Yosuko Tutsubishi

Scritto da , il 2020-12-22, genere dominazione

Yosuko Tutsubishi.
La nuova autovettura della nota marca giapponese. Più di una jeep, più di un SUV.
Femmina, dominante, aggressiva, dichiaratamente lesbica, anche se in realtà non disprezza una guida maschia.
Performance di lunga durata su ogni tipo di terreno.
Può arrivare ad ospitare dentro di sè fino a 7 persone.
Design sportivo, ma aggraziato, grazie ai contorni affusolati.
Rotondità irresistibili, i pneumatici anteriori, morbidi ed avvolgenti, suggeriscono una guida alla spagnola. I pneumatici sono dotati di valvole a scomparsa, individuabili efficacemente grazie a scure areole. Le valvole sono state studiate e riprodotte secondo il modello dei capezzoli femminili. Appena accennate in assetto di viaggio, per garantire massima aerodinamicità, in caso di regolazione della pressione delle poppe, basta qualche leccatina dosata secondo la necessità per far emergere le valvole alle dimensioni desiderate, cui applicare le attrezzature idonee all'azione di pompa.
Interni in pelle di figa, ora accessibili anche in versione glabra.
Doppio sportello posteriore a forma di cosce di donna, da aprire e spalancare a proprio piacimento, per poter introdurre oggetti all'interno in massimo comfort e piacevolezza.
Introduzione dei bagagli agevolata da un efficiente sistema di lubrificazione, attivabile alla prima penetrazione e con performance crescente secondo i volumi da proporre.
Unica piccola pecca è che succhia molto.
Sì, beve. Sembra anzi che le piaccia.
Tale difetto è compensato dall'innovativo serbatoio posizionato posteriormente invece che ad una fiancata. Aprendo i portelloni a forma di cosce si note, al centro, il serbatoio a forma di topa di donna. Nessun tappo, ma un geniale sistema di chiusura ermetica a doppio strato, elastico ed impermeabile. Disponibile nella versione villosa ed in quella depilata, per venire incontro ad ogni esigenza del consumatore.
Alimentazione mista: benzina e, in casi particolari, sperma, garantendo una resa di 15 orgasmi con un litro.
In particolare, l'innovativa alimentazione a sperma è stata studiata per quelle condizioni di emergenza in cui ci si trova senza carburante e nell'impossibilità di rifornimento.
Un paio di colpetti e la vostra Yosuko Tutsubishi ripartirà docilmente garantendovi ottime prestazioni.
Il serbatoio, durante le operazioni di rifornimento del carburante, è dotato di un particolare sistema acustico che riproduce gemiti e sospiri all'introduzione dell'erogatore nel bocchettone 'a figa'.
Man mano che il pieno procede, aumentano i gemiti, indicando all'operatore il grado di riempimento, fino al raggiungimento del pieno, segnalato da un'esplosione di acute e selvagge urla.
Le versioni per i più esigenti sono dotate di un bottoncino, o, a piacere, un grilletto, sopra il bocchettone del serbatoio per aumentare i gemiti, azionabile con un semplice sfregamento del pollice, facilitando il riconoscimento del livello di carburante. Tale sistema è collegato con le sospensioni, che iniziano ad oscillare man mano che l'erogazione procede, e con i portelloni a forma di cosce che si chiudono e si serrano su chi somministra benzina quando il serbatoio è pieno.
Il sistema acustico è analogamente attivabile dall'inserimento della chiave di avviamento, ovviamente con un singolo gemito sospirante.
La vettura di serie è inoltre dotata di una comodissima borsa attrezzi in pelle di cazzo che, all'occorrenza, con qualche carezza ben dosata, si trasforma in una borsa porta sci o in un comodo bagagliaio da piazzare sul tetto. Attenzione, tale sistema teme il freddo.

Insomma, una macchina per ogni esigenza, una femmina da strada.
Una figata.
By Mitsubishi.

Questo racconto di è stato letto 1 7 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.