La schiava bianca (parte IV) – L’uso sessuale della schiava

Scritto da , il 2021-02-15, genere dominazione

Quando il Padrone si svegliò, si alzò per andare a farsi la doccia.
Passando davanti alla schiava che aveva dormito, incatenata, sul tappeto, quale buongiorno pretese il bacio ai piedi.
Si vestì, fece colazione lasciandola dov’era. Tornò da lei prima di andarsene.
Lei era accucciata a terra. Le mise una scarpa sul collo guardandola dall’alto.
“Capisci che così non si può andare avanti. Non puoi più fare tutto quello che vuoi senza conseguenze”.
“Sì.”
“A settembre valuterò se potrai continuare ancora gli studi. Intanto per tutta l’estate sarai la mia schiava”.
Era stata abbandonata dai genitori, non aveva più nessuno.
Aveva fallito in tutto, negli studi e nel lavoro, facendo solo danni e mettendo in difficoltà la famiglia. Le restava solo il marito che per colpa sua era in grandi difficoltà dovendo risarcire il danno che lei aveva fatto.
“Sì, Padrone”.
Era iniziata la sua schiavitù.
Adam era divenuto il Padrone di una giovane donna bianca. A lui, ora, il compito di portarla sempre più giù, ai suoi piedi, sotto i suoi piedi, non solo fisicamente.
“Pulisci bene casa. Ci vediamo questa sera”.
Si fece baciare la suola della scarpa che le aveva schiacciato il collo e se ne andò, ma fece in tempo a sentire la risposta: “Sì, Padrone”.
Fu un periodo duro, per lei.
Lui la sfiancava anche fisicamente, ordinandole di lavorare tutto il giorno in casa e, una volta rientrato, doveva servirlo in ogni cosa, con devozione e sottomissione.
Se con lui non si dimostrava deferente, usava la cinghia sulla schiena o sui seni.
Quindi imparò anche quello, non solo a servire, ma, come la voleva il Padrone, ad essere deferente.
Periodicamente, a suo piacimento e per divertirsi, la frustava. Davanti a lui doveva sempre stare inginocchiata e muoversi per casa a 4 zampe.
L’uso sessuale era frequente e tutto dedicato al piacere del Padrone.
La domenica mattina era sempre una giornata caratterizzata dalla lentezza, dal tempo a disposizione.
Quella domenica si svegliò eccitato, molto presto.
Senza rivolgerle parola, andò a prenderla, slegò la catena dal termosifone per portarsela a letto.
Si sdraiò pancia sotto e, tenendo in mano il guinzaglio di catena, le ordinò di leccargli l’ano.
Gli piaceva molto e spesso lo pretendeva a lungo. Anche se non aveva intenzione di usarla sessualmente.
Steso, chiudeva gli occhi, sentiva le mani della schiava allargargli delicatamente le natiche, e poi la lingua umida che lo accarezzava.
Le aveva insegnato a farlo come piaceva a lui, come tutto il resto.
L’educazione a dargli piacere sessuale le era costata tante tirate di guinzaglio, schiaffi e molti colpi col frustino quando sbagliava.
Non tollerava che durante il piacere con la bocca, lei toccasse il membro con i denti. Nemmeno per sbaglio avrebbe dovuto accadere. Così, ogni qual volta ciò accadeva, interrompeva e le dava i colpi di frustino che riteneva utili. Poi riprendeva da dove aveva interrotto.
Gli errori si ridussero sempre più ed era diventata bravissima a dargli piacere sessuale.
Così, quella mattina lui era steso, occhi chiusi.
La lingua iniziò prima ai bordi dell’ano, con carezze morbide. Poi, piano piano, forzò per entrare e, lì, la muoveva. Continuamente usciva e accarezzava il solco per rientrare ancora.
Il Padrone voleva movimenti lenti e delicati, morbidi. Pretendeva che fossero carezze con la lingua.
Poteva durare 5 minuti come 30.
Ai primi segni di stanchezza lui dava qualche strappo col guinzaglio. Se poi i segnali persistevano, doveva intervenire col frustino.
A lui non interessava assolutamente la stanchezza della schiava se non per la bella sensazione che gli procurava sapere che il suo piacere costava a lei fatica.
Quando fu stufo, si girò sulla schiena e pretese che gli leccasse i testicoli.
In questo lavoro, il ritmo della lingua doveva cambiare. Pretendeva che fosse più erotico, ma senza che venissero omesse le carezze a lingua piena.
Ogni tanto doveva prendere il testicolo in bocca e accarezzarlo con la lingua.
Durante quel lavoro lei non poteva mai toccare il sesso con le mani.
Avrebbe dovuto diventare duro solo con il lavoro della lingua.
Quando la usava sessualmente, aveva sempre vicino il frustino che utilizzava anche per dare dei comandi.
Quando aveva voglia, le dava un colpetto leggero col frustino sulla schiena o sul fianco. Questo era il segnale per cominciare ad accarezzare delicatamente i testicoli anche con le mani.
Due colpetti col frustino voleva dire che avrebbe dovuto smettere con le mani e proseguire solo con la lingua.
Poi ancora un colpetto e riprendeva con le mani. E così via, coi tempi che indicava il Padrone.
Lui teneva sempre in mano il guinzaglio.
Quando lo tirava verso l’alto, era il segnale perché si dedicasse al sesso, con la lingua, mai con le mani.
Durante l’uso sessuale non le dava mai ordini a voce. Le aveva insegnato a servirlo con comandi fisici, quali i colpetti di frustino o segnali col guinzaglio.
Non fu facile per lei imparare.
Le costò parecchie frustate, ma alla fine era diventata bravissima a soddisfarlo.
A lui piaceva moltissimo che gli desse piacere con lingua e bocca.
Quando si sentì eccitatissimo, si sdraiò sopra di lei, le mise la mano intorno al collo mentre nell’altra aveva il guinzaglio arrotolato.
Iniziò a scoparla, cambiando il ritmo a seconda del suo piacere.
A volte giocava con la fessura penetrandola appena, poi entrava di colpo e lo teneva fermo, ordinandole di contrarre il suo sesso. Riprendeva a muoversi ma lentamente ed aumentava fino a fermarsi dentro e ritornare e giocare con la fessura.
A seconda dell’intensità del piacere le faceva sentire la mano sul collo, il suo alito sulle labbra.
Ogni tanto le riversava in bocca la sua saliva mentre la scopava.
Le stava steso sopra con tutto il suo peso. Gli piaceva schiacciarla sotto di lui. Gli piaceva che lei si sentisse sovrastata e dominata da lui.
Mentre entrava in lei spingendosi dentro, la guardò.
Vide il viso dolce, bello e docile.
Aveva un’espressione con la quale gli offriva tutto il suo corpo, tutta sé stessa, per lui.
Strinse appena la presa sul collo.
Entrò in lei fino in fondo.
Lei era sua.
Lei gli apparteneva.
Lei era la sua serva.
Lei era la sua schiava.
Lei era sua.
Godette pretendendo l’ingoio.
“Torna sul pavimento accucciata”.
Lei eseguì senza una parola.
Non seppe mai come era finita col suo ex datore di lavoro in quanto il marito l’aveva tagliata fuori dalla vita esterna. Per lei esistevano solo casa, i lavori, ed il servizio al marito, suo Padrone. Era fiaccata nel fisico e nella mente, sempre più sottomessa, sempre più schiava. Non aveva nemmeno voglia di ribellarsi, era come se si fosse lasciata andare.
Lui faceva quello che voleva, senza dirle nulla. Quando la sera usciva, la lasciava incatenata in camera, sul pavimento.
Quando rientrava, a volte la usava sessualmente, altre andava subito a letto dopo essersi fatto baciare i piedi.
Anna non dormì più nel letto, dove poteva salire solo per dare piacere a lui. Dormiva a terra, senza cuscino, incatenata.
Le carezze erano rare e lei se le faceva bastare, attendendole, anelandole, essendogli riconoscente quando gliene destinava alcune, anche se col piede che subito dopo baciava.
Verso la fine dell’estate, una sera invitò qualche amico a casa. La portò in cantina e la incatenò. Quando i suoi ospiti andarono via, si mise a guardare la tv, provando piacere nel saperla laggiù. Fu costretta a stare alla catena, al buio, tutta la notte.


krugher.1863@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 3 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.