Mildred e Patrick capitolo 3°

Scritto da , il 2019-02-18, genere dominazione

“Prima che andiamo di la puoi chiamarmi Mildred e farmi tutte le domande che vuoi. Una volta varcata quella porta tu sarai solo il mio schiavo ed io la tua signora, quindi se vuoi parla adesso.”
Dopo esser entrata nel suo appartamento non diedi a Patrick neanche il tempo di salutarmi, che presi la parola per chiarire un'altra volta il rapporto che si stava creando fra noi due.
Lui dopo un momento di sbigottimento, mi fece diverse domande sulla cintura di castità, soprattutto riguardo ai suoi effetti a lungo termine. Lo tranquillizzai dicendogli che non l'avrebbe portata per sempre, e che doveva prenderla come una forma, forse estrema, della devozione che doveva avere nei miei confronti.
“Vedi non ho alcuna paura che tu mi tradisca con qualcuna, anche perché non ne saresti fisicamente capace.” gli dissi mostrandomi sicura di me “Non voglio però che tu possa godere in mia assenza. Inoltre se vorrò, non potrai neanche eccitarti senza provare un po' di dolore, ma questo lo vedremo a breve, perchè sarà la tua prima prova da vero slave. Hai detto che mi vuoi vedere scopare con degli stalloni, a me va bene, ma pagherai il prezzo con la sofferenza di non poterti neanche toccare l'uccello.”
“Neppure una sega alla fine ?”
“No almeno all'inizio, poi sono certa che troverai nuove vie al piacere, e del resto ieri sei quasi venuto senza toccarti solo prendendolo nel culo. Inoltre la tua massima ambizione è diventare una sissy devota, e in quel ruolo il cazzo è solo un ostacolo.”
“Va bene andiamo, però prendi tu quella cosa li, a me fa impressione anche solo la scatola.” mi rispose stringendo un po' le spalle.
“Prima andiamo in bagno perchè ti devo depilare, se non altro per una questione d'igiene.”
Patrick non era molto peloso, ma non per questo depilarlo fu qualcosa di semplice o veloce. Iniziai usando una macchinetta per tagliare i capelli, passandola con cura sia intorno ai genitali, che sulle natiche, facendogliele tenere ben aperte quando si trattò di togliere i peli al loro interno. Il passo successivo fu completare la depilazione con lametta e schiuma, stando molto attenta a non tagliarlo, ma allo stesso tempo ad eliminare anche il più corto dei peli residui. Completai l'opera massaggiandolo con una crema rinfrescante, per poi aspettare che questa facesse effetto.
Il risultato finale fu un uomo completamente glabro nella zona dei genitali, rendendolo quasi comico. Guardandogli il sedere mi venne ben più di una voglia di sodomizzarlo seduta stante, ma poi tralasciai pensando a come l'avrei torturato con la cintura di castità.
Portai quindi Patrick in camera, per sedermi sul letto con al mio fianco quella strana gabbietta.
“Bene mettiti davanti a me con le gambe aperte.” gli dissi tenendo in mano la parte inferiore della cintura “Ti consiglio di chiudere gli occhi per evitare una qualsiasi erezione, che sarebbe per te solo dolorosa.”
Lui obbedì così gli potei prendere un testicolo e metterlo nella gabbietta, facendo poi la stessa operazione coll'altro, per finire col pene al quale non diedi il tempo di gonfiarsi tanto fui veloce.
“Poiché ho usato l'anello più grande, metterò la mezza luna superiore con le punte anti-erezione, in modo che ogni tua anche minima eccitazione, si trasformi immediatamente in puro dolore.”
Chiusi infine la cintura di castità col suo piccolo lucchetto, e mi fermai a guardarla. Il suo aspetto era sia massiccio che minaccioso, e solo la sua trasparenza mitigava in parte la sensazione di violenza che trasmetteva. Decisi di provarla subito per quello che riguardava la parte anti-erezione, così m'alzai per togliermi l'abito, sotto il quale avevo indossato un intimo molto sexy, fatto di pizzi trasparenti e sottili strisce di raso.
“Apri gli occhi, ma tieni le mani dietro la schiena.”
Non appena aprì gli occhi, Patrick ebbe un tentativo d'erezione, subito bloccato da quei piccoli aculei di plastica, che gli avevo messo alla base del pene.
“Scommetto che vorresti buttarmi sul letto e scoparmi come una troia, magari buttandomi il cazzo dentro il culo per dimostrare quanto sei maschio.” gli dissi dopo essermi girata per poter poggiare le chiappe contro il suo pene ingabbiato “O forse preferisci farti delle gran seghe mentre qualche stallone mi sbatte al tuo posto ? Qualche bel ragazzo con un grosso cazzo che mi scopa davanti ai te che ti fai una sega dopo l’altra. Invece sei lì che non ti si può neanche drizzare il cazzo, e puoi solo farmi godere con la tua lurida lingua. Anzi sai cosa ti dico ? Inizia a leccarmi i piedi e poi con calma sali sino alla fica, ma mi raccomando, non provare ad usare le mani altrimenti te le lego.”
Patrick s'accucciò per terra ed iniziò a leccarmi i piedi ancora infilati nei sandali, passando accuratamente la lingua fra le dita. Lentamente, come del resto gli avevo ordinato, risalì lungo le gambe, e solo quando fu a metà delle cosce, mi sfilai le mutandine. Come vide la mia passera ormai umida, si piegò nuovamente per il dolore provocato dalle punte anti-erezione.
“Lo so ti fa male non poter dar sfogo alla tua eccitazione.” gli dissi sedendomi sul letto ed aprendo ancor di più le gambe “Devi però capire che questo è solo l'inizio, e che dovrai imparare a convivere con dolori ben più grandi di questo. Del resto sei stato tu a cercare me per diventare il mio schiavo, quindi adesso leccami bene la fica perchè voglio avere almeno un paio d'orgasmi.”
“Sì Padrona, come ordini tu.” mi rispose pronunciando le prime parole da quando gli avevo chiuso il pene nella cintura di castità.
“Bravo Il mio cagnolino.” gli dissi accarezzandogli i capelli “Ora però fai il tuo dovere e fammi godere.”
Lui iniziò a leccarmi la passera con la consueta devozione, ma a differenza delle altre volte godevo molto di più perchè sapevo quanto stava soffrendo, col suo pene chiuso in quel guscio di plastica. Il suo respiro si fece man mano più affannoso, diventando quasi un rantolo dopo che mi fece avere il primo orgasmo, ma non volli avere nessuna pietà, per quello che ormai consideravo il mio giocattolo umano.
“Leccami anche il culo.” gli ordinai mettendomi carponi sul letto “Voglio sentire la tua lingua dentro come se fosse un piccolo cazzo.”
“Padrona ti prego...fa troppo male.” mi disse pregandomi di smettere quella tortura.
“Se vuoi possiamo smettere anche subito.” gli risposi passandomi un dito dentro la passera “Posso toglierti la cintura di castità così potrai farti la più bella sega della tua vita, ma ovviamente questo sarà anche la fine della nostra relazione, perchè subito dopo me ne andrò lasciandoti solo come un verme. Sai benissimo che se me ne vado non ti rimane che andare da qualche Mistress che ti usa come vuoi solo perché la paghi, mentre io ti voglio sempre con me per il puro piacere di avere uno schivo. Quindi adesso smettila di frignare e obbedisci, altrimenti ti metto a pecora e sai quanto ti ecciti quando ti stimolo il culo.”
Messo alle strette non gli rimase che avvicinare il volto al mio sedere, aprirmi delicatamente le chiappe e leccare tutto intorno al buchetto prima d'infilarci dentro la lingua.
“Devo ammettere che con la lingua sei bravo, tanto che ti userò prima o poi come preliminare con qualche toro da monta, magari vestito da troietta giusto per non farti dimenticare il tuo ruolo. Scommetto che quella cretina con cui stavi non si faceva leccare prima di prendere qualche bel cazzo, ma del resto se non aveva capito che razza di verme sei, non meritava di godere come voglio io.”
Per punire la sua insofferenza cercai con tutte le mie forze di ritardare il più possibile l'orgasmo, ben sapendo quanto dolore poteva provare.
“Domani ti porterò da Riley.” gli dissi anche per umiliarlo un po' “Visto che hai deciso a farmi da schiavo, ti farò depilare completamente in modo da poterti poi vestire da donna senza scadere nel ridicolo. Inoltre sono curiosa d'andare con te nel suo locale, anche per farti capire come vengono trattati i servi come te, visto che ti lamenti per non poter avere un'erezione.”
Sapevo che Patrick era sotto il mio totale controllo, ma nonostante ciò volevo metterlo alla prova per capire sino a che punto mi potevo spingere, prima di sottometterlo in modo irreversibile.
Mi gustai la sua lingua fra le chiappe a lungo, pensando a come l'avrei potuto umiliare pubblicamente senza fargli perdere del tutto la faccia, prima di farlo un cornuto contento di pagarmi i conti solo per farmi vedere scopare.
“Credo sia il momento che tu mi trovi un uomo che mi faccia godere come merito, e non solo usando la lingua come puoi fare tu. Voglio un vero maschio con un gran cazzo, che capisca quando voglio fare la troia e quando invece la signora, pensi di riuscire a trovarmi uno così ?”
“Sì Padrona, conosco quasi tutto quelli che la mia ex si faceva davanti a me, quando si divertiva a deridermi perchè quell'altro era più dotato di me.” mi rispose quasi felice d'essermi utile.
Non so il perchè, ma il sapere che l'avrei umiliato a breve dandogli dell'impotente, mi fece raggiungere l'orgasmo quasi di colpo, per poi abbandonarmi sul letto.
“Rivestiti altrimenti mi viene voglia di farti soffrire ancora.” gli dissi per far sì che se n’andasse.
Patrick fu quasi un fulmine nel rimettersi i suoi vestiti, per poi passarmi il perizoma e l'abito che mi ero tolta poco prima.
“Ti chiamo domani per andare da Riley.” gli dissi prima d'uscire da casa sua “Se non rompi ti tolgo le punte anti-erezione, altrimenti ti metto un plug nel culo, chiaro ?”
“Sì Padrona, sarò ubbidiente lo prometto.” mi rispose chinando il capo.
“Dimenticavo, quando andrai a pisciare devi farla da seduto, e del resto non aspetti altro che diventare una troietta vogliosa.”
Lo lasciai nudo con addosso la sola cintura di castità per tornare nel mio appartamento, da dove chiamai Riley per fissare un appuntamento per la completa depilazione di Patrick, poi tornai su quello che ormai era il sito preferito per studiare nuove torture a cui sottoporre quel povero idiota.


Invito tutti a visitare il mio piccolo blog
http://serenathemiss.wordpress.com/

Questo racconto di è stato letto 1 6 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.