NRIT-02

Scritto da , il 2020-03-31, genere dominazione

Dalla prima volta che ti vidi decisi subito che ti avrei avuta, nel modo in cui adesso Ti ho qui davanti a me. Legata, umiliata, vulnerabile e preoccupata per quello che potrà accadere. Perchè come ti ho detto prima: questo è solo l’inizio.
Sei molto eccitante, la gonna corta che copre le tue parti intime ancora da scoprire, il seno esposto e tirato verso l’alto, la camicetta bianca slacciata ed i lunghi capelli neri che ti scendono sulla schiena quasi fossi ancora una verginella.
Ma io so che non è così, so molto della tua vita, il mio lavoro e la passione per l’informatica mi permettono di esplorare la vita privata, quella che nessuno vuole si sappia e che tutti cercano di tenere nascosta nel profondo inaccessibile del proprio “IO”. Tutti abbiamo qualcosa nascosto, ma io so come e quando cercarlo. Alla sera quando ti rilassi, accendi il notebook ed inizi a navigare è li che il mio monitoraggio raccoglie informazioni di te, ed è così che ho elaborato il piano per averti qui adesso nel mio Dungeon dove prenderò possesso del tuo corpo e di Te !
Provata per il dolore che i morsetti provocano ai capezzoli, mi implori:
-Toglimi i morsetti, mi fanno male-
Sorrido, e tiro ancora un po la catena che li vincola ad un anello nel soffitto, con il risultato che vengono sollecitati ancora di più.
-Così va bene ?-
-Sei uno stronzooooo- E’ quello che riesci a pronunciare. Qualche lacrima scende dai tuoi occhi scuri e profondi che mi guardano in segno di sfida.
Ho deciso di umiliarti, so che sei etero quindi voglio farti baciare dalla mia amica Marika.
Con un cenno della mano chiamo Marika vicino a me.
Nel tuo campo visivo entra la giovane ragazza.
-Si chiama Marika, è una mia schiava, vive qui con me e per me-
Disgustata riesci a dire:
-Mi fate schifo, siete dei depravati-
Non mi scompongo e continuo nella presentazione:
-E una ragazza a cui piacciono le donne-
Poi sorridendo aggiungo:
-Mi ha confidato che tu le piaci molto e che vorrebbe infilarti la lingua in bocca-
Ti vedo sgranare gli occhi, hai perso quell’aria di sfida che avevi qualche secondo prima
-Marika, hai il permesso di baciare Soave-
La ragazza si avvicina ma tu subito cerchi di allontanarti quel tanto che la tua posizione ti consente, ma poi Marika ti è addosso prendendoti il viso con entrambe le mani.
Senti la sua lingua sulle labbra, cerca di entrare, ma tu resisti ai suoi assalti.
-Così non va bene, Soave-
Per vincere la tua resistenza non resta che tirare un po la catenella. Ti sento gridare.
Hai capito la lezione così apri la bocca e ricevi la lingua di Marika che finalmente ha la possibilità di baciarti.
Mentre vieni baciata dalla mia schiava ti prendo un po in giro:
-Chissà cosa sarebbe disposta a fare Marika se le permettessi di mangiarti la fighetta, li in mezzo alle tue parti intime- Concludo la frase ridendo.
Lascio continuare Marika per almeno cinque minuti nei quali penso alle tue visite notturne ai siti BDSM, attratta dai video di sottomissione, dove alcune schiave professavano ubbidienza eterna ai loro padroni. Video con donne legate, bendate, umiliate e torturate.
Sorrido, sei nel posto giusto.
Marika bacia come una furia, per lei sei un bel bocconcino, ma sa che non può andare oltre al bacio senza il mio permesso per cui tiene a freno la voglia di esplorare la tua fichetta. Senti la sua lingua leccare ogni millimetro della tua bocca, la lasci fare, non puoi opporti.
Finalmente mi senti richiamare Marika.
-Basta così, prendi le fruste-
Non credi alle tue orecchie, subito esclami:
-No Ti prego, non farmi del male, non lasciarmi segni sul corpo-
Marika torna con due fruste, fruste BDSM molto leggere che non lasciano segni sul corpo.
La ragazza si porta alle tue spalle e raccoglie la camicetta sulla tua schiena, liberando completamente la tua pancia ma soprattutto il tuo seno.
Faccio una finta e ti vedo indietreggiare fino al limite delle corde. Faccio un cenno a Marika che ti riporta in posizione e poi si mette alle tue spalle impedendoti di indietreggiare.
Il primo colpo lo assesto sulla pancia.
Ricevi il colpo e senti bruciare la pelle, emetti un grido strozzato.
Il secondo colpo è più doloroso del primo e ti raggiunge sui seni, sollecitando ancora di più i capezzoli già molto provati.
Continuo a colpirti con la frusta, anche sulle gambe, ma prediligo il seno.
Vedo le smorfie di dolore sul tuo viso, contratto, capisco che non vuoi farti vedere in difficoltà.
Ricevi i colpi uno dopo l’altro, i seni sono già arrossati e doloranti. Il tuo corpo colpito dalle frustate scuote le catene che ti tengono legata provocando un cigolio continuo.
Smetto di frustarti, mi avvicino. Sei molto provata e sudata. Il viso è arrossato ed il trucco si sta sciogliendo. Voglio baciarti, ti metto una mano sotto la nuca avvicino la bocca ed inizio a baciarti. Non resisti anzi ti sento ricambiare, segno che gradisci.
Durante il bacio senti le dita della mia mano sfiorarti la coscia, hai una voglia pazzesca di godere, ma non sai se e quando verrà il momento. Sai di essere bagnata, di avere le mutandine da buttare e prima o poi Lui lo verrà a sapere. Daresti qualsiasi cosa per non fargli sapere quanto sei eccitata ma non hai nessuna possibilità di fuggire.
Senti la presa sui capezzoli allentarsi e poi scomparire. Le dita di Marika armeggiano sui morsetti ed uno dopo l’altro vengono tolti. Finalmente il seno è libero e ritorna nella sua posizione naturale. Ora Max è seduto davanti a te, si è procurato una sedia.
Lo guardi, chiedendoti cosa stia pensando e cosa avrà mai in serbo adesso. Ti piacerebbe essere slegata e poter sgranchire le braccia.
Intanto assisti ad una scena curiosa, Marika si è inginocchiata al suo fianco.
Da seduto mi godo la scena davanti a me. L’impiegatuccia tanto precisina e piena di se, a cui tutte le impiegate le chiedono consigli come se fosse la tenutaria del sapere, come se lei fosse fondamentale per l’azienda è qui legata davanti a me, seminuda, frustata ed umiliata.
Voglio spaventarla:
-Chissà se gli altri impiegati potessero vederti adesso-
-No, questi non erano i patti-
Rido. Mi alzo e la raggiungo. Marika al mio fianco.
-Levale la gonna-
Un bottone, la cintura e la gonna cade a terra.
Ti senti imbarazzatissima, sai di essere talmente bagnata che la tua eccitazione sarà evidente ad entrambi. Chiudi gli occhi, vorresti diventare invisibile per non dover assistere alla loro reazione. E’ la prima volta, in vita tua che ti sei eccitata in quel modo senza toccarti.
Max resta in silenzio ma si avvicina, senti i suoi passi, così riapri gli occhi.
Come è bello, indossa dei pantaloni di pelle neri mentre sopra è a petto nudo.
Vorresti sentire le sue grosse mani fra le tue parti intime, farsi largo nella tua fichetta alla ricerca del clitore.
Ormai pensi che il tuo sguardo tradisca le tue vere emozioni, vorresti essere posseduta da Lui, lo desideri con tutte le tue forze, ma vorresti essere sola con Lui senza Marika intorno, li a guardare mentre godi e raggiungi l’orgasmo.
Ma torni presto alla realtà, che non è fatta di orgasmi ma di pene ed umiliazioni da sopportare.
Conosco molto bene le forme di Soave, ha delle belle gambe un bel fondo schiena che però non avevo mai visto dal vivo, così decido di fare un giro intorno al corpo della donna esaminando le gambe ed il lato B. Naturalmente vedo in mezzo alle gambe il risultato della sua eccitazione, fingo indifferenza, ma la cosa mi fa molto piacere.
Mi fermo alle sue spalle.
Cerchi di girare la testa per vedere Max, si è fermato alle tue spalle, lo senti vicinissimo e percepisci ancora il suo profumo.
Dei brividi ti corrono su tutto il corpo quando senti le sue dita salire e scendere sulle tue cosce. Cerchi di spostarti per far cascare le sue dita sulla tua fichetta, ma Lui continua a farle scorrere sulle cosce, poi sale sulla schiena ma sempre usando le dita, mai con l’intera mano. Solo sulla pancia senti tutta la sua enorme mano appoggiarsi per spingerti contro il suo sesso che non nasconde la sua eccitazione, ti sembra di sentire un grosso bastone che spinge contro la tua schiena.
Credevi di aver già raggiunto il massimo dell’eccitazione, ma ora sei in un altro mondo. Anche se le tue parti intime non sono state nemmeno sfiorate, stai ansimando, al diavolo Marika che guarda chi se ne frega. Mai in vita tua avevi provato una cosa simile.
Senti il mignolo della mano appoggiata contro la pancia scendere ed insinuarsi sotto le mutandine. Piano piano raggiunge il monte di Venere, tutta la mano inizia a scendere verso la tua fichetta. Il mignolo prosegue la discesa e finalmente raggiunge il clito, completamente inondato dai tuoi umori.
La sua bocca sul tuo collo spinto all’indietro dagli spasmi pre orgasmo che iniziano a scuotere il tuo corpo. Gemi senza ritegno e senza vergogna, stai godendo come mai è successo in vita tua.
Ora tutta la sua mano è fra le tue cosce, è talmente enorme che copre tutta la tua fichetta. Senti due enormi dita farsi largo fra le grandi labbra e raggiungere il clitoride, non riesci a trattenerti ed esplodi in un orgasmo senza precedenti. Max ti trattiene a forza, ti lascia sfogare ma non molla la presa nelle tue parti intime, anzi, appena il tuo corpo smaltisce lo spasmo dell’orgasmo, ti penetra con un dito. Entra senza problemi, sei un lago, lo fa scorrere dentro fuori velocemente. Immediatamente senti entrare anche un secondo dito che insieme al primo ti penetra velocemente. Cerchi di stringere le gambe perchè l’azione di Max inizia a farti male.
Sei impotente, Max è troppo forte per cercare di resistergli, ma la situazione peggiora quando Lui con l’altra mano raggiunge il seno ed inizia a stringere un capezzolo, aggiungendo al dolore provocato dalla feroce penetrazione con le dita il dolore al capezzolo strizzato.
Vedi Marika spingere lo stesso specchio di prima, posizionandolo ancora davanti a te.
Quello che vedi è una donna legata per le braccia a dei ganci pendenti dal soffitto, penetrata brutalmente con due dita nella figa, che cerca senza riuscirci di sottrarsi a quel rude trattamento. La donna sta urlando per il dolore provocato dalle dita dell’uomo che le stanno strizzando un capezzolo.
Marika ha in mano uno strano oggetto, sembra una palla con un laccetto. Ora lo vedi bene, lo conosci perchè qualche volta navighi nei siti di oggettistica sessuale. E’ una “gag ball” e serve per ammutolire la schiava che non riesce a trattenere le urla.
Rapidamente riesce a sistemarti la gag ball in bocca, così le tue urla diventano dei mugolii.
Come hai potuto degradarti così, con questi due che stanno facendo scempio del tuo corpo. Capisci che ormai niente sarà più come prima, ti abbandoni e smetti di opporre resistenza e quello che prima sembrava insopportabile sta lentamente cambiando…

Max
stemmy75@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 0 8 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.