Può l'amore uccidere il virus?

Scritto da , il 2020-04-23, genere etero

Lo chiamano open space, ed è la morte di quei raccontacci in cui si legge “il capo mi ordinò di chiudere la porta a chiave e mi disse vediamo se mi hai obbedito e se sotto sei nuda”. No, mi dispiace, non si può proprio fare. A parte il fatto che tu non sei proprio il mio capo diretto ma sei di un’altra divisione, il problema è che qui è tutto aperto, in bella vista. E anche quelli che come te hanno la fortuna di avere un box tutto per loro ce l’hanno con le pareti e la porta di cristallo. Una cosa del genere può averla concepita solo un sessuofobo. O un guardone.

L’unica sarebbe venirti a trovare sul tardi, ma anche in quel caso non si può mai sapere. Qualche testa di cazzo in giro c’è sempre, a confermare il sospetto che ci sia una quota di persone assunta, se non addirittura venuta al mondo, al solo scopo di rompere i coglioni agli altri.

E quindi non mi resta che immaginarmelo.

Dicevo, stavolta c’è una cosa che mi ronza in testa. Perché vedi, Stefano, c’è questa tipa che scrive, no? E cazzo, non dico tutte le volte, ma ogni tanto sembra proprio che lo faccia apposta. E prima il suo uomo che se la scopa con il pigiama di Winnie The Pooh, poi il suo uomo che torna stanco e scazzato e lei gli succhia il cazzo, poi l’amore che cos’è e cosa non è. Cioè, sembra che mi rubi i ruoli, le idee, i sogni.

Che cos’è l’amore. Anzi, che coss’è l’amor? La prima volta che l’ho sentita ero in macchina con degli amici. Mi aveva fatto fare un sacco di risate e ho chiesto “ma chi è questo?”. “Vinicio Capossela”, mi è stato risposto. “E chi cazzo è Vinicio Capossela?”. “Annalì, senti Eminem che è meglio”, mi tacitò lo Stronzo. Lo stronzo del gruppo, avete presente? In ogni gruppo c’è uno Stronzo. Quello in questione voleva due cose, non so in che ordine ma ho il sospetto che quello che vi sto per scrivere sia l’ordine sbagliato.

a) che imparassi a memoria l’opera omnia di Fabrizio De André/Francesco De Gregori/Franco Battiato ecc (contro i quali non ho nulla, sia chiaro);

b) che gli facessi un pompino. Cioè, non me l’hai mai chiesto né me l’ha mai fatto capire, ma io mi ci giocherei un braccio.

Si attacca (anzi si attaccava, perché è una vita che non lo frequento per fortuna) al cazzo, ovviamente. Al suo o a quello di un altro, non mi interessa. Basta che, come si dice a Roma, tiri forte.

Vabbè, torniamo al punto di partenza. Perché sono qui? Semplice, perché mi va di vederti. Mi va di vederti e basta, dopo tutti questi giorni. Il fatto che ci sia questa cosa che mi ronza in testa, questa cosa dell’amore, è un di più, se vuoi, non è il punto centrale.

Anche perché, a rigore tu non saresti proprio né il mio amore né tantomeno il mio uomo. Però che vuoi che ti dica? Sticazzi, ecco quello che ti dico. Non che abbia dei diritti, no. Mica siamo nell’ottocento. Però nemmeno possiamo fare finta che tu mi riempi la vagina di sperma (sì, prendo la pillola, ma tanto le prime volte te ne fregavi, quindi ora che è tutto st’interesse?)... dicevo, non è che tu ogni tanto mi riempi la vagina di sperma e poi tutto torna come se neanche ci conoscessimo, no? E che cazzo, mica penserai di sparaflesciarmi come i Men in black...

Quindi ecco quello che succede. Io salgo di qualche piano in ascensore e attraverso il lungo open space. E’ la mia immaginazione che comanda, perciò non c’è nessuno. O meglio, c’era uno che non ci doveva essere visto che lavora quasi accanto alla mia scrivania. Non lo conosci, si chiama Giampiero. E’ quello che mi invita sempre alla macchinetta per il caffè. Nemmeno al bar di sotto mi invita, alla macchinetta. Era qui, non so cosa ci facesse, forse sono stata io che ce l’ho messo apposta per il solo piacere di vaporizzarlo. Beh, l’ho vaporizzato. Forse sarà il caso che qualcuno prima o poi avverta la famiglia.

E insomma facciamo che adesso non c’è nessuno. Avanzo verso il tuo box e tu mi vedi quando sono a, boh, cinque? dieci metri da te? Ma chi cazzo se ne frega, diciamo che tu mi vedi avanzare sorridente. Sì, sorrido. Perché di solito sorrido quando ti vedo. Lo sai che c’è qualcuno che mette in giro strane voci? No, tranquillo, non riguardano te, riguardano me. Dicono “guarda Annalisa quanto fa gli occhi dolci ai capi...”. Dovevano sentirmi quella volta che ti ho detto “madonna quanto ce l’hai grosso!”, chissà a quest'ora che cosa direbbero in giro.

Ma insomma, cazzo, basta divagare. Io avanzo sorridente verso di te e tu mi vedi. Perché in questo cazzo di posto o è tutto aperto o quello che è chiuso ha comunque le pareti di vetro. Bagni a parte, per fortuna. Ci mancava solo quello.

Apro la porta del box e sempre sorridendo ti faccio “ehi, ancora qui?” con una voce sexy che proprio non ho. Mi dispiace, non sono Jessica Rabbit. Mi viene meglio l’intonazione da oca alla Ilenia Pastorelli o quella scorbutica alla Matilde Gioli quando dice con la bocca qualsiasi cosa preveda il copione ma con gli occhi intende “ma lo sai che non ho mai visto uno più coglione di te?”. Quanto la amo!

Dici “e tu che ci fai?”. Mi piaci perché lo stupore è sincero. E non sei per nulla preoccupato che qualcuno ci sorprenda. Sei assolutamente convinto che in questo posto nessuno sano di mente potrebbe farsi idee strane su una come me con uno come te. E questo, vabbè te lo confesso tanto siamo nel territorio dell’immaginazione perché dal vero non te lo direi mai, anziché umiliarmi mi manda letteralmente ai matti. Mi ecciterebbe sapere che c’è qualcuno che si dà di gomito e dice “hai capito che zoccola che ha rimediato Stefano?”.

- Sono venuta a farmi risettare il computer, tu come stai? – ti rispondo. Grazie per esserti informato sulla mia salute, a proposito.

- Sono passato qualche ora, non si può fare tutto in smartworking, non io almeno.

Cazzo, lo smartworking, che parola magica sarebbe, che ficata. Cioè, sarebbe una ficata se anziché farlo a casa con i miei lo facessi a casa tua. Invece mi sa proprio che tu lo fai a casa con tua moglie. Non prendermi per fissata, lo so che il lavoro è lavoro. Però che ci vuoi fare, me la immagino lì inginocchiata tra le tue gambe a succhiarti il cazzo mentre tu sei in conference call su Zoom. Oppure a pecora, sul letto, mentre te la sbatti e lei controlla il notebook. Te lo dico perché un giorno mi ci sono trovata io, sul mio letto, a controllare il notebook. Non è che mi ci fossi messa proprio apposta, a pecora, eh? Mi ci sono ritrovata. Non sarà la posizione più composta del mondo ma ogni tanto capita a chiunque, immagino. Mica c’era malizia. Però che cazzo vuoi che ti dica? A un certo punto ci ho proprio pensato. Ho pensato: chissà come mi scoperebbe ora Stefano se fosse qui dietro... madonna, mi sfonderebbe. Che poi boh, chi lo sa, mi avresti sfondata? Ne avresti avuto voglia?

In ogni caso, tanto per tornare allo smartworking, vorrei che ti fosse chiaro che il pompino durante la conference call te lo farei meglio io. Cioè, obiettivamente non ho idea di come te li faccia tua moglie, ma comunque ne sono certa. E penso anche che sarebbe meglio escludere il microfono e la videocamera per un po’. Purtroppo però tra noi lo smartworking non è contemplato. Tra noi è più una cosa che funziona... beh, in genere funziona che io ti dico “non è che puoi pensare che io sia la puttana sempre pronta quando fai un fischio”. E in genere... beh sì, in genere te lo dico qualche oretta prima di spalancarti le cosce davanti. Poche ma sentite e dignitose parole, no? Anche perché poi, quando ci vediamo davvero, ne dico altre. Per esempio “Dio, cazzo, sì! Fottimi! Sono la tua troia!”.

- E il virus? – mi fai.

Beh sì, cazzo, il virus. Alzo la mascherina che ho in mano e te la mostro sorridendo. Me l’hanno spacciata come una Ffp2 senza filtro. Mah, tipo le sigarette, insomma. Meglio di niente comunque. Me la sono messa in ascensore e poi ho anche disinfettato le mani con l’amuchina. Perché chi cazzo lo sa chi entra in quell’ascensore?

- Vieni qui, dai.

- Ci sarebbe il social distancing... – osservo avvicinandomi.

- Ma non rompere il cazzo...

Poi fai una cosa che non solo non mi sarei mai aspettata, ma che sarebbe anche buffa se non fosse di per sé proprio oscena, indecente e, ammettiamolo pure, anche un po’ da stronzo.

Perché baciarsi no, ok. Ma spingermi e rovesciarmi a novanta sulla tua scrivania invece va bene? Tirarmi giù solo i leggings e le mutande va bene?

Lo stretto indispensabile, no? Cazzo, come la prima volta, in quell’albergo. Te lo ricordi? Io sì, benissimo. Vabbè, mi avevi anche baciata, ma allora si poteva, e mi avevi anche dato una lussuriosa tastata al culo. Poi però sul letto, a pecora, subito-subito. Tirandomi giù pantaloni e mutande a metà coscia. Lo stretto indispensabile, appunto.

Che poi non è che a me vada male, eh? No, chiariamo. A me va pure bene. A parte il fatto che non si potrebbero fare, ma non è che in questo momento mi senta tanto in vena di preliminari. Però, cazzo, tu una cosa me la devi dire. Come facevi a sapere che lo potevi fare? Sì, intendo proprio quella cosa lì, infilzarmi di botto senza nessuno sforzo. Con un cazzo come il tuo, poi. Perché va bene che mi eccito in fretta ma dai, cazzo, così... fradicia in questo modo in tre secondi, giusto il tempo di scoprirmi il culo? E che cazzo, su, sarebbe record mondiale... Come facevi a saperlo? Sì, ok, ho cominciato a bagnarmi appena ti ho visto, va bene. E ho anche sentito qualche crampetto. Ecco perché... zup! hai trovato la strada aperta (sì, è un doppio senso ed è voluto).

Però pure te, cazzo, come fai ad avercelo così? Mica te l’avevo notato. E sì che un’occhiata lì bene o male ce la butto sempre. Invece... bum, così, versione palo bollente.

Cazzo. Duro. Grosso. Dentro. Più o meno di colpo. Più che aprirmi o riempirmi me la smonta, me la disinstalla. Cazzo che botta di cazzo. E una botta così chiama uno strillo. Eh beh sì, per forza. Già strillo in genere, di mio, figuriamoci ora, figuriamoci così. Comunque al piano non c’è nessuno, no? Vabbè, tanto per un po’ sto zitta perché non ho proprio più fiato. No, aspetta, adesso il fiato mi ritorna: “Oddio! Sì! Cazzo! Porco, sei un porco!”. Eh sì, che ti aspettavi, chiare fresche e dolci acque?

Un po’ lo prevedevo, te lo confesso. Il primo orgasmo è stato quasi fulmineo. Cioè, che ci posso fare? Dopo tutti questi giorni di desiderio, di voglia calda, di un paio di ditalini portati a termine e di un altro centinaio appena accennati? Non lo so perché, ma è un periodo che non mi masturbo più tanto. Si vede che mi era rimasta tutta dentro, la voglia, e che tu l’hai fatta esplodere. Mi sembra che mi tremino pure le unghie.

E anche il secondo orgasmo sì, lo sospettavo che sarebbe arrivato a ruota o quasi. Mi conosco, sai? Che ne so, magari se concentravo tutto sul primo a quest’ora ero morta, boh... Vabbè, cazzate, non so più che cosa dico né che cosa penso.

Cioè, un pochino sì che lo so cosa dico e cosa penso.

Ti dico di darmelo tutto, il cazzo, di non smettere, di fare più forte. Oh, ancora, ancora, ancora. Questa sensazione che la prossima botta sarà quella che davvero mi sfonda, realmente, e io che ti supplico di farlo. Ma non succede mai e allora spero che sia quella ancora dopo. Sfondami, sfondami, sfondami!

E penso anche che sei sempre uno lento a venire, grazie al cielo, ma che oggi mi sembri pure più lento. Lo sai, no?, che se mi sbatti così per cinque-minuti-cinque di fila mi innamoro. Ma adesso saremo oltre, no? Mi sa che ho ragione io a pensare che tua moglie un po’ i coglioni te li asciuga, in questi giorni. Mica sono gelosa, cazzo, sia chiaro. Cioè, se il risultato è questo va benissimo così, anche se... anche se è pericoloso. Sì, pericoloso! Perché se invece di cinque mi sbatti per dieci-minuti-dieci di fila, quell’innamoramento diventa passione travolgente, diventa amore vero! Un cazzo che ti sbatte per dieci minuti, guardate che è un'eternità. Che coss’è l’amor? Beh, tante cose, ma di sicuro una è questa.

E del resto come faccio a non amarti? Sono dieci minuti che urlo, che sudo, che smanio. Ho perso il conto degli orgasmi, ma mi avrai fatta donna quattro-cinque volte qui sopra, sulla tua scrivania. Ti amo, ti adoro. Sono tua. Mettimelo pure nel culo se vuoi, spaccami, spiaccicami. Sono tua, come faccio a non amarti, cazzo? E se adesso ti amo, la sai un’altra cosa? Beh d’accordo, è proprio una scemenza, ma in questo momento la tua non è solo una sborrata-accompagnata-da-un-grido. No, ok, non succede niente perché prendo la pillola, non ti preoccupare, te l'ho detto. Ma il fatto è che l’uomo che amo mi sta inseminando. Cazzo, sì, sarà una cosa cretina ma non sai come la sento tantissimo in questo momento sta cosa. Il tuo seme sparato in me, che mi si riversa dentro. E mi dispiace persino un po’ che faccia quella fine. Ma la chimica è chimica e Yaz è Yaz. Oddio, non è che se me lo mettevi in bocca o nel culo faceva una fine diversa, eh? Però anche i simboli contano...

Ok, fine dei giochi. Resta un attimo dentro anche tu, così, ansimante. Non andare via subito. Solo il tempo di riprendere fiato, ancora piegata su questa scrivania. C’è una cosa che mi ronza in testa, ma non è quella di prima. Non mi ronza in testa che coss’è l’amor.

- E il virus? – domando voltando un po’ la faccia verso di te.

- Resta un attimo così, a novanta gradi.

- Va bene, ma perché?

- Perché a novanta gradi il virus muore.


(ok, mi ero ripromessa di non scrivere nulla su pandemia e dintorni, ma poi un cretino mi ha mandato sta cazzata su whatsapp e non ho resistito. Scusate, non lo faccio più)

Questo racconto di è stato letto 2 0 9 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.