Un imbarazzante sexy-bagaglio

Scritto da , il 2021-01-11, genere feticismo

Piccolo racconto, solo un umile corollario senza pretese al racconto “Settimana bianca” di Lucrezia. Un 'dietro le quinte'.

Un messaggio, solo un poco criptato, tra i commenti dei racconti di ER, e l'inverosimile ed improbabile si fanno realtà.
Pazzesco, emozionante!
Invitata da Lucrezia in Friuli per una settimana sulla neve!
Ma che razza di idea... Pazza fra le pazze! Probabilmente per questo ha pensato a me!
Sballissimo!
Ovviamente dico di sì. Ovviamente salgo da sola!
Sicuramente Lù avrà invitato qualche altro e qualche altra. Il mistero resta fitto ed inaccessibile e assolutamente deve essere così. Fa parte del gioco, e in questa settimana credo che si giocherà parecchio e in chissà quanti modi!
Giorni di ferie ne ho da vendere.
Ora solo il bagaglio resta da fare, e va fatto bene.
Vacanza al buio. Settimana bianca. Termini in aperto contrasto. Ma qui dentro nessuno è davvero normale.
Cosa porto?
Bagaglio leggero, per quanto possibile, sono in treno.
Beh, un paio di sci, scarponi da sci e vestiti pesanti. Il mio cappellino di lana fucsia di cui vado estremamente fiera. Fin qui niente di che.
Farà freddo in casa? C'è un caminone, bene, molto bene. Chissà che bello starsene davanti al camino acceso, con una tazza di te, alla sera!
Ma per la sera Lucrezia potrebbe avere altri programmi.
Il pigiama pesante è d'obbligo, se poi si schiatta dal freddo rischio di morire.
Però...
Questo qui? Top e culotte da notte, una specie di baby-doll... trasparentissimo.
Decisamente estivo, ma... sexy in modo intollerabile!
Dai, lo butto dentro, se il clima si fa rovente non voglio fare la figura di nonna Abelarda col pigiamone da spedizione al polo nord.
Se Lucrezia mi vede che mi metto 'sta roba mi salta addosso.
Vale la pena di correre il rischio.
Questa?
Boh?
Una roba intermedia, camicina da notte di cotone, bianca, molto corta e non troppo trasparente. Cioè... un po' si, ma non come quell'altra roba che quando sei nuda ti senti più coperta.
Un po' di magliette, qualche bella mutandina, ma sì, dai, anche un reggiseno.
Costume da bagno? Si andrà in piscina, sauna, una di quelle robe lì?
Se viene la bora?
Boh? Davvero nessuna informazione, un'aura di mistero aleggia soffice e impalpabile.
Vabbè, occupa poco spazio, dentro anche il costume.
Un'attenzione particolare per la scelta di farmaci.
Prevedo un picco di incidenza di infezioni delle vie urinaria. Non so se rendo...
Vasta scelta di antibiotici. Parecchie confezioni, non so neanche quanta gente ci sarà.
Qualche ovulo e candeletta vaginale. La vaginite è dietro l'angolo e in questo modo uniamo l'utile al dilettevole. Non vorrei però fare la figura della porca veramente porca, ma semmai me li riporto a casa, non è obbligatorio usarli.
Giochini per la notte?
Credo che con Lù di notte non faremo poi queste vergognose dormite sotto la trapunta.
E allora sia!
Un paio di tubetti colorati della Durex, ecco, magari quelli pieni.
Gel da massaggio, ma non solo... Un olio profumato, alè.
Questo bel salsicciotto in lattice, ok.
Quest'altro aggeggino... ecco, meglio se porto anche le pile di scorta, così se restiamo bloccate in casa dalle nevicate, sapremo come passare il tempo. Sempre meglio che giocare a monopoli.
Beh, credo che basti, se mi controllano il bagaglio che razza di figura ci faccio.
Qualcosa di serio non ci starebbe male.
Un libro di Yukio Mishima. Chissà se avrò il tempo di leggerlo.
Questi incensi cinesi, molto buoni, cannella ed anice stellato. Atmosfere orientali.
Ok.
Cibo? Dovremo fare la spesa, ovvio, ma su al paesello cosa ci sarà?
Vorrei lanciarmi in ricette etniche, ma meglio non rischiare con la cucina giapponese, che mi viene tutta 'na schifezz se non ho le pentole giuste per il riso.
Volo al 'super' e ritorno con una verza grossa come una palla da bowling, così faccio la cassöla (ma come cavolo si scrive???). Di maiali ce ne saranno, no?
Cavolo, siamo vicino a San Daniele! Se non ci sono maiali lì!!!
Di maiale, sono sicura, ce ne saranno, ma servono i maiali e non so bene chi inviterà Lù.
Comunque dovremmo essere a posto.
Pensando ai prosciutti di San Daniele il pensiero di riflesso fila a Parma.
Anche lì c'è il culto del prosciutto e di signori maiali ne hanno un ottimo repertorio, senza nulla voler togliere ad Hermann Morr.
Maiali... anche a Roma ce n'è un sacco, ma in partenza per una vacanza che si prospetta così interessante non mi va di tirare in ballo la politica.
A proposito di Roma e di giochetti hard!
Figura di merda quando, in aeroporto, al controllo documenti mi hanno chiesto di aprire il bagaglio, proprio mentre stavo per partire ed andare a trovare Browserfast!
I difetti dei voli low cost.
Cazzo, me ne sono inventate di ogni! Per fortuna almeno i gel erano scritti in giapponese ed erano meno di 100 ml! Anche il vibratore era in una scatola tutta in giapponese e senza foto esplicative. Certo che con quella forma, era impossibile ogni trattativa. Quelli ridevano e si davano di gomito.
Per fortuna era una forma anonima, non quei falli spaventosi ed indifendibili. Con quelle vene mostruose. Almeno potevo tentare una difesa strenua e disperata.
“Eh! La giapponesina! Hai capito!” dicevano, e giù a ridere mentre io ero viola.
E dopo di me c'erano delle suore missionarie che stavano partendo per fare scalo a Roma e poi andare in Africa. Quelle almeno mi avevano dato credito.
Quando ho fatto vedere il tesserino da medico e ho detto che era una specie di macchina per aerosol tracheale hanno fatto finta di credermi.
Una roba assolutamente inventata.
Ed i gel erano i farmaci da nebulizzare.
Quando le suore si sono convinte hanno perorato la mia causa ed i controllori hanno ceduto, anche se credo che fossero rimasti della loro idea. D'altra parte...
Per fortuna le suore non mi hanno chiesto una donazione per l'ospedale missionario. Veniva fuori un bordello.
Ecco, sì, appunto.
Vebbè, ora sto tediando.
Ok, direi che l'equipaggiamento è adeguato alla circostanza. Soprattutto se beccheremo brutto tempo.
Ma come disse Baden Powel: 'Non esiste buono e cattivo tempo, ma solo buono e cattivo equipaggiamento'.
E con questo equipaggiamento possiamo far fronte ad ogni evenienza meteorologica.
Ah, già, ma esiste anche il detto: 'Non esiste donna brutta, ma esiste poco alcool!”
Non vorrei deludere le aspettative.
Meglio se porto anche un paio di bottiglie di sakè, due 'tokutei meishoshu' diversi. Uno bello alcoolico e uno più leggero e dolce.
Ora credo di aver tutto.
Un'occhiata alla mia faccia... I capelli...
Ok, bacio a Jos, prendo le mie povere cose e via!!!!

Questo racconto di è stato letto 1 4 6 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.