Operette immorali - Troia light

Scritto da , il 2021-09-12, genere etero

Oca adescatrice, mi sono vestita apposta così. Vestitino e Dr. Martens. Ho in testa un'idea malata, che deve avere cominciato a lavorare dentro di me da tre o quattro giorni, dall'ultima volta che sono stata da Zara. Un ragazzo sbirciò dentro il mio camerino prima che richiudessi bene la tendina. Lo avrei anche lasciato guardare, eh? Purtroppo in quel momento uscì la sua fidanzata.

Ciò che qualche giorno fa mi aveva offerto il caso, oggi me lo vado invece a cercare. Sono solo indecisa tra due possibilità: agganciare con gli sguardi qualcuno che valga la pena, farmi seguire fin dalle parti del camerino, lanciargli un'occhiata abbastanza esplicita prima di entrare "dimenticando" ancora una volta di chiudere bene la tendina. E' un piano un po' elaborato, lo ammetto. E per quanto ogni tanto mi diverta provocare in giro a suon di sguardi, una cosa così non l'ho mai fatta.

La seconda possibilità è lasciare ancora una volta che decida il caso, magari provando e riprovando. Forse le chance di riuscita sono ancora minori, è vero, ma è la pigrizia che mi fa decidere per quest'ultima.

Il gioco tuttavia riesce, al secondo colpo. Non da Zara, ma in un enorme store al centro dove le zone dei maschi e delle femmine non sono ben delineate. O meglio, un po' lo sarebbero pure, ma poche sanno fare la iper svampita meglio di me. A parte quelle che iper svampite lo sono davvero, è ovvio. Anche favorita dal fatto che i camerini della zona women's wear sono pieni, vado a provarmi una gonna in un bugigattolo vicino alla zona-uomo.

Vengo spiata da subito, appena entrata, attraverso la generosa apertura della tendina. Me ne accorgo prima con la coda dell'occhio poi attraverso lo specchio, quando lui si sposta. Purtroppo lo vedo a malapena, ha una maglia bianca e credo sia castano. Non so dire molto di più. Quando mi porto le mani dietro la schiena per abbassare la zip lo guardo. Sempre attraverso lo specchio. E’ un attimo. Ma ora lui sa che io so. E che non chiudo la tendina. Piccola contrazione, sensazione di apertura del mio ingresso. Tra un po' sentirò l'umido, mi conosco.

Mi spoglio, lentissima. Scopro spalle e tette, ottima l'idea di non mettermi il reggiseno. Non gli offro certo la visione di una quarta, e a dire il vero nemmeno di una terza, ma spero proprio che per lui non sia questo il punto. Mi scopro completamente, lasciando a mia difesa solo le mutandine blu. Indosso la gonna, mi rimiro. So che lui è sempre lì che mi osserva, anche se non sfido più il suo sguardo. Mi metto in pose da oca, però, e credo che capisca che sono a suo beneficio.

La gonna, alla fine, decido di prenderla. Mi rivesto e apro la tenda. Incredibilmente, il tipo non c'è più. Si sarà vergognato, boh, non lo so. Sparito proprio, eh? Mi guardo anche intorno, ma di lui non c'è traccia.

Il peggio arriva quando vado alla cassa a pagare. C'è un po' di fila. Mentre aspetto mi domando: cosa avrei fatto se, metti caso, si fosse fatto coraggio e fosse entrato? Come mi sarei comportata? E se lui invece mi avesse aspettata di fuori, esplicito e sfacciato? Gli avrei sorriso? Lo avrei ignorato sgattaiolando via? La risposta più sincera è che NON LO SO, non so cosa avrei fatto se fosse successo davvero.

Il gioco mi ha preso la mano, questa è la verità. Del resto lo so che può accadere. Scappo via dallo store e mi rifugio in un locale non troppo lontano. Uno di quelli fighetti, o che almeno ambiscono ad esserlo. Chiedo una Coca al banco e se posso usare il bagno. Quante ne avrà viste il barista di ragazze che, al prezzo di una consumazione, gli chiedono un posto tranquillo dove cambiarsi l'assorbente?

Io però non ho nessun assorbente da cambiare, anche se ne avrei bisogno. Se prima era umido, adesso il mio peri è letteralmente fradicio al pensiero di lui che entra nel camerino mentre sono seminuda. Cosa avrei fatto? Cosa avrei fatto DAVVERO?

Mi spiego: so cosa penso ORA. Ma tra il dire e il fare... lo sapete anche voi, no?

Mi guardo allo specchio, sono un po' rossa in viso, pensavo peggio. Mi appoggio con le spalle al muro e mi alzo la gonna, infilo una mano nelle mutandine. Cosa avrei fatto, cosa avrei fatto? Mi sarei fatta sbattere senza neppure presentarmi, ecco cosa avrei fatto. Con la gonna nuova su da chiazzare subito. E' il film che mi immagino mentre mi sgrilletto, mi sditalino. Sudo da far schifo. Dio mio che razza di troia riesco ad essere.

Ma tra il dire e il fare... eh, tra il dire e il fare. Meglio pensare a lui che mi aspetta di fuori, mi rimorchia come la più scema delle puttanelle. Scema, ma sì, giochiamo al gioco della scema. Giochiamo al gioco di me completamente cretina che di là in sala, al bancone dove mi aspetta la Coca, gli confesso che scoprirmi osservata mi ha mandata in agitazione, scombussolata, che gli appoggio una mano sul ginocchio e gli dico innocentemente “Io a volte non mi accorgo nemmeno di esagerare”. Giochiamo al gioco di me che mentre mi allontano rivolgo uno sguardo a un altro tizio che, boh, facciamo finta che mi abbia seguita sin da prima che entrassi nello store a provarmi la gonna e a fare il mio spettacolino. "Lo so che mi stai dietro da un pezzo, ma hai perso, mi dispiace". Giochiamo al gioco che "se proprio ci tieni puoi seguirci e sentire come strillo mentre mi scopa, forse riesci anche a vedere qualcosa".

Giochiamo al gioco che, mentre mi infilzo con due dita, devo mettermi una mano sulla bocca per non strillare davvero.

Questo racconto di è stato letto 2 7 5 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.