NRIT-01

Scritto da , il 2020-03-30, genere dominazione

Da alcuni giorni in azienda c’è un nuovo responsabile IT, un uomo molto distinto ed elegante sui 40/45 anni, taciturno e sempre vestito di scuro. Diversamente dal precedente, non famigliarizza molto con i colleghi e resta sempre chiuso nel suo ufficio.
Le occasioni per vederlo non sono molte, quando alla mattina arrivi in ufficio lui è già al lavoro e quando esci per tornare a casa lui è ancora chiuso nel suo ufficio. Riesci a vederlo di sfuggita in mensa, dove comunque resta appartato senza dare confidenza a nessuno. La curiosità intorno al nuovo responsabile IT è molta, pochi hanno avuto occasione di parlare con lui, ma solo per questioni inerenti il suo lavoro. Le informazioni che sei riuscita a sapere sono scarse e si riducono al solo nome: Ing. Maximiliano Fuentes, di origini argentine.
Ultimamente fra te e le tue colleghe l’oggetto dei pettegolezzi è sempre il nuovo responsabile IT, l’alone di mistero che lo circonda lo rende molto affascinante e le battutine si sprecano. Provi a cercare sui motori di ricerca, ma non trovi niente su di lui, nemmeno un account su Linked-in !
Le giornate in ufficio sono spesso noiose, il tuo lavoro lo conosci molto bene e riesci sempre a ritagliare alcune ore durante il giorno nelle quali, al posto di lavorare, navighi in rete ed usi i social network. Chatti con le amiche, leggi i giornali e navighi nei siti di ecommerce alla ricerca dell’offerta imperdibile.
Ormai la perdita di tempo è diventata una routine, una piacevole routine.
Le settimane si susseguono noiose, la tristezza del lunedì mattina seguita dalla gioia del venerdì pomeriggio, ma un giorno qualcosa di diverso accade…
E’ un mercoledì pomeriggio, come tanti altri, quando nella tua casella di posta elettronica viene recapitato un messaggio che ha come oggetto “Strettamente personale” e come mittente il reparto “IT”.
Incuriosita apri la mail, il contenuto è scritto in tono molto formale.
“Come da policy aziendale sull’uso delle attrezzature e sulle norme corpontamentali durante l’orario di lavoro Le ricordo che NON è permesso usare il computer per scopi personali né dedicarsi ad attività che NIENTE hanno a che vedere con il suo lavoro. Per questo l’informo che la sua posizione potrà essere passibile di LICENZIAMENTO per giusta causa, in quanto dalle nostre evidenze risulta che entrambe le policy sono state ripetutamente disattese.”
Ti senti gelare il sangue nelle vene, ed un brivido si riperquote in tutto il corpo. Smetti di leggere ed inizi a pensare a quanto stupida sei stata, non ti sembra vero di esserti cacciata in un casino simile, se perdi il lavoro difficilmente ne potrai trovare un altro come questo.
Fingi indifferenza, le tue colleghe lavorano vicino a te, e riprendi a leggere la mail.
“Di seguito Le elenco le attività eseguite dal suo computer che sono in violazione con le policy aziendali sopra citate”.
La mail prosegue con un elenco lunghissimo che parte dal mese precedente, con tutte le pagine visitate comprese alcune imbarazzanti, in un sito di oggettistica erotica che ti piace consultare di tanto in tanto.
Al termine del dettagliatissimo elenco la mail prosegue:
“Sicuro di poter aggiustare la questione senza ricorrere al suo LICENZIAMENTO e senza che nessun altro, compresa la proprietà, vengano a sapere del suo comportamento scorretto le propongo di aggiustare la faccenda a modo mio. Se interessata ad aggiustare la faccenda, clicchi sul bottone con la scritta ACCETTO in fondo alla mail oppure per andare incontro al suo LICENZIAMENTO clicchi sul bottone RIFIUTO”.
La tua mente elabora velocemente tutte le possibili conseguenze della tua scelta, sai che potresti essere licenziata ma hai la possibilità di salvarti accettando la sua proposta. Non sei ingenua e sai bene che la proposta sarà sicuramente un ricatto sessuale, ma ti rendi conto che essere ricattata sessualmente è sempre meglio che finire licenziata. Non vedi alternative così prosegui la lettura.
La mail termina con un avviso che ti segnala l’auto cancellazione della mail appena effettuata la scelta oppure entro un breve lasso di tempo limite.
Non vuoi perdere il lavoro in un modo così stupido, quindi clicchi velocemente sul bottone “ACCETTO”.
Trascorrono solo pochi secondi e la mail sparisce dalla tua casella di posta come se non fosse mai esistita.
Ti alzi, devi prendere un caffè. Le tue colleghe sono sorprese perché non è il momento della pausa, ma le liquidi dicendo che ti senti assonnata e devi per forza prendere un caffè altrimenti ti addormenteresti.
Mentre percorri il corridoio che porta al distributore del caffè pensi a cosa succederà adesso, cosa dovrai fare per “aggiustare” la faccenda. E se poi proseguisse, pensi che potresti essere ricattata in eterno. L’unica soluzione che ti viene in mente è quella di cambiare lavoro il prima possibile ma ti rendi conto che non sarà facile.
Quando torni alla tua scrivania, ti accorgi che nella casella di posta elettronica è comparsa un’altra email con oggetto “Strettamente personale”. La apri subito, ci sono scritte poche parole.
“Sabato mattina ore 10.00” segue un indirizzo e poi la mail prosegue con “Gonna corta, camicetta bianca e scarpe con il tacco”.
In fondo alla mail un conto alla rovescia scandiva il tempo mancante all’auto cancellazione della mail.
Velocemente ti appunti l’indirizzo e attendi che la mail si auto cancelli.
Nei giorni seguenti, anche se molto preoccupata, ti comporti come se nulla fosse con la differenza che non perdi nemmeno un minuto di lavoro. Le tue colleghe non si accorgono di niente, chiacchieri con loro come hai sempre fatto ma i tuoi pensieri sono sempre fissi su cosa ti accadrà sabato mattina.
Il fatidico giorno arriva, ti prepari come scritto nella mail, sali in macchina, imposti il navigatore e ti lasci guidare fino a destinazione. Rimani a bocca aperta dalla sorpresa, all’indirizzo indicato ti trovi difronte ad un cancello che immette in un enorme parco. Il cancello è chiuso, quando stai per scendere e suonare al campanello, il cancello si apre ed una voce femminile uscita dal citofono ti avvisa di entrare.
Avanzi lentamente, la strada si addentra in un enorme parco e dopo alcuni minuti raggiungi una grossa villa. Parcheggi l’auto in quello che può sembrare un parcheggio e ti avvii a piedi verso il portone d’ingresso. Appena raggiunto, il portone si apre e sulla soglia compare una giovane ragazza, molto carina.
-Entra, ti stavo aspettando.-
Sorpresa dall’ambiente e dalla situazione venutasi a creare riesci solo a dire:
-Pensavo di trovare l’Ing. Fuentes-
La giovane ragazza ti guarda, ma non dice solo:
-Seguimi-
Segui la ragazza che si addentra nelle sale della villa e poi scende delle scale che conducono in una specie di spogliatoio. Arredato molto bene ed in stile con il resto della villa.
-Ti devo prepare, mi è stato detto che se vuoi puoi andartene altrimenti devi fare quello che ti chiederò-
-Va bene, ma cosa significa che mi devi preparare-
La ragazza apre un cassetto e prende delle polsiere, delle cavigliere ed una benda.
-Devo farti indossare questi, ai polsi ed alle caviglie-
Sorpresa chiedi spiegazione
-Ma perchè devo indossare queste cose, è proprio necessario-
Senza rispondere la ragazza ti prende le braccia e ti fissa le polsiere che si legano con dei lacci di peltro, poi si china e ti fa indossare anche le cavigliere.
-Ora ti devo bendare, ma non temere non ti succederà niente di spiacevole, questa è l’unica cosa che ti posso dire. Ti ricordo inoltre che se vuoi puoi andartene in qualunque momento-
La ragazza si porta alle tue spalle e ti benda gli occhi, lo fa molto lentamente cercando di metterti a tuo agio.
-Adesso ti posso introdurre nel Dungeon dove sei attesa-
Nel Dungeon ? cos’è il Dungeon pensi…
La ragazza ti prende per mano e lentamente ti guida all’interno di una sala, poi con gesti precisi ti fissa le braccia sopra la testa legando i polsi a “qualcosa” che pende dal soffitto, essendo bendata non riesci a vedere cosa c’è nella sala.
Senti i passi della ragazza lasciare “quel luogo” ed una porta aprirsi poi subito chiudersi.
Sei sola ? non riesci a capire.
Rumore di passi, evidentemente nella stanza c’è qualcuno. Il rumore dei passi si fa sempre più vicino. Riesci a sentire un profumo, ti piace, è un profumo maschile molto buono. Sei agitata e respiri in modo affannoso, però non hai paura non ti senti in pericolo. La persona nella stanza si mette alle tue spalle, tu non riesci a girarti perchè le braccia sono tese. Il profumo è più forte capisci che la persona è veramente vicina riesci a sentire il suo respiro sul collo.
Improvvisamente senti le sue mani appoggiarsi sui tuoi fianchi, non sai cosa aspettarti. Il suo tocco è leggero e delicato. Lasci viaggiare l’immaginazione e pensi che alle tue spalle possa esserci il nuovo responsabile IT, in fondo è un bel uomo e tu e le tue colleghe qualche battutina l’avete fatta. Le mani scorrono dai fianchi sulla pancia, e li indugiano salendo e scendendo ma evitando le zone sensibili.
Sono mani enormi, una da sola riesce a coprire tutta la tua pancia. Senti le sue labbra appoggiarsi sul collo, la sua lingua scorrere fin sotto al mento. Una mano inizia una lenta salita passando in mezzo ai seni, a stento trattenuti nella camicetta. Raggiunge la bocca che stai tenendo chiusa, un dito passa sulle tue labbra ed indugia sulla bocca cercando un varco. Cerchi di resistere non vuoi cedere ed aprire subito la bocca ma la tua tenace resistenza soccombe appena Lui, con l’altra mano entra nella gonna, la sorpresa è tale che spontaneamente apri una breccia sufficiente a lasciar passare il suo dito medio in bocca.
Cerchi di trattenerlo fra i denti, ma non vuoi fargli del male ed allora allenti la presa e lo lasci esplorare. Il dito è molto grosso e lo senti girare per tutta la bocca. Ti senti tirare contro il suo corpo, è molto robusto e duro come una roccia, poi lo senti sembra grosso come una chiave inglese è premuto contro la tua schiena. Ti senti schiacciare dalla mano nella gonna che ti spinge all’indietro contro il suo corpo. Nella bocca ora ci sono due dita che contrastano la lingua. Improvvisamente vieni lasciata, ne dita in bocca ne mani nella gonna. Lui si mette al tuo fianco ti prende la testa ed inizia un tentativo di bacio. Senti la sua lingua sulle labbra, preme per entrare. Gli apri la bocca, e ti lasci baciare. Il bacio lo conduce Lui, ti schiaccia la lingua e poi la solleva e così per alcuni minuti fino a quando improvvisamente smette.
Resti delusa perchè il bacio ti piaceva, avresti voluto proseguire, anzi adesso vorresti qualcosa di più.
Non è successo niente di più di un bacio eppure sei in stato di massima eccitazione, forse a causa della posizione che ti espone alla mercè di chiunque, forse perchè immagini che nella stanza ci sia Fuentes, forse il profumo…
I tuoi pensieri vengono interrotti, senti le sue dita scorrere sull’interno delle cosce. Un brivido ti percorre il corpo, cerchi di spalancare le gambe più che puoi vorresti che quelle dita salissero nelle tue parti intime, apri la bocca ed inarchi la testa all’indietro. Ti senti bagnata, anche senza essere stata toccata, sei in estasi.
Senti le sue mani sulla camicetta, sta slacciando i bottoni, finalmente. Lentamente uno ad uno. La camicetta e completamente slacciata ma non è possibile levarla perchè i polsi sono fissati sopra la testa. Ti sembra di avvertire il suo sguardo sul tuo seno, senti le mani insinuarsi sotto al reggiseno. I seni ora sono liberi, ed il reggiseno sul pavimento. Vorresti che lo stesso trattamento fosse riservato alla gonna ed alle mutandine.
Ma invece senti dolore ad un capezzolo, qualcosa lo sta stringendo forte. Quasi subito anche il secondo capezzolo è stretto da qualcosa. Emetti un mugolio di sorpresa e di fastidio. Cerchi di capire cosa possa essere, poi senti i capezzoli salire verso l’alto, vengono tirati insieme, forse sono dei piccoli morsetti collegati fra di loro con una catenella. La mano di lui regge la catenella e ci gioca tirandola verso di sè oppure verso l’alto. E’ doloroso ed inizi a lacrimare. Quando smette la catenella sembra fissata a qualcosa che sta in alto perchè i capezzoli sono tirati verso l’alto.
Lo senti davanti a te, pensi che ti stia osservando ma non puoi capire cosa stia pensando. Inaspettatamente ti leva la benda. Impieghi alcuni secondi per abituarti alla luce e per mettere a fuoco ma lo riconosci subito è Lui, Maximiliano Fuentes.
Non dice una parola, lo vedi fare un cenno a qualcuno che probabilmente è alle tue spalle, quando entra nel tuo campo visivo ti accorgi che è la ragazza che ti ha ricevuto all’ingresso. Spinge uno specchio alto e stretto, fissato su un carrello. Lo posiziona davanti a te.
Ti vedi nello specchio, il volto provato dalla tortura dei capezzoli, la camicetta aperta ed i seni allungati verso l’alto dalla catenella fissata ai capezzoli, legata con le braccia sopra la testa. E loro che ti guardano sorridendo.
-Abbiamo appena iniziato-
E’ la prima volta che lo senti parlare.

Max.
stemmy75@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 2 4 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.