Quella testa di c..... di mio figlio

Scritto da , il 2020-10-14, genere tradimenti

Sono ormai due anni che mio figlio Massimo si è lasciato con la moglie Pina. Me lo venne a comunicare un pomeriggio, con un’aria da funerale, dicendomi che la storia era finita, esaurita, ma che, per non assumere una decisione definitiva e lasciare aperto un margine di ripensamento, aveva deciso di chiedere alla sua azienda di essere inviato per qualche tempo in un’altra regione.
Restai sconcertato e smarrito. Davvero il classico fulmine a ciel sereno. Massimo e Pina ci sembravano una coppia perfetta, due giovani belli e brillanti, innamorati l’uno dell’altra. In famiglia Pina era stata accettata ed era benvoluta come una figlia: una ragazza bella, formosa, forse un po’ vanitosa, ma allegra e intraprendente. Non riuscivo a capacitarmi delle ragioni di quella improvvisa rottura.
Partito mio figlio, io e mia moglie ci preoccupammo di non lasciare sola mia nuora. La invitavamo a cenare da noi e ci sforzavamo di mostrarle vicinanza ed affetto, dicendole di non rassegnarsi all’ineluttabile.
Pina era molto gratificata della nostra comprensione. Notai che, col passare delle settimane, il rapporto con me diventava sempre più confidenziale. Io l’aiutavo mentre sosteneva dei corsi, con le ricerche su internet, fino a tarda ora. Era d’estate, lo stare spalla a spalla, ed anche coscia contro coscia, con Pina, ci rendeva sempre più intimi, tanto più che, man mano che la sera diventava notte fonda, lei finiva per appoggiava il suo capo sulla mia spalla.
Quella notte mia moglie dormiva in camera da letto, estraniata dagli argomenti che non le interessavano, Pina sembrava non voler più ritirarsi a casa propria; l’accompagnai al cancelletto secondario del giardino, singhiozzava; con infinita tenerezza l’abbracciai nella semioscurità del giardino, ella si concesse con trepidazione e calore all’abbraccio.
Quella sera avevamo navigato su internet, ma soffermandoci su un sito indiscreto, che raccoglieva confessioni e testimonianze di amori infranti, di infedeltà coniugali, di sesso libero con sconosciuti. L’imbarazzo non ci faceva parlare, ma non avevamo potuto fare a meno di scambiarci qualche sospiro e qualche occhiata carica di passione trattenuta.
Adesso il turbamento si stava sciogliendo in quell’abbraccio prolungato. Non ne potevo più di trattenermi, l’erezione si fece prepotente nonostante i miei cinquantasei anni suonati, il cazzo duro si intrufolò tra di noi. Lei restò ferma nell’abbraccio, anche se avvertiva la pressione del mio pene sul davanti. Non mollò, non si allontanò, restò inchiodata in attesa come di qualcosa in sospeso nell’aria. Piano piano mi lasciai andare e, sia pure con grande cautela, spinsi contro di lei aumentando la pressione sulla fica; trepidavo fremendo, quando avvertii un primo, timido, leggero contraccolpo contro di me, poi un altro più deciso, con un movimento laterale che fece combaciare la punta del cazzo imprigionato negli slip con la dolce sensazione di vacuo in mezzo alle sue cosce.
Allora mi spinsi contro, con maggiore veemenza, feci scivolare le braccia lungo la sua schiena sino a raggiungere il suo bel culo. Mi strofinai allupato sbavando come un ossesso; la trascinai verso il lato del giardino protetto da un bell’albero di oleandro e la feci distendere su una panca di assi di legno. Le sfilai la gonna e le mutandine in un sol colpo, mi chinai in mezzo alle sue gambe aperte e cominciai a leccarle l’interno delle cosce, lasciando una scia di saliva, sulla quale di tanto in tanto soffiavo un filo di aria. La sua fica profumava dell’odore della gioventù, mista all’abbondante viscosità che le colava copiosa. Vibrava, gemeva, agitava le gambe e il bacino. Io leccavo ed inghiottivo la sua sbroda. Intanto la passione cresceva, avvertivo un’erezione che da decenni non provavo, Pina godeva delle mie carezze, stringendo tra le cosce la mia testa, tenendola premuta con entrambe le sue mani.
Si fermò, determinata mi sollevò la testa con le mani, una delle quali scese lesta verso la chiusura lampo dei pantaloni, l’aprì tirando fuori l’uccello; tesi anch’io la mano ad afferrarmi il cazzo e, come temevo, la cappella scoperta era già invischiata di uno strato di bava.
“Hai già sborrato?”, mi chiese.
“No, è liquido lubrificante, è presperma … mica hai un preservativo nella borsetta? ”, chiesi.
“No, non ne ho, mica sono una prostituta, io!“
Si puntò la cappella con forza verso l’apertura della fica, ma io la fermai. Eravamo eccitati all’ennesima potenza ma anche frustrati.
“Su, dammelo tra le cosce…”, continuò con voce rotta dalla foia.
Le infilai il cazzo tra la fica e l’attaccatura delle cosce, la punta fuoriusciva per un bel pezzo dietro. Pina strinse forte le cosce intorno al tronco del cazzo ed incrociò le gambe per offrire una presa maggiore. Si faceva scorrere lungo la mazza muovendosi col bacino avanti ed indietro, si aggrappò a me contratta negli spasmi dei lunghi orgasmi, le infilai la lingua nella bocca succosa in un bacio senza ritegno.
Fu allora che sentii che stavo per schizzare, sentii le ondate di sperma correre lungo la canna del cazzo. Anch’ella se ne avvide. Cercò di stringere ulteriormente le cosce. Lo sperma scivolò lungo le cosce imbrattandole.
Io mi stavo calmando, dopo la sborrata e la frustata di adrenalina, ella si sganciò e repentinamente si abbassò davanti a me e, con mia sorpresa, si portò alla bocca il cazzo mezzo moscio, sostenendolo con entrambe le mani. Lo succhiò infilandosi la cappella nelle fauci, succhiò e carezzò a lungo il mio sesso.
“Pina, non sono più un giovanotto, l’età gioca un ruolo importante nel sesso…”
“L’ho fatto perché ne ho sentito forte il bisogno, un’altra volta lo voglio prima di scopare”.
Si alzò forbendosi la bocca col palmo della mano. La condussi al fontanino, dove, con mille cautele per non far rumore, le lavai le cosce e mi lavai il cazzo. Ci lasciammo con un bacio e un appuntamento a due giorni dopo, in un posto sicuro.
Mi assentai dal lavoro quel giorno; all’ora stabilita, l’attendevo sul posto come fossi un tizio in attesa di chissà chi. Ella scese dal bus, per dirigersi verso una delle vetrine; quando il bus scomparve dietro l’angolo, si avvicinò e, entrata nella mia auto, inforcò un paio di grossi occhiali da sole e si mise in testa un cappellaccio dalle lunghe tese, il tutto per nascondere il proprio viso.
Raggiungemmo rapidamente una località poco distante dirigendoci verso un alberghetto poco vistoso, ma, nello scendere dall’auto, lei sbottò:
“Mi porti in albergo, ma io non sono una puttana….”
“Pina, temevo di offenderti di più se ti avessi portata in un posto isolato all’aria aperta”.
Non avanzò altre obiezioni e mi seguì, calandosi ancor di più il cappello sulla testa e tenendosi un po’ a distanza mentre io, anticipando una congrua mancia, mi facevo dare una stanza alla reception.
Salimmo al primo piano, la stanza era squalliduccia, ma pulita ed aveva il bagno in camera. Sentii il bisogno di scusarmi di nuovo:
“Il posto non è degno di una donna come te, ma è anonimo e riservato”.
Non replicò, si avvicinò al letto, vi salì sopra testandone la solidità, quindi sgattaiolò subito in bagno. Sentii lo scroscio della doccia, ne approfittai per spogliarmi e ficcarmi sotto il lenzuolo nell’attesa di lei che, di lì a qualche minuto, apparve sulla porta del bagno con un telo che la copriva dal petto alle cosce. La luce del bagno svelava le trasparenze del telo e metteva in risalto le forme rigogliose di quel corpo. Per un istante mi venne di pensare che la scelta di mio figlio di rinunciare a quel bendidio era davvero inspiegabile.
“Eccomi!”, mi annunciò con la sicurezza di una donna consapevole delle sue armi di seduzione.
Lasciò cadere il telo e, con le poppe traballanti, si affettò a prendere posto nel letto al mio fianco. Sollevò il lenzuolo e, lanciato uno sguardo tra l’ammirato e il canzonatorio verso il mio cazzo già inalberato, esclamò:
“Mmmm…. Per essere il cazzo di un vecchietto, non è niente male!...”
Allungai le mani verso quel corpo, verso quei fianchi rotondi ed accoglienti, attirandola verso di me, e le rivolsi un complimento:
“Cosa vuoi, sei tu che faresti resuscitare anche un morto!”
Lei mi sorrise, si piegò verso la mia pancia, impugnò con decisione il mio cazzo che già scalpitava, lo scappellò e, dilatando con due dita la fessura della cappella, leccò e vi inserì la lingua facendovi scorrere della saliva che poi succhiò.
Trasalii per il piacere intenso e sottile, abbandonandomi alla sua iniziativa.
“E’ diverso il cazzo di uomo anziano che ti ritrovi…”, mi disse tra una leccata ed un morso al tronco, “ … è meno duro di uno giovane, ma più elastico, e mi dà la sensazione che si dilati divenendo più largo”.
Continuava a succhiare schioccando la lingua, ad un certo punto mi infilò il preservativo di colore nero fuliggine e si sedette tra le mie cosce infilzandosi con l’asta che nel frattempo si era fatta dura, svettante.
Mi chiavava lei, sollevandosi ed abbassandosi sul cazzo che calzava anche stretto nella sua giovane fica pelosa, notavo che il preservativo si era già inzuppato all’esterno di una densa crema bianca. Inarcò la schiena e cominciò a biascicare parole inframmezzate da sospiri e sibili di aria che fuoriusciva dai denti stretti.
A quel punto la presi ponendole le mani dietro le chiappe e la rovesciai di fianco; mi destai e, mettendola a quattro zampe, cominciai a montarla alla pecorina. Lei urlò sotto i colpi feroci che le infliggevo, disse tante delle oscenità che sortirono il risultato di farmi sborrare copiosamente come un cavallo.
Fu lesta a girarsi, a togliermi il preservativo e a cominciare a suggere tutto il sugo che colava dalla canna del cazzo. Alla fine si acquietò abbandonandosi in un caldo e tenero abbraccio. Prima di abbandonarsi ad un rilassante riposino mi sussurrò, confidandosi:
“Devi sapere che non è la prima volta che faccio l’amore con una persona molto più grande di me … è successo quando ero molto giovane e non fu un’esperienza felice …. oggi, invece, mi sento appagata!“.
La coprii amorevolmente col lenzuolo e mi rilassai anch’io, restando a pensare ad occhi chiusi. Per un momento avvertii un sottile senso di colpa. Era doveroso che mi dessi carico della solitudine di mia nuora. Ma era giusto che arrivassi a prendere il posto di mio figlio?
Ma non ebbi molto tempo di rimuginare questi pensieri perché, dopo una decina di minuti, Pina si ridestò e, allungando la mano verso il mio cazzo smosciato, esclamò sorniona:
“Uhmm … ti vedo in disarmo …. se vuoi, te lo rimetto in sesto subito…. ”
Le risposi subito un po’ piccato:
“Certo, non ho il recupero di un ragazzino, ma se hai un po’ di pazienza ti assicuro che ….”
Mi sorrise, affettuosa, mi appoggiò le sue belle tette sul petto e mi baciò con trasporto:
“Ma sì, non voglio approfittare del mio bel vecchietto!.... tanto, credo che ci rivedremo presto!”
E, difatti, ci siamo rivisti ancora, almeno cinque-sei volte, ma non più in albergo. Sono stati incontri non programmati, improvvisati, ma proprio per questo più intriganti. Il più delle volte in casa, nella momentanea assenza di mia moglie, come due amanti fuggiaschi. E Pina ha messo in mostra tutta la sua straordinaria abilità puttanesca, portandomi al massimo dell’eccitazione e svuotandomi di ogni energia.
Nel frattempo, anche per l’intensa attività mediatrice di mia moglie, i rapporti tra Pina e mio figlio si erano riallacciati. Ed una sera, a cena, Pina ci comunicò che l’indomani sarebbe partita per raggiungere nostro figlio, su suo invito. Mia moglie era al settimo cielo, elettrizzata e finalmente serena.
Nel giro di poche settimane Massimo si ritrasferì in città, i due piccioncini si rimisero insieme e, per inaugurare la nuova vita, decisero di fare un viaggio, il secondo viaggio di nozze. Al momento dei saluti, nel baciarla sulla guancia, io sussurrai a Pina di darci dentro e divertirsi; lei ne approfittò per soffiare al mio orecchio che sarei stato sempre presente nei suoi rapporti sessuali.
Tornati dal viaggio, i due ripresero la classica routine familiare. Nei primi mesi successivi Pina recitò la parte della moglie affettuosa e premurosa e non avemmo occasione di alcun incontro, neppure fugace. Poi, in prossimità delle feste di Natale, mio figlio e la moglie si trasferirono, come di usanza, a casa nostra, e la febbre tornò a scoppiarmi nelle vene.
Una notte lei scese in cucina per un sorso di latte; io ero là, nel tinello, che mi attardavo a vedere un po’ di tv, mentre mia moglie si era ritirata a dormire già da un po’. Pina era in baby doll, entrò facendo il giro intorno alla tavola, vi si sedette sopra davanti a me e spalancò le gambe. Le guardai la fica in mezzo alla peluria, era arrossata ed emanava un odore muschiato. D’un tratto lei mi afferrò la testa con le mani e la ficcò in mezzo alle cosce con la bocca sulla fica. Leccai quei labbroni infiammati ed insieme al suo succo, c’erano ancora tracce della sborra di mio figlio. Ella mi ci tenne forzata la testa, ancheggiando il bacino sotto le linguate che le infliggevo.
A quel punto si distese attirandomi sopra di lei, la montai aiutata dalle sue mani ad infilare il cazzo dentro. La fottevo senza remore, quasi con rabbia. Quando avvertì che la cappella si dilatava, mi sibilò tra un sospiro e l’altro:
“Vienimi dentro, adesso puoi riempirmi la fica con la sborra che finora mi hai fatto sempre ingoiare …”
A quelle parole mollai ogni resistenza e sbrodolai dentro laidamente spingendomi contro di lei. Pina si aggrappò alle mie spalle percorsa da fremiti che la facevano vibrare. Alla fine, mi baciò languidamente e, ricompostasi alla meglio, si avviò a tornare a letto, non senza avermi sussurrato:
“Ah, ora sì che mi sento piena!”
Passate le feste di Natale, Pina e Massimo sono rientrati a casa loro e per lungo tempo mi sono limitato a lanciare qualche occhiata assassina a mia nuora, ma nulla più. Del resto non sono uno stronzo, l’idea che il rapporto con mio figlio si fosse rimesso a posto non poteva che farmi piacere.
Finchè una domenica, ospiti a casa loro, subito dopo pranzo, mentre Massimo era andato a riposare in camera e mia moglie si era messo a lavare i piatti in cucina, Pina mi tirò in disparte e mi disse che voleva vedermi da solo, aveva da parlarmi di cose delicate.
Ci demmo appuntamento per il mezzogiorno successivo ad un bar di periferia. Ci mettemmo in un angoletto appartato, mi comunicò subito col volto tirato e con gli occhi inumiditi che con Massimo le cose non andavano bene, che lo vedeva assente e distratto e, anche a letto, un po’ abulico.
Cercai di calmarla, le dissi che anche stavolta ci voleva un po’ di pazienza, farne una tragedia non sarebbe servito a nulla. Mi rispose secca:
“A me un marito così non mi serve …. se proprio debbo tenermelo, mi faccio un amante! … non posso cadere in depressione per colpa sua!”
In quel momento mi sentii doppiamente colpito: per quel coglione di mio figlio, che ancora una volta non apprezzava la fortuna di avere per moglie una gnocca come Pina; ma anche per me stesso, che fino a quel momento mi ero illuso di poterlo sostituire tra le cosce della moglie.
Pina colse il mio silenzio di sgomento, e, avvicinandosi al mio orecchio, aggiunse maliziosamente:
“Fino a quando posso approfittare dell’affettuosa comprensione di mio suocero?”
Quelle parole ebbero l’effetto di ridarmi il sorriso e di restituirmi la capacità di parola:
“Su questo vecchietto potrai contare sempre …. Se poi non ti basterà, hai tutto il diritto di divertirti con chi vuoi”.
Il risultato di quel colloquio semiclandestino fu che cominciammo a riprogrammare i nostri incontri e Pina dovette piegarsi all’idea di andare a scopare in posti tranquilli. Mi feci prestare da un amico fidato una casetta di campagna non lontana dalla città e, con cadenza quasi settimanale, cominciammo a vederci là.
Sono sei mesi che le cose vanno alla grande. Pina è una chiavatrice straordinaria, fantasiosa, instancabile; lavora di lingua e di fica e mi manda al settimo cielo, spremendo tutte le mie riserve di vigoria e di sperma. A scopare più frequentemente e più intensamente con Pina mi sento rinfrancato, ringiovanito. E lo faccio senza alcuna remore, alcun rimorso, quasi come un dovere: il dovere cui viene meno quella testa di c….. di mio figlio!

Questo racconto di è stato letto 7 1 6 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.