"F" come...

Scritto da , il 2020-11-19, genere bisex

I 20 dischi d'oro dei Beatles.
“She loves you”
Chi ben comincia... Una non può neanche cercare di pensare ad altro, che ti fanno questa canzone.
Davvero, mi ama???
Libero rapida il tavolo della cucina, via, via, tutto vuoto!
La musica dei quattro di Liverpool rimbalza tra le pareti.
“I wanna hold your hand”
La scelta si rivela estremamente azzeccata.
Stasera non musica psichedelica, non meditazioni classiche nè virtuosismi jazz.
Stasera musica pazza.
Ballare, scuotersi, agitare i capelli sciolti, a piedi nudi, in cucina, come una pazza, una forsennata.
“F” come folle? Forsennata???
Per fortuna ho messo le tende in cucina, sennò i vicini avrebbero chiamato il 118.
'C'è una pazza che si agita, è COVID, è sicuramente COVID, arrestatela!!! Aaaaahhh! Non posso farcela!'
Isterismo di massa.
“It's been a hard day's night”
Sì, giornata dura, sì, John Lennon, lo so che anche per te è stata dura, ma quella notte del 9 ottobre... è stata dura anche per tutti coloro che c'erano.
Mattina faticosa, ma ho lasciato camice, fonendo e via a casa.
Farina manitoba 500 g, 80 ml di olio di oliva, quello buono, non quella cacata del 'super' a 6 euro al metro cubo. 200 ml di acqua tiepida e mezzo cucchiaino di sale.
“F” come farina?
Sarà mai?
Impasto come una forsennata mentre i ritmi dei quattro scarrafoni anni 1963 mi agitano da dentro, peggio del morso della tarantola.
“Help!”
Sìììì. Aiutooooo!!!! Aiutoooo!!!! Sono completamente persa, persa, persa!!!
Lo so, lo so che sono fuori tema.
Ma quanto sono centrati quei 4 cappelloni.
6 o 700 persone saranno venute a leggere il mio delirio attratte dal titolo, e, insomma, saranno un po' deluse.
Con l'uccello in mano che s'ammoscia... No, dai, non è proprio bello a vedersi.
Non si fanno queste cose, piccola jap. Scherzi da evitare, con la giunta leghista, mi ritrovo su un volo per Osaka, e addio gemellaggio con Milano.
“Something” Oddio, George Harrison, il santone indiano.
Fa un caldo bastardo, impasto, e si crepa di caldo.
Non devo esitare. La maglietta e il grembiule sono troppo, in questo duro lavoro di impastatrice.
Tolgo il grembiule, che ne sarà della maglietta blu?
Mani infarinate.
Situazione da 'Mission Impossible'
Il genio.
Non bisogna pensare in questi casi, perchè il genio è irrazionale, illogico, deve uscire dagli schemi e dal pensiero prevedibile.
Mani sulle tette.
Due belle impronte bianche sulle rotondità ben visibili sotto la maglietta 'Fila' blu cobalto.
Corro allo specchio a rimirare la mia genialata.
Stupendaaaaa!!!!
Foto.
Foto al cellulare come una idiota. Sono fiera di me.
“F” come fiera di me?
Mando la foto a Jos. Certo che se avessi il numero di lei.
Potrei mandarla a....
'Michelle'
Ecco, la manderò alla ragazza francese.
“F” come foto?
Via la maglietta. Mi verrebbe da mettermi le mani infarinate sulle tette nude, ma poi, dai, non vado più avanti.
Però facciamo bene le cose. Via i jeans. Solo in mutande e grembiule.
Jos, stasera si becca un ictus. Ma non sono per lui i pensieri stanotte.
Se mi vedesse lei!
Impasto mentre Hey Jude mi tiene compagnia.
Ok, bella pasta oleosa. Un'oretta di attesa per l'impasto, mentre mi lavoro con la forchetta la crescenza. Per i liguri, sottolineo: 'la crescenza!' Mica lo stracchino, mi venisse uno sbocco di sangue.
“F” come???
Molti delusi avranno già chiuso il racconto mandandomi insulti.
“Alla you need is love”
Eh già, a me lo dite?
Il tempo passa rapido, olio le teglie, la carta da forno.
Arriva a casa Jos e sente i Beatles a tutto volume. La cucina manda lampi, come il monte Fato quando Frodo voleva buttarci l'anello.
È già passato il tempo ed ora con mattarello e farina mi sbatto come una dannata a stendere la pasta, sottilissima.
L'olandese entra in cucina proprio sulle note di “Yesterday”.
Non scoppio in lacrime per miracolo.
Jos mi osserva. Cosce nude, il mattarello in mano, i capelli fortunatamente raccolti sulla nuca, la faccia sporca di farina.
Mi sa che lo sguardo si magnetizza sulle tette che, allegramente, se ne vanno in giro fuori dalla pettorina del grembiule.
Lo accolgo con un sorriso raggiante.
“Guardami, Jos!”
Malvolentieri distoglie lo sguardo dalle poppe, ma si consola con gli occhietti a mandorla.
“Come sono? Come mi trovi oggi?”
Sorride.
“Inizia con la “F”!” Lo incalzo.
“Oggi, ti trovo... tremendamente...”
Lo incoraggio con lo sguardo.
“”F” come: oggi ti trovo esplosivamente... Figa!”
“Ti adoro quando mi dici così”
Mi guarda soddisfatto, sta per allungare le mani sulla latteria, reclama una ricompensa.
“No!” lo blocco.
“Hai sbagliato. Mi spiace, tulipano!”
Rido e ricomincio a lavorare di mattarello.
Azz che fatica, vacca cane!
Lui guarda e ride. Con tutto quel bendidio sotto gli occhi, e i Beatles che cantano “Here comes the sun”. It's all right.
Sposto la sedia sotto lo scaffale, ci salgo sopra per mettere via la carta da forno.
Il falchetto però è pronto e appena mi vede di schiena, il culetto contenuto a fatica nelle piccole mutandine, altezza petto, si avventa rapace.
Me lo prende tra le mani e lo impasta come io feci solo neanche due ore fa con la farina manitoba.
Intanto scorre “Let it be”. Lascia che sia, lascialo fare. E io lo lascerò fare.
Apro l'anta e sistemo il rotolo di carta da forno, mentre lui mi abbassa le mutandine.
Resta lì ad osservare ed io resto là, in piedi sulla sedia, ad aspettare.
Mi morde le chiappe. Buongustaio!
L'assolo di chitarra di George, mentre l'orange si nutre della mia lardosità.
“Hey, mi fai male!”
Rido e mi divincolo, ma mi becco un paio di sculacciate che me lo fanno vibrare tutto.
Poi risollevo le mutandine e scendo.
“”F” come culo?”
“No, non ci siamo proprio”.
“Cosa stai facendo di buono?”
“”F” come?”
“Non ci arrivo, “F” come che cosa?”
“Scarso, Jos. Bocciato in gastronomia italiana, eh si che hai una cuoca come me, originaria del posto!”
Quello ride.
“Ma non vedi come sono.... Innamorata???”
“Sei innamorata di me, piccina?”
“No! Beh, sì, anche, ma stasera no!” Lo gelo, lui ride ancora e scuote la testa. Ormai mi conosce, mi ha accettato così.
“E di chi, allora?”
Si avvicina in punta di piedi, mi sposta il grembiule e mi lancia un'occhiata alle tette che sembra me le voglia consumare.
Lo lascio guardare, ma poi con una mano chiudo lo spettacolo e lo minaccio col mattarello, tipo massaia modenese anni '60.
“Di una donna!” e continuo a stender la pasta, facendo la misteriosa.
“Wow!” fa lui.
Stendo la pasta sulla teglia e ci sistemo sopra la crescenza. Fortunato uomo.
““F” come Focaccia di Recco!” Lo redarguisco con l'indice alzato, la mano sul fianco e una tetta fuori dalla pettorina del grembiule.
“Sei proprio un tulipano, Holland!”
Chiudo la crescenza col secondo strato di pasta ed infilo nel forno al massimo.
“Dammi 7 minuti esatti, orange!”
Lui cronometra.
“Ma non vedi stasera come sono... come sono...”
“Fulminata?”
“Beh, quello sempre. Mica solo stasera”
Ballo sulle note dei quattro, posseduta, incontenibile, mentre il biondo cronometra.
“Così... così... Ma non capisci proprio una fava!”
Sguardo ebete.
“Jos, per fortuna che hai trovato me, se no ti mettevano nella casa di accoglienza Mater divinae gratiae. Quanto manca?”
“5 minuti.”
I sentimenti possono stare insieme anche slegati dalla realtà.
Chissà che ne sarà di me?
Non ho neanche il suo numero.
Neanche l'e-mail.
Ma pazienza.
Chissene.
Sto bruciando dentro, peggio della crescenza nella focaccia, nel forno, alla temperatura della lava dell'Etna.
Prendo quello stordito del mio ragazzo e lo trascino a ballare, su musica immortale.
Chiudo gli occhi e lascio che mi guardi, che si sazi del mio corpo, pensando di essere guardata, ammirata e desiderata da un'altra, una ragazza lontana.
“Quanto manca?”
“Sette!”
Sforno una focacciona tutta gonfia. Buco la superficie e ne esce un geyser di crescenza e vapore ad 8000 gradi Farenheit. Prima di ustionarmi la appoggio sul lavandino.
“Ma non mi vedi come sono?”
Mi guarda soddisfatto, ma ovviamente non capisce un tubazzo.
“Jos, te da piccolo ti è arrivata una pala di un mulino a vento sulla fronte.”
“Eh, può darsi.” Ammette finalmente.
“Vabbe, ci rinuncio, mangiamoci sta focaccia bollente, poi legami al letto e scopami tutta la notte, ok?”
Accetta il programma.
Quello che ho dentro, me lo tengo solo per me.
Non importa la realtà. Mi basta quello che sento. Mi sostiene, mi anima, mi riempie di vita.
Il resto, il mondo reale, conta poco.
Ci beviamo un Gewurtz Traminer assaporando la focaccia incandescente.
Poi Dire Straits, sculetto davanti allo stallone, lo prendo per una mano e lo trascino sul lettone.
Mi tolgo il grembiule e mi butto di schiena, vestita solo degli slip, le braccia larghe, le cosce spalancate.
Il resto lo lascio fare a lui.
Chiudo gli occhi e penso a lei.
“Cosa devo fare?”
“Ma Jos, sei proprio un ritardato. Spogliami, su!”
Mi spoglia.
Sento le mani della bionda sui miei fianchi, mi sfila gli slip e mi guarda.
Le piacerò?
“Allora, cos'era quel gioco della “F”. Cosa sei stasera, che comincia con la “F”? Me lo dici?”
“Lascia stare. Leccamela, e stai zitto!”

Questo racconto di è stato letto 1 1 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.