Affetti stabili - secondo tempo

Scritto da , il 2020-05-15, genere etero

Il secondo tempo di questo racconto è sesso puro, ve lo prometto. Sesso puro. E anche il terzo lo sarà. Nel terzo c’è anche un’inculata, e che inculata. Lo so, lo so che nella prima parte vi ho rotto i coglioni con le mie paranoie. Il virus, il mio ambiente di lavoro, il mio ragazzo che non sopporto più e che tradisco con un uomo che mi fa persino paura provare a dire cosa rappresenta per me. So benissimo cosa rappresento io per quest’uomo, invece. L’amante giovane, la troia. Tutto così scontato, già visto. Le solite cazzate che possono essere importanti per una cretina come me, ma in fondo a chi cavolo interessano? Su questo sito, poi... Un racconto che pretende di essere erotico e nel quale fino a questo punto avete potuto a malapena leggere di un mezzo ditalino e di un mezzo pompino, ma che roba è? Dai, dai, andiamo al sodo.

Datemi solo il tempo per ricapitolare a che punto siamo e poi entro nel vivo, eh? Promesso. Cazzo, fica, bocche, lingue... c’è tutto. Desideri, richieste, ordini e suppliche. Strilli, parole oscene. Voglie ancora più oscene e inconfessabili. E, come vi dicevo, next time anche un culo violato, il mio, che non è proprio una cosa che racconto tutti i giorni...

Dunque, sono in questo piccolo appartamento nel quale io e il mio ragazzo ci rifugiamo per scopare. Ma non sono con il mio ragazzo, sono con Stefano. E’ il primo con cui mi vedo dopo la fine del lockdown. Ho voluto io che andasse così. Eravamo arrivati al punto in cui, lui in piedi e io inginocchiata davanti al bordo del letto, glielo stavo succhiando.

Poiché però in genere decide il cazzo che vuole lui, a un certo punto cambia idea e si stende sul letto con l’uccello in tiro e bello lucido. Sono due mesi che non ne prendo uno in bocca, il suo. Ma sono anche due mesi che non ne prendo uno nella fica, sempre il suo tra l’altro. E non potete nemmeno immaginare cosa ho pensato in questi due mesi.

Quindi, anche se ci resto sempre un po’ male quando non posso portare fino in fondo un pompino, credo che mi capirete se vi dico che ho di che consolarmi. Mentre gli salgo sopra ho l'impressione che mi pulsino anche le sopracciglia, lo bacio. E baciandolo glielo prendo in mano e mi impalo. Lo faccio scivolare piano. Ma nonostante ciò appena lo sento entrare quasi rantolo.

- Oh, cazzo!

- Diventi ripetitiva lo sai? - dice con un tono da stronzo. Se c’è una cosa che non capirò mai è come i maschi in questi momenti riescano a far girare il cervello e a fare persino gli spiritosi.

- Ti voglio tutto dentro! - gli piango addosso. Perché io, al contrario, sono a un millimetro dal baratro.

Accontentata: quando mi prende per i fianchi, mi tira su e mi risbatte giù, anziché rantolare ululo. Alla terza botta di cazzo strillo proprio. Ti sono mancati anche i miei strilli, Ste? Non è solo quello che ti ritrovi tra le gambe, sono le spinte che dai, la cattiveria che ci metti. Sembra quasi che tu mi voglia passare da parte a parte. Alla sesta-settima botta mi dice “ti ricordavo molto più volgare“. Gli piagnucolo “mi stai spaccando la fregna”. Un po’ per farlo contento un po’ perché è la verità. La mia vagina cercherebbe anche di stringerlo ma non ci riesce, è come se il suo cazzo stesse scardinando ogni resistenza, abbattendo ogni barricata. Divento deficiente molto prima del solito. Gli afferro la faccia tra le mani e gli urlo nell’orecchio qualcosa tipo “dio sì, sfondami!”. Intorno alla decima percussione (è tutto indicativo, eh? figuratevi se mi metto a contarle davvero, è solo per farvi capire che è tutto molto veloce) sussurro al suo timpano martoriato “mettimi un dito nel culo che sto per godere...”. Accontentata anche questa volta: un po’ di dolore, un po’ di fastidio un po’ di “ah-ahia!”, che è un mio marker personale, e infine quella sensazione di pienezza bruciante. Poi, come a volte mi capita, arriva velocissimo e mi porta via. Ma proprio via via via.

Una piccola parentesi. Potete saltarla se volete ma secondo me se leggete è meglio, tanto sono poche righe. Ci ho pensato molto durante il lockdown ma in realtà ci pensavo già da qualche settimana prima. C'è una vecchia canzone che stava in un film di qualche anno fa, Jeeg Robot. Mi è tornata in mente perché a Sanremo l'hanno fatta le Vibrazioni, mi è piaciuta e mi è rimasta in testa. A un certo punto dice "e io non vedo più la realtà, né quanta tenerezza ti dà la mia incoerenza, e pensare che faresti benissimo anche senza". Metafora quasi perfetta di noi due, metafora ad ampio spettro. Che va dalle mie risposte su WhatsApp ("ma mi cerchi solo per scopare?") alle urla e alle cose che dico quando ho certi orgasmi, come questo, e delle quali ho una solo vaghissima contezza. Perché, appunto, anche in questo caso non vedo più la realtà.

Il ritorno alla luce però non è altro che, semplicemente, il ritorno allo squassante piacere di poco fa e il preannuncio di un nuovo blackout. Lo sento dire “voglio venirti in bocca” e mi accorgo che ha già una mano sulla mia testa. Gli strillo, ma in realtà lo imploro, “no! tutto dentro!”. Perché voglio anche il tuo sperma tutto dentro, Stefano, non solo il tuo scettro. Mi devi inseminare, qualsiasi altro finale mi sembra insopportabile.

Mi accontenta, accompagnando la sua ultima spinta con il suo primo grugnito da bestia, spingendomi giù il sedere per incollarmi al suo ventre. Solo le sue mani che mi artigliano il culo varrebbero un orgasmo. Mi dà ancora una volta l’impressione che me lo voglia conficcare più in là di quanto sia mai arrivato. Il suo cazzo mi impazzisce dentro, esplode, mi inonda. Il primo schizzo è come se mi dicesse “per godere sono solo cinquanta metri, tutti in discesa, corri”. E io gli corro incontro, lo raggiungo, mi accendo e mi spengo in un istante. Mi contorco fulminata. Intorno a me tutto va in frantumi.

- Non ti ho mai vista venire così... – dice la sua voce ovattata.

Non lo so, ma è vero che è una sensazione diversa. E’ come se strappandomi via l’orgasmo mi abbia strappato via anche qualcos’altro. Sento un forte languore e nessuna forza nelle gambe. Tremo, ma quello non è poi così raro, anzi. Quella che è strana è l’impressione che, anziché lanciare il solito strillo da animale ferito, glielo abbia quasi modulato. Ma può tranquillamente darsi che mi sbagli e tra l’altro in questo momento me ne frega meno di zero. Non capisco nulla per un bel pezzo e non riesco nemmeno a godermi la sua mano che mi accarezza la testa, quasi protettiva. Un gesto d'affetto, in fondo, che dovrebbe farmi solo felice. Per dirla tutta, sono crollata tra il suo collo e la sua spalla e l'unica cosa che vorrei adesso è restare così nei secoli dei secoli, amen.

Vorrei raccontarvi che resto così finché il suo cazzo non si ammorbidisce e si ritrae, finché non esce da me e la sua sborra tracima. Vorrei darvi qualche particolare piccante in più, insomma. Ma in realtà ciò che avviene è qualcosa di completamente diverso. Una di quelle cose che mi fanno pensare di essere bipolare.

Non ho ancora smesso di tremare che mi viene da pensare a quello che mi succede quasi tutte le volte: sporco il letto. Sperma e succo di ragazza, è quasi matematico. Con lui l'ho già sperimentato nei tre alberghi in cui mi ha portata. Ma mica solo con lui. Solo per dirne una: quante volte io e Luca le abbiamo dovute cambiare queste lenzuola nemmeno lo so! E non sono neanche certa che Luca abbia ritirato quelle di ricambio dalla tintoria (e del resto potrebbe notare che sono state cambiate). In teoria non dovrebbe fregarmene un cazzo, così come non me ne frega più un cazzo di Luca, no? E invece no. Essere quella che gli dice "senti Luca, per me è tutto finito" è una cosa. Essere quella che si fa sbattere sopra quello che tutti e due consideriamo a torto o a ragione il "nostro" letto, un'altra. Ciò che al momento non valuto, è il fatto che a Luca comunque ci ho pensato. Sempre in teoria, non avrei dovuto, no?

Domando a Stefano "le sigarette le tieni nella giacca?" e scendo con una piccola contorsione. Faccio il giro del letto e gli passo vicino. Mi chino su di lui e sorridendo gli dico "scusa se non l'ho fatto subito, ma mi hai davvero ammazzata". Poi lo prendo in bocca e glielo ripulisco. Sorride compiaciuto ma anche divertito. Ai suoi occhi devo sembrare più che altro una che lo sfotte fingendo di fare la troia. In realtà lo faccio perché, afflosciandosi in mezzo alla sue gambe, gli ultimi residui rischiavano di sgocciolare. Detto questo, devo anche aggiungere che a me succhiare un cazzo che mi ha appena scopata è sempre piaciuto e che la sua carne in bocca e i nostri sapori mischiati insieme mi provocano anche più di un brivido. E inoltre, tanto per gradire, la mia fica mi informa che Stefano, oltre ad averla farcita, l'ha davvero sfondata per bene. Prima di andare a prendere le sigarette passo in bagno e me la lavo. Un po' per pulirmi e un po' per tacitarla. E mentre lo faccio penso che uno dei motivi molto più prosaici che mi tengono incollata a lui è proprio il modo in cui mi lascia dopo: distrutta, dolorante e con la voglia di rifarlo subito. Per l'ennesima volta si è spenta la luce e Psiche si è ritrovata prigioniera di Amore. E per l'ennesima volta Amore se l'è chiavata selvaggiamente. Incredibile come, nonostante si chiami Psiche, a questa ragazza piaccia tanto il cazzo, non trovate?

Torno a letto con il pacchetto di sigarette e un bicchiere con un po' d'acqua che ci faccia da posacenere. Se ne sta steso sul letto come se se ne fosse impossessato, come se fosse roba sua. Ho voglia di fumare ma allo stesso tempo mi sembra una inutile perdita di tempo. Tuttavia la scena di me che gli succhia il cazzo dopo averci soffiato il fumo sopra e di lui che si gode il pompino fumando a sua volta l'abbiamo già fatta. E non è che si può sempre ripetere. Consumiamo le sigarette in silenzio, ho le gambe allargate in modo quasi osceno e con l'altra mano mi sfioro un capezzolo. Gli rivolgo un breve sorriso. Senza parole, ma non ce n'è bisogno. Il negozio è aperto, entra quando vuoi.

- Come mai non hai nemmeno un tatuaggio? – domanda.

Giuro, mi domanda questo. Chissà che cazzo gli passa per la testa.

- Ma che cazzo c’entra adesso? – chiedo a mia volta.

- Boh, così...

- Quelle che ti scopi ce l’hanno? – gli faccio, ammetto, un po’ acida.

- Non fare la scema – risponde – basta andare su una spiaggia...

- No, comunque no... Non mi piacciono, ho paura... i piercing mi piacciono ma ho paura lo stesso... mi piacciono quelli sulle mie amiche ahahahah...

- E i ragazzi tatuati, ti piacciono?

- Quelli sì... – gli rispondo.

- Ma perché?

- Non lo so... cioè sì... mi danno l’aria di essere deficienti. E i deficienti con l’ossessione per il proprio fisico mi attraggono. Sarò pazza, ma è sempre stato così.

- Davvero? – chiede. E la sua sorpresa mi sembra sincera. Sono sicura che non mi capisce.

- Mica dico che me ne devo sposare uno... – rispondo.

- Te l’ho chiesto anche l’altra volta, ma non me l’hai detto. Cos’è sto posto? – mi fa indicando vagamente la stanza.

- Questo è il posto dove vengo a scopare con il mio ragazzo. Lo chiamiamo lo scannatoio... cioè, veramente l'ho chiamato io così. In realtà è di suo padre, non riesce ad affittarlo.

Volta il viso per guardarmi, in silenzio e a lungo. Ho come la sensazione che stia cambiando idea su di me. Voglio dire, lui lo sa chi sono. Sa che sono fidanzata, fedifraga, troia e innamorata del suo cazzo, se non di lui. Nonostante questo mi sembra di averlo scandalizzato.

- Ma lo sai che tu sei davvero una puttana?

Dal tono, direi che è un po’ sorpreso. Eppure tutto mi aspettavo tranne che sorprenderti, Stefano.

- Una puttana? Mai negato...


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 2 9 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.