Parole che non avremmo voluto sentire

Scritto da , il 2021-10-18, genere etero

Ciao, volevo mettere questo racconto nella categoria “comici”. Ma poi mi sono resa conto che “tragici” sarebbe stata più adatta, peccato che non c’è. Persino “feticismo” sarebbe andata bene come categoria, visto che in fondo sono un po’ feticista delle parole. Ma non è molto nelle mie corde.

Vabbè, che poi non è nemmeno un racconto. Sono istantanee prese qua e là, incidenti di percorso, sfighe. In genere sfighe.

******

Elena si era letteralmente invaghita dell’amico di Marco. A vederla, avrei giurato che gli sarebbe saltata addosso da un momento all’altro. Però come sia andata precisamente non lo ricordo bene.

Avevo davvero ecceduto. Vado per impressioni, qualche flash. Elena e l'altro che scompaiono, per esempio, e che dopo un po' si sentono ridere dall'altra stanza. E le risate di lei che dopo un po' diventano qualcos'altro, inconfondibile. Io e Marco che ridiamo a nostra volta ascoltandoli. Sono distesa sul divano con i piedi appoggiati sulle sue gambe, dopo un po' non ho più né anfibi né calzini e lui mi fa il solletico.

Marco non è esattamente Alessandro Roja, anzi. Ma l’amico è pure peggio. Vabbè, del resto nemmeno Elena è tutto sto granché. Lo so, sono stronza, però è la verità.

Di sicuro a un certo punto gli dico "no, non mi va". Altra cosa sicura è che un po’ dopo glielo sto succhiando ma ho addosso la sgradevole sensazione di essere stata, se non costretta, forzata fisicamente. Non più di una sensazione, comunque c’è. E infine un paio di posizioni, ma in questo caso devo chiaramente prestato il mio consenso perché il dialogo me lo ricordo: "No, dai, trova un preservativo", "mica posso andare a chiederlo a quei due".

Il sabato mattina è come da programma: ci svegliamo sole in casa. Io però sul divano, coperta dal suo cappotto e con indosso solo una camicetta. Elena avvoltolata sotto le coperte nel suo letto, che di solito condivide con il suo fidanzato, ma vabbè. Mi ci infilo dentro, ho freddo, non capisco praticamente un cazzo. Sul pavimento in effetti un paio di preservativi ci sono. Ah, ok, abbiamo fatto le troie, lei decisamente più di me, pazienza.

Potrebbe anche essere finita lì. Senonché qualche giorno dopo in facoltà mi si avvicina Gabo, uno un po' più grande che ho conosciuto a una festa universitaria. Bel ragazzo, anche se si crede molto più figo di quel che è. In più, è abbastanza stronzo e arrogante nei modi. Uno di quelli che ti verrebbe da dirgli "la tua arroganza dovresti dispiegarla in altre occasioni", per poi aggiungere "non con me, beninteso". Ma mi sta troppo sulle palle, per cui non gli ho mai dato molta confidenza. Visto che sto aspettando che la macchinetta finisca di fare il caffè, però, sono completamente indifesa di fronte al suo attacco.

- Ti posso dire una cosa? - chiede, ma il tono non è gentile. E' tipo "te la dico con o senza il tuo permesso".

- Dimmi - rispondo un po' fredda.

- Tu con uno come Marco non me lo sarei mai aspettato.

- Cosa? - rispondo per pura difesa, prima ancora di cominciare ad agitarmi.

- Almeno non gli hai dato il culo...

- Scusa, ma chi cazzo sei? Cazzo vuoi? Che ne sai?

- Le voci girano, i video pure.


*****

- Succhia, succhia, ti piace succhiare cazzi, eh?

Tono da dominator a parte, sono io che lo sto signoreggiando. Nonostante la posizione un po' indecente, inginocchiata sul letto tra le sue gambe. Sono la domina del suo piacere. Quella mano che mi fa andare su e giù la testa forse lo illude di essere lui a comandare, ma non è così. Persino il ritmo lo decido io e, più che tra le fauci, sento di averlo in pugno.

Sì, d'accordo, lui insulta e fa "dai... daaaaiii che ti sborro in bocca". E a me piace pure. Ma in realtà confido che ne conservi anche per dopo. Perché dopo si che mi andrebbe di essere scopata e trattata da puttana.

- Non ingoiare, non ingoiare troia... cazzo, cazzo, che bocchinara...

No, d'accordo, non ingoio, ti spalanco la bocca davanti affinché tu possa gustare anche l'elemento visivo della tua performance, ti faccio vedere quanto sono brava pure in questo. Anche perché, diciamoci la verità, non è che tu abbia tutto questo prodotto interno lordo. Poi butto giù e ripulisco per bene. Indugio con qualche bacetto sui riccioli del pube, risalgo leccandoti fino all'ombelico e oltre, fino ad adagiarmi su di te come se fossi un materasso. Un po' di ciu-ciu-ciù per consentirti il meritato riposo, il recupero delle forze.

Niente ciu-ciu-ciù. Mi scosta. Anche un po' bruscamente. Per dirla tutta, se mi mettesse la mano aperta in faccia e mi spingesse via sarebbe meno ipocrita.

- Vatte a sciacquà, che me fa schifo.


*****

Questo snapshot qui avrebbe un titolo: “Lo spiritoso”. C’è chi si contenta con poco.

- Quanto cazzo voi?

- Ma levate… ahia, mi fai male!

Tirarmi la coda dei capelli è ok, ma solo in certe occasioni.

- T’ho chiesto quanto cazzo voi…

- Ma te ne vai affanculo?

- Lo vedi che n’hai capito una mazza?

- Cioè?

- T’ho chiesto quanti centimetri di cazzo voi, venti vanno bene? Ahahahah…


*****

E questo potrebbe essere: “Lo spiritoso 2, a volte ritornano”. Titolo alternativo: “Come smettere di farsi fare un pompino”.

- Dai, dammi il culo…

- No, voglio farti venire con la bocca.

- Appunto.


*****

Eccolo lì, non c'è nemmeno bisogno di chiamarlo.

- Ciao!

- Ciao.

- Che ci fai da queste parti?

- Come che ci faccio? Sono venuta per te!

- Ah, e perché?

- Semplice, volevo vederti.

- Oh...?

- Ci ho pensato tutta la notte...

- Quel poco che ne restava, siamo andati a casa alle cinque.

- Tanto non ho dormito.

- E che hai fatto?

- Ti ho pensato, diciamo...

- Ahahahah...

- Ma mi sono fermata prima, a quello voglio che ci pensi tu... tu ti sei svegliato ora?

- Beh, sì.

- Dove mi porteresti?

- mmm... si potrebbe andare su da me, i miei sono al lavoro, maaa...

- Ma?

- Cioè, scusami, ma io ho la ragazza.

- E allora? Mica voglio spezzarle il cuore.

- Sì, ma non si... cioè, non la voglio tradire.

- Stanotte però non la pensavi così...

- Sì.. no, cioè, è stato fantastico, eh? Però avevo bevuto, mi ero calato... pure tu, no?

Cioè, spiegatemi la psicologia dei maschi. Anzi no, la psicologia di questo qui. Ci conosciamo una sera, restiamo a parlare due ore su una panchina e ci baciamo pure. Mica una pomiciatona, eh? Non si poteva. Poi mi dice “ci vieni domani al Caribe?” E d'accordo, non puoi passare a prendermi perché hai una cena di compleanno di un tuo amico, devo rompere il cazzo a una mia amica avvertendola che, però, mi riporta a casa un tipo. Si presenta anche più figo della sera prima e non è che si mette a ronzare, cerca proprio me. Balliamo e saremo pure stati ubriachi e calati, ma ci divertiamo un sacco. Alla faccia della fidanzata, direi a posteriori. Poi mi riporta a casa e lui – lui, eh? non io - si ricorda che non ci siamo ancora scambiati i contatti.

- Ma davvero non ti va?

- Non è che non mi va, è che non... non è giusto, ecco, non è corretto.

- Non ci posso credere... Il pompino in macchina era corretto?

- No, non è proprio... senti, ma perché non fai una cosa?

- Cosa?

- Perché non aspetti mio fratello? Lui la ragazza non ce l'ha e tra un po' torna da scuola.


*****

- Rimettitelo dentro, ché l'amico tuo può tornare da un momento all'altro.

- Se è per questo è da mò che ce sta a guardà.


*****

Non vorrei urtare qualche suscettibilità ma, almeno per quanto mi riguarda, non ho mai capito sta cosa dei piedi. Non credo di averli particolarmente brutti, questo no, ma nemmeno particolarmente belli. Me ne sono sempre un po’… non dico vergognata ma... Ok non mi viene il termine, ma ci siamo capite/i. Ricordo pure che la prima volta che un ragazzo mi tirò giù pantaloni e mutandine gli dissi di non togliermi i fantasmini, per insicurezza. Poi, nel primo sessantanove della mia vita, mi resi conto che quello che gli interessava non erano esattamente i miei piedi e mi tranquillizzai. Resta il fatto che questo feticismo non lo capisco. Proprio non lo capisco.

- Non me ne frega un cazzo delle tue fantasie...

- Io invece vorrei leccarti tra le dita dei piedi.

- Certo… poi magari ci baciamo, no? Ma vedi d'annattene...

- Aspetta, non mi ci lasceresti fare una sega sopra?


*****

- Non ci ho mai messo così poco a rimorchiare una lesbichetta - dice con il sorriso di chi ha in mano tutta la situazione.

Ammetto che è proprio quel vezzeggiativo-diminutivo, "lesbichetta", a farmi perdere la testa. Un minuto dopo siamo nel bagno del locale. Addossata al muro e con le braccia tirate su, i polsi bloccati dalla sua mano.

- Non è che sono proprio lesbica... - sussurro.

- Sei una zoccoletta a disposizione... - commenta lei, sempre con quel sorrisetto ironico.

Mi vuole scopare ma al tempo stesso mi tratta con la condiscendenza che riserverebbe a una nipotina di sei anni, mi fa impazzire. Non so come siamo passate da "cosa bevi di buono?" a questo. Non so come la voglia di fare la scema con cui ero uscita di casa si sia tradotta in baci scambiati su una poltroncina troppo stretta per tutte e due. E non so nemmeno se mi abbia detto la verità. Trentacinque anni? Mah, se è così se li porta maluccio, con quell'accenno di zampe di gallina al lato degli occhi. Per il resto, donna meravigliosa. Il fisico asciutto vestito di strass, un po’ troppo corto forse, più adatto a me che a lei. Belle gambe, però. Sguardo da boss, da una che ha le idee chiare. I capelli corti con delle ciocche ribelli azzurre e rosse. E gli occhi vivaci come il sorriso. Accattivante? No. Direi proprio invitante, irresistibile in certi momenti. L'effetto è stato questo.

- Senti come sei bagnata, ti faccio godere come nessuna ha fatto mai.

Mah, sì e no. Bello, comunque. Con la mano infilata negli shorts e la bocca sul mio seno. E soprattutto quel senso molto definito di essere sopraffatta mentalmente da una tanto più grande di me. La "lesbica" e la "lesbichetta", appunto.

- Ti va di leccarmela tu?

- Faccio quello che vuoi...

- Anche qui?

- Sì, anche qui...

- Non è un problema se ho il ciclo, vero?


*****

Una sorpresa. Oddio, non del tutto. Quando ho accettato di venire a cena da te non è che l’ho fatto per i cannelloni che tua mamma ti mette in valigia (e che comunque… complimenti, eh?). E però tutto potevo immaginare che, dopo quattro baci e una mano tra le gambe, la prima cosa che avresti fatto sarebbe stata farmi sedere su di te e cercarmi subito il buchino. Sì, d’accordo che l’altro giorno quando abbiamo pomiciato me l’hai stretto parecchio e mi hai detto “hai un culo che parla”, ma se dovesse finire così con tutti quelli che lo apprezzano starei fresca.

Una sorpresa, ripeto. Magari un po’ dolorosa. Troppo attrito, non era lì che ero bagnata quando hai scostato il peri. E poi è abbastanza noto che “Annalisa goes anal” non è il mio film preferito.

No, non è che non mi piace mai. Non mi fa impazzire, tutto qua. D’accordo, d’accordo, a volte mi fa impazzire, ok, soprattutto quando è così, un po’ a tradimento.

Infatti stavolta mi piace, mi piace proprio, anche se all’inizio ti ho detto “cazzo fai?”. Oppure “sei pazzo?”, boh, non ricordo. Mica sono scappata, no? Mica mi sono messa a urlare. Beh sì, è vero, un po’ sì, ma non puoi pretendere che mi stia proprio zitta. Minimo sindacale, si dice, vero?

Comunque ti assicuro, mi piace, mi sta piacendo. Sarà perché con le mani sei bravo. Fregna e grilletto con una, tette con l’altra… proprio bravo. Ti sento in pancia e anche più su.

Però una cosa devo chiedertela. Devo. Appena finisco saltarti sopra e di strillare, appena finisco di invocare “inculami!”, “piano!”, “rompimi!” (non so voi, ma a volte sono incoerente e contraddittoria) una cosa giuro che te la chiedo. Giuro.

Chi cazzo è sta Silvia?



Questo racconto di è stato letto 1 8 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.