Jap possession

Scritto da , il 2021-01-06, genere dominazione

[prosecuzione di 'Trapani a percussione']

Annalisa giace nuda sul letto, legata alle mani ed ai piedi, le cosce spalancate.
'Contenzioni morbide ai quattro arti' si direbbe, se fossimo in ospedale. Ma siamo in una camera qualsiasi, non sappiamo neanche dove ci hanno portato, ma conta poco.
Non conta neanche che ci siano a guardarci i due manzi che fino a poco fa ci hanno trivellate in tutti i buchi che hanno trovato. Ormai fanno solo parte dell'arredamento e non ci facciamo neanche caso.
La bionda mi guarda con terrore, ma io la conosco quella piega particolare del suo labbro. Solo io, e forse pochi altri, sappiamo leggere quell'espressione di attesa, di malizia erotica.
Mi sono sbarazzata anch'io dei vestiti e, nuda di fianco al letto in cui è bloccata, la sovrasto con la mia altezza. Le mostro una piuma, gliela sbandiero davanti agli occhi azzurri e l'espressione di malizia si tramuta in gelo, il terrore in orrore.
“No, Yuko, non vorrai... Con queste cose non si può scherzare!” ed inizia a ridere come una scema.
Mi appoggio il capo su un indice della mano e la guardo incerta.
“Certo che te lo meriteresti”
Quella continua a ridere, anzi peggiora. Il suo corpo trema tutto dalle risate, il seno vibra con una sensualità irresistibile, i capezzoli le si sono induriti. Le dita dei piedi sono contratte nello spasimo del solletico solo minacciato. Senza neanche provare a sfiorarla, so che potrebbe vendermi l'anima. Senza neanche toccarla.
Mi sfioro i capezzoli con la piuma, traendone un sottile piacere. Ma lei non coglie il lato erotico e scoppia in una nuova disordinata risata, quasi non riesce a respirare. Ora cominciano a farle male gli addominali, ma io mi inginocchio di fianco a lei.
Le sfioro il collo discendendo fino al seno, ma la matta comincia ad urlare come se la sgozzassi.
Mi giro incontrando lo sguardo di Leone, che, tra i due toscani spettatori, mi sembra quello più lucido. L'altro ha una mano nei pantaloni e sta impastando il salame di cioccolato.
Mi fa segno di stare tranquilla, qui nessuno ci sentirà.
Abbasso la piuma sul ventre, la strofino fino al taglio che, fra le gambe, arrossato e gonfio per le intense stimolazioni appena subite, sussulta come una gelatina sopra una tartina di salmone.
Annalisa si divincola e si contrae sbattendo il bacino come in una crisi comiziale.
“Nooooooo! Yuko, ti prego, ti prego, ti pre...ch-ch-ch-ch-ch.....!!!”
Qui non andiamo da nessuna parte.
Le tocco un capezzolo con la punta della piuma e quella esplode in un nuovo accesso di risate sguaiate.
Basta, ci vuole una decisione.
Mi inginocchio tra le sue gambe, le apro la vulva ed inizio a succhiarle il clitoride.
“Ha ha ha ha ha ha haaaaa..... aaaaah ah ah ah ah ah ah!!!”
Il palindromo spiegato in cinque secondi. Come la disposizione di una lettera muta, la 'H', cambia diametralmente le sensazioni di una donna legata. Alle risate al godimento, il passo in fondo è breve.
Ok, la situazione è di nuovo sotto controllo. Mi guardo in giro. Avevo alcune cosette nella borsetta. Di certo questa notte non pensavo di passarla al teatro.
La trovo, Leone me la porge e si gratta il mento, curioso di come evolverà il trattamento.
Frugo un attimo e...
'Click'
Un rumore molto evocativo riempie la stanza di colpo ritornata silenziosa.
La mia vittima alza il capo per cercare di capire qual è la sevizia che sta per abbattersi sul suo lungo corpo. Un metro e settantasei di pelle da tormentare.
“Oh nooo! Yuko.... cazzo!”
Lascia cadere il capo sul lenzuolo proprio mentre un affare vibrante le si infila tra le gambe.
“Cazzo cazzo cazzo cazzo..... cazzo!”
Il diaframma ricomincia a contrarsi ed il respiro a svelare l'effetto che si genera nelle profondità dei suoi abissi vaginali.
Ma io sono già all'angolo del letto e le afferro un piede.
Un accenno di risata subito strozzata da un nuovo spasmo alla pancia.
Inizio a succhiarle un alluce. Lei si contrae, ma io le porto una mano sul clitoride ed il piede si paralizza di colpo e torna flaccido in mio potere.
Le passo la lingua tra l'alluce e il secondo dito, lentamente, poi lo succhio, me lo ficco tutto in bocca e me lo sfilo lentamente. La maiala finalmente comincia a godere. O forse il vibratore le ha del tutto occupato la mente. Le allungo una mano tra le cosce e glielo spengo, lasciandolo però piantato dentro in vagina.
Le strofino con una mano il grilletto e con l'altra le reggo il piede che sto succhiando. Le passo la lingua sotto le dita e gliele succio una ad una.
Ad uno ad uno esploro ogni solco tra le dita, finchè abbandono anche il clitoride per dedicarmi solo ai piedi.
La bionda non dice nulla, ma a giudicare dal rivolo che le esce tra le labbra, lì fra le cosce, direi che il massaggino sta producendo qualche effetto.
Sì, ogni tanto scoppia con qualche risatina da paperetta, ma direi che la lingua che le sta misurando ogni dito, ogni piega, sta prendendo il sopravvento.
Il bacino si muove come in una danza del ventre, sensuale ed eccitante, ed il vibratore trasmette all'esterno gli spasimi che si inseguono nel suo apparato genitale.
Inizio a succhiarle l'alluce, dentro e fuori, come se lo stessi spompinando. Il caldo, la saliva bagnata, la suzione, hanno un effetto devastante e stanno scardinando le resistenze della bionda.
Contrae le braccia per potersi toccare il seno, il ventre o direttamente la figa, ma non riesce a vincere la resistenza delle corde.
La mia lingua ora le disegna spirali di saliva intorno ai malleoli. Quello interno è sempre il più sensibile e, mentre con le dita le massaggio la pianta del piede, subito sotto le dita, con la lingua continuo in infinite carezze, calde e bagnate. Le faccio anche un paio di succhiotti, proprio tra il malleolo e la pianta, in apparenza molto apprezzati.
Al bordo della stanza, nella semi-oscurità, Sebastiano ha sguainato la sciabola e le sta rifacendo il filo. Leone guarda incuriosito.
Io continuo a leccarle il piede e con una mano allungo leggere carezze che dal malleolo si distendono sulla coscia fin quasi a lambire la topa.
Annalisa contrae il petto, il seno si muove con i movimenti del respiro.
“Ma cosa ho fatto di male...” miagola, il respiro interrotto da spasimi.
“Zitta!” e riaccendo il vibratore.
“Yuuuuuuuuuuuuu......... kooooo-o-o-o!”
Io intanto armeggio nella borsetta.
Mi riavvicino alla mia prigioniera, spengo il vibratore. Sento che tira un lungo sospiro.
“Che cos'è che volevi ieri notte?”
Lei ansima ancora, ma mi guarda con aria interrogativa.
“Eh? Cos'è che io non avevo e che tu volevi che io avessi?”
“Cosa???”
Riaccendo il vibratore.
“Cazzo, Yuko, spegni quell'arnese!”
Lo spengo. Le mostro la piuma, con una minaccia più che velata.
“No... no, ti prego, jap!”
Ricomincia a ridere. Il petto le sussulta. Mi viene una voglia di mangiarmele tutte e due, quelle tette di panna cotta.
Mi trattengo. Le salgo a cavalcioni sul ventre e mi siedi di peso sul suo monte di Venere. Sento il contatto immediato del suo monte di Venere sulla vulva. Certo che mi viene 'na voglia...
“Cosa hai detto, allora, stanotte?”
Lei si ferma e ci pensa un attimo. Gli occhi le si illuminano.
“Ah si! Ma Yuko... io non intendevo...”
“No, no, no! Tu volevi il cazzo e ti lamentavi che io non l'avessi!”
“Ma no, dai... e poi ora ne ho preso anche fin troppo!” e col mento allude ai due gorilla che seguono la scena pietrificati in religiosi silenzio.
“Sì, ma non da me.”
“E perchè, tu come potresti...”
Non finisce la frase perchè nel frattempo le ho sfilato il vibratore, facendola sussultare e, nascondendolo dietro alla schiena, le ho infilato qualcos'altro.
“Oh cazzo, e adesso?”
Io taccio, con la mano le infilo e le sfilo il nuovo arrivato, morbido e lungo.
Pochi movimenti e la bionda ricomincia a sciogliersi e gemere. Mi guarda, ma gradualmente chiude gli occhi e si abbandona al piacere. La mia mano è gentile, l'oggetto ben levigato ed il resto, la lubrificazione, ce la mette lei.
Apre le bocca e piega indietro la testa, mentre io mi alzo e mi sposto sulla sua vulva.
Lo strumento è bello lungo e, tenendoglielo piantato in figa, mi ci infilo dall'estremità che sporge.
Lentamente adeguo l'entrata nel mio corpo all'oggetto che sporge dalla vulva della bionda. Mi ci metto comoda e comincio a spingere e rialzarmi.
L'affare mi si infila dentro e spinge all'interno della romana ad ogni affondo che faccio.
Mi appoggio sui suoi seni e comincio a scoparla, ed ogni volta sento la gomma che mi entra dentro e mi dà piacere. Lei apre gli occhi e mi vede sopra di lei, le mani sulle tette, il mio bacino che ondeggia; ogni volta le spingo dentro il fallo e chiudo gli occhi sentendolo farsi strada dentro di me.
Lei mi guarda, io la guardo. Ad ogni affondo gli occhi si stringono e le bocche si aprono in un espirio di godimento.
Le slego le mani, voglio che mi tocchi. Che mi prenda le tette, mi graffi la schiena, che mi stringa a sé, che mi faccia qualunque cosa.
Lei mi prende i fianchi assecondando e guidando il mio movimento sopra e dentro di lei, ed ogni volta che il mio bacino si abbassa sul suo ventre, il gommoso ci si infila sempre più dentro, sempre più bagnato e sempre più scivoloso.
È lei che ci guida entrambe ad un doppio orgasmo. Ci teniamo per mano e ci coordiniamo per venire insieme, mentre, poco discosti, i due torelli si stanno shakerando i manici.
Ma proprio mentre sto per venire, lei lascia le mie mani e mi prende i fianchi, mi stringe al suo corpo per spingersi dentro il fallo di gomma e per spingerlo dentro fino in fondo anche a me.
Rimaniamo per un secondo sospese nel nulla prima di abbandonarci al concerto di urla e gemiti ed alla sequenza di scosse sismiche che caratterizza i nostri orgasmi.
Vorrei abbandonarmi sul suo seno, ma così facendo mi sfilerei la carota, ed allora porto le mani dietro, mi appoggio al letto, inarco la schiena e con alcuni colpi ben assestati la penetro fino allo stomaco, ricevendone una analoga botta che mi riempie l'utero.
Solo quando le nostre urla si fondono in un indistinto rantolo, mi appoggio su di lei. Il mio seno trova riposo sul suo, le sue mani mi avvolgono la schiena e restiamo una bocca sull'altra a lasciar dialogare le nostre lingue nell'idioma che a loro più conviene.
Poi è come se svenissi, allungata sul suo corpo, e non ricordo più nulla.

Questo racconto di è stato letto 2 7 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.