La moglie schiava - Ai piedi anche della suocera (parte 2)

Scritto da , il 2021-10-18, genere sadomaso

Grace rimase seduta sulla sua poltrona preferita, con la nuora accucciata e incatenata ai propri piedi.
Diego ed Edith si erano accomodati su altre due poltrone poste in circolo, disposizione comoda affinché tutti gli ospiti si possano guardare e parlare tranquillamente.
Anna ebbe un colpo al cuore.
Intuiva chi fosse quella donna di colore o, meglio, cosa rappresentasse. Capiva che era una ulteriore discesa del suo stato.
Non aveva più pensieri o desideri di tornare ad essere la moglie di Diego in una vita per così dire “normale”.
Aveva desiderato ciò che adesso era, cioè una schiava, una donna che prova un infinito piacere ad avere il piede di suo marito sul collo e ad amare quel piede perché rappresenta la soddisfazione delle sue esigenze.
Aveva intrapreso quel percorso anni addietro con lui, dal quale la separavano 18 anni. Non sarebbe certo tornata indietro. Adorava quella sensazione alla bocca dello stomaco che la sottomissione le sapeva dare. La eccitava ancora il potere che suo marito aveva su di lei per ridurla in ginocchio con un solo sguardo o gesto del dito indice verso terra.
Quello stesso potere che aveva permesso a Diego di lasciarla, senza nemmeno consultarla, da sua madre, col ruolo di schiava.
Aveva fatto fatica a sottomettersi alla suocera, ma alla fine cedette a sé stessa più che agli ordini del marito, provando piacere nel tenere la testa sotto il piede di quella donna che non la vedeva più come persona ma come schiava per farsi servire, animale da compagnia, bestia da lavoro.
Tuttavia vi sono momenti, come per tutti nella vita, nei quali si è messi di fronte alle conseguenze delle proprie scelte.
Il momento di turbamento, se la scelta era stata ponderata e fortemente voluta, presto svanisce per lasciare proseguire nella propria strada.
Nonostante ciò, comprese che una nuova donna accanto a suo marito la relegava ancora più in basso, ancora più oggetto, più schiava, più “niente”.
Era pronta per questo? Non che non ci avesse mai pensato. Diego aveva avuto altre donne, ma occasionali, che lei non aveva mai conosciuto.
Era ovvio che suo marito, prima o poi, avrebbe desiderato una donna al suo fianco, non un animale come lei.
Così come era ovvio che quella donna sarebbe diventata la sua Padrona.
“Quella donna” era dunque arrivata.
D’altro canto, tale era la sottomissione verso Diego, che aveva anche accettato di essere schiava della suocera.
Quando il marito, senza dirle nulla, l’aveva portata da sua madre, avrebbe potuto andarsene, invece senza dubbi, ma con batticuore, aveva posato le ginocchia a terra per leccare i piedi di Grace che le posò subito una scarpa sulla testa.
Ecco, quella era stata un'ulteriore rampa di scale verso il basso, più che un semplice gradino.
L’aveva inizialmente provata molto, poi cambiata molto. Lei stessa si rendeva conto che non era più la “Anna” del momento dell’arrivo.
Era ancor più schiava.
Non è facile essere sottomesse alla suocera. Eppure, dopo i primi momenti, l’aveva accettato e le aveva dato piacere quella situazione.
La vedeva come una estensione del potere di Diego, che arrivava a cederla ad una di famiglia e, attraverso essa, a possederla.
Paradossalmente, stando sotto i piedi della suocera sentiva il piede del marito sul collo che la dominava.
Aveva iniziato ad amare Grace in un'altra veste, pur rendendosi conto che per lei era ormai solo un animale.
Dopotutto lei aveva voluto essere un animale quindi era normale che venisse vista come tale.
Non aveva resistito, non aveva voluto resistere, e si era lasciata andare verso una schiavitù sempre più completa.
Si spostò quel tanto per leccare i piedi della suocera che continuò a parlare con gli ospiti, essendo normale per lei avere la nuora a terra.

Questo racconto di è stato letto 3 5 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.