Dita da pianista

Scritto da , il 2021-01-03, genere etero

Le tue mani sulla tastiera del pianoforte.
Le dita si muovono sicure su sentieri a me invisibili. Sfiorano leggere i tasti, li accarezzano.
Li sfiorano ma non ci si soffermano e, quando non me l’aspetto, calano sicure sublimando un accordo.
Le mie mani ti avvolgono il petto, il mio seno ti sfiora la nuca, mentre suoni per me.
Ma sono le tue note, le dita che toccano la tastiera, a sedurre il mio animo, piuttosto che il tocco leggero del mio seno e delle mie mani sul tuo corpo, a conquistare te.
In piedi dietro di te, mi perdo cercando di collegare l’andamento apparentemente incerto delle tue lunghe dita con la musica che scaturisce dalla cassa armonica.
Il ritmo sincopato di inizio ‘900, le delicate sequenze di Bethena, l’alternanza del walzer dolce con ritmi più sostenuti, il genio di Scott Joplin agli albori della musica jazz.
Dita su sentieri candidi interrotti da tasti neri, per scartare di lato, per sorprendermi ancora.
I tuoi polpastrelli sulla pelle bianca del mio viso, si lasciano sviare dalle sopracciglia nere.
Mi porti una ciocca di capelli sul volto per coprirmi lo sguardo e le labbra.
Poi sposti i sottili fili setosi, lentamente, per scoprire il mio sorriso, i denti bianchi tra le labbra; gli occhi allungandosi si rendono fessure, tasti bianchi e tasti neri, i tuoi polpastrelli sui miei zigomi chiari, si districano tra i miei capelli scuri, i cirri di fumo che circondano i miei occhi, bianco e nero, la pelle liscia come i tasti color avorio.
Tasti neri nella monotonia della pelle nivea. Mi sfiori la punta del naso e continui a suonare.
Ora mi lascio ammaliare dai volteggi imprevedibili di Michel Petrucciani.
Quelle fughe di lato che non ti aspetti mai, che ti suscitano lo stupore nutrendoti lo spirito.
Dita rapide lungo tutto l’excursus della tastiera, schizzano vivaci e subito dopo scivolano sinuose e indolenti, si arrampicano sulle scale musicali. Le melodie jazz si ricompongono su ‘September second’ e fuggono nelle rapide di quel fiume vivace che prende il nome di ‘Home’.
Quelle dita, quei polsi morbidi e ben oliati, passano e affondano sui tasti.
Tasti bianchi e tasti neri.
Tasti il mio seno, ci affondi i polpastrelli, invitante cedevolezza, la morbidezza dei tessuti, come la passiva e docile arrendevolezza dei morbidi tasti del pianoforte. Insegui la pelle bianca del seno con rapide fughe sui tasti scuri dei miei capezzoli, sfiori ed accarezzi, tasti e affondi ed ogni volta estrai note di piacere dalla mia bocca.
Ad ogni gioco con le dita, un sussurro ed un gemito.
Seguo le tue dita velocissime sulla tastiera e le immagino sul mio corpo.
Mi stringo a te, aderisco col mio ventre alle tue spalle che sussultano nei ritmi concitati degli accordi.
Mi mordo le labbra e mi perdo nei movimenti ora guizzanti, ora delicati, dei tuoi polpastrelli che fluttuano sui chiaroscuri delle note, come lungo i chiaroscuri del mio corpo.
Pelle bianca del mio volto, incoronato dalla criniera nera dei capelli, pelle candida del mio seno imperlata dagli occhietti scuri dei capezzoli, pelle nivea del mio ventre intorno al gorgo ombroso ed insondabile dell’ombelico.
La lucida e liscia superficie laccata dello strumento musicale intorno alla distesa lattea dei tasti bianchi.
Le tue dita miscelano i mezzi toni dosando il tocco sui tasti neri, imperiosamente e, di nuovo, soavemente, rotolando lungo il sorriso dei tasti bianchi.
Questa musica mi eccita, il ritmo mi entra nel sangue in competizione col ritmo dei battiti del cuore, asservendolo ed infine soggiogandolo.
Le tue dita, tutte in movimento su quel ghiacciaio color panna puntellato di erratici tasti neri, quelle tue dita sapienti ed irresistibili, che vorrei sentire sulla mia pelle, intorno a me e dentro di me.
Gelosa della tastiera da cui sai rapire melodie sempre nuove, strofino il mio ventre sul tuo corpo.
Gemo e sussurro per competere con le note ritmate che emergono dalla cassa armonica ed impregnano ogni cosa in questa stanza, i muri, i mobili ed i nostri corpi, le nostre menti ottenebrate.
Mi arrendo sulle note vagamente esotiche di ‘Laws of physics’, consegnandomi alle melodie leggiadre senza più opporre alcuna resistenza. Scivolo sconfitta sul tuo corpo sciogliendomi come un affogato al caffè, il bianco si fonde nel nero, ipnotizzata da quelle dita mai ferme e sempre sui tasti giusti per suggestioni che riscaldano l’anima.
L’avvio grave delle prime battute della ‘Patetica’ di Beethoven, quell’incertezza iniziale della celebre sonata per piano. Il tuo corpo si contrae, e si irrigidisce, mentre io trattengo il fiato, alle tue spalle.
Le note e gli accordi, gli incroci di mano sui tasti, così veloci che mi diventa impossibile seguire le tue dite.
L’occhio insegue, ma è sempre in ritardo, e la melodia ti confonde, ti magnetizza e ti impedisce di far ricorso alla regione. Solo un dolce naufragio, una dissoluzione nelle note del maestro.
Quelle stesse dita tastano e si affondano dentro di me. Tra le cosce pallide ed il ventre candido, oscilli ancora sui contrasti del mio corpo, perdendoti nel ciuffo nero del mio pube e riemergendo vittorioso verso il ventre alabastrino.
Tasti neri e tasti bianchi accarezzati in rapidissima sequenza, un palpito spirituale in ascesa, un anelito incompiuto, che per tre volte cerca di realizzarsi senza riuscirvi…
Scivoli nella mia vulva accogliente, le piccole labbra scure circondate dalle sorelle eburnee, la mia intimità dischiusa per le tue dita indagatrici. Chiariscuri, ‘bassifondi dell’immensità’, Black & White, il mio corpo in rappresentazione bicromatica.
E biscrome sono le note che sfuggono dai rapidi pizzichi che rubi alla tastiera.
Tre volte hai risalito la china per giungere all’apice della pienezza eterea, ed ora scivoli, irraggiungibile, su rapidissime scalette discendenti piastrellate di semibiscrome.
Musica, elevazione dell’anima, patrimonio di angeli caduti sulla Terra.
Sacerdoti e poeti del suono.
Grandinata armonica in una tempesta di suoni, affollamento di punteggiature sui pentagrammi, e le tue dita si rincorrono senza perdersi nei labirinti delle scalette di rapidi suoni.
Ritorna il ‘grave’ dell’introduzione, sul finale del primo movimento, e su di me il tuo tocco leggero.
Il mio corpo è ora la docile tastiera su cui le dita esperte sanno giostrare.
Estrai melodie dalla mia bocca variando affondi e carezze, alternando nei tuoi percorsi virtuosismi a sfiorare i miei tasti neri, seguiti dal riposo su quelli bianchi.
Ed io sulle eco delle musiche rubate alla tastiera, mi abbandono alla sapienza delle tue dita sul mio corpo, docile strumento per le tue mani da artista.

Questo racconto di è stato letto 1 5 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.