Una storia come tante

Scritto da , il 2022-08-10, genere etero

mi presento mi chiamo Aldo sono alto 1,78 ho 57 anni sono vedevo da un pò occhi scuri moro mi mantengo bene, un po di pancetta.
lavoro in un ministero quando torno dal lavoro dopo la doccia esco x fare una passeggiata incontro spesso una signora sempre elegante, ben curata con rossetto trucco leggero avrà sui 60 anni ne ero affascinato, il mio sguardo era rivolto a lei io gli sorridevo lei rispondeva al sorriso.. aveva un auto parcheggiata sulla strada così ho pensato di lasciare una letterina come si faceva quando ero ragazzo, dentro avevo messo
un petalo di rosa con scritto che volevo conoscerla e l'avrei aspettata al tale posto...
il giorno dopo vado dove era l'appuntamento, dopo un pò la vedo arrivare mi presento Aldo lei Mara parliamo un po di noi lei mi dice che era sposata io gli dico se avrebbe accettato un invito a cena, lei mi ha detto che il marito ogni tanto x lavoro andava via un paio di giorni e ci saremmo accordati intanto ci vedevamo il pomeriggio che aspettavo x incontrarla era bellissima, capelli biondi lunghi occhi chiari labbra carnose un 3 di seno un bel lato b alta 1,70; cosi arriva il giorno che aspettavo la sera la vedo arrivare con un vestito lungo con uno spacco laterale calze velate nere era un superstar
ceniamo dopo andiamo in un pub musica balliamo la stringevo a me facendo sentire la mia erezione lei mi guardava e rideva usciti dal pub arriviamo alla macchina prima di arrivare l'appoggio su un muro e la bacio lei dopo un primo no no mi abbraccia partecipando al bacio non abbiamo smesso fino alla macchina, poi siamo andati a casa mia mentre la spogliavo la baciavo lei spogliava me ci siamo trovati nudi a fare un 69 leccavo e morsicavo quella fica succhiando tutti i suoi succhi mentre lei affondava la sua bocca sul mio cazzo non volevo arrivare così lo girata lei era rossa bella sembravamo 2 ragazzi ai primi amori cosi ho appoggiato il cazzo nella sua fica entrando dentro lei Haaaaaa Haaaa anche se era lubrificata un urletto la scopavo univamo le nostre lingue tra i suoi gemiti siiiiiiii siiiiiiii ancora amore è tanto che non facevo l'amore, dopo lo fatta girare scopandola a pecorina dove vedi il cazzo sciacquare dentro la fica ogni affondo era un gemito finche non è venuta come una fontana io continuavo ancora finche anche io sono venuto in fica siamo rimasti abbracciati x tutta la notte la mattina lo accompagnata. abbiamo continuato la nostra tresca finche un giorno non lo più vista, dopo un po sono venuto a sapere con un sms che si erano trasferiti all'estero.

X CONTATTI HO CONSIGLI SCRIVERE A ( a.lola.milu@gmail.com )

Questo racconto di è stato letto 3 4 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.