Terrore a Milano

Scritto da , il 2021-08-01, genere pulp

L'uomo si alza al mattino e sceglie la violenza.
Quando mi sveglio è già lì, di fronte a me, mi fissa e mi paralizza.
Una lucida canna puntata su di me.
Sulla bocca pronta a sparare la luce artificiale dei led brilla sinistra e malvagia.
Dritta e imperturbabile si avvicina.
Quella canna, mi penetra, mi attraversa, mi irrigidisce.
La sento entrare nel mio corpo, esce ed entra di nuovo, più volte.
Mi sconquassa.
Il dito sul grilletto che gioca.
Si muove, lo accarezza e sento che le mie sensazioni ne restano conturbate.
Il sensorio si smaterializza sotto quel dito che provoca.
Il pollice tocca il grilletto, la canna si avvicina pronta a penetrarmi con il suo potenziale dilaniante.
Le forze vengono meno; i miei liquidi vitali sono prossimi ad abbandonare il mio corpo.
Ma all'ultimo istante l'uomo decide che non sarà una canna a trapassarmi.
Non uno sparo.
Lentamente si sfodera la katana.
Ecco, è su di me.
Solo un attimo esita e la decisione è già presa.
Mi penetra, mi attraversa dal basso ventre e io la sento risalirmi dal mio interno, verso lo sterno.
Impietosa e implacabile esce e rientra più profonda strappandomi urla e bloccandomi il respiro.
Il mio liquido caldo la avvolge ora, mi abbandona e si riversa sull'affilata lama che ancora entra in me.
Il mio corpo cede, la mente si obnubila.
Trafitta giaccio mentre il fluido sgorga dal punto di entrata della lama, si riversa sul lenzuolo.
Poi esalo l'ultimo gemito e mi perdo nell'oscuro oblio.

Questo racconto di è stato letto 1 2 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.