, ecco, non me l'ero sognato allora, ecco perché la pelle un po' tirava... "Ok, ma lasciami tranquilla", sospiro toccandomi istintivamente una guancia.

Non va avanti, ma non demorde. E' chiaro che non demorde. Lo capisco da quello che dice ma soprattutto dal modo in cui lo dice. "Allora? Piaciuto lo scherzetto?", mi fa. "Mi potevi ammazzare con il solletico – rispondo con una voce a metà tra l'incazzatura e lo spavento - io due cose non sopporto, il solletico e le strette al collo, vado in panico". "No, dicevo l'altro scherzetto". Possono essere solo il vibratore o il dildo, ma sono sicura che si riferisca al dildo. Getto lo sguardo oltre di lei e lo vedo adagiato lì, sul letto. Apparentemente innocuo, fucsia, enorme. Se non è mezzo metro poco ci manca. Chiedo "dio mio Yuko, dove cazzo l'hai rimediato?", ma mi rendo conto immediatamente che è una domanda scema. E io le domande sceme o le faccio apposta o perché non domino le situazioni. In questo caso, sicuramente, la seconda che ho scritto. "Online ormai si rimedia tutto - risponde accarezzandomi una tetta - ma questo l'ho preso nel sexy shop accanto al teatro... visto che ti eri lamentata".

Adesso il ricordo di me e lei che ci scopiamo con quel doppio dildo piantato dentro di noi mi si ripresenta bene davanti agli occhi, è come un lampo. Forse se ne accorge, perché insiste: "Del resto è piaciuto molto anche a me... mi è piaciuto da matti... e a te?", chiede prima di risucchiarmi un capezzolo tra le sue labbra. Sussulto, imploro ancora "no, Yuko, no", prima di risponderle che non avevo nemmeno idea dell'esistenza di un simile affare. Cioè, meglio, dell'esistenza sì, ma che non avevo mai preso in considerazione l'idea di usarlo. "Qualcuno l'ho provato anch'io, ma non sono una grande appassionata di sex toys...". Un po' mento e un po' no. Perché è vero, non ne ho provati tanti, ma quelli che ho provato, beh, uaaaaooo, "passione" a volte è un termine così riduttivo...

- Un ripassino non ci starebbe male - ridacchia.

- Facciamo tra un paio d'anni, ok? - le dico confidando nel potere dell'ironia e dell'iperbole.

- Pensavo a un paio di minuti - mi incalza.

- No, ti prego! Ma tu non sei devastata? - rispondo. In cuor mio penso che stia scherzando, ma non si sa mai.

- Esagerata - mi fa.

- Perché a te non è toccato Leone - le rispondo ricordando tutto per filo e per segno in un solo secondo - se ti dico che mi fa male ovunque è soprattutto colpa sua.

- A me Leone è già toccato a suo tempo, lo conosco bene, ho avuto tutta una notte per conoscerlo... dove ti fa male?

- Lo puoi immaginare dove mi fa male, soprattutto - le rispondo anche un po' incazzata.

- Mandibola? Strano! Hai la bocca più larga della mia! – ridacchia.

- Yuko! - le grido per mettere un punto.

Mi guarda, si issa sui gomiti con un certo sforzo (anche lei la castigata l'ha presa, eh? e che cazzo... mica solo io). Ma nonostante tutto mi sale a cavalcioni sulla pancia. E per fortuna che non si accomoda, altrimenti mi metterei a urlare.

- La verità è che ti è piaciuto... - dice guardandomi dritta negli occhi - farti inculare da lui ti è piaciuto.

- Che c'entra? - domando - lo sai che non è quello il...

- La verità è che sei una puttana...

Sdeng. Colpita e affondata. In un modo che nemmeno lei può sapere come, d'accordo. Ma colpita e affondata. Le faccio "ridimmelo", chiudendo gli occhi per gustarmi solo il suo tono di voce. Lei ripete "puttana" in un soffio. Come se avesse capito. Come se fosse perfettamente consapevole che, più che essere una puttana, sono la "sua" puttana. E che tutto quello che ho fatto e che faccio - da quando l'ho incontrata, ormai - è perché è lei a volerlo. Sono stata una stupida a lamentarmi che non avesse il cazzo, quando scopavamo, non avevo capito nulla e non mi capacito di come abbia fatto. Perché, per esempio, uno come Leone il suo grosso, enorme, affare può avermelo messo in bocca, nella fica, nel culo. Anzi, l’ha fatto. D'accordo. Può avermi slogata, imbottita, spaccata. Anzi, l’ha fatto. D’accordo. Ma lei mi sta scopando il cervello da giorni. E non ha ancora smesso, non smette. Questa è la verità.

- Confessa che hai goduto come una troia - dice appoggiando le mani sui miei seni, fa male anche lì, ma chi se ne frega - gridavi di no ma intendevi sempre sì, sempre e solo sì...

- Non è vero... dicevo di no e intendevo no...

- Ero lì, ti ho sentita, ti ho vista - mi interrompe la jap - hai goduto tutto il tempo, hai goduto già da prima, già in teatro, quando ti lasciavi toccare ovunque e da chiunque...

- Quando dico no intendo sempre no, semmai qualche volta mi piace trovare il tipo che se ne frega, qualche volta, eh? Ma, se ci tieni, non è stata la cosa più bella... - le dico senza quasi avere il coraggio di andare avanti.

E’ il momento di dirglielo, probabilmente. Ma ho anche paura di dirglielo.

- Allora? - domanda dopo un po' come se fosse impaziente di avere una risposta che, secondo me, conosce già.

- Allora… la cosa che mi è piaciuta di più è ho fatto di tutto per darti retta... è da quando ci siamo conosciute a Palazzo Reale che è così - le dico.

Avvicina il viso al mio, tira fuori la lingua, mi da una ripassata che nemmeno un cocker spaniel. Chissà se sente il sapore dello sperma di Leone, ma immagino di sì. Chissà se le ricorda qualcosa, immagino di sì. Si inginocchia tra le mie cosce e le apre, le spalanca. La imploro ancora una volta "no, Yuko no, non ce la posso fare", anche se so benissimo che mi lascerei massacrare ancora.

- Secondo me qui in mezzo e tra le chiappe hai ancora voglia di qualcosa - mi sussurra, è completamente partita, eccone un'altra che quando dico "no" capisce "sì".

Sono quasi rassegnata. Ma si può fare sta vita?

La sua prima lappata tra labbra e grilletto mi fa saltare. E' dolore misto a piacere. Piacere tanto, dolore forse di più. Me ne fregherei, ma non riesco a trattenere un guaito.

- Yuko, no cazzo! Lì non... Oh cazzo! Oh cazzo cazzo cazzooooo!

Mi tiro a sedere sul letto. Anche qui, dolore che non vi dico, ma chissenefrega. Lei però si allarma, perché stavolta si rende conto che le mie urla non hanno nulla a che vedere con quello che sta facendo. E ha ragione.

- Che succede?

- Cazzo cazzo cazzo! La pillola, le mie pillole! Yuko, sono due giorni che... cazzoooo!

La pillola, cazzo, le pillole. Ho bisogno delle pillole, porca-di-una-m... perdonami Madre Santa, non l'ho detto ma l'ho pensato. Il fatto che mi sia fermata vale da sola l'assoluzione? L'ho sempre saputo che sei troppo buona, ma hai visto la bontà cosa ti ha portato? Come? Ah, sono proprio un caso disperato, eh? Sì, forse hai ragione, che ne dici di un TSO? Porca troia, porca troia, come faccio adesso?

E' la prima settimana? No, cazzo, è la terza, due giorni senza, tre se non la prendo oggi. Tanto vale attaccarsi a una magnum di progesterone ed estrogeni. Sì, certo Yuko, mi può prescrivere quella… grazie Yuko, ma vorrei evitare, eh? Sennò qui entriamo proprio in stato d'emergenza. Che scema che sono, che cogliona che sono! Eh… eh ma poi ci sono le altre pillole. Come quali cazzo di pillole? No, niente, sto facendo una cura, non la posso interrompere così di botto. Una cura, Yuko, fatti i cazzi tua, scusa eh? Una cura... Ma no che non sono in albergo, le pillole, sono a Milano, a casa di Ludo, hai capito? A Milano! Non ti sei accorta che giro senza borsa? Sono scappata via con il telefono e basta per cercarti, non te ne sei accorta? A proposito, gli alberghi li devi pagare tu, io non ho un euro appresso. Cazzo cazzo cazzo, dobbiamo tornare subito a Milano! Andiamo al primo albergo a prendere il tuo trolley e scappiamo! No, aspetta, mi serve una doccia. Non è che vedi se qui sotto c'è una jeanseria? Bastano due stracci... non mi mandare in giro vestita così, dai... Grazie.

*****

- Yuko, scusa, eh? Io ti ringrazio, ci mancherebbe, ma che cazzo mi hai preso?

- Leggings.

- Col praticello e le margherite stampate? Ma dove l'hai comprati?

- C'è un negozio qui sotto, abbiamo fretta.

- Du Pareil Au Même? - le faccio dopo avere visto la busta - è un negozio per bambini!

- Eh, me ne sono accorta, ma ti ho preso la taglia da 14 anni, la più grande che avevano, secondo me ti stanno, provali... visto?

- Ma visto cosa, che mi arrivano appena sotto al ginocchio?

- Dai, l'importante è il girovita, lì ci siamo. Andiamo, dai.

- Ci siamo un cazzo, stringe tutto… E sopra, poi? E le mutande?

- Sopra ti metti la casacchina da scolaretta, finché non recuperi il maglioncino. Le mutande, le mutande... tanto sei abituata ad andare in giro senza mutande, no?

*****

Telefono recuperato. Pieno di chiamate e notifiche, ovviamente. Ludovica, ovviamente, preoccupatissima perché sono scomparsa da casa lasciandole un disastro in giro. Per quanto ne può sapere lei posso tranquillamente essere stata rapita da una piovra aliena. Poi Pigi, un paio di amiche, mia madre. Per Pigi e le amiche il messaggio tranquillizzante è: sorry, mi era morto il telefono. A mia madre dico che invece il telefono era proprio rotto. Mi becco un cazziatone terribile. A Ludo dico invece che sto tornando. Dopo di che, dopo due giorni in stand by, giustamente l'iPhone muore davvero. E vaffanculo.

*****

Treno. Scompartimento fortunatamente semivuoto. La prima classe costa, del resto. E Yuko non bada a spese. Cioè, ci baderebbe, ma c'era solo la prima. Mi lamento e le dico che mi fa male il culo a stare così seduta. Lei mi dice che passerà. Controbatto che non ha capito una mazza, che mi fanno male proprio le chiappe. Anzi, le dico proprio - scusate la volgarità - "mi fa male fuori, non dentro". Ci pensa un attimo e mi ricorda una cosa che mi era proprio passata di mente: "Te ne hanno date proprio tante di sculacciate". E' vero, lì in quel teatro. Dieci euro ogni manata sul sedere, era questa la tariffa? Beh cazzo, c'è chi ci ha investito uno stipendio intero, si vede. "Tu come cazzo lo sai?", le domando. Risponde che non mi ha mai persa d'occhio, che ha visto tutto. Le tastate, le sculacciate, le succhiate.

- Persino quei due che ti hanno scopata dentro il bagno mentre eri mezza addormentata e che erano solo entrati per pisciare - mi dice ridendo - ero là fuori.

- No, solo uno mi ha scopata, all'altro ho fatto un pompino - la correggo dopo averci pensato un attimo – anche quello pensavo di essermelo sognata.

- Non era un sogno, non era un sogno. Il primo che è uscito non aveva ancora finito di tirarsi su la lampo e diceva "di fattone così ce ne vorrebbe una al giorno"... Che vuol dire fattona?

- Uh, ubriaca... o strafatta. Tanto, ero tutte e due le cose.

*****

- Oè, ma come siete conciate? - esclama Ludovica aprendoci la porta - ciao Yuko, non mi aspettavo ci fossi anche tu...

- Ciao Ludo, scusa l'intrusione... te l'ho riportata - risponde occhi a mandorla.

- Ma non mi disturbi affatto - le fa Ludovica prima di squadrarmi - carini quei leggings... e la felpa di Hello Kitty non ce l’hai?

- Lascia stare... scusa, torno subito.

Mi fiondo in camera. E' più o meno come l'avevo lasciata, rovina e devastazione. Pesco la mia borsa e mi faccio di farmaci come se non ci fosse un domani, senza nemmeno bisogno dell'acqua. Torno da Ludo e Yuko, che sta spiegando come Firenze sia bella in questa stagione. La mia amica milanese la guarda un po' perplessa.

- Dove devi andare vestita in quel modo? - le domando.

- Ah, un appuntamento, sono già in ritardo... non aspettatemi - risponde.

- Non con quel maiale di Gigi, voglio sperare, ma lo sai che...

Non mi lascia mica finire la frase. Sbotta in un "quel coglione!" e scoppia a ridere portandosi le mani in faccia, stando però attenta a non rovinare il make up.

- Beh, più mancato stupratore che coglione... - obietto.

- Lo so, lo so - ride Ludo - ma lo sai che mi ha confessato tutto? Io non sapevo un cazzo e lui è arrivato... "non credere a quello che ti ha detto Annalisa", ha cominciato. Chiaro che poi gli ho fatto sputare fuori tutto...

- E poi? - domando.

- E poi l'ho mandato a cagare seduta stante, Annalì, ma ti pare? Svanisci, gli ho detto... comunque lui sostiene che non ti voleva né scopare né stuprare...

- Se mi infili un dito dentro e ti vuoi fare una sega addosso a me, quello è stupro - le dico.

- Sì, è così, basta quello... anzi, è già troppo - conferma Yuko - ma quindi, con chi esci?

- Uh, un collega di lavoro. E' un annetto che mi viene dietro - risponde Ludo.

- Rimpiazzato in fretta quello stronzo di Gigi, eh? - le faccio - chiodo scaccia chiodo... e storia scaccia storia.

- Ahahahahah no, nessuna storia con questo - risponde virando improvvisamente sulla modalità-complice o, se preferite, su quella io-e-te-ci-capiamo – il tipo è sposato...

La osservo farmi l'occhiolino e mordersi leggermente il labbro mentre sorride. Le rimando una alzata di spalle altrettanto complice, tipo "ah beh, allora...".

- Solo che penso che il progettino che avevo in testa sia saltato, non mi aspettavo che tornaste... sarà per un'altra volta, stasera scrocco una cena ahahahah.

- Mi dispiace... - le dico. Sono un po' mortificata, ammetto.

- Fa nulla, fa nulla - risponde Ludo - ci ho rimesso i soldi dell'estetista ma... tanto ci dovevo andare ahahahahah...

- Scusa ma... perché devi rinunciare? - si intromette Yuko - se ho ben capito a te non dispiace, no? Voglio dire, non dispiace che ci sia qualcuno a sentirti...

In mezzo a noi piomba un attimo di silenzio assurdo, come quelli che precedono lo scoppio di un temporale, di un terremoto, di una bomba. Ludovica guarda Yuko negli occhi, ricambiata. I miei, di occhi, fanno ping pong dall'una all'altra.

- A guardarmi è anche meglio... non sempre è possibile, però.

La conosco Ludovica, la conosco bene. E sarei pronta a giocarmi qualsiasi cosa su ciò che sta succedendo in mezzo alle sue cosce. Mi torna in mente una sera - ma pescandola così, dal mazzo dei ricordi - che ci portammo su a casa una specie di toro infuriato e nemmeno tanto idiota, stranamente. Ricordo l'estasi del suo viso mentre lui se la sbatteva e io li osservavo. I suoi occhi che mi guardavano sorridenti mentre gli ripeteva "fammi tutto, fammi tutto". Ognuno del resto qualche perversione ce l'ha, no? Lei ha questa. Lo so da quando l'ho conosciuta. Farsi scopare è una cosa, farsi guardare o sentire mentre la scopano... beh è una cosa che fa correre il suo piacere su per una scala logaritmica.

Ma c'è di peggio, molto peggio. La prospettiva, la semplice possibilità che una cosa del genere si verifichi la accende come la benzina. Crea un diluvio di aspettative bagnate come il crollo di una diga. A conoscerla in modo superficiale non lo direste mai ma, credetemi, è così.

Le guardo, con un vago senso di panico. Hanno entrambe, disegnato in viso, un sorrisino appena accennato. Che non mi piace per niente.

- Yuko, NO! - esclamo.

- Perché no? - fa la jap.

- Già, perché no? - chiede Ludovica.

Questo racconto di è stato letto 8 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.