Regalo di Natale

Scritto da , il 2018-12-22, genere pissing

Come tutti gli anni mi ero ridotta all’ultimo momento per fare i regali, il centro commerciale brulicava di gente era un via vai continuo di persone che stavano facendo gli ultimi acquisti, per completare l’orgia consumistica.

Mi stavo provando un paio di jeans dentro il camerino di un noto negozio di abbigliamento, quando sento la prima fitta alla vescica faccio finta di nulla qualche secondo e ne sento un'altra, esco dal camerino. “Giorgia ti va bene la taglia?” disse la mia amica Lucrezia che lavora come commessa nel negozio, “Si abbiamo la stessa taglia io e mia sorella per fortuna; senti c’è un bagno?””Magari” rispose la commessa “Non so più a che santo votarmi” disse portandosi la mano sinistra alla vescica “Devi andare alla toilette del centro commerciale qui fuori, io vado in pausa fra un ora ma forse me la faccio sotto prima” disse con un filo d’imbarazzo. “Capisco non so come fai a resistere” “Neanche io"

Pagai il conto con la carta di credito e lascio li Lucrezia sconsolata “Dai che ce la fai” “Speriamo “rispose.
Esco dal negozio carica di pacchi e cerco subito i cessi mi sto per pisciare sotto anche io quando sento da dietro una voce che mi chiama “Giorgia” mi giro e vedo Aldo un lontano parente di mio padre cazzo penso adesso mi attacca un bottone che non finisce più.
Mentre mi parla senza che neanche l’ascolti prego la Madonna di velletri che non mi faccia pisciare sotto; dopo dieci minuti abbondanti mi lascia, mi fiondo alla toilette appena vedo l’insegna tiro un sospiro di sollievo. Faccio in tempo ad entrare e trovo una fila di donne anche esse disperate e adesso che faccio, sento le prime gocce bagnarmi gli slip, metto la mano destra nella tasca della giacca e senza farmi vedere mi massaggio la vescica intanto cerco di trovare una soluzione.

Passano i minuti e la fila non si dirime, prendo coraggio e decido di entrare nel bagno degli uomini , per fortuna non c’era nessuno mi fiondo subito in uno scompartimento tiro giù pantaloni e slip e senza sedermi in piedi e con il busto in avanti,faccio la più grande pisciata della mia vita, la pipi sta ancora sibilando nella tazza quando apre al porta un giovane ragazzo con l’uccello praticamente di fuori, nella foga mi ero dimenticata di chiudere a chiave.

Ora se l’occasione fa l’uomo ladro la donna la fa troia, senza pensarci due volte in preda al demone della lussuria lo prendo in bocca e faccio un pompino della madonna a quel ragazzo, che mentre viene mi piscia pure in bocca. Il sapore acre della sborra mista ad urina mi fa quasi vomitare, non so cosa mi succede sono proprio una troia.

Lucrezia si accorge che sta praticamente per pisciarsi sotto dietro la cassa, approfitta del fatto che in quel momento non c’è nessuno in negozio prende il cestino dell’immondizia, va dentro il camerino e piscia come non mai riempie quasi tutto il cestino. “AHHHHHH” è la sua espressione di goduria. Decide di non svuotarlo lo ripone sotto la cassa per quello stronzo del proprietario, che non mi manda in pausa prima, come regalo di natale.

Questo racconto di è stato letto 9 8 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.