Un giovane ragazzino di 18 anni

Scritto da , il 2022-09-17, genere prime esperienze

tutto ebbe inizio all'età di 18 anni ero un ragazzo esile biondo con dei tratti femminili senza peli sul corpo. avevo finito la scuola non avevo più voglia di andare a scuola, allora mio padre mi ha trovato un lavoro come assemblatore di macchine serigrafiche.
non era un lavoro pesante fortunatamente essendo mingherlino e magro, spesso in quella azienda dopo qualche mese ricevetti la notizia che si dovevano fare delle trasferte essendo l'ultimo arrivato sicuramente sarei stato uno dei prescelti.
spesso venivo deriso dai miei colleghi erano tutti più grandi di me io nei loro confronti ero un ragazzino, portavo i capelli lunghi biondi non avevo un pelo sul corpo. dopo un pò di tempo mi venne comunicato che il lunedì successivo sarei partito x una trasferta di 15 giorni in una località del sud con ( Andrey ) un rumeno di 59 anni grosso un po panciuto, non sposato molto puntiglioso e arrogante, quando mi vedeva non mi degnava di uno sguardo. il giorno della partenza mi sono presentato al mattino presto con la valigia, al suo arrivo con il furgoncino ho caricato la valigia montato lato passeggiero e siamo partiti x la località del sud a noi assegnata, le uniche parole da lui pronunciate sono state queste; da adesso in poi comando io tu dovrai solamente ubbidire, altrimenti questo sarà il tuo ultimo lavoro. io impaurito ho risposto si signore, dopo 12 ore siamo arrivati in un albergo dove avevano prenotato solo una camera matrimoniale x risparmiare, ne ho parlato con Andrey lui ridendo mi ha detto x lui non cera nessun problema se non volevo dormire con lui potevo dormire sul tappeto ridendo ancora, io gli risposi non sono un cane, allora dormirai nel letto con me. e non rompere le palle te lo già detto chè devi fare quello che voglio io.
salimmo in camera chiesi se potevo fare una doccia x primo lui acconsentì xk doveva fare una telefonata. mi lavai ed uscì dalla doccia con i boxer, lui era ancora al telefono, poi entrò subito in doccia io intanto mi ero messo nel letto stavo quasi x addormentarmi quando lui esce dalla doccia con l'accappatoio passò dall'altra parte del letto tolto l'accappatoio era nudo rimasi a bocca aperta aveva una grossa pancia sotto aveva un cazzo moscio sarà stato 15 cm moscio, con una cappella violacea a forma di fungo, e due palle enormi che penzolavano feci finta di dormire, lui si corico nudo, ma dopo un pò sentivo che me lo stava appoggiando sul mio culetto non dissi una parola, ma mi stavo eccitando, lui ha continuato a strusciarsi sul mio culetto poi mi ha preso x i capelli e senza garbo mi ha tirato sul suo cazzo io gli ho detto che non volevo lui mi ha sputato in faccia, e mi ha forzato sul suo cazzo che nel frattempo era diventato duro x me era la prima volta che vedevo un cazzo senza avere la forza di ribellarmi lo preso nella bocca non arrivavo alla meta lui mi spingeva la testa giù finche non sono arrivato alle palle con qualche conato di vomito, mentre lui mi masturbava il culetto con un dito dopo poco mi è venuto nella bocca con dei schizzi che mi sono arrivati in gola, mi ha fatto ingoiare tutto il suo sperma, senza farmi sciacquare la bocca xk dovevo abituarmi al suo sapore. CONTINUA

X CONTATTI HO CONSIGLI SCRIVI A ( a.lola.milu@gmail.com )

Questo racconto di è stato letto 1 5 9 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.