Affetti stabili - primo tempo

Scritto da , il 2020-05-13, genere etero

"Oh cazzo!". Vi assicuro che basterebbero queste due parole, insieme al titolo. Non ci sarebbe bisogno di altro perché, come si dice, a buon intenditor... Altro che drabble. Che tra l'altro non so nemmeno scrivere.

Io invece scrivo racconti, e sono anche abbastanza verbosa. Quindi quelle due parole non bastano a me per prima. Arriva però un momento in cui nemmeno le parole sono più sufficienti, nemmeno cento milioni di parole. Arriva il momento in cui bisogna passare dalle parole ai fatti appena possibile. E quel momento è arrivato. Per amore o per forza. Per amore e per forza.

Il distanziamento sociale, per certi versi, era una ficata. Quello assoluto, intendo. Adesso che le maglie si sono un po' allentate emergono i primi problemi. Anche le prime opportunità, a dire il vero. Ma partiamo dai problemi.

Il primo problema si presenta sotto forma di email collettiva del capo divisione. Tutti convocati per la mattina seguente alle dieci. Non alle nostre postazioni ma nella sala al meno uno. "Mi raccomando la sicurezza: distanziati l'uno dall'altro, mascherine e gel igienizzante. Non dimenticate le autocertificazioni". Figuriamoci, io metto i guanti sopra il gel igienizzante e poi altro gel igienizzante sopra i guanti. La mascherina è una Ffp2, non quelle chirurgiche che distribuiscono all'entrata. Agli occhi i Ray-Ban, che magari non saranno sicurissimi ma sempre meglio di niente. Entro. Niente ascensore ovviamente, faccio le scale. Che poi non si capisce perché una riunione di questo tipo non si possa fare su Zoom, come abbiamo fatto in tutti questi giorni. "Perché i capi sono come i cani-pastore, hanno un bisogno innato di averci fisicamente presenti", mi risponde a quattro poltrone di distanza uno che lavora con me. E' uno grande, un figo. No, non da quel punto di vista. Cioè, anche da quel punto di vista se mettesse giù un po' di chili. Ma non è per quello che dico che è un figo. E' un po' il punto di riferimento di tutti noi Under30, ci chiama "gli implumi".

Il secondo problema si chiama Gianluca, uno che ci prova subdolamente da quando lavoro qui. In questo caso per fortuna il distanziamento sociale è dalla mia. "Ehi, resta lì!", lo blocco mentre vedo che si avvicina per sedersi accanto a me. "Come facciamo a vederti gli occhioni se tieni su gli occhiali da sole?". Ti giuro che appena sviluppo lo sguardo-laser me li tolgo e ti incenerisco, viscido rompicoglioni che non sei altro. "Ci prendiamo un caffè, dopo?". "No grazie, dopo devo scappare". "Eh, ma due minuti alla macchinetta, dai". "Davvero non posso, e poi non mi fido delle macchinette". "Eh, ma sei paranoica...". "Sì, un po' sì".

Il terzo problema invece si chiama Luca. E’ il mio ragazzo. Un “affetto stabile”, di quelli che giustificano l’uscita di casa, l’incontro, con tanto di autocertificazione. Sono quasi due mesi che non lo vedo. Tempo percepito per lui: un paio d’anni. Tempo percepito per me: un paio d’ore. Il fatto è che lui si sente molto più il mio fidanzato di quanto io mi senta la sua fidanzata. Se il suo livello è mille il mio è prossimo allo zero. Le nostre telefonate ai tempi del lockdown si sono fatte via via sempre più insopportabili, per me. Sempre più appassionate per lui, invece. Ti amo, mi manchi, ti desidero. Mi ha anche proposto delle videochiamate hot su Skype. Gli ho detto “non l’ho mai fatto, non credo che mi piacerebbe, tesoro”. Qui ci starebbero bene delle risate in sala, o anche quelle registrate delle sit-com.

A proposito, “tesoro”. Ho progressivamente ricominciato a chiamarlo “tesoro”, come ho fatto per parecchi mesi dopo l’inizio della nostra relazione. Anche quando le cose andavano bene, anzi benissimo. Ho cominciato a chiamarlo “amore mio” dopo averlo tradito con Stefano. Uno più grande, sposato, che lavora dove lavoro io. Per la precisione, ho cominciato a chiamarlo “amore mio” dopo avere portato Stefano nell’appartamentino dove io e Luca ci rifugiavamo per scopare, lo scannatoio. Il massimo dello sfregio, me ne rendo conto. Non capisco nemmeno io perché. Era metà gennaio. Eppure dopo quella sera non solo ho cominciato a chiamare Luca “amore mio”, ma ho anche cominciato a fare la superfidanzatina. Perfetta e innamorata in pubblico, maiala in privato. Non che prima non lo fossi, eh? Diciamo che ho toccato delle vette che non avevo ancora toccato, non con lui almeno. Magari ve le racconto un’altra volta ma, credetemi, si è davvero divertito parecchio, ha scoperto cose che forse non immaginava. E pure io mi sono divertita, eh? Non voglio fare l’ipocrita. Se mettiamo da parte il fatto che ormai quasi non lo sopporto, da quel punto di vista a Luca non posso proprio rimproverare nulla. E’ durato poco, però. Poi è arrivato il lockdown. Per fortuna, forse, visto che tutto questo tempo chiusa in casa mi ha confermato senza possibilità di equivoco una cosa che in fondo già sapevo: sesso a parte, di Luca non me ne frega più un cazzo.

Direte: perché non lo molli? Direte: sei una stronza e un’ipocrita. Avete ragione. A mia difesa posso solo sostenere che non mi andava di lasciarlo per telefono, e soprattutto non mi va di fargli male. Mi rendo conto che non è una grande giustificazione, ma è così. Non ho davvero nulla contro di lui, posso rimproveragli un po’ di indolenza, a volte, un po’ di mancanza di carattere. Senza esagerare, eh? Non è uno smidollato, anzi è uno pieno di vita. Posso dire, questo sì, che non è uno capace di mettermi a posto quando serve. E non sto parlando di sesso, credetemi, sto parlando di qualcuno che plachi le mie inquietudini e cauterizzi la mia stronzaggine, la mia ipocrisia. Ma non è colpa sua, lui è fatto così e in fondo sono io che l’ho scelto.

E però non mi va nemmeno di vederlo, non subito. Rimando, rimando, rimando il momento. Ve la potete immaginare la sua insistenza, no? “Ci vediamo stasera?”. Questo me l’ha detto il primo giorno di riapertura. “Eh no, stasera no, tesoro, sono incasinatissima con il lavoro. E no, nemmeno domani, ho una riunione e poi dovrò finire quel... facciamo dopodomani?”. Bugie, mi ci trincero dietro. So già che anche dopodomani rimanderò, magari quando ci vedremo gli dirò che non mi va più, che lo mollo. Ma comunque non sarà oggi. Oggi ho altre priorità. E poi pensare di dirgli “senti Luca, mi dispiace ma finisce qui” mi rende triste in modo insopportabile.

Il quarto problema non ha strettamente a che fare con il virus. Il quarto problema è che sono una sporcacciona, come direbbe mia nonna nonostante sia una donna di vedute molto larghe, considerata l’età. In termini un po’ meno edulcorati, una zoccola. Ieri Stefano mi ha mandato un WhatsApp molto semplice: “Ti va?”. E io ho risposto “sì”. Fine. La mia priorità oggi è lui. Poiché gli alberghi sono fuori discussione, gli unici posti che ci rimangono sono il box dove tiene la sua auto e lo scannatoio, l’appartamentino seminterrato del papà di Luca. Il box auto è più un posto da pompini. Sì d’accordo, lo spazio per fare anche altro ci sarebbe pure, ma in realtà lì dentro gli ho sempre e solo fatto dei pompini. Quattro signori pompini, quattro volte. La prima mi ci portò un po’ con l’inganno. Le altre ci sono andata da sola, dietro convocazione. Le prime due convocazioni erano messaggi su WhatsApp. Adesso non me li ricordo alla lettera ma erano qualcosa tipo “vieni a farmi un pompino”. Senza punto di domanda. La terza era proprio una foto della mia bocca sul suo cazzo. Non lo dico per eccitarvi, ve lo dico per farvi capire quanto la sottoscritta sia così cogliona da lasciarsi trattare così.

Stavolta però indovinate cosa ho scelto. Bravi, non ho scelto il box. Sono stata io a suggerire lo scannatoio.

Ci penso mentre guido quando esco dalla riunione. Sono ancora un po’ stordita per il cazziatone che il capo mi ha riservato in pubblico. Molto meno violento di quello che mi ha fatto per telefono qualche giorno fa, ok, ma non me l’aspettavo. Però mi basta pensare a dove sto andando che l’umore mi cambia. Pure troppo, visto che mi colo nelle mutandine. Se mi fermassero per un controllo direi che vado da un “affetto stabile”. Dove la stabilità consiste nel fatto che lui è stabilmente sposato e che, altrettanto stabilmente, quando non mi scopa mi si fila pochissimo. Salvo, sempre stabilmente, considerarmi una troia che accorre appena lui schiocca le dita. Io prima protesto e poi accorro. Anche in questo caso il trend si dimostra abbastanza stabile, devo dire.

L’appuntamento è alle due. La riunione con i colleghi è durata molto meno del previsto, sono in largo anticipo. Sarebbe anche passata l’ora di pranzo ma tanto non ho fame. Finalmente arriva. Nonostante lo aspettassi, come suona il citofono ho un sobbalzo. Appena entra in casa mi metto la mascherina, faccio la cretina, gli dico che bisogna comunque mantenere la distanza. Non riesco a cazzeggiare così nemmeno per trenta secondi. Lui si avvicina mi abbassa la mascherina e mi bacia. E’ il copia-e-incolla di come in queste settimane mi ero immaginata che sarebbe successo. Gli dico “ecco, e se mi hai contagiata?”. Lui mi ribacia, mi mette le mani sul culo e mi tira a sé. Ha il pacco già grosso e io sono tornata una fontana.

Vorrei essermi messa addosso qualcosa di più strategico. E’ una giornata finalmente calda e stamattina ho tirato fuori una salopette leggera di jeans che non ho mai messo e un top nero, molto aderente, che mi lascia scoperta la pancia e le spalle. Ai piedi ho le All Star amaranto semislacciate. Sexy, vero? Beh, però di sexy ho l’intimo. O meglio, i mini slip, perché il reggiseno non ce l’ho.

- Hai qualcosa da bere? – domanda raffreddandomi un po’ – anche dell’acqua va bene.

- Ho comprato della Coca cola, se vuoi...

- Ti dai agli stravizi, eh?

Quando torno con la Coca e i bicchieri è ancora in piedi davanti al tavolo del salone. Un po' mi viene da ridere e un po' fremo, perché mi sarei aspettata che mi sbranasse subito.

- Perché ridi? - mi fa afferrando il bicchiere che gli porgo.

Prima scuoto la testa, come a dirgli "ma niente, una cazzata". Poiché insiste, però, dopo un po' glielo confesso. Tanto lo so benissimo che oggi pomeriggio noi due, qui dentro, non celebreremo certo la giornata mondiale del pudore.

- Rido perché pensavo che mi saresti saltato addosso, secondo i tuoi standard a quest'ora dovrei stare per lo meno inginocchiata per terra e mezza nuda ahahahah.

- Ti stavo ammirando...

- Uaaaooo - gli faccio caricando un bel po' di ironia dentro quel "uao".

- No, davvero, sei bellissima... e poi sai una cosa?

- Cosa?

- Le ragazze in salopette mi hanno sempre arrapato...

Gli invio un'alzata di sopracciglio molto ma molto interrogativa, perché ho il più che fondato sospetto che mi stia prendendo per il culo.

- E poi ti fa un culo stupendo - aggiunge restando in tema di lato B.

- Ahahah... questo proprio no, me lo sforma... - ribatto. Se c'è una cosa che proprio non valorizza quella specie di ottava meraviglia che mi porto dietro (in tutti i sensi) è proprio questa salopette.

- E' vero, ma te lo sforma in modo da farmelo venire duro... e poi tieni conto che io so cosa c'è sotto quella tutina - dice con un ghigno sfacciato.

Mi rimette le mani sulle chiappe e me le stringe anche più forte di prima. E’ una stretta di desiderio puro. Stavolta niente bacio, lui guarda me e io guardo lui. Gli lancio qualcosa tipo “aaawww” e poi un’occhiata che secondo me capisce benissimo: mi fai vedere che sei un uomo o vuoi passare il pomeriggio a smanacciarmi il culo?

Se fosse una battaglia si potrebbe dire che le ostilità sono cominciate.

Arretra verso il divano trascinandomi con sé. Per un attimo penso “adesso si siede, se lo tira fuori e me lo mette in bocca”. E invece no, si accomoda e mi fa sedere sulle sue ginocchia. Mi bacia e a me basta già questo lingua in bocca per farmi spegnere il cervello. E di conseguenza il nostro linguaggio diventa molto semplice: io do, lui prende. Lui pretende, io assecondo. Io imploro, lui concede, se gli va. Nudi o vestiti, al lavoro o dentro lo scannatoio, il nostro rapporto si riduce essenzialmente a questo.

Mi sgancia la bretellina della salopette, poi mi apre i bottoni sul fianco. La pettorina mi crolla da un lato mettendo in mostra un capezzolo che svetta da sotto il top. Mi fa “stai già messa così?” a metà tra lo scherzo e l’irrisione, prima me lo pizzica poi me lo morde direttamente attraverso il tessuto. Mi fa un male cane, strillo e gli porto la mano sulla nuca per farlo stare lì e dirgli di continuare a farmi male. La mano scivola in basso fino ai mini slip, quelli sì strategici. Sono così ridotti che gli basta scostarli per farmi ciò che desidero esattamente che mi faccia. E quando lo fa non so più nemmeno io per cosa grido, se per il morso sul capezzolo o per il suo dito che mi invade la vagina. “Gesù come sono bagnata”, gemo sentendo lo sciacquettio.

- Oggi qui dentro puoi strillare? – domanda con sarcasmo.

- Sei uno stronzo... – rispondo.

Mi infila un secondo dito dentro senza tanti complimenti. Gli grido “porco, mi fai male!” ma non è vero. O meglio, è vero, mi sento sventrata dalle sue dita che mi uncinano, ma col cavolo che vorrei che smettesse. E comunque lui se ne frega altamente. Smette di mordermi il capezzolo e mi guarda mentre smanio e apro le gambe, ha un sorrisino trionfante stampato sul viso. Vorrei restituirgli lo sguardo, ma ho la vista appannata. Con l’altro braccio mi stringe e mi impedisce di contorcermi come vorrei. Mi sento sua in un modo pazzesco, prigioniera della sua volontà e al tempo stesso libera di essere tutto. Di chiudere gli occhi, ansimare a bocca spalancata e muovere il bacino incontro alle sue dita, per esempio.

Di colpo, da perfetto stronzo qual è, appunto, smette. Sul più bello. Vorrei dirgli “cazzo, perché?, stavo venendo”. Ma a parte il fatto che ho il fiatone, proprio non potrei visto che le dita me le infila in bocca. Giusto per farmi capire quanto gliele ho bagnate, immagino. Gliele succhio come se fossero il suo uccello, perché in fondo fino a pochi attimi fa quelle erano il suo uccello.

- Dimmi cosa vuoi... – mi fa.

- Le tue dita... rispondo quando ho la bocca libera.

- E poi?

- La tua bocca...

- E poi?

Dio, quanto ti piace sentirtelo dire! Tutte le volte è così, Stefano. Tutte. Ma io ho imparato il sottile piacere di negartelo, almeno per un po’, almeno sin quando ce la faccio. Perché poi sì, è vero che voglio il tuo cazzo. Ma è altrettanto vero che voglio tutto il pacchetto. Voglio davvero anche le tue dita e la tua bocca, il tuo petto e le tue spalle. Voglio le tue natiche che si contraggono mentre spingi. Voglio il tuo peso che mi schiaccia e le tue unghie che mi artigliano i fianchi e le anche mentre mi fotti da dietro. Voglio la tua arroganza del cazzo che ti rende sicuro di trovarmi a cosce spalancate ogni volta che fai un fischio. Non credo che il tuo desiderio sia quello di umiliarmi, non so nemmeno se te ne rendi conto (beh, forse un po’ sì visto che non sei scemo). Di sicuro però voglio anche l’umiliazione che sei capace di infliggermi sempre . Sennò non si spiega perché siamo qui.

In ogni caso non gli rispondo. Gli slaccio la cravatta e gli sbottono quasi tutta la camicia, gli passo le mani sul petto e sulle spalle. Gli sussurro “andiamo di là”. Mi guarda un po’ sorpreso e mi dice “non qui? pensavo che ti piacesse qui”.

No, non qui su questo divano. E’ vero, qui sopra l’altra volta mi hai fatta diventare scema dagli orgasmi, dalla paura, dal dolore e poi ancora dagli orgasmi. No, niente sadomaso, che avete capito. E’ tutto scritto nell’ultima puntata del “Corto circuito di Winnie the Pooh”, dateci un’occhiata se volete. Ma non qui, oggi. Oggi voglio andare sul letto dove scopo con Luca.

Mi segue nel piccolo corridoio. A metà strada mi blocca abbrancandomi per le tettine. L’unico motivo per cui lo fa, penso subito, è farmi sentire la sua erezione sulle reni. Sbuffo di voglia.

- Non me lo dici cosa vuoi? – mi sussurra.

- No...

Come ricompensa mi arriva una sculacciata che penso che me la ricorderò per giorni. Bastardo. Ora che hai capito che mi piace (in realtà ho paura di avertelo confidato io) te ne approfitti. E ogni volta è più forte. Il colpo mi fa guaire. La mano che subito dopo mi stringe quella stessa chiappa mi fa desiderare qualsiasi cosa abbia in mente di farmi.

- Non me lo dici cosa vuoi? – insiste.

“Voglio che mi dici che sono la tua troia e che mi scopi come una troia” dovrei rispondergli se fossimo su un set porno, ma taccio. Lui chissà, magari per incoraggiarmi, mi infila la mano tra le cosce e stringe. E’ una stretta così decisa che, nonostante la tela jeans, avverto chiaramente il suo modo di impossessarsi non solo della fica, ma anche del culo. E mentre lo fa non sento neanche più il crampetto, sento direttamente la scossa.

Mi sussurra ancora “spogliati”, e lo fa quasi con dolcezza. Proprio lui che la prima volta mi ha buttata sul letto e mi ha a malapena abbassato pantaloni e mutande. Gli sussurro di rimando “anche tu”, senza nemmeno voltarmi a guardarlo. Dopo pochi secondi vedo la sua camicia che mi vola davanti. Mi giro e gli accarezzo e gli bacio il petto, improvvisamente non ho nemmeno più voglia di essere scopata. No, troppo poco. Ho letteralmente voglia di essere massacrata. Di non essere capace di uscire di qui sulle mie gambe. E vaffanculo a tutto.

- Dio che figo che sei... – mi esce così, di colpo, mentre gli passo sul petto e sulle spalle tutte e due le mani. Lo penso davvero che è un figo, eh? Ma chissà perché l'ho detto. Mi sa che è la prima volta.

- Anche tu sei bellissima... – mi fa spostandomi una ciocca dietro l’orecchio.

Cazzo, Ste, la quarantena ti ha fatto diventare romantico, starei quasi per dirgli. Cos’è questa voce e cosa sono questi occhi? Ma in realtà, poiché la mano che mi sposta i capelli è quella dove porta la fede, mi torna in mente una cosa cui ho pensato spesso in questi giorni. Vedete, io sua moglie non la conosco, non so nemmeno come è fatta, non ne abbiamo mai parlato E io, vi giuro credetemi, non sono per nulla gelosa di lei. Non ho un cazzo di senso di colpa nei suoi confronti, è vero, ma non sono gelosa. Cioè, è chiaro che la scioglierei nell’acido per prendere il suo posto nel letto e nella vita di Stefano, ma questa è un’altra storia. Quello cui ho pensato spesso in realtà è: fa così con lei come con me? Che ne so, entra in cucina mentre lei sta preparando il sugo, la schianta in ginocchio e glielo infila in bocca dicendole al massimo “succhiami il cazzo”? Oppure quando lei torna a casa non le chiede nemmeno “come è andata?” e la mette a novanta su un tavolo abbassandole le mutandine e infilzandola di colpo con quella trivella che si ritrova? Tratta anche lei come una puttana? E lei glielo strilla che è la sua puttana? E mentre la sfonda, glielo strilla “porco bastardo” implorando il cielo che lui non smetta mai di essere così porco e così bastardo? Non sono mica gelosa della moglie, no no... Però, per dire, se adesso mi dicesse una cosa tipo “la mia troia sei solo tu” credo che sverrei per l’orgasmo e mi bagnerei fino alle ginocchia. Del resto, lo so che mica vuole divorziare. Ma visto che mi chiama solo per mettermi in orizzontale, dirmi che sono la migliore scopata che si è mai fatto darebbe almeno una briciola di senso a tutto. Se sono uno sfizio, Stefano, dimmi che era difficile trovarne uno migliore.

Intanto però mi spoglio davanti a lui, seduto sul bordo del letto. Nell’ordine: le All Star, i fantasmini, la salopette e le mutandine. Per ultimo vola via il top. Non credo che si aspetti uno strip tease e comunque non lo saprei nemmeno fare, mi sentirei goffa. Sono più abituata ai gesti metodici della sera o di uno spogliatoio. O a quelli furibondi che preludono al sesso. Ma qui di furibondo c’è solo la mia voglia che cola e la sua che si gonfia. Lo so che si gonfia, perché mentre mi spoglio lo osservo e il mio sguardo passa dal suo sorriso al suo pacco. Sapere che sta scoppiando per me nei calzoni è già qualcosa. Magari mi consideri poco più di una mignotta di strada eppure il tuo bastone del comando vuole me, darling.

- Non erano chiusi i centri estetici?

Ha un tono quasi irridente, ma so che è solo un suo modo del cazzo per dare a vedere che l’ha notato.

- Ho fatto da me... – gli rispondo cercando di replicare lo stesso sorrisino indifferente.

Sì, ho fatto da me, ieri sera. Non che sia molto complicato, non ho tutta questa foresta, anzi. Però due mesi sono due mesi... L’ultima volta c’ero andata il giorno prima di dargliela in quella pensioncina, due giorni prima del lockdown. L’ultima scopata. Luca quel week end l’ho lasciato a bocca asciutta.

Invece del Bic ho usato il rasoio di mio padre, nella vasca mentre mi facevo il bagno. E quando ho finito mi sono passata il manico sul grilletto e me lo sono anche messo un po’ dentro. Non sono andata oltre per paura di tagliarmi la mano con le lamette, ma pensavo a lui mentre lo facevo. Non glielo dico. Non gli dico nemmeno questo, mi basta sapere che possa solo sfiorarlo il pensiero che l’ho fatto per lui.

- Ti piace? – gli dico avvicinandomi.

- Sì che mi piace, ma l’avevo già notato che eri liscia liscia...

E tua moglie? Ce l’ha liscia liscia pure lei? O ti lascia i peli sulla lingua? Perché sono sicura che a tua moglie la lecchi parecchio, che ti preoccupi tanto del suo piacere, vero? Gliela passi ovunque la lingua e la fai godere almeno una volta così prima di infilzarla e farla urlare, vero? Anzi, secondo me nemmeno urla, deve essere il tipo di donna che fa “hhhh...” quando glielo infili dentro. Magari è sempre stata così, o magari ora si è abituata, che ne so... Certo, poi qualche suono lo tirerà fuori pure lei perché non credo proprio, Stefano, che tu quell’effetto lo faccia solo a me... Basta, basta o divento pazza. Devo smetterla di pensare a tua moglie, devo pensare solo che per te sono la più grande troia del mondo. Però, Stefano, dimmi almeno per quale cazzo di motivo mi ritrovo qui nuda di fronte a te. Un motivo dammelo, non mi dire che ti piace la compagnia dei giovani o che mi cerchi perché adori conoscere punti di vista diversi dal tuo...

- Voglio il tuo cazzo... contento ora? – gli dico inginocchiandomi tra le sue gambe.

Non mi risponde. Gli tolgo le scarpe e le faccio volare lontano. Non mi piacciono i mocassini. Sono molto più delicata con i suoi calzini e con i suoi piedi, che accarezzo. Chissà perché. Non sono certo una feticista dei piedi, in tutta sincerità non me ne è mai fregato un cazzo dei piedi. Però mi viene da stringerli come se dovessi dar loro sollievo. Poi è la volta dei pantaloni e delle Hugo Boss elasticizzate. Qui è più facile, anche se un intimo così scontato un po’ mi delude.

E me lo trovo davanti.

Lungo, grosso in proporzione e perfettamente dritto. Una specie di cilindro di carne e sangue. Molta carne e, direi in questo momento, molto sangue. Con quella punta rosa scuro quasi a forma di fungo e già scoperta, che sembra minacciare “adesso sono cazzi tua” e che ti verrebbe da dirgli “magari!” senza nemmeno stare a rilevare lo squallido doppio senso. Non voglio esagerare, non ha uno di quegli affari assurdi da video porno. Ma vi assicuro che è qualcosa che ti apre degli orizzonti.

Eccolo, un “affetto stabile”. Il suo cazzo. Ve ne parlo perché è una parte importante del rapporto tra me e Stefano. Dico davvero, non pensate che voglia arraparvi con questi mezzucci. Io il suo cazzo lo adoro, mi fa sentire bene in un modo assurdo. Sin dalla prima volta che mi ha violata e io nemmeno gliel’avevo visto. Santiddio che cazzo, ho pensato. Me lo ricordo superbenissimo. Mi sono fissata che sia un “affetto stabile” molto più del suo proprietario, in un certo senso. Chissà perché mi sono messa in testa sta stronzata. Non significa niente. Diventerebbe duro di fronte a qualsiasi bella figa gli passi davanti, è vero. Fisiologia maschile. Eppure ora è duro per me. E Stefano ha cercato me. Qualcosa dovrà voler dire. O forse no, forse non vuol dire nulla. Ma a questo punto cosa conta? Alzo gli occhi verso di lui e subito dopo torno a concentrarmi su quello stampafanciulle. Lo impugno, è proprio una sbarra.

- Oh, cazzo... - sospiro come se fosse l'incipit di un'ode.

- Proprio quello... - commenta.

Dopo questo elaborato scambio di vedute diventa lo Stefano che conosco. Scatta in piedi e mi fotte la testa tenendola tra le mani. Per come si erano evolute le cose, onestamente, mi prende un po' di sorpresa, mi aspettavo un approccio più graduale. In un altro momento potrei pure spiegargli con calma "guarda che sono capace di prendertelo tutto, ma un po' di tempo me lo devi dare". Ma chissà perché nella realtà questi momenti non ci sono mai. E comunque, sia pure un po' a fatica, una si abitua. Come gli capita spesso quando si eccita, è brutale e senza riguardi. E come capita spesso quando mi eccito, la cosa piace anche a me.

Il motivo sinceramente non l'ho mai capito e il ricordo si perde nella notte dei tempi dei primi pompini che facevo a scuola. Forse anche prima, da quella volta che restai paralizzata nel sentire la mano del più stronzo e sfacciato dei miei compagni di classe delle medie intrufolarsi sotto la gonna plissettata e toccarmi le mutande, per sentirmi dire dopo un po' "sembra che ti sei pisciata sotto". Non ricordo nemmeno se in quel momento mi piacesse o meno, di certo nessuno dei due sapeva come andare avanti. Ma se penso a un imprinting, penso all’oltraggio di quella mano e di quelle parole. Non è detto che sia così, probabilmente mi faccio dei film. Sta di fatto però che ho sempre apprezzato maggiormente i ragazzi dalle maniere più rudi, che magari lo erano solo per goffaggine, incapacità di gestire le cose e per inesperienza (come la sottoscritta del resto) oppure perché, su una panchina all'aperto o chiusi dentro un bagno, la situazione era tale che toccava sbrigarsi. Il lato animale del sesso mi ha sempre attirata di più, inutile negarlo. Non che non ne abbia mai apprezzato il lato dolce, ma secondo me un po’ di efferatezza è necessaria. E sì che non sopporto la violenza gratuita né le pose da dominator. Anzi, quelli che si atteggiano a dominator mi fanno anche un po’ pena.

Comunque, forse viene proprio da lì la ragione per cui in questo momento sbavo come un San Bernardo su una spiaggia tunisina e ho la saliva che mi scorre dal collo fino alle tette ma quasi gli godo dietro per quanto mi piace. Davvero non saprei se dare retta alla mia fica che implora o fargli capire che voglio svuotargli le palle così, con labbra e lingua. Perché una cosa è chiara, Stefano, voglio svuotartele. E' un chiodo fisso, ora.

- Questo mi è mancato parecchio - dice tenendomi la mano dietro la nuca e imponendo il suo ritmo.

La sua voce è salda, è la voce di uno che ha il pieno controllo della situazione e che prende le decisioni.

Dovrei rispondere che è mancato parecchio anche a me farmi riempire la bocca in questo modo. Ma non dico nulla, al massimo gorgoglio e tiro fuori qualche conato. O forse è proprio questa la mia risposta.


CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 3 0 3 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.