Nuda

Scritto da , il 2020-07-29, genere esibizionismo

NUDA

entro nel sito di ER svogliatamente, per sbirciare con un velo di inconfessato compiacimento se c'è qualche commento di lettori.
Io che scrivo, ma leggo poco sul sito.
Ma un titolo mi colpisce.
NUDA
di Malena N
leggo d'un fiato, tra una arrampicata e l'altra, il racconto.
Io che non leggo.

Nuda

racconto magnifico.
E penso.... Nuda..... Nuda....
non esiste a mio avviso altro termine che sia così sintetico, ma così fortemente evocativo.
Non c'è parola più sensuale ed erotica, eppure in grado di contenere tutto in sole 4 lettere.

NUDA

nuda è la donna. La donna nuda....
non c'è altro modo in così poco spazio, in due sillabe, che abbia però tale carica erotica, tale potere di evocare desideri, sensazioni, visioni, follie....
Non “figa”.... “culo”.... “tette”.... non abbastanza.
“Nuda” racchiude tutto questo, ma è più di ognuno dei precedenti termini.

Sussurra al telefono “nuda”.... ed evocherai uno tsunami.
-Amore.... sono.... “nuda”-
Nuda per te, amore di uomo che tutto il giorno mi pensi e mi desideri, che non aspetti che la sera, la notte, il weekend per vedermi.... nuda.... per possedermi, per farmi tua. Nuda.
Nuda per te, donna, ragazza, che mi sogni attraverso i miei scritti, che fantastichi sull'incontro di due corpi femminili, dei giochi, dei baci, di quell'amore che solo due donne sanno darsi.
Nuda nella doccia.....per invitarti ad unirti a me.
Nuda sul letto, percepisco le lenzuola lisce e fresche sulla pelle.
Nuda. Nuda per te, chiunque tu sia che mi sogni.
Nuda su una spiaggia.
Nuda su una barca a vela, le gocce che schizzano dalla prua, all'andatura di bolina, brillano sul mio corpo, le mie cosce, il mio ventre, i miei seni e il mio volto. Tra i miei capelli.
Nuda.
Nuda per te.
Nuda per fare all'amore.
Nuda perchè tu mi guardi e con lo sguardo ti riempia di me e del desiderio di guardarmi, di accarezzarmi. Nuda per fare all'amore.
Nuda
Nuda su un prato, le cosce aperte per invitarti all'amplesso.
Nuda, ti porgo i seni sperando di piacerti.
Mi guardi e mi lascio guardare, so che ti piace il mio corpo.
Mi slaccio il reggiseno.... “tic”.... l'indumento si sfila sul mio petto e resto.....
Mi scende la spallina.... la linea del collo che prosegue sulla spalla, nuda....
Sollevo la maglietta, scopro il ventre, quell'ombelico che tanto ti piace, piccolo occhietto, fossetta, oscura insenatura, misterioso anfratto che prelude ad altre cavità nascoste ed invitanti.
Sollevo il top e scopro il seno, e resto davanti a te.... nuda.
Con i pollici sotto l'elastico degli slip, ondeggio i fianchi per farti impazzire, mentre le bianche mutandine già scoprono i primi peli neri del pube, scende l'indumento e davanti ai tuoi occhi, al tuo sguardo impietrito resto....
“Nuda” sull'SMS... un programma, una promessa, un simbolo, un segnale.... un invito.
-Come sei vestita?- mi chiedi all'altro capo del telefono.
-Nuda....- sussurro e so già che nel tuo cervello si scatena una tempesta assonale di odori, immagini, desideri, ricordi... odori, il mio odore, l'odore della mia nudità, quell'odore che ti piace, di cui non puoi proprio più fare a meno. Uomo o donna, chiunque tu sia.
Sollevo la gonna per farti una sorpresa e sotto sono....
Ti raggiungo in salotto, tu alzi lo sguardo dal giornale. Mi slaccio l'accappatoio e davanti ai tuoi occhi sono.....
Nuda, giaccio sul letto quando entri in stanza. Mi guardi, la mia schiena, il sedere.... i capelli mollemente abbandonati sulle lenzuola....
Nuda.
Nuda per te.
Nuda per sempre.

Questo racconto di è stato letto 1 8 3 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.