La moglie schiava - Ai piedi anche della suocera (parte 4)

Scritto da , il 2021-10-20, genere sadomaso

“Edith è la tua Padrona”.
Le parole di suo marito che descrivevano il ruolo di quella donna ai cui piedi si trovava, le entrarono dentro.
Se lo aspettava, era ovvio fosse così. Tuttavia sentirselo dire le prospettò il futuro e le scatenò una certa emozione che produsse i suoi risultati alla bocca dello stomaco, seppur con la comprensibile difficoltà.
Restando in ginocchio alzò la testa, restando seduta sui talloni.
“Scusi, Padrona, buongiorno Padrona”.
Edith aveva le lunghe gambe accavallate e le braccia sui braccioli, dritta contro lo schienale, altezzosa ed aristocratica.
Quella ragazza era davvero bella, bella e sottomessa, ed era anche sua adesso!
Diego la prese per i capelli.
Anna tenne gli occhi bassi.
Il marito con l’indice fece segno verso i piedi della sua compagna.
“Giù, stupida. Possibile che non ricordi che davanti ai Padroni la tua fronte deve stare a terra?”.
In effetti Anna si scoprì inebetita.
Edith la ignorò e si rivolse a Grace.
“Ti chiama Signora Suocera? Non Padrona?”.
“Non sai come mi ecciti ogni volta farmi ricordare che la ragazza che mi sta leccando i piedi o nella cui bocca sto svuotando la vescica, è mia nuora”.
Anna cercava con la lingua la scarpa di Edith ma la Padrona, divertendosi, continuava a spostare il piede. Le piaceva vedere la moglie del suo amato che si umiliava inseguendolo con la lingua fuori per compiere il suo lavoro.
Quando fu stufa di quel gioco fermò il piede e la ragazza cominciò a passare la lingua sulla calzatura per leccarla.
Il lavoro era accurato. La lingua veniva posata di piatto e poi, con il movimento della testa, puliva.
Edith apprezzò la delicatezza.
Nonostante il piede non avesse un appoggio in quanto la gamba era accavallata, la lingua che passava non lo spostava. Era talmente soffice il tocco che se non avesse visto che a terra c’era una ragazza non si sarebbe accorta del lavoro.
Edith si complimentò per l’addestramento con Diego.
“No amore, il merito è di mamma”.
Mentre parlavano di lei, Anna, proseguiva col suo lavoro umiliante.
Aveva leccato tante volte le scarpe sia di Diego sia della suocera, ma quelle avevano un “sapore” particolare.
Grace era orgogliosa del risultato ottenuto sulla nuora.
“Mi piace farmi leccare le scarpe dall’animale al mio rientro a casa. E’ un’attività che trovo piacevole e rilassante. Ho dovuto educarla un po’. Immagino non sia facile passare la lingua senza spostare il piede penzoloni. Ho però pensato che come nei circhi ammaestrano gli animali a fare cose incredibili, non capivo come non avrei potuto insegnare a questa bestia a leccare una scarpa delicatamente. Ci sono volute un bel po’ di frustate e punizioni, ma il lavoro, alla lunga, paga”.
“Vero Grace, a volte viene da guardare per accertarsi che l’animale stia ancora lavorando”.
Intanto la schiava si era chinata per leccare il tacco della Padrona.
Le persone intorno non parlavano più di lei come di una persona, ma la consideravano un animale, una schiava, qualcosa di inferiore rispetto a loro.

Questo racconto di è stato letto 2 3 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.