Suiteki: la donna da un altro punto di vista

Scritto da , il 2020-07-27, genere masturbazione

Yuko chiuse il rubinetto della doccia. Senza uscire dal box prese un soffice asciugamano e, dopo averlo passato grossolanamente sul volto e sul seno, sui fianchi e sul ventre fino al pube, strizzati i capelli si mise a frizionarli per cominciare ad asciugarli.
Fu in quel momento che un'ultima goccia d'acqua cadde dalla doccia colpendola in testa.
L'ultima stilla, rimasta in bilico per qualche minuto, incerta o spaventata, per poi finalmente lasciarsi andare, come in un gesto di liberazione, forse decisa o forse rassegnata, per finire sul capo della giovane giapponese.
La ragazza non ci fece quasi caso, ma quello che stava cominciando era il primo viaggio di Suiteki su di un corpo animale terrestre. Il primo contatto di questa goccia d'acqua su un essere umano.
È difficile per noi umani avvicinarci al mondo delle gocce ed immaginare che ogni singolo volume di acqua abbia una sua vita ed una sua individualità, che persiste anche quando la goccia è unita ad altre migliaia in un bacino di acqua, o in una distesa di ghiaccio, o, trasformata in vapore, in una nuvola o nel cielo aperto.
Suiteki (letteralmente e semplicemente “goccia d'acqua” in giapponese) era nata dalla condensazione di molecole di acqua a formare un bellissimo cristallo di neve che, anni prima, si era deposto sulle nevi del monte Fuji. Rimasta per mesi sul vulcano giapponese, si era poi disciolta all'avvento della stagione calda, passando poi in un fiume e nel mare, ove era rimasta per anni, attraversando vari oceani ed infine evaporando nei pressi delle coste francesi.
Trasportata in una nuvola attraverso le Alpi era piovuta nel nord Italia per poi finire nelle tubature dell'acqua potabile e, per una assurda coincidenza, fare la prima conoscenza dell'essere umano proprio sul corpo di una ragazza nata in Giappone, sua terra natale.
Racchiusa per lungo tempo nel cuore degli oceani, non aveva avuto molta esperienza della vita terrestre e, dopo aver sentito tanti racconti dalle gocce più esperte, era curiosissima di fare la conoscenza con questo bizzarro essere vivente.
Il primo impatto fu abbastanza sgradevole, infiltrandosi tra i fitti capelli neri.
Per fortuna invece di finire nell'asciugamano, percolò dietro all'orecchio riconquistando compattezza subito dietro al lobo.
Yuko percepì la goccia che cominciava a colare, ma vinto il primo impulso di asciugarla, stette ad aspettare per il piacere che le dava quella lieve carezza sul collo.
Suiteki tentennò un attimo. Fra i capelli stavano attanagliate alcune terrorizzate gocce d'acqua che non avevano alcuna voglia di finire nell'asciugamano, e quindi neanche di colare allo scoperto.
Ma Suiteki non conosceva il disagio dell'asciugamano, e si lasciò andare titubante ad esplorare il collo della giovane esemplare di umano, pianeta per lei sconosciuto.
Yuko stette immobile analizzando le sensazioni che le provenivano dal collo.
La goccia scendeva con una lentezza inaspettata, delicata come una piuma. Tutto sommato anche piacevole. Era curiosa di capire fin dove la goccia sarebbe scivolata.
Suiteki prese coraggio. La superficie su cui si trovava era liscia e tiepida. Poteva essere paragonata a quello che si era immaginata potesse essere il petalo di un fiore, almeno da quanto aveva sentito dai racconti delle gocce di passaggio nell'oceano. E di gocce ne aveva incontrate davvero tante!
Scese più decisa, attenta a non asciugare, per cercare di esplorare quella superficie nuova ed inconsueta più a lungo possibile.
Un piccolo brivido si propagò sulla schiena di Yuko. Come un inizio di solletico. L'asiatica avrebbe asciugato facilmente quella piccola goccia impertinente, se il brivido di solletico, non si fosse presto tramutato in una piacevole sensazione di carezza umida, quasi come la punta di una lingua che le stesse lambendo il collo.
La goccia scivolò, attratta dalla gravità che la guidò verso la fossetta del giugulo, che però non raggiunse per mancanza del necessario abbrivio, superando l'ostacolo della clavicola.
“Non male questo scivolo. Divertenti questi umani!” pensò la goccia, procedendo con circospezione.
Yuko, incuriosita, spiava allo specchio gli incerti movimenti della goccia che accennava a spostarsi sul suo seno.
Una lunga, lenta carezza, delicata e sensuale, che dal collo ora si spostava decisamente verso il capezzolo.
Lenta, ma decisa. Questa goccia non si fermava più, sembrava dotata di vita propria, di una sua determinazione tutta particolare.
Sta di fatto che, avvicinandosi all'areola, l'eccitazione stava irrimediabilmente crescendo.
Forse esacerbata dalla morbosa attenzione che la giapponese stava riponendo nei goffi scivolamenti di quell'esserino inanimato.
-Ooooooohhhh.....- sussurrava preoccupata la goccia, che continuava a scivolare sul seno, lenta, ma incapace di controllare il movimento. Rallentò solo un attimo su un microscopico gradino dove la superficie cambiava colore divenendo marrone e lievemente increspata. Suiteki cercò di aggrapparsi a quel minuscolo gradino, inciampando malamente e finendo sull'areola della ragazza.
Allo specchio, il capezzolo si gonfiò lievemente, proprio mentre la goccia, scavalcato l'impercettibile gradino dell'areola contratta, vi fece trionfale accesso.
“Bello questo posto!” considerò Suiteki, godendosi il panorama e tenendosi aggrappata alla sporgente superficie scura su cui svettava.
Yuko si morse il labbro inferiore, nel consueto rituale di quando le montava l'eccitazione.
-Ma tu guarda.... che razza di gocciolina!- e intanto stava a studiare i movimenti successivi dell'intrepida stilla.
Ma Suiteki non aveva alcuna intenzione di muoversi da quel bel posto, e in più la discesa sul collo le aveva fatto perdere massa. Anzi, cercò di mettersi a cavalcioni del capezzolo ormai indurito e contratto, senza però riuscirci. Ci colò invece intorno, nel tentativo di rimanerci aggrappata. Proprio al di sotto della sporgenza cui si avvinghiava, un abisso si apriva insondabile.
-Accidenti.... quanto potrò resistere in questa posizione assurda!- pensava intanto, pentendosi già di non essere rimasta tra i capelli insieme alle gocce più esperte.
Yuko però voleva prolungare l'itinerario della goccia, pensando bene di bagnarsi appena appena la mano sotto il rubinetto e di far cadere un'altra goccia sul capezzolo, per dare una smossa alla prima goccia, visibilmente impigrita.
-Hei! Ma stai attenta!- esclamò Suiteki sentendosi piombare addosso altra acqua, del tutto inattesa.
-Scusa!!!!- fece appena in tempo a dire la seconda arrivata cercando di schivare lo scontro.
Le due gocce per un attimo si fusero insieme, riassumendo rapidamente ognuna la propria identità. Tutto questo ovviamente non era percepibile per un occhio umano.
Le due non fecero in tempo a presentarsi che scivolarono abbracciate intorno al capezzolo, riprendendo una rapida corsa sulla superficie inferiore del seno.
Yuko fu scossa da una piccola contrazione, un sospiro, per la carezza che dalla parte più sensibile aveva ripreso vita sulla rotondità del seno, vedendo la goccia scorrere rapidamente sulla pelle.
-Wowww!- fecero le due gocce d'acqua, rotolando insieme in un insospettabile divertimento.
-A proposito, piacere! io mi chiamo Gouuuuutte!-
-Suiteki! Molto lietaaaaaa!- e per mano giù veloci sulle ultime coste per scendere quasi senza attriti, sul ventre piatto della giapponese.
-Hey! Gocciolina.... Hai proprio deciso di farmi godere, eh?- Diceva intanto l'asiatica con l'indice sollevato a mo' di monito, verso la sferetta di acqua rianimata da un'inaspettata vitalità.
-Non male questo scivolo!- dicevano intanto le due gocce, facendo slalom tra i micropeletti del ventre della ragazza.
La pelle leggermente accapponita formava piccole irregolarità che ostacolando blandamente la discesa delle due gocce (così avvinte una sull'altra da apparire però una cosa singola), rendevano la discesa molto divertente.
Yuko non credeva ai propri occhi: la goccia, brillando di riflessi iridati, avanzava decisa sul suo corpo, come un'infinita lenta carezza, regalandole un piacere inconsueto e sproporzionato.
Schivato l'incavo dell'ombelico, si avvicinava al pube.
La giapponese contrasse un poco gli addominali per osservare meglio il decorso dell'intrepida, con l'intento di accelerarne il transito verso il pube. Era incredibile come quel semplice scorrimento le stesse provocando una tale eccitazione. Sarà stata l'astinenza prolungata dal sesso?
Mah... forse neanche una settimana....
Eppure a lei sembrava proprio che quella goccia fosse diversa dl solito...
Le due particelle di acqua, rotti gli indugi, si erano abbracciate e rotolavano incapaci di trattenere le risa.
Inevitabilmente andarono a sbattere contro i lunghi peli sul pube, rallentando la corsa sul monte di Venere.
-Urca che craniata!- si lasciò scappare Goutte.
-Ma non ce l'abbiamo neanche, il cranio!- la corresse Suiteki, che in tanti anni si era fatta una certa cultura di anatomia animale. E giù a ridere come due stupidotte.
Poi, spalmandosi verso il rigonfiamento del monte di Venere, per mano, si fecero strada in mezzo a quella foresta apparentemente invalicabile, ricca di fascino e di mistero.
L'asiatica aveva perso di vista la goccia, ma la percepiva distintamente, in un lento avanzare, molle ed umido, mentre i formicolii si intensificavano, convergendo verso l'inguine e la vulva, stimolando un altro flusso, altrettanto piacevole.
-Ma tu guarda....!- l'eccitazione cresceva nel ventre della ragazza che a stento si tratteneva dal toccarsi tra i peli. Non aveva mai fatto caso al piacere che il lento scorrere dell'acqua sul suo corpo potesse procurarle.
Il flusso delle due gocce riprese con più decisione, superata la zona pubica, insinuandosi ormai nella vulva.
Avendo perso sostanza sul monte di Venere, la progressione delle gocce era comunque rallentata.
-Attenzione....- suggerì Suiteki – qui è tutto irregolare.... c'è un nuovo ostacolo da superare!-
Yuko dette una mano facendosi colare ancora alcune gocce sul monte di Venere ed incrementando la sensazione tattile. Con le mani scostò le grandi labbra, favorendo il decorso delle gocce proprio sul clitoride.
-Occhio ragazze!- alcune gocce scavalcarono le nostre due, percolando in superficie alle piccole labbra e gocciolando più sotto nel box doccia.
-Hey, ma che bei modi! Attenta Suiteki!-
Goutte fece appena in tempo ad appendersi al clitoride per non essere travolta dall'inatteso flusso.
-Ma.... mi potessi seccare....!!!- La goccia orientale avvolse l'organo del piacere ancorandosi con decisione. Prese quindi per le mani l'amica di avventura issandola al sicuro tra la piccola protuberanza e la mucosa che ancora l'avvolgeva in parte.
-Per fortuna che c'era questo paletto!- aggiunse compiaciuta.
-Saremmo precipitate là dentro!- Goutte accennò con un brivido di terrore ad una stretta fenditura che, subito sotto di loro, tra le strette pareti di un profondo canyon si era schiusa minacciosa, come le fauci di un animale marino. Essere bevuta e assimilata da una conchiglia, non era affatto un'esperienza piacevole, e in questo la goccina giapponese aveva suo malgrado accumulato una certa esperienza. -Sembra proprio una vongola (*)!- disse, ancora scossa da brividi di paura.
-Mettiamoci comode!- e le due amiche si sistemarono per bene su quella specie di bottoncino che, più si muovevano e più sembrava voler sporgere sopra il baratro, come un insperato aiuto mandato loro da un'entità sconosciuta.
-Ffffffffffff.....!!!!- sibilò Yuko -Ma che succede..... possibile che basti una goccia d'acqua sul clito per provare questo piacere?-
Incredula, la giapponese osservava la goccia brillare umida sul suo organo di piacere, incapace di spiegarsi da cosa provenisse tutta questa inaspettata stimolazione erogena.
Mordendosi il labbro, si infilò un dito tra le piccole labbra, muovendolo lentamente verso l'alto.
Il movimento, ormai in corso di un'eccitazione inspiegabilmente intensa le provocò un piccolo spasmo agli addominali. Tanto bastò a far perdere l'equilibrio alle due goccine abbarbicate poco più in alto.
-Ohi, ohi! Si riparte!- fece appena in tempo ad avvisare Suiteki, e le due gocce scivolarono esattamente all'interno del minaccioso canyon e che era spalancato ancora di più dopo l'intervento manuale dell'umano.
-Meglio se lo prendiamo in velocità! Cercheremo di passare dall'altra parte!- Goutte si lanciò quindi tra le piccole labbra della ragazza, trascinandosi l'amica.
-Aaaahhhhh.....!- gemette Yuko sentendosi attraversare da un'invisibile carezza interna.
-Ma che.....aaaahhhhh.....!-
-Si scivolaaaaaaaaa!!!!!- le due gocce a contatto con uno spesso strato di secrezione mucosa presero velocità riuscendo a non mescolarsi col pantano che le circondava.
Sempre più veloci attraversarono da parte a parte la vulva che Yuko con le dita teneva ancora aperta.
-Attenta alla voragineeeeeee!!!!!!!-
-Salta Goutte!!!-
C'era mancato poco, al termine del canyon si apriva una bocca scura ed insondabile che le due gocce sullo slancio della caduta, saltarono d'istinto inciampando poi sul margine inferiore dove convergevano le due piccole labbra, e rotolando fuori dalla vulva della ragazza.
Poi, di nuovo in piena luce, si congratularono per il pericolo scampato, proseguendo a scivolare più dolcemente lungo la superficie interna della coscia dell'umano.
-C'è mancato poco!- confessò Goutte con un sospiro di sollievo, mentre ormai si avvicinavano al ginocchio.
-Beh, dai!- concluse Suiteki -alla fine non è stato poi così male!-
Le due gocce si guardarono negli occhi in un istante di indecisione.
Poi, come a una sola voce...
-Lo rifacciamo?-

Yuko, scivolata in ginocchio nella doccia, la fronte appoggiata al muro, ansimava con profondi respiri.
-Ma checcavolo mi ha preso oggi???-

* in spagnolo “vongola” è un termine impiegato in gergo per riferirsi alla vulva femminile.

Questo racconto di è stato letto 2 3 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.