Lapsang Souchong

Scritto da , il 2021-01-18, genere etero

Il pentolino smaltato comincia a sussurrare, animato dal rumore dell'acqua che si avvicina all'ebollizione richiamando imperiosamente la mia attenzione.
La teiera in terracotta è già calda quando apro la scatola decorata del tè affumicato.
Contemplo le miniature di antiche immagini cinesi che riproducono la raccolta delle preziose foglioline, l'essiccazione e la fermentazione, mentre gli aromi del legno di cedro e di pino si impadroniscono dei miei sensi.
Chiudo gli occhi e mentre affiorano nella mente gli antichi suoni di paesi orientali, ancestrali riminiscenze scolpite nel mio codice genetico, il sentore forte e maschio di fumo mi accarezza il collo, mi risale dietro alle orecchie e si infila fra i capelli della nuca come le dita di due mani che, delicate, desiderano la mia seduzione.
Una carezza mi sfiora la schiena. Un palpito di ricordi, immagini confuse che viaggiano nel tempo e nello spazio prendono forma poco sotto il livello della coscienza, inafferrabili, eppure concrete.
Tre cucchiaini del nero te trovano rifugio nel fondo umido della teiera, subito invasa dell'acqua, rapita poco prima del punto di bollitura.
Il calore estrae l'anima dei monti Wuyi, riproduce le lusinghe dei pendii della regione del Fujian, le storie di popoli che da secoli coltivano la camelia assecondandone i capricci ed arricchendola delle fragranze strappate col fuoco da fiori e legni pregiati.
Volute di fumi profumati accarezzano le foglie del souchong (1) imbrigliandosi e mescolandosi con le sfumature di sapore del tè.
Le combustioni sprigionano essenze che si condensano sulle foglie finemente arricciate.
Le stesse serpiginose, azzurrine, seduzioni si alzano come rettili domati da flauti indiani, prendono vita come fuochi fatui ricchi di presagi, si staccano esuberanti dalla tazza di liquido ambrato risalendo lungo il mio corpo come carezze sussurrate che dal mio ventre mi sfiorano il seno, avvolgendomi alle ascelle e perdendosi tra i capelli.
Dita leggere e discrete mi massaggiano la nuca.
I movimenti armoniosi della dita e della braccia di danzatrici balinesi, scolpiti in musiche riemerse dall'alba dei mondi, all'origine di antiche civiltà.
Inspiro gli aromi cinesi mentre il tè nero mi stimola i sensori del piacere.
Sapori che sfiorano il mio corpo e obnubilano la mente, ovattano le altre sensazioni.
Come una sacerdotessa rapita dai templi giapponesi per officiare a cerimonie nel sud est della Cina, mi lascio cadere in trance, avvolta dalle spire del profumo del tè, mentre, dall'interno, i sapori si diffondono lungo la mia schiena sfiorandomi i punti più evocativi del piacere sessuale.
Inspiro voluttuosamente alternando i movimenti del respiro per impadronirmi delle sfaccettature più recondite del sapore dell'infuso.
Attorno a me la grigia città svanisce, arricchendosi degli sgargianti colori, maliziosamente ammiccanti, di aquiloni volanti al ritmo di musiche tribali.
Un'altra tazza, un altro sorso per sfuggire le catene della gravità e volteggiare corteggiata dagli aromi, sedotta dalle increspature dei sapori.
Sorretta, vezzeggiata, finemente stimolata in tutti i miei apparati percettivi, galleggio nell'etere abbandonandomi alla seduzione più carnale.
Orgasmi di profumi e di sapori, colori ed immagini dell'estremo oriente riesumati dalla potente capacità evocativa della bevanda magica, mi sfiorano irriverenti nei miei anfratti più intimi, per non abbandonarmi se non dopo l'estasi che consegue all'orgia di sensazioni e sublimazioni.
Come posseduta da forze aliene, mi consegno docile alla sublime estasi; assaporo una nuova tazza, concedendomi un nuovo giro di giostra.
Chiudo gli occhi e rilasso i muscoli del dorso, mi sciolgo su una soffice poltrona arrendendomi alla forza tentatrice delle bevanda orientale.
Neanche il freddo, il lockdown o la prigionia della zona rossa possono alcunchè contro la possessione occulta della miscela affumicata.
Mi arrendo e mi lascio scivolare nell'oblio, abbandonata sull'altalena di ricordi, riminiscenze ed immagini evocative.
Estremo oriente.
Prigione dei sensi, liberazione della mente.

Nota:
Il Lapsang Souchong è una varietà di tè nero cinese. Conosciuto in Cina con il nome Zheng Shan Xiao Zhong, viene prodotto esclusivamente nell'area dei monti Wuyi, al nord della regione del Fujian, in particolare nella contea di Tong Mu. Questo tè nero, dopo essere stato fatto ossidare, viene essiccato e affumicato con legno di pino o cedro. Si presenta con foglie intere, di color nero e leggermente arricciate. L'infuso è di colore ambrato-arancione.
Il tè preferito di Winston Churchill.

1. Souchong è il nome che prende la quarta foglia della pianta del tè, partendo dal germoglio apicale. La prima foglia viene chiamata orange pekoe, dal colore arancione del germoglio, ed è la più delicata, la seconda si chiama pekoe, la terza pekoe souchong.

Questo racconto di è stato letto 1 0 0 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.