Due vecchi calzini - seconda parte

Scritto da , il 2017-04-13, genere dominazione

Grazie a nostri “agganci” non fu difficile scoprire tutto su di lei.
Non si chiamava Giada. Il suo vero nome era Claudia, aveva 24 anni e lavorava come commessa in un negozio di moda in un centro commerciale in periferia.
Carla scoprì anche che aveva una relazione stabile con un ragazzo della sua età, non faceva uso di stupefacenti e non aveva nessun precedente penale, la classica brava ragazza.
Non molto in linea con quanto avevamo conosciuto noi di Claudia. Con noi fu molto “approfittatrice” tanto che decidemmo di ricattarla e di usarla per le nostre “voglie” sessuali.
Presto avremmo messo in atto il nostro ricatto per umiliarla e riparare al “torto” subito, quando si negò alla nostra richiesta di essere soddisfatte dopo che tanto avevamo fatto per farla godere e raggiungere l’orgasmo per ben tre volte!
Così, qualche giorno dopo, mi recai nel centro commerciale dove lavorava.
Mi fermai fuori dal negozio, cercando di identificarla dalla vetrina.
Ero molto eccitata, al pensiero di quello che io e Carla avevamo in serbo per la ragazza. Finalmente la vidi, stava servendo una Cliente alla quale stava cercando di vendere dei pantaloni. Attesi che finisse e feci il mio ingresso nel negozio….
La vidi sbiancare, quando mi riconobbe ebbe un sussulto ma subito si riprese fingendo indifferenza. Le sorrisi e feci l’indifferente a mia volta. Mi avvicinai.
-Ciao Claudia come và ?-
Gelo totale, ora sembrava avere paura.
-Ci siamo lasciate molto frettolosamente l’altra sera-
Mi fulminò e con l’arroganza che conoscevo mi disse, sottovoce.
-Non abbiamo niente da dirci, e poi qui ho una “reputazione” vai via e lasciami in pace-
Finsi di essere interessata ad un maglione, prendendolo in mano.
-Eh, no cara. Tu ci devi qualche orgasmo- Poi, volli essere molto diretta:
-Se non vuoi che il tuo “mondo” venga a sapere della tua notte lesbo, dobbiamo incontrarci ancora e finire quello che abbiamo iniziato-
-Ma non ci penso proprio, lo ripeto vattene e non farti più vedere-
Risi, fingendo di essere interessata poi le dissi:
-Guarda la tua email, quella che usi anche sul tuo cellulare, ti ho recapitato pochi secondi di un video registrato la scorsa notte quando eri a casa nostra. Nella mail sono anche contenute le istruzioni su cosa devi fare perchè il video non venga recapitato ai tuoi contatti-
Era pietrificata, ma i suoi occhi lasciavano intravvedere una furia che a stento riusciva a trattenere.
Mentre lasciavo il negozio, sorridevo al pensiero di come avevo dato scacco matto a quella presuntuosa puttanella, che si era presa gioco di me e Carla.
Nella mail recapitata a Claudia c’era il link ad uno dei nostri server, dove era memorizzato il frammento di pochi secondi del video nel quale si vedeva Carla intenta a leccare la fighetta di Claudia. Inoltre poche e concise istruzioni ordinavano alla ragazza di presentarsi a casa nostra la sera successiva per proseguire quanto interrotto pochi giorni prima.
Mi voltai e vidi Claudia che mi fissava, le feci l’occhiolino, e me ne andai.
Io e Carla avevamo deciso di prenderci una rivincita nei confronti di Claudia che ci aveva liquidato senza darci soddisfazione. Era nostra intenzione umiliarla con uno dei giochini BDSM nel nostro dungeon, allestito nel nostro appartamento.
Con dieci minuti di ritardo, il giorno deciso per l’incontro, Claudia suonò al nostro campanello. La feci salire e quando le porte dell’ascensore si aprirono io e Carla eravamo al centro della sala.
-Molto bene Claudia, stavo per inviare ai tuoi contatti il video integrale dei tuoi orgasmi, ma alla fine sei arrivata-
Entrò nel locale senza dire una parola, indossava lo stesso cappotto della sera del nostro incontro. Che dire, era molto bella, ed io non vedevo l’ora di sottometterla.
Carla le andò incontro e le tolse il cappotto.
-Cosa volete da me ?-
-Quello che hai fatto l’altra sera non è stato molto corretto- Le dissi senza giri di parole.
-Hai goduto e poi ci hai lasciate senza ricambiare, questo per noi è un affronto molto grave che non possiamo accettare da una nullità come te.
Carla tornò dopo aver sistemato il cappotto ed aggiunse:
-Oggi avremmo soddisfazione, sottomettendoti alle nostre voglie. Non essere spaventata perchè non ti faremo del male, solo ti faremo provare quello che tu hai fatto provare a noi-
-Ma voi siete due sceme depravate, ma cosa cazzo credete di essere-
La ragazza si era fatta forza ed ora sembrava sul punto di affrontarci, meglio sarebbe stato più bello.
-Non vorrei ricordarti ogni minuto che abbiamo un video in nostro possesso che potrà distruggere la tua reputazione di brava ragazza, quindi non fare troppo la spavalda e seguici nell’altra stanza-
Carla fu molto determinata ed io mi misi a ridere in faccia alla ragazza per il tono che aveva dato alle sue parole, mi voltai e le schiacciai l’occhio in segno di assesso.
Anche se ci mostravamo delle “dure”, in realtà, alle nostre minacce non avremmo mai dato seguito con la diffusione del video. Il nostro intento era solo quello di divertirci con Claudia.
-Faccio strada- Indicai a Claudia di seguirmi.
Quando entrammo nel Dungeon Claudia rimase molto colpita ed io non persi tempo per spaventarla:
-Eh si, è qui che ti scoperemo di brutto-
Il nostro Dungeon era attrezzato con piani, panche, una gogna, tre costrittivi, ganci alle pareti, falli di tutti i tipi, fruste e tanti altri giochini.
-Ora mi siederò e lascerò che sia Carla a prendersi cura di te, io mi godrò la scena-
-Non penserete mica che mi faccia legare ad una di quelle strutture, al massimo vi lecco la figa e poi ci salutiamo- Con quelle parole Claudia pensava di cavarsela velocemente.
Carla non perse tempo e fisso le polsiere e le cavigliere alla ragazza. Claudia su molto remissiva e non oppose resistenza, chissà forse era anche eccitata dalla prospettiva di essere dominata. Era vestita con lo stesso abito della volta precedente così decidemmo di non spogliarla, per quello c’era tempo.
Carla prese il primo braccio di Claudia e lo sollevò sopra la testa della ragazza, fissandolo alla struttura di metallo. Fece la stessa cosa con l’altro braccio. Ora Claudia era bloccata con le braccia sopra la testa e ci guardava entrambe in segno di sfida.
-E adesso, mi farete il solletico ?-
-Ma brava fai la spiritosa- Replicai alla sua battuta, la ragazza si stava calando, soprendentemente, nella parte.
Presi il telecomando ed azionai un meccanismo che sollevò la struttura alla quale era legata la ragazza, obbligandola a stare in punta di piedi.
-Cosa dicevi, cara. Che non ti saresti mai fatta legare…?-
La ragazza mi mostrò la lingua ripetendo quello che avevo appena detto, come per prendersi gioco di me.
Iniziavo ad eccitarmi, ma era venuto il momento di lasciare la stanza per cambiarci. Avremmo lasciato Claudia sola nel Dungeon, a meditare…
-Ci vediamo tra poco, io e Carla andiamo a farci belle, per te-
-Ah… dimenticavo, se ti prude la passera e ti vorresti grattare, facci un fischio-
La ragazza iniziò ad agitarsi - Non mi lascerete mica in questo cesso, da sola-
Lasciammo la stanza ridendo.
Mentre ci cambiavamo, osservavamo la ragazza da un monitor. Si stava guardando intorno cercando di capire cosa fossero certi attrezzi e per rendere l’atmosfera ancora più inquietante, nelle casse stavamo diffondendo l’audio preso da un film BDSM dove una Mistress stava frustando la propria slave.
La sentii dire:
-Non crederete mica di impressionarmi con questi trucchetti, siete patetiche-
Eravamo pronte, ma decidemmo di guardare Claudia ancora per un po. Le immagini che le telecamere inviavamo ai nostri monitor mostravano una bella ragazza, con i capelli biondi, alta circa 1 metro e sessantacinque con una terza di seno, che non sembrava assolutamente spaventata o timorosa per quello che le avremmo fatto. Rientrammo nella sala, giusto per ricevere qualche insulto da Claudia che in tono di sfida ci stava apostrofando con colorite parolacce.
Carla le disse che si sarebbe pentita di averci insultato in quel modo e che l’avremmo costretta a chiedere scusa.
-Io, mi vado a sedere, Carla inizia tu a raddrizzare questa riluttante puttanella-
Dalla mia poltrona vidi Carla avvicinarsi alla ragazza.
-Come và tutto bene ?- In tono ironico Carla si rivolse alla ragazza mentre era in punta di piedi e con i polsi legati ai ganci della struttura di costrizione.
Le mani della mia amica erano già in cerca dei seni di Claudia , ancora contenuti nel reggiseno sotto al vestito.
-Tiriamo fuori queste tette, Claudia. Voglio stritolarti i capezzoli-
-Tieni giù le mani, brutta troia. Stritola i capezzoli di quella vacca, là seduta- Rivolta a me.
Velocemente Carla infilò le mani nella scollatura del vestito e senza nessuna cautela prese i seni della ragazza e li sfilò dal reggiseno facendoli spuntare dal vestito.
Claudia fù colta di sorpresa, non si aspettava una manovra così repentina. Ma non fece in tempo a lamentarsi che la mia amica aveva già acchiappato i capezzoli e stava tirando verso l’alto.
La ragazza chiuse gli occhi e cercò di non lasciarsi sfuggire alcun lamento, ma Carla era decisa a farla urlare così tirò ancora più forte fino a quando Claudia iniziò a mugugnare.
Seduta in poltrona mi godetti la prima delle nostre rivincite ridendo a scuarcia gola.
-Siamo ancora patetiche ?-
Questa volta la domanda di Carla non ebbe risposta.
La mia amica prese Claudia per i capelli e tirò indietro la testa della ragazza e mentre con l’altra mano continuava a tormentare il capezzolo della biondina, ripetè la domanda:
-Siamo ancora patetiche-
-Siiii- Fù la sorprendente risposta.
-Va bene, proseguiamo-
Carla allentò la presa al capezzolo.
-Questo è solo un piccolo assaggio-
Mi alzai e presi dei morsetti per capezzoli e li portai a Carla, ma prima mi fermai davanti a Claudia e li mostrai a lei.
-Sai a cosa servono-
Li misi davanti alla sua faccia, sventolandoli.
-Si, te li metti nel culo-
-Ma bene, vediamo se sarai dello stesso parere dopo che Carla li avrà fissati ai tuoi capezzoli- Mimai un bacio, consegnai i morsetti a Carla e tornai a sedermi.
La mia Amica azionò i morsetti davanti al viso di Claudia mostrandole come fossero belli duri. Inoltre i beccucci non erano piatti ma dentellati.
Sadicamente Carla, li applicò sulle braccia della ragazza, tanto per dimostrarle quanto fastidiosi fossero.
Claudia sembrò accusare il colpo, la sua espressione non era più spavalda e sicura ma preoccupata. Si lasciò sfuggire un gemito di sofferenza.
-Ora li attacco ai tuoi capezzoli-
La ragazza sgranò gli occhi, li aveva appena provati sulla pelle delle braccia, ma sui capezzoli sarebbero stati molto più dolorosi.
-Vedi non servono per il culo ! Ma per i capezzoli- Ridendo Carla, prese fra le dita il primo capezzolo di Claudia e vi applicò il morsetto.
La ragazza era già in punta di piedi, ma appena il becco del morsetto fece presa, Claudia diede uno scossone alle corde che le tenevano legate le braccia.
Senza perder tempo, Carla applicò il secondo morsetto. La ragazza rimase come pietrificata, cercava di non darci soddisfazione sforzandosi di rimanere impassibile, ma l’espressione del viso la stava tradendo.
Mi alzai mettendomi davanti alla ragazza, le risi in faccia.
-E adesso, siamo ancora patetiche- Non mi stava guardando, il suo sguardo era rivolto verso il basso.
Presi i morsetti in mano e li tirai leggermente, Claudia si mise a mugugnare.
-Carla, mettiamo un po di peso-
Ma la mia amica mi aveva letto nel pensiero e si materializzò vicino a me con in mano delle catenelle che agganciò ai morsetti, le fece passare in un gancio sul soffitto in modo che ricadessero circa ad un metro da terra.
-Pensi che un kilo, possa bastare ?- Mi disse Carla
-Iniziamo con poco-
Carla applicò un peso da un kilo su ciascuna catenella che immediatamente misero in tensione i capezzoli azzannati dai morsetti. I seni si allungarono verso l’alto a causa dei pesi applicati ai capezzoli.
Mi spostai dietro a Claudia ed iniziai a palparle le cosce, avevo voglia di infilare le dita nella sua fighetta ma c’era ancora molto tempo e potevo cucinarla ancora per bene.
Le sussurai all’orecchio - Bruciano i capezzoli, vero ?-
Non mi rispose, era troppo orgogliosa per ammettere che la stavamo dominando.
La sua pelle era molto liscia, le mie mani era risalite fino alle sue parti intime. Ero curiosa di sapere se si stesse bagnando, ed infatti la sua fighetta era bagnatissima.
-Allora ti sta piacendo, sei una troia che vuole solo farsi possedere. La tua fighetta non mente, è bagnatissima-
Mentre con una mano insistevo nelle sue parti intime, con l’altra presi in mano un seno ed inizia a stringerlo. La sentii sussultare.
Carla si mise davanti ed infilò entrambe le mani sotto la gonna di Claudia unendosi alla mia esplorazione.
La ragazza iniziò a gemere cercando di assecondare i nostri movimenti. Cercaì il suo clitoride, stava esplodendo. La troietta stava iniziando a godere, ma non era quello il momento.
-Carla, questa troietta sta iniziando a godere, come si permette senza il nostro permesso-
Ci staccammo entrambe.
Carla le infilò le mani grondanti dei suoi umori in bocca e se le fece leccare.
Mi affiancai alla mia amica per osservare bene Claudia.
Poco fà il suo sguardo era di sfida, ma ora sembrava implorarci di continuare. Avevamo ottenuto il primo successo.
-Adesso capisci come ci si sente quando viene negato un orgasmo ?-
Slacciai la lampo del vestito, le liberai un polso e le feci scendere il vestito. Fissai nuovamente il polso e ripetei l’operazione con l’altro braccio.
Carla le slacciò il reggiseno che ormai era sotto al seno lasciandola solo con gli slip, bagnatissimi.
Entrambe prendemmo delle fruste leggere ed iniziammo a frustare Claudia, sulla schiena, sui seni, sulla fighetta e sulle cosce. Non erano colpi dolorosi o che lasciassero il segno, ma si facevano sentire tanto che la ragazza mugugnava ad ogni colpo.
Sadicamente Carla tirava verso il basso i pesi collegati ai morsetti fissati ai capezzoli provocando strilli da parte di Claudia.
-Non ci insulti più ?- le disse Carla mentre le assestava una frustata sulla fighetta.
Claudia non disse niente, ci guardava rassegnata consapevole del potere che avevamo su di lei.
Mi avvicinai e le infilai il manico della frusta in bocca.
-Non farlo cadere o te ne pentirai-
Con le mani libere mi portai al suo fianco, era bellissima, avevo voglia di palparla. Mi appoggiai al suo fianco, una mano la infilai nelle mutandine davanti e l’altra dietro penetrandole la figa con le dita di entrambe le mani. Spinsi le dita più che potevo, riuscendo quasi a sollevarla. Tolsi le dita della mano destra ma continuai a penetrarla furiosamente con le dita della mano sinistra.
L’azione che le stavo portando alla fighetta la faceva oscillare fino a quando non perse la frusta che stava reggendo con la bocca.
La mia amica intervenne subito strappandole gli slip, lasciandola completamente nuda. Tolsi le dita dalla figa infilandole subito nella sua bocca.
-Leccale troia, puliscile bene-
-Marika, lo sai che mi sto divertendo a consumare la nostra vendetta ?-
Carla lo disse ridendo, mentre tirava verso il basso i pesi collegati ai capezzoli di Claudia, facendola strillare.
Ci stavamo dedicando con passione alla nostra vendetta senza renderci conto del tempo che passava. Era da circa un ora che Claudia era legata, con i capezzoli in tensione, la figa continuamente tormentata dalle pentrazioni delle nostre dita e la pelle battuta dalle nostre fruste. Ci davamo incessantemente il cambio, se io la umiliavo penetrandola Carla la frustava e poi ci scambiavamo i ruoli.
Ora eravamo noi a sbeffeggiare Claudia, ad umiliarla, ad abusare delle sue parti intime, ma era giunto il momento di farci rendere dalla ragazza quello che le avevamo dato in abbondanza durante il nostro primo incontro.
Slacciammo i morsetti e sganciammo i polsi.
Presi Claudia per i capelli e la trascinai verso un piano, la feci salire e sdraiare sulla schiena. Carla le assicurò le gambe, legando le caviglie ai ganci posti ai bordi del piano. In questo modo Claudia aveva le gambe aperte e molto divaricate, con la fighetta bene esposta.
Io invece pensai ad assicurare le braccia ai ganci posti a metà del tavolo.
Mi tolsi gli slip, salii sul piano e mi portai sopra la bocca della ragazza.
-Leccami e fammi venire, non mi levo da qui fino a quando non raggiungerò l’orgasmo-
Appoggiata sulle ginocchia misi la figa il più vicino possibile alla bocca della ragazza. Claudia iniziò a leccarmi, ma non lo faceva con il giusto impegno, così le diedi una strizzatina al capezzolo.
-Devi leccarmi con impegno, devi farmi venire, altrimenti ti rimetto i morsetti-
Claudia finalmente si diede da fare, la sua lingua iniziò a leccare il clitoride provocandomi piacere.
La mia amica intanto iniziò a sgrillettare la ragazza, senza farle provare piacere ma solo per imporre il nostro dominio su di lei.
Le leccate di Claudia iniziavano a farmi godere come si deve, tanto che dovetti appoggiarmi con le mani per non cadere. Sentii l’orgasmo montare improvviso, e durante i momenti più intensi calai la figa sulla faccia della ragazza che non potè evitare il mio impetuoso orgasmo.
Attesi che il mio corpo si placasse e sentii Carla reclamare il suo turno.
-Adesso tocca a me !-
-Basta, non ne posso più- Era da un po che non sentivamo Claudia.
Ridemmo e ci scambiammo un cinque.
Carla si sistemò al mio posto ed intimò alla ragazza di fare godere anche lei.
-Non è ancora finita, ma se farai la brava ci sarà qualcosa anche per tè-
Mentre Carla iniziava a godere io mi sistemai sul fianco del tavolo ed inizia a penetrare La ragazza con il dito medio mentre con il pollice le sgrillettavo il clitoride.
Era bagnatissima e ad ogni colpetto che le davo la sentivo gemere, per eccitarla di più iniziai anche a leccarle i capezzoli.
La mia amica, non impiegò molto a raggiungere l’orgasmo e quando lo stava per raggiungere anche Claudia mi fermai.
-Nooooo ti prego non fermarti- Lo disse quasi implorandomi.
-Sei una troia, devi imparare che ormai potrai godere solo per far piacere a noi e solo se noi ti diamo il permesso-
Carla scese dal tavolo.
La ragazza era immobilizzata sul tavolo, eccitatissima e speranzosa di ricevere da noi un orgasmo.
-Credo che tutto sommato ti sia piaciuto lasciarti dominare da due vecchi calzini come noi, dai ammettilo-
Claudia non disse niente, era orgogliosa e non voleva darci soddisfazione.
Intuii comunque che con lei avremmo avuto modo di proseguire i nostri incontri e giochini con reciproca soddisfazione, ma ormai eravamo appagate e potevamo interrompere.
Slegammo la ragazza e tutte e tre lasciammo il Dungeon.
Le indicai un bagno dove poteva farsi una doccia. Quando uscì dal bagno le andammo incontro.
-Cara Claudia, dobbiamo salutarci ma crediamo che la cosa non finisca qui. Ti cercheremo noi-
Prima che la ragazza salisse sull’ascensore Carla le disse:
-La minaccia di sputtanarti nel giro delle tue conoscenze era solo un trucco per poterti sottomettere e vedere come reagivi, non avremmo mai dato seguito alle nostre minaccie-
Claudia si voltò
-Lo so!-
Ci schiacciò l’occchio, salì sull’ascensore e premette il bottone con il numero zero.

stemmy75@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 7 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.