Una storia che non ti aspetti

Scritto da , il 2022-07-31, genere sadomaso

io sono un tutto fare in una villa al centro di Roma, dove vive una coppia lei una nota giornalista della tv lui un grande avvocato sono molto ricchi anche io mi trovo bene ho un bellissimo stipendio, vitto alloggio. un giorno facendo il solito giro delle stanze era tutto ok poi va via la luce dopo poco entra in funzione il generatore ma ballavano le luci cosi scendo nei sotterranei sento dei lamenti provenire da una stanza dove neanche io avevo accesso ma da una finestrella si poteva vedere dentro, quello che apparso ai miei occhi a dell'incredibile, cerano due signori con dei cappucci che gli davano scosse elettriche lei urlava Haaaaaaaaaaa Haaaaaaa basta vi prego cosi la sciolgono non stava in piedi e sbamm abamm se la passavano a schiaffi sei una puttana siiiiiii è vero sono una zoccola e sbam sbam poi si tirano giù i pantaloni avevano cazzi spaventosi lei in ginocchio posso baciarli padroni gli anno dato 2 pedate vedo apparire l'avvocato vestito da master lei era in terra la fa inginocchiare gli sferra un calcio in mezzo alla fica facendola piegare in due e poi schiaffi calci, la prende x i capelli la trascina fino ai 2 prendili in bocca puttana lei si signore li prende in bocca finche poteva allora lui dietro gli spingeva la testa con il piede fino a farla soffocare quando vedeva che gli mancava il respiro la liberava, lei con respiri affannosi uno di loro si sdraia in terra su un materassino lei si impala lui la spinge di colpo facendola urlare haaaaaaaa haaaaaa subito l'altro gli entra in doppia ancora urla poi inizia a godere siiiiiiiiiii siiiiiiiiii sfondatemi l'avvocato e brava la giornalista sei una puttana lei si lo sono e lui sbamm sbamm ceffoni aveva le guance rosse intanto la scopavano con violenza mentre il marito la riempiva di schiaffi poi gli dice inculatela a sangue... lei sto x venire il marito la prende x i capelli sfilandola dai cazzi senza garbo e calci non provare a venire troia ninfomane poi si è sfilato la cinta dei pantaloni e la frustava sensa un attimo di tregua lei urlava di dolore la stava frustando con la fibia sulle chiappe inculatela questa troia era piena di sangue inculati tutto e senza sosta lei si signore se lo è infilato in un colpo solo quel palo di carne, subito dopo senza preavviso alcuno gli è entrato in doppia haaaaaaaaaaaaaaaa quanto urlava gli avevano fatto il culo come una voragine la stavano montanto come due cavalli lei era la loro cavalla ogni spinta la spostavano lei godeva sensa tregua siiiiii siiiii signore posso venire lui sbamm sbam no schifosa non ce la faccio più, signore la prego lui schiaffi ti devi controllare con il cervello se vieni ti taglio il seno lei no no no signore intanto gli avevano rotto il culo era pieno di sangue lui intanto la schiaffeggiava con forza loro la inculavano ancora poi l'avvocato gli a detto vieni lurida lei siiiiiiiiiii siiiiiiiiii vengo si si Aaaaaaaaa godoooooo poi l'anno alzata x i capelli messa in ginocchio e gli anno pisciato in bocca ogni conato di vomito erano schiaffi quando anno finito il marito gli ha detto ti amo grazie tesoro domani devo registrare mi avete riempita di lividi metterò un pantalone.

QUESTA STORIA è FRUTTO DELLA MIA FANTASIA.....

X CONTATTI SCRIVERE A ( a.lola.milu@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 4 1 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.